Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

LOCKE 1632 1704

Filosofia che ha successo in patria UK come fuori: FRA (prepara terreno per illuministi) USA(da’

garanzie teoriche alle esperienze costituzionali di nuova generazione).

L. è di norma contrapposto a Hobbes, ma in realtà da esso trae:

- la critica al corporativismo

- la rivalutazione dell’individuo come riferimento teoretico e pratico della Politica

- la definizione della struttura e della finalità del Governo a partire dall’analisi dello Stato di Natura,

anche se per L. esso è importante per leggere la libertà della coesistenza umana senza i

condizionamenti dati dai pregiudizi

STATO DI NATURA E RAGIONE NATURALE

L. si differenzia da Hobbes proprio perché usa lo stato di Natura per smentire l’assolutismo.

Per L. l’uomo non è un animale da combattimento e non deve assalire per primo per non subire,

l’egoismo non è un fattore costitutivo dell’esperienza umana e per liberarsi dalla paura reciproca

non va accettata la sottomissione ad un potere esterno che può diventare arbitrario.

Lo Stato di Natura per L. è dunque diverso dalla Stato di Guerra, al punto che la Coesistenzialità è

per L. il carattere fondamentale dell’esperienza umana, perché il bisogno di socialità è un bisogno

naturale e l’uomo è capace di esprimere sentimenti di equità e solidarietà.

Nello Stato di Natura quindi l’uomo è consapevole sia del proprio valore che dei propri limiti e

dunque è incline a collaborare con gli altri sia per dovere morale, sia per soddisfare bisogni.

Il Rispetto per gli altri è quindi una obbligazione permanente e la Legge di Natura è dunque misura

di Comune Equità. NB è la Ragione Naturale che permette di distinguere il giusto e lo sbagliato, ma

è una facoltà, non un’idea innata ( per L. nemmeno la conoscenza e la morale sono innate ).

LE IDEE E IL SAPERE

Ciò che conta nel sapere è L’Esperienza; da essa viene tutto il materiale per la conoscenza e la

morale. Ogni rappresentazione della coscienza proviene da Percezioni sia Interne (le riflessioni ),

sia Esterne (le sensazioni). Queste Percezioni diventano Idee grazie alle attività combinatrici della

Mente. Quindi, le idee hanno origine empirica (sensismo), poi si coordinano nell’intelligenza e si

applicano alla realtà in modo razionale. Esperienza e ragione non sono dunque antagoniste, ma

componenti solidali dello stesso processo conoscitivo.

LA RAGIONE è sforzo continuo di ricercare la verità sulla base di dati verificabili ( anche se non la

deduce tutta ) e ha la capacità e l’obbligo morale di coordinare al meglio delle loro possibilità le

azioni umane. Perciò le Opinioni umane non devono essere effetto del caso, ma prodotto di un

giudizio cosciente basato su una Ragione sempre pronta a correggersi sulla base delle nuove

acquisizioni dell’esperienza.

VITA, LIBERTA’, POTERE E PROPRIETA’

Poiché lo Stato di Natura non è conflitto permanente e la coesistenza è un dato reale sostenuto da

convenienze pratiche e propensioni spontanee, il Potere non è il principio causativo della Società,

bensì una Funzione.

Ecco perché la Società non va affidata ad una autorità assoluta e il Governo non deve trasformarsi

neanche il un Pater familias: il contratto che lo costituisce presuppone uomini liberi. Inoltre,

nessuno può diventare schiavo per volontà propria o del potere, perché la Legge di Natura dice che

gli uomini son creati da Dio per durare quanto a lui piaccia, non quanto piaccia alla sovranità.

LA VITA = patrimonio personale attribuito da Dio all’individuo. Lo Stato dunque la deve garantire,

senza pretendere né di inventarla, né di espropriarla ( è inalienabile ). Non è poi mera incolumità

fisica, perché l’uomo non è solo biologia, ma ha in sé il principio di libertà ( libero arbitrio ).

LA LIBERTA’= facoltà critica e creativa che, come l’idea di giustizia ( che la commisura ) non può

dipendere da decisioni autoritative dello Stato (che stabiliscono ciò che è lecito solo sulla base delle

esigenze del Potere ). Prima che nelle leggi, la Libertà è nell’esperienza comune.


ACQUISTATO

1 volte

PAGINE

3

PESO

18.15 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE APPUNTO

Appunti di Storia delle dottrine politiche del libro di Zanfarino con analisi dei seguenti argomenti: Locke, lo stato di natura, la ragione naturale, le idee, il sapere, la vita, la libertà, il potere, la proprietà, il valore del lavoro, la struttura del potere, la libertà religiosa.


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in storia
SSD:
Università: Milano - Unimi
A.A.: 2010-2011

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher melody_gio di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Storia delle dottrine politiche e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Milano - Unimi o del prof Del Corno Nicola Arturo.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Storia delle dottrine politiche

Riassunto esame Storia delle dottrine politiche prof. Del Corno, libro consigliato: Stato e potere nel anarchismo di Mirella Larizza Lolli
Appunto
Riassunto esame Storia delle dottrine politiche, prof. Del Corno, libro consigliato: Pagine anarchiche di Selva Varengo
Appunto
Riassunto esame Storia delle dottrine politiche, prof. Del Corno, libro consigliato: Le grandi opere del pensiero politico di J.J. Chevallier
Appunto
Riassunto esame Storia delle dottrine politiche, prof. Del Corno, libro consigliato: Critica della proprietà e dello stato di Pierre Joseph Proudhon
Appunto