Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

SOCIOLOGIA DEI PROCESSI CULTURALI

Prof.ssa Emanuela C. Del Re

Modulo 9 L’IDENTITA’ COLLETTIVA

È solo in anni assai recenti che il concetto di identità è stato applicato ad attori collettivi.

L'introduzione dell'espressione 'identità collettiva' si deve soprattutto agli studi sociologici,

antropologici e storici sull'etnicità e sui movimenti sociali. Come è stato sottolineato, il riemergere

di conflitti etnici in molte società occidentali, tra gli anni sessanta e settanta, insieme all'ingresso

sulla scena sociale di movimenti che hanno una base diversa dalla classe sociale (differenze

generazionali o sessuali) richiedeva nuovi approcci al problema dell'etnicità e dell'azione collettiva,

approcci che fossero in grado di spiegare la persistenza e l'intensità dei vincoli di appartenenza nel

cuore del mondo sviluppato. Il concetto di identità collettiva sembrava possedere questo valore

euristico.

L'utilità euristica dell'applicazione del concetto di identità ad attori collettivi (gruppi etnici,

movimenti sociali, ecc.), a meno di usarlo in maniera del tutto aspecifica, è proprio quella di

sottolineare che l'appartenenza (etnica, nazionale, ecc.) ha un aspetto soggettivo e uno oggettivo,

rimanda cioè sia a categorie sociali esterne sia all'auto-percezione come sostiene Epstein (1978), e

di concepirla quindi non in maniera statica, come dato o legame primordiale immodificabile, ma in

maniera dinamica, come processo di costruzione e di modificazione di confini.

La riflessione contemporanea sull'identità nelle scienze sociali, anche quando viene riferita alla

persona, tende d'altro canto a evitare concezioni sostanzialistiche e a cogliere analiticamente le sue

molteplici componenti. La distinzione tra identità individuale e identità collettiva non riguarda la

struttura analitica. La definizione di confini (dimensione locativa) è ritenuta una componente

fondamentale per caratterizzare l'identità collettiva dei gruppi etnici e delle nazioni. Mentre per

queste ultime i confini assumono un carattere territoriale e giuridico, per i primi possono anche

essere sociali in senso lato.

L'accento posto sui confini significa che le identità collettive si basano su processi di inclusione e di

esclusione, che distinguono 'noi' da 'loro'. Anche il senso di continuità e di permanenza nel tempo

(dimensione integrativa) rappresenta una caratteristica rilevante; essa fa riferimento alla costruzione

di una memoria storica, basata sull'elaborazione di miti e di simboli comuni, rivitalizzata attraverso

riti celebrativi e commemorativi. 1


PAGINE

3

PESO

18.66 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in Scienze dell'Educazione e della Formazione
SSD:
A.A.: 2012-2013

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher marilu1610 di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Sociologia dei processi culturali e comunicativi e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Niccolò Cusano - Unicusano o del prof Del Re Emanuela.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Sociologia dei processi culturali e comunicativi

Sociologia dei processi culturali - Introduzione
Appunto
Riassunto corso completo per preparazione esame
Appunto
Parsons, Talcott - Teoria del mutamento sociale
Appunto
Identità - Concetto
Appunto