Che materia stai cercando?

Grafica Editoriale, cosa c'è dietro il libro

Tutto quello che c'è da sapere sulle case editrici, da chi ne fa parte al processo per realizzare un libro. Appunti basati su appunti personali del publisher presi alle lezioni del prof. Lo Curzio, dell’università degli Studi Accademia di Belle Arti di Frosinone - ABA. Scarica il file in formato PDF!

Esame di Grafica editoriale docente Prof. M. Lo Curzio

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Nel libro ci sono i paratesi, divisi in peritesti (Dentro il volume) e epitesti (fuori dal voulume).

Le parti del libro sono:

- Prima di copertina (davanti), costa e quarta di copertina (dietro, alla fine del libro).

- Risguardi o guardia sono pagine incollate al piatto della copertina (bianchi o colorati).

- Due pagine di rispetto. La prima pagina dispari è l’antifrontespizio (con l’elenco di altre opere

collana) e poi c’è il frontespizio e retrofrontespizio (con isbn, copyright, proprietà letteraria ecc

colophon.

- Dopo abbiamo l’indice, la dedica dell’opera, l’epigrafe, la presentazione.

- Dopo il testo abbiamo la postfazione, nota conclusiva, ringraziamenti e bibliografia.

L’ufficio tecnico si impegna affinchè l’intero processo di produzione non abbia intoppi e i giusti materiali

arrivini nel giusto tempo con i minor costi.

In particolar el’ufficio tecnico si occupa del testo (ormai in file pdf) e della carta.

Le carte si differenziano per grammatua (grammi per metro quadrato) e per tipo: patinata lucida e opaca

per le illustrazioni, e carta uso mano per il testo.

Esistono carte per usi particolari.

Nella stampa dei libri vengono usati fogli di stampa che vengono poi piegati e rilegati nel formato

desiderato.

Un foglio ripiegato si chiama segnatura. Successivamente si passa alla legatura. Le diverse segnature posso

essere fissate per la cucitura o fresate o incollate al dorso.

Non si usa il punto metallico tipico delle riviste.

Per la copertina abbiamo il cartonato (copertina rigida di cartone con i risguardi), la brossura (copertina

morbida di cartoncino con le alette o senza).

La copertina è il modo in cui si presenta il libro, ogni suo dettaglio è importante: il lettering, marchio

dell’editore, sfondo.

La copertina è costituita, oltre al piatto, dalla quarta e dorso.

Alcune edizioni hanno anche la sovraccopertina (dust racket) o le alesse (bandelle, flaps). Vanno valutati

anche eventuali sbalzi, rilievi, serigrafie, lamine metalliche ecc.

I paratesti nella copertina sono:

- Sottotitolo (usati soprattutto usati nella saggistica)

- Lo strillo: deve incuriosire il lettore con un consiglio di lettura, sprazzi di recensioni

- Sinossi e bio dlel’autore nella bandella o nella quarta di copertina.

- Spesso può esserci na fascetta che avvolge il volume e da informazioni sulle copie vendute o i premi

vinti.

Alcuni libri all’interno hanno un segnalibro dove si fa pubblicità ad altre opere o collane.

Ogni testo che viene pubblicato è inserito in una collana, cioè libri con caratteristiche in comune.

Devono essere fatte delle scelte sul formato, in base al quale si sceglie la gabbia (per disporre titoli,

paragrafi ecc), si deve valutare l’ampiezza dei margini, l’allineamento del testo, la giustezza o larghezza

della riga, il carattere se graziato o bastoni, il corpo del carattere ecc.

Il redattore accompagnerà il testo fino alla pubblicazione e lo uniformerà alla collana. Prima di tutto deve

creare una gerarchia tra capitoli, sottotitoli ecc. Dopo uniformerà il esto vero e proprio (quale lettere in

maiuscolo e quali no), poi passerà alla revisione o editing, dove controllerà che il testo non abbia errori di

grammatica o nella storia.

Può essere affiancato da un revisore. Fino a qualche tempo fa i testi erano scritti a mano, quindi c’era un

fotocompositore che ricopiava a macchina.

Il correttore di bozze prima si occupava di assicurarsi che il tempo manoscritto fosse stato trascritto

correttamente, invece ora cerca l’errore nel file, magari dovuto a problemi del programma. Può farlo o

direttamente al pc o sui fogli stampati.

Dopo ciò il testo viene inviato alla tipografia che prepara le lastra e tira una prima cianografia, poi una

imposizione (per vedere se dopo la piegatura le pagine sono in ordine da recto e verso), dopo di ciò il testo

è pronto per la stampa (visto di stampa), ma si deva ancora decidere la tiratura e il prezzo.

In Italia la legge regola il prezzo fisso, come le medicine, e non si può fare uno sconto maggiore del 15% del

prezzo di copertina, per proteggere le piccole imprese delle multinazionali.

I titoli nelle librerie sono articolati, invece i supermercati scelgono solo quelli con buona commerciabilità. In

Italia c’è modo per aggirare la legge, cioè scontare a più del 15%, ma applicandolo all’intero catalogo.

Se un librario o giornalaio non vendono, possono ridarlo indietro ed essere rimborsati (rese).

Possono trovarsi dei super sconti nel caso il libro sia ormai fuori catalogo dell’editore, creando così il

secondo mercato del libro.

Viene deciso il numero delle tirature in base alle prenotazioni dei librai, le copie omaggio ecc. Al libraio può

essere data una tredicesima copia omaggio o altri tipi di sconto. La casa editrice tiene sempre aggiornati le

librerie, mostrando cedole mensili o bimestrali. Le cedole estive e natalizie sono quelle in cui il mercato è

più vivace.

La rete di vendita ha dei libri chiamati long seller, cioè che pur essendo best seller continuando ad essere

venduti.

Non basta avere un bel libro, deve essere pubblicizzato bene.

I giornali spesso vogliono l’esclusiva, essere i primi a recensire un libro. Possono inviare copier omaggio

firmate dall’autore o con contenuti speciali alle redazioni. Oltre alla recensioni l’editore può promuovere il

libro con prepubblicazioni, cioè pubblicando un estratto del libro, postpubblicazione magari inserendo un

capitolo speciale, intervista o servizio dell’autore.

Radio, tv ed Internet hanno un impatto ancora maggiore e più veloce.

L’ufficio stampa aiuta gli autori a vincere i numerosi premi letterari.

Il marketing è entrato in ritardo nell’industria editoriale.


PAGINE

6

PESO

141.60 KB

PUBBLICATO

8 mesi fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in Graphic Design
SSD:

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher valeriassume di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Grafica editoriale e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Accademia di Belle Arti di Frosinone - ABA o del prof Lo Curzio Marco.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Grafica editoriale

Appunti grafica editoriale 1
Appunto
Tesi, Studio, analisi e implementazione delle applicazioni cloud all'interno di un sito web
Tesi