Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Carte: sono il simbolo dell’ aderenza totale degli olandesi alla realtà: sono il simbolo della capacità degli

olandesi di leggere il mondo e viverlo = per questo motivo sono loro a introdurre il concetto di teatro

mundi, perché vivono il mondo e vivono la storia.

Quadro di Vermeer: Musa della storia è posizionata accanto alla carta geografica dell’Olanda, in una

coincidenza simbolica tra storia ed elemento geografico. Capacità di vivere la storia, il mondo, mondo come

CALVINISMO

teatro mundi, è frutto di una visione religiosa particolare, il , che fu di fatto religione di stato

e che si andò a inserire in quel contesto europeo. Propugnava un modus vivendi diverso rispetto al passato,

che fosse inattaccabile. Anche la stessa particolarità delle case olandesi che vedono le finestre senza tende

deriva dal calvinismo, per cui ogni uomo deve vivere degnamente la realtà ogni giorno, senza che vi sia

distinzione fra pubblico e privato anche all’interno delle proprie case gli olandesi devono dimostrare di

essere inattaccabili anche dal punto di vista etico. Non devono più trovare gli esempi di vita nelle carte

geografiche, ma tutto è ricondotto all’individuo e alla capacità di saper vivere, la quale è individuale. Non

c’è l’esempio medievale di un Paradiso Terrestre, viene meno l’idea utopistica di mondi immaginari, ma

ogni individuo deve essere esempio per se stesso.

DOPPIA PREDESTINAZIONE

Da qui si sviluppa l’idea della , cioè il calvinista è fermamente convinto di

essere predestinato al bene o al male e per fare ciò deve solo vedere segni della benevolenza divina,

seguendo principi etici cristiani ogni giorno, però può solo rendersene conto tramite i fatti che gli accadono

giornalmente. Ecco perché la ricerca della ricchezza, per il calvinista nasce come ricerca religiosa, perché se

l’uomo accumula ricchezza, vuol dire che è benvoluto da Dio ed è predestinato al bene forti implicazioni

nella nascita del capitalismo. gli strumenti musicali e le donne

Oltre le carte, nelle case olandesi troviamo altri due elementi:

Strumenti: erano considerati abbellimenti borghesi; le donne perché si vuole dare nuova centralità al ruolo

che esse rivestono nella nuova società borghese, e questo ruolo vuole essere messo in mostra..

Carte mostrate così di frequente perché sono davvero presenti nelle case, non più un elemento di potere

per pochi, tanto che vengono prodotto 160 mila carte in Olanda in quel periodo. Tutti le utilizzano perché

avevano tutti a che fare con la gestione delle carte o con il commercio o con i viaggi, diventa quindi un

mezzo di potere simbolico ma disponibile a tutti. Questo potere nasce dalla rappresentazione del mondo in

modo scientifico e vicino alla realtà che serve come strumento per il commercio; diventa elemento per

l’affermazione del proprio potere, e le mappe furono uno strumento essenziale per ascesa economica,

artistica tanto da contribuire a portare l’Olanda ai vertici del mondo.

L’Olanda diventa vettoriale perché realizza il tema dell’integrazione tra elementi economici ed elementi

politici; soprattutto il sistema economico era un sistema integrato al suo interno, dove tutte le componenti

contribuivano al benessere collettivo, tanto da essere definito , dove tutto era

SISTEMA ECONOMICO A SPIRALE

connesso. In tutto questo la politica giocò senza dare regole ferree per il commercio questa

deregolamentazione consente lo sviluppo degli imprenditori olandesi, che arricchendosi individualmente,

contribuiscono alla ricchezza collettiva. Il Seicento è il secolo d’oro ma viene avvertito un disagio

dell’abbondanza per l’eccessiva ricchezza accumulata dagli Olandesi che li portò ad un disagio perché era

una ricchezza enorme accumulata in un tempo brevissimo. L’unica regola era il proprio tornaconto, ecco

perché si sviluppò uno stile di vita individualistico anche per la RELIGIONE


PAGINE

4

PESO

438.26 KB

AUTORE

Odette22

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in scienze dei beni culturali
SSD:
A.A.: 2014-2015

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Odette22 di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Geografia, rappresentazione e potere e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Tor Vergata - Uniroma2 o del prof Ricci Alessandro.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Geografia, rappresentazione e potere

Appunti Geografia, prof. Alessandro Ricci, modulo a
Appunto
Geografia, rappresentazione e potere: modulo B
Appunto
Geografia rappresentazione e potere - Appunti parte tre
Appunto
Appunti Geografia, prof. Alessandro Ricci, modulo a
Appunto