Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

L’assunzione  del  paesaggio  come  teatro  nella  società  preindustriale  riguarda  un  uomo  che  è  ancora  influenzato  

dalla   natura   e   che   recita   in   uno   scenario   che   raramente   lo   mette   in   primo   piano   come   attore   che   abbia   la  

necessità   di   dichiarare   il   proprio   diritto   di   agire   e   decidere.   Un   atteggiamento   di   questo   tipo,   cambierà   con  

l’arrivo   della   modernità,   che   segna   una   rivoluzione   nel   modo   di   recitare   degli   uomini.   Questa   rivoluzione   è   il  

superamento  di  quanto  avveniva  nelle  civiltà  passate:  

Le   società   come   quella   medievale   vedono   il   paesaggio   come   il   luogo   da   cui   le   forze  

a soprannaturali  promuovono  la  propria  azione,  ossia  un  teatro  prima  degli  dei  e  poi  degli  uomini.  

Il   mondo   è   un   teatro   in   cui   l’uomo   recita   per   la   gloria   di   Dio,   in   cui   ogni   elemento   paesistico   è  

inteso  a  consacrazione  divina.  L’uomo  medievale  vive  in  spazi  riempiti  dal  mistero  di  Dio,  in  cui  è  

quasi  insignificante  il  segno  della  presenza  umana.  Il  teatro  è  quello  che  recita  per  Dio,  non  per  

se  stesso.  

All’esplosione  della  civiltà  comunale,  il  teatro  si  arricchirà  con  nuovi  particolari:  ad  esempio,  il  

a palazzo   comunale   prenderà   il   posto   del   castello,…   cambierà   anche   il   luogo   della   recitazione   e  

accanto   alle   manifestazioni   sacre,   appariranno   anche   manifestazioni   laiche,   palii,   giocolieri,  

gioco  della  palla.    È  l’intera  città  a  diventare  un  teatro;  

Lo   spirito   del   Rinascimento   ha   già   le   sue   prime   manifestazioni   nel   Trecento,   epoca   di   piena  

a affermazione   urbana   e   di   dominio   territoriale.   Lo   troviamo   nel   Petrarca,   quando   evade   nella  

natura   come   ascoltatore   del   sentimento   di   sé,   quasi   come   un   attore   che   sia   capace   di  

autovalutarsi  nella  propria  recitazione.  In  questo  periodo  si  entra  nel  vivo  di  una  recitazione  che  

ha  come  primo  autore  l’uomo  e  che  in  base  a  ciò  trova  la  sua  pienezza  espressiva  attraverso  un  

corrispondente  allestimento  scenografico  che  mai  si  era  trovato  prima.  L’uomo  del  Rinascimento  

è   diverso   dall’uomo   Medievale   perché   riesce   a   costruire   paesaggi   naturali   e   renderli  

scenografica,   facendo   di   tutto   ciò   un   palcoscenico   per   la   propria   azione.   Le   conquiste   sono   le  

prime  rappresentazioni  cartografiche,  le  nuove  cognizioni  geografiche.  

 

L’uomo  del  Rinascimento  giunge  dopo  che  in  Italia  le  città  create  dall’organizzazione  economico-­‐mercantilistica  e  

dalle  iniziative  delle  classi  borghesi  riescono  a  far  scoprire  agli  stessi  cittadini  quanto  sia  autorevole  la  creazione  

urbana.   La   vera   essenza   di   questo   periodo   è   come   l’uomo   arrivi   a   rendersi   conto   e   a   godere   dei   suoi   effetti   di  

antropizzazione   della   natura   e   a   farsi   spettatore   della   sua   azione,   scoprendo   che   il   paesaggio   può   essere   la  

misura   delle   capacità   umane.   Tra   il   400   e   il   500   arriva   nella   cultura   un   momento,   in   cui   essa   sente   di   poter  

costruire  un  territorio  come  teatro  da  osservare  e  le  cui  rappresentazioni  stanno  a  testimoniare  le  sue  capacità  di  

costruttore   del   proprio   mondo.   La   concezione   del   paesaggio-­‐teatro   rinascimentale   ha   il   suo   sbocco   finale  

nell’arte  barocca:  

L’uomo  si  preoccupa  del  risultato  scenografico  della  propria  azione  nella  natura  e  piega  i  propri  

a progetti  in  suo  favore.  

La   massima   manifestazione   la   troviamo   nelle   città,   che   sono   rese   dei   veri   e   propri   teatri,   con  

a spazi  destinati  a  manifestazioni,  gare,  giochi,..  

La   teatralizzazione   del   paesaggio,   in   quest’epoca,   poggia   sui   meccanismi   sociali   delle   classi  

a nobiliari  e  sull’accumulazione  delle  ricchezze,  le  sole  che  rendono  possibili  la  creazione  di  città  

simili  come  vetrine  del  potere  aristocratico.  

 

La   centralità   che   in   età   rinascimentale   l’uomo   assume   nel   paesaggio,   libera   la   pittura   da   vincoli   che   la  

trattenevano   sin   dalle   origini.   Il   paesaggio   si   impone   come   riempitivo   del   quadro,   anche   se   il   paesaggio   come  

teatro   riaffiora   in   modo   leggero   dove   la   città   fa   da   sfondo.   Il   paesaggio   come   soggetto   di   pittura   si   imporrà  

soltanto   in   età   rinascimentale,   quando   si   riconosce   all’uomo   una   centralità   che   prima   era   riconosciuta   solo   a  

Cristo,  alla  Madonna  e  ai  Santi.  Non  è  un  caso  che  nel  mondo  fiammingo  avvenga  l’assunzione  del  paesaggio  come  

soggetto   d’arte.   Nel   mondo   cinese,   invece,   le   cose   vanno   diversamente.   In   Occidente,   dove   l’uomo   ormai   si   è  

liberato   dai   vincoli   del   potere   imperiale   e   religioso,   il   paesaggio   diventa   il   vero   e   proprio   palcoscenico   di   una  

vicenda   che   ha   come   protagonista   l’individuo.   Palcoscenico   che   a   livello   metaforico   può   diventare   quello  

dell’intera  vita  umana.  Ogni  pittura  di  paesaggio  ha  in  sé  un  progetto  di  paesaggio,  un’invenzione  scenografica.  

Non  sono  infrequenti  i  casi  in  cui  la  pittura  influenza  i  modi  di  costruire.  

 

L’arte  cartografica  in  Italia  ha  avuto  autori  straordinari:  

  4  

Nella  resa  territoriale;  

• Modi  di  rappresentazione.  

Tra   i   tanti   possiamo   ricordare   CRISTOFORO   SORTE,   che   ha   realizzato   meravigliose   cartografie,   per   le   quali  

possiamo  pensare  a  vere  e  proprie  pitture  di  paesaggio.  La  pittura  di  paesaggio  non  pensa  solo  a  idealizzarsi  e  ad  

inventare,  ma  a  partire  dal  Settecento  cerca  di  ritrarre  il  paesaggio,  cercando  di  farlo  in  modo  veritiero:  

Cercando  di  dare  con  esattezza  i  contenuti  di  un  contesto  spaziale;  

§ Superare  il  soggettivismo  verso  cui  tende  ogni  forma  di  arte.  

§

In  Italia,  questo  propenderà  verso  la  realizzazione  di  una  cartografia  celebrativa,  in  cui  il  possesso  terriero  è  il  

palcoscenico   da   cui   il   proprietario   recita   la   parte   di   signore,   in   cui   troneggia   la   sua   figura   e   in   cui   può   sfogare  

tutte   le   sue   libertà.   Le   signorie   trovavano   la   propria   giustificazione   proprio   dal   punto   di   vista   territoriale   nel  

Rinascimento.  Accadrà  questo  anche  negli  stati  moderni,  che  riusciranno  ad  espandersi  attraverso  le  guerre  e  le  

conquiste   e   troveranno   nella   rappresentazione   cartografica   un   sostegno   alla   propria   sovranità.   L’aspetto  

vincente  dell’impresa  bellica  è  la  conoscenza  del  territorio  e  qui  si  introduce  la  funzione  della  CARTOGRAFIA,  che  

diventa   lo   strumento   essenziale   per   la   conoscenza,   grazie   alla   rappresentazione   degli   scenari   bellici.   Invece,   la  

rappresentazione   cartografica   di   teatri   urbani   o   dei   paesaggi   rurali   riguarda   spazi   precisi   che   sono   riferiti   ad  

individui,  membri  di  una  società,  ossia  i  protagonisti  principali.  Ad  altri  scopi,  di  fatto,  è  indirizzata  la  pittura  che  

esprime   non   gli   interessi   pratici,   immediati,   funzionali,   di   singoli   attori   p   di   date   comunità,   ma   che   mira   ad  

indirizzare  il  mondo  o  la  condizione  più  generale  dell’uomo  e  il  suo  modo  di  essere  attore  di  fronte  alla  natura.  

 

Con   L’ILLUMINISMO  effettivamente  si  inizia  a  rinunciare  alla  teatralizzazione  scenografica,  per  dare  importanza  

alle   diverse   motivazioni   che   guidano   l’azione   umana.   Tramite   la   ragione,   viene   riconosciuta   la   centralità  

dell’uomo;   viene   scoperta   la   diversità   ma   si   guarda   ad   essa   per   comprendere   il   significato   di   una   recitazione.  

Questa   è   una   delle   conquiste   più   importanti   di   questo   periodo.   Nell’assegnare   alla   ragione   il   primato   assoluto,  

l’illuminismo   cercherà   le   motivazioni   che   formano   il   teatro   naturale   e   che   costituiscono   i   rapporti   tra   l’uomo   e   la  

società.  Tutto  questo  preparerà  all’avvento  dei  geografi:  

Non  solo  come  descrittori  del  mondo  attraverso  le  rappresentazioni  cartografiche;  

§ Ma   anche   come   descrittori   attraverso   il   riconoscimento   delle   ragioni   che   sono   alla   base   della  

§ varietà  di  palcoscenici  e  delle  recitazioni  nei  paesaggi-­‐teatro.  

In  questo  senso,  Montesquieu  sarà  un  geografo.  Ma  il  primo  vero  scopritore  del  paesaggio  sarà    VON  HUMBOLT.  

Egli  considera  il  paesaggio  come  un  quadro  naturale,  non  disgiunto  dagli  attori  che  in  esso  recitano.  Egli  

innova   il   modo   di   guardare   e   di   essere   spettatore,   usando   tutti   quei   codici   di   lettura   che   sono   stati  

arricchiti   dalle   conoscenze   di   questo   periodo   che   si   sforzano   di   privilegiare   la   ragione   nel   guardare   il  

mondo.  Con  la  sua  opera  cercherà  di  porre  le  basi  per  una  lettura  delle  varietà  dei  paesaggi-­‐teatro  che  

suggeriranno   all’uomo   europeo   un   nuovo   modo   di   farsi   spettatore   di   sé   e   del   mondo.   Per   rendere  

concreto  il  suo  pensiero,  egli  viaggia  perché  è  più  semplice  così  scoprire  tutte  le  leggi  che  governano  il  

sistema  planetario  e  riuscire  a  dare  forma  alla  sua  concezione  della  conoscenza  geografica,  secondo  cui  

ogni  atto  umano  sarebbe  una  proiezione  della  natura.  La  sua  concezione  della  geografia  è  funzionale  alle  

inclinazioni  della  borghesia  del  suo  tempo  e  alla  sua  competizione  per  il  dominio  sociale  ed  economico.  

 

 

 Mentre   questa   cultura   si   concentrava   su   un   uomo   come   spettatore   globale,   la   realtà   nel   frattempo   si  

frammentava  in  senso:  

Geografico  

§ Sociale  

§ Culturale  

§

Il  mondo  era  l’insieme  di  tante  società  e  culture  che  ad  Humbolt  apparivano  come  la  proiezione  della  diversità  

degli   ambienti   terrestri.   Questa   varietà   dava   un   senso   alla   cultura,   intesa   come   un   sistema   di   conoscenza   e   di  

istituzioni   attraverso   le   quali   una   società   si   contrappone   alla   natura,   con   l’organizzazione   sociale   e   produttiva  

che  sottintende  e  in  base  a  cui  i  membri  di  una  società  si  differenziano  in  funzione  dei  ruoli  e  dei  comportamenti  

di  fronte  al  paesaggio-­‐teatro.  Dove  si  ottiene  una  organizzazione  gerarchica,  la  teatralizzazione  investe  prima  di  

tutto  il  capo  della  tribù,  che  si  muove  in  una  scenografia  adatta  al  suo  ruolo.  L’intero  territorio  è  concepito  sulla  

base   delle   priorità   del   re,   che   avrà   la   propria   reggia   in   una   posizione   di   centralità   nel   villaggio.   In   queste   società,  

l’aristocrazia   cercherà   di   affermare   sempre   il   suo   potere   con   la   grandezza   della   propria   recitazione.   Di  

  5  

conseguenza,   essa   mirava   a   costruire   scenografie   che   confermassero   il   suo   ruolo   sociale   e   ne   facilitassero   il  

riconoscimento.  La  teatralizzazione  dei  comportamenti  non  ha  bisogno  di  discriminare  per  essere  utilizzata:  la  

presenza   dell’altro   è   sufficiente   a   determinare   il   comportamento   degli   individui,   anche   se   in   modo   omologo  

all’interno  della  stessa  classe  sociale.  

 

La   teatralizzazione   in   funzione   dell’altro   avviene   all’interno   di   una   stessa   società,   ma   anche   nei   rapporti   tra  

società   diverse.   Essa   si   propone,   a   livello   europeo,   nell’ambito   della   storia   dei   viaggi   dal   XIV-­‐XV   secolo,   nel  

momento  in  cui  i  viaggiatori  non  si  muovono  con  finalità  precise,  ma  solo  allo  scopo  di  assistere  agli  spettacoli  

offerti   dalla   diversità   dei   luoghi.   L’uomo   in   questo   caso   è   solo   uno   spettatore.   Questo   sguardo   dal   di   fuori   lo  

spinge  a  recitare  e  lo  induce  ad  avere  una  coscienza  di  sé.  Lo  sguardo  dello  straniero  è  sempre  uno  sguardo  che  

rinnova  e  ricrea,  che  scopre  i  paesaggi  che  vengono  oscurati  dalla  quotidianità.  Il  suo  sguardo,  spinge  gli  abitanti,  

a  comportarsi  da  attori  in  modo  coerente  e  originale,  tanto  da  suscitare  curiosità  e  ammirazione.    Questo  viene  

esaltato   dal   paesaggio,   che   è   lo   sfondo.   Il   ruolo   che   ha   il   paesaggio   nel   giudizio   che   uno   straniero   ha   sul   paese  

visitato   è   fondamentale,   anche   perché   la   non   conoscenza   della   lingua,   spinge   ad   escludere   alcune   forme   di  

comunicazione.   Di   conseguenza,   attraverso   il   paesaggio   si   può   giudicare   una   società.     L’apprezzamento   del  

paesaggio   come   teatro   da   vedere   ha   ottenuto   una   grande   importanza   quando   l’uomo   ha   cominciato   a   viaggiare   e  

le   società   hanno   iniziato   a   confrontarsi.   Il   confronto   ha   permesso   di   influenzare   la   recitazione   degli   individui  

della  società  visitata.  NON  SEMPRE  IL  RISPETTO  PER  IL  PAESAGGIO  SIGNIFICA  CIVILTÀ.  

 

 Il   saggio   poi   prosegue   introducendo   la   componente   industriale   del   paesaggio,   partendo   dall’offesa   che   essa   reca  

a  paesaggi  che  l’uomo  costruiva  con  un  senso  vivo  della  teatralizzazione  del  proprio  scenario  di  vita  e  di  lavoro  

sulla  base  di:  

Economia  agricola;  

§ Interventi  manuali  nel  territorio.  

§

Con   l’industrializzazione,   l’uomo   si   impegna   nella   sua   parte   di   attore,   facendo   prevalere   la   sua   capacità   di  

produttore   del   mutamento.     Viene   riportato   l’esempio   del   cambiamento   imputato   all’introduzione   delle   ferrovie.  

Sembra  che  i  mezzi  di  trasporto,  anche  se  ci  spingono  a  farci  spettatori  del  paesaggio,  in  realtà  ce  ne  allontanino.    

 

Fotografia  e  cinema  hanno  aumentato  in  la  coscienza  di  sé  e  del  suo  vivere.    Il  relativismo  della  foto  sta  nei  suoi  

limiti:   essa   è   costretta   a   scegliere   tra   i   diversi   quadri   in   cui   si   presenta   il   reale.   La   scelta   sarebbe  

soggettiva.  Essa   coglie   un   attimo   breve,   fissa   e   congela   un   tempo   brevissimo   dell’esistenza   delle   cose.   I   fotografi  

sono  quindi,  attori  e  spettatori  contemporaneamente.  Sono  i  mediatori  di  una  grande  opera  di  teatralizzazione  

del  paesaggio.  La  fotografia  ha  contribuito  ad  un’acquisizione  del  senso  del  paesaggio:  

Ha  individuato  e  fissato  i  paesaggi;  

§ Li  ha  celebrati;  

§ Li  ha  eletti  a  scenari  della  nostra  storia.  

§

Il   cinema,   invece   è   un   po’   diverso   dalla   fotografia,   perché   immortala   una   successione   di   fotogrammi.   Il   paesaggio  

è   usato   come   scenario   o   come   contenitore   di   storie.   È   semplicemente   questo:   un   impasto   di   vicende   e   di  

paesaggi,   di   storie   che   hanno   bisogno   di   una   collocazione   nello   spazio.   Esso   ci   abitua   a   vedere   questo  

spazio  come  uno  scenario  delle  storie,  come  un  paesaggio-­‐teatro  che  mai  era  stato  ottenuto  con  la  pittura  

e  con  altre  forme  di  rappresentazione.    

 

Il   rinnovamento   del   nostro   rapporto   con   il   paesaggio   non   dipende   solo   dal   mutamento   delle   forme   di  

rappresentazione.   Vi   hanno   contribuito   i   nuovi   modi   del   nostro   agire   nel   territorio,   con   la   meccanizzazione  

industriale  che  ha  cambiato  la  nostra  maniera  di  stare  nello  spazio  e  poi  con  la  moltiplicazione  degli  individui.  Di  

fatto   si   vive   in   un   paesaggio   artefatto,   funzionale   alle   esigenze   delle   attività   che   non   hanno   più   come   supporto   la  

natura  o  la  campagna.  È  il  trionfo  della  comunicazione,  il  paesaggio  si  arricchisce  con  il  vincolo  della  strada,  che  

disegna   nello   spazio   nuove   trame.   Il   teatro   cambia   e   non   si   recita   più   in   modo   diretto   e   l’intera   scenografia   è  

costruita  per  questa  sua  scomparsa.  Lo  spazio  si  organizza  intorno  alle  nuove  polarità,  ma  allo  stesso  tempo  si  

ricostruisce  attorno  alle  funzioni  diversificate  di  queste  polarità,  che  possono  essere  legate  a:  

Lavora;  

§ Sport;  

§ Ricerca;  

§

  6  

Informazione.  

§

Nel   frattempo,   l’intensa   comunicazione   di   cui   vive   la   società   contemporanea,   rappresentata   dalla   televisione   e  

dagli  altri  mass  media,  propone  continuamente  agli  individui:  

1. Modelli  

2. Comportamenti  

3. Paesaggi  veri  o  fittizi  

Questa   è   una   forma   estrema   di   teatralizzazione.   Il   video   è   trasformato   in   occhio   del   mondo,   che   lo   riflette,   con   le  

sue  modernità  e  le  sue  manifestazioni  ritardate,  etc.  

  IL  TEATRO  DELLE  MEMORIE  

 

Gli  uomini  vivono  recitando  nel  paesaggio  i  propri  piccoli  drammi  e  teatralizzano  le  piccole  imprese  che  danno  

un  significato  alla  loro  vita,  partecipando  da  attori  e  spettatoti   alle  vicende  che  sono  sempre  il  riflesso  di  vicende  

più  grandi.  Il  paesaggio,  in  questo  senso,  è  un  palinsesto  di  memorie,  che  sono  una  parte  viva  della  scenografia  

paesistica,   che   vale   per   tutto   il   tempo   dell’esistenza   individuale.   Il   rispetto   del   passato   fa   parte,   comunque,  

dell’etica   di   ogni   società,   come   un   dato   che   non   si   può   cancellare.   Per   questo,   cancellare   il   paesaggio   della  

memoria   è   un   passaggio   impossibile,   perché   fa   parte   del   vivere   umano.   In   ogni   caso,   parlando   di   paesaggio   della  

memoria,  ci  torna  sicuramente  alla  mente  una  distinzione  molto  importante:  

1. Memorie  individuali  

2. Memorie  collettive  

Le   prime   si   sovrappongono   alle   seconde,   che   sono   sicuramente   più   durature.   Esse   hanno   il   compito   di  

riferimento  in  quegli  elementi  del  paesaggio  che  sono  collegati  alla  storia  della  società:  

Alle  vicende  che  le  hanno  dato  origine  

• Attraverso  le  gesta  dei  capostipiti  e  di  coloro  che  hanno  contribuito  alla  causa  comune.  

Assume   un   significato   importante,   in   questo   senso,   il   culto   degli   antenati,   che   è   presente   in   tutte   le   società  

arcaiche   agricole.   Per   celebrare   la   fine   degli   individui,   viene   costruito   il   cimitero,   che   cerca   di   creare   una  

continuità   tra   i   vivi   e   i   morti,   perché   si   possa   perpetuare   la   memoria   collettiva   attraverso   la   visita   di   chiesa   e  

cimitero.  Le  storie  individuali,  invece,  nel  tempo  tendono  a  scomparire,  perché  si  dimenticano  in  mezzo  a  tante  

memorie   o   sono   troppo   particolari.   Il   ricordo,   però,   può   essere   affidato   alle   opere   e   agli   interventi   funzionali   che  

gli   individui   hanno   realizzato.   I   paesaggi   sono   carichi   di   progetti   di   singole   personalità   nell’archivio   delle  

memorie  collettive.  

 

Se  non  viene  continuato  lo  stile,  del  passato  si  riescono  a  mantenere  memorie  e  forme  d’uso  territoriali,  che  si  

incatenano   al   vivere   quotidiano.   Esempi   di   questo   perpetuarsi   di   elementi   ed   espressioni   del   senso   collettivo   del  

territorio,  le  ritroviamo  nella  toponomastica:  essa   deriva   dal   riconoscimento   che   all’interno   di   una   società  

viene  dato  alle  denominazioni  dei  luoghi  fissate  dall’uso.  Questa   è   una   delle   più   incisive   teatralizzazioni   del  

paesaggio.   Con   il   tempo   la   motivazione   che   ha   spinto   ad   assegnare   un   determinato   nome,   può   anche   scomparire  

e  il  suo  ricordo  cancellarsi  dalla  memoria  collettiva.  La  toponomastica  può  diventare  obsoleta,  non  riuscendo  più  

ad   esprimere   ciò   che   voleva   dire   in   origine.   I   toponimi   servono   alla   trasmissione   sociale   per   orientarsi   nelle  

attività   produttive,   oltre   che   nelle   relazioni   che   riguardano   la   vita   e   gli   interessi   collettivi.   Tutti   hanno   la  

necessità   di   designare   per   riuscire   a   comunicare   informazioni   su   territori   di   comune   interesse.   La   cartografia  

trova  in  questo  la  sua  motivazione  di  origine:  questo  vale  per  le  piccole  carte  e  per  le  carte  che  rappresentano  i  

continenti.  

 

Gli   episodi   che   costituiscono   la   vita   degli   uomini   e   delle   collettività   umane   hanno   uno   svolgimento   che   è   in  

relazione  con  i  luoghi  in  cui  accadono  e  che  avvengono  in  uno  spazio  temporale  ben  preciso.  Ogni  vicenda  umana  

ha  un  palcoscenico  in  cui  viene  rappresentata.  Le  vicende  si  legano  ai  luoghi  e  ai  palcoscenici  che  le  accolgono,  

nonostante  esistano  vicende  che  vengono  ripetute  perché  facenti  parte  della  routine  della  vita  e  che  hanno  come  

contenitore  il  paesaggio  costruito  in  funzione  loro,  come  allestimento  alle  necessità  che  essi  impongono.  Esistono  

poi   gli   episodi   imprevisti,   tutti   quelli   che   riempiono   la   vita   degli   individui   e   che   occupano   il   vivere   umano.   La  

tipologia  degli  episodi  è  molto  varia:  

Guerre  

  7  


ACQUISTATO

41 volte

PAGINE

9

PESO

147.52 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Esame: Geografia
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in scienze storiche e filosofiche
SSD:
Università: Udine - Uniud
A.A.: 2013-2014

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher jessicabortuzzo di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Geografia e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Udine - Uniud o del prof Micelli Francesco.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Geografia

Riassunto esame Geografia, prof. Micelli, libro consigliato Dalla Nostalgia del Territorio al Desiderio del Paesaggio, Raffestin
Appunto
Riassunto esame Geografia, prof. Micelli, libro consigliato Dalla Nostalgia del Territorio al Desiderio del Paesaggio, Raffestin
Appunto
Riassunto esame personale di Storia Moderna, prof. Giuseppe Trebbi, Libro consigliato "Storia Moderna" di Vidotto - Ago
Appunto
Ricerca sull'intelletto umano, Hume - riassunto e appunti
Appunto