Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

rap. vie di comunicazione terrestre.

utilizzo del suolo:

trasformazioni indotte dall'attività dell'uomo al territorio (agricoltura, allevamento, sfruttamento

forestale).

industriali e minerarie:

siti di prod. mineraria ed industriale.

turistiche:

utili al turismo e ricche di siti d'attrazione visitabili.

Altri tipi:

tematiche:

riferite a determinati fenomeni.

a piccola scala:

rap. di vaste regioni con pochi particolari.

a grande scala:

rap. di piccole porzioni di territorio.

mentali:

rap. frutto delle conoscenze di ognuno di noi.

regionali:

prodotte dagli enti locali regionali (tecniche e tematiche).

tecniche:

specializzate per utilizzo istituzionale o professionistico.

Carte geografiche:

a coroplete:

metodo di rappresentazione per aree caratterizzata da grandezze espresse in termini di intervalli di

misura (basata su logica matematica di Boole).

a isoplete:

metodo di rappresentazione utilizzato per evidenziare varie tipologie di distribuzioni spaziali

secondo i più svariati criteri con punti organizzati in linee con medesimo valore.

B. Le proprietà della carta: riduzione, approssimazione simbolizzazione

Proprietà: (aree):

equivalenza

aree maglie reticolato geografico raffigurate proporzionali a quelle reali, ma non le forme

(deformazione). Utile per confronti di superfici come utilizzazione suolo.

(angoli):

conformità o isogonia

angoli formati da intersezioni fra meridiani e paralleli inalterati rispetto alla realtà, ma impossibilità

mantenimento giuste distanze fra i punti. Utile per rispettare direzioni, come nel caso correnti

marine, venti, flussi migratori.

(distanze):

equidistanza

distanze su carta misurate dal suo centro proporzionali a quelle reali. Utile per misurare al meglio le

distanze, come per viggi.

Una proiezione non può avere contemporaneamente più di una proprietà piena.

C. Le proiezioni cartografiche+ F. Deformazioni e condizionamenti della carta

Proiezione geografica:

riproduzione del reticolato sferico su una superficie piana tramite metodi geometrici (proiezioni

o l'applicazione di formule matematiche (proiezioni

vere) convenzionali).

Tipi (oltre 200):

3 tipi di classificazione proiezioni:

(geometria prospettica)

- Prospettiche azimutali

proiezione punti della sup. terrestre su piano tangente a partire da un centro di proiezione.

Piano di proiezione:

polare (migliore x calotte)

− equatoriale (migliore x regioni intertropicali)

− (da latitudine intermedia)

obliqua

Punto di tangenza:

(dal centro della terra)

centrografica

Equidistante

Buona approssimazione nei pressi del punto di tangenza. Rappresentazione di tutti i circoli massimi

come segmenti di retta. Utile per rotte (distanza più breve) poiché caratteristiche

ortodromiche

[rotta che mantiene (angolo orario tra nord e meta sull'orizzonte) costante].

lossodromiche azimut

Grave deformazione delle zone lontane dal punto di proiezione.

(sul punto diametralmente opposto a quello di tangenza)

stereografica

Conforme

Minore dilatazione aree periferiche punto proiezione.

(raggi proiezione paralleli dall'infinito)

ortografica

Equivalente

Errore opposto: contrazione delle distanze allontanandosi da tangenza.

Ottima rappresentazione dei punti di tangenza (poli o astri).

X tutte queste proiezioni, le tre proprietà (equidistanza equivalenza e conformità) hanno un

accettabile margine di errore in corrispondenza tangenza. Conservano azimut reali rispetto

tangenza. Possibilità di rappresentare solo un emisfero.

---> (applicazioni modelli matematici):

Proiezioni azimutali modificate

rappresentazione totale della terra

- azimutale equidistante polare:

Paralleli: cerchi concentrici equidistanti con centro il polo.

Mantenuti gli azimut. Polo opposto enormemente dilatato allontanandosi da centro

proiezione.

- azimutale equivalente polare:

Paralleli intorno al centro uguali a cerchi corrispondenti alle rispettive corde. Coordinate,

allontanandosi dal centro, si stringono nel senso della latitudine e i allargano in longitudine.

angolo misurato in senso orario tra direzione del nord geografico e quella del punto

Azimut--->

stabilito, determinato sul piano dell'orizzonte. Geografico o magnetico.

- Per sviluppo:

proiezione che si costruisce avvolgendo il globo in un cilindro o in un cono e stabilendo un punto

prefissato

proiezioni cilindriche:

− Conforme, Equidistante su tangenza

Maglie reticolo rettangolari. Dilatazione delle aree lontane se centro di proiezione centro del

globo, schiacciamento se posto all'infinito (aumento o diminuzione dei meridiani, paralleli

equidistanti)

Conforme di Mercatore: opportunamente modificata per limare deformazioni (lossodromica)

Svantaggio di dilatare le distanze in senso trasversale parallelamente a tangente (con

tangenza equatoriale poli allungati)

Trasversa: quando il cilindro tange un meridiano anziché equatore. Vantaggio di ridurre

deformazione su tangenza (verticale). (Migliore x rap. Stato allungato)

Vera: rap. di tutto il globo

proiezioni coniche:

− Equidistante su tangenza

Paralleli rappresentati da cerchi di archi, meridiani da rette convergenti verso origine

proiezione (perpendicolari fra loro)

Rap. di un solo emisfero alla volta. (Migliore x rap. latitudini medie)

proiezioni secanti:

− Equidistante

Piano secante la la superficie sferica. Anche se tende a dilatarsi leggermente, scala pressoché

costante. Ottima approssimazione se paralleli non distanti fra loro.

reticolato non convergente: distanze reali dritte (azimut costante) ma più lunghe.

Lossodromica---> Rotte con direzione di bussola costante.

reticolato convergente ai poli: distanze reali curve e più corte. Rotta arcuata.

Ortodromica--->

Convenzionali (modificate)

− Costruite applicando modelli matematici. Usate per rap. intero globo o carte topografiche.

(cilindrica modificata):

proiezione pseudocilindrica di Mollweide

− Equivalente

Planisferi che rispettino le aree

cilindrica piana rettangolare

− maglie reticolato rettangolari. Dimensioni corrispondente a realtà e legate a gradi di

longitudine e latitudine su due paralleli equidistanti da equatore (doppia fascia). Usata da

Tolomeo. Latitudini alte rispetto a fasce sovradimensionate, basse sottodimensionate

progressivamente.

cilindrica modificata di Mercatore

− rappresentazione intera superficie terrestre. Mancata convergenza ai poli: archi di meridiano

allungati in proporzione all'aumento degli archi di parallelo. Grande dilatazione elevate

latitudini.

equivalente di Peters

− basata su proiezione Mercatore. Riduzione delle distanze fra paralleli all'aumentare della

latitudine per controbilanciare effetto distorsivo. Tutt'altro che forme ed equidistante.

Cilindrica di Lambert: meno soggetta a deformazioni ideologiche

proiezione interrotta di Goode

Rappresentazione dell'intero globo. Buona equivalenza e conformità relativa alle masse

continentali. Interruzione in corrispondenza degli oceani.

proiezione poliedrica di Samson-Flamsteed (proiezione naturale)

Utilizzata da IGM. Buon grado di conformità, equidistanza ed equivalenza. Per via della mancata

convergenza del reticolato ai poli, ogni foglio è la faccia di un trapezoidale di un poliedro tangente

alla sup. terrestre.

proiezione cilindrica trasversa di Gauss (trasversa di Mercatore)

Proiezione dell'ellissoide internazionale su cilindri tangenti alla sfera lungo un meridiano a distanza

di 6° uno dall'altro. 60 spicchi relativamente equidistanti e conformi. Inseriti nel sistema di

riferimento internazionale UTM (Universale trasverso di Mercatore)

Cilindrica conforme: utilizzata da IGM x nuove carte serie 50/L

Cilindrica conforme di Gauss-Boaga: serie 25/V

D. Segno e simbolo cartografico

frazione che indica rapporto di riduzione. Denominatore: numero che indica

- Scala numerica:

per quante volte va moltiplicata la distanza della cartina x diventare reale.

denominatore; denominatore.

Piccola scala=grande Grande scala=piccolo

mostra graficamente il valore grafico del rimpicciolimento.

- Scala grafica:

La superficie di un territorio è funzione del quadrato delle sue dimensioni

lineari (da 1:50 a 1:100, 4 volte superficie).

serie di segni imitativi convenzionali utili alla rappresentazione della morfologia del

- Simbologia: territorio. Raggruppati nella legenda. Chiarezza e leggibilità dei simboli.

- simbologia particolare atta a raffigurare gli elementi antropici

Toponomastica:

- distribuzione e conformazione dei rilievi

Orografia:

- configurazione delle reti idriche e degli specchi d'acqua

Idrografia:

Le curve:

di livello (isoipse):rappresentazione delle pendenze

− \---> -direttrici: tratto forte.

-intermedie: tratto fine (3 curve intermedie, 1 direttrice).

-ausiliarie: di supporto ed intermedie alle isoipse (curve di livello). Equidistanza 5m.

misurano la profondità dei fondali.

isobate:

− isometriche (isoplete): linee che congiungono punti dello stesso valore.

- distanza fra le curve che rappresentano l'andamento del terreno. Indicata a margine

Equidistanza:

della carta. Minore equidistanza, maggiore precisione di rappresentazione

Polo: punti in cui i raggi del campo magnetico terrestre si congiungono (bipolare).

magnetico:

− punti rappresentati dall'asse di rotazione terrestre.

geografico:

E. Le convenzioni cartografiche

invece di meridiani e paralleli, reticolato cartesiano con distanze dall'equatore e

- Sistema UTM:

dal meridiano di tangenza. Quadrati di 100 km di lato suddivisi in 10000 con lato da

1 km. Utilizzata per agevolare l'individuazione dei punti sul terreno.

- convenzionale della terra dovuta alla sua non prefetta proporzionalità rispetto alla

Ellisoide:forma

sfera (schiacciata ai poli x rotazione terrestre).

primo calcolo delle proporzioni terrestri.

Ellissoide di Bassel: secondo calcolo, adottato a livello internazionale.

Ellissoide internazionale di Heyford:

forma matematica della terra che considera la terra sferica in base all'altezza media della

- Geoide:

superficie terrestre.

adottato per determinare in maniera univoca un punto sul terreno.

- Reticolato geografico:

Calcolato in gradi rispetto al meridiano fondamentale (Greenwich) o dal parallelo

fondamentale (Equatore, circolo massimo) in gradi sessagesimali. Costruiti in base

all'irraggiamento solare stagionale e la rotazione terrestre.

valore angolare dell'arco di meridiano compreso fra il punto e l'equatore (max 90° N e

- Latitudine: S). Diametro variabile.

valore angolare dell'arco di parallelo compreso fra quel punto e un meridiano di

- Longitudine:

riferimento (max 180° E e W). Diametro costante.

- terza dimensione delle coordinate geografiche. Negativa o positiva rispetto al livello del

Quota: mare. Rappresentata con curve di livello (isoipse o isobate), sfumo, tratteggio,

lumeggiamento obliquo o tratto forte.

- meridiano di Greenwich. All'antimeridiano avviene il cambiamento di

Meridiano fondamentale:

data

- Equatore (equidistante fra i poli). Raggi solari a 90° il 21 marzo e il 21

Parallelo fondamentale: settembre)

- paralleli dove rispettivamente il 21 luglio e il 21-22

Tropico del Cancro e del Capricorno: dicembre il sole è a 90° (equinozi)

- delimitano l'area in cui durante i solstizi il sole non sorge o è sempre visibile.

Circoli polari:

distanza convenzionale definita come 1/40 000 000 del meridiano terrestre. Oggi definita in

- 1 m: relazione alla velocità della luce.

G. La comunicazione cartografica

- la carta geografica si può inserire nei mezzi di comunicazione di

Comunicazione cartografica:

massa. È un canale di trasmissione di messaggi che inserisce in un processo di comunicazione con

uso di simbologie che prescinde dalla condivisione di una lingua. Spesso incontrano il problema

dell'oggettività dato che è un'interpretazione e un filtro della realtà.

segni convenzionali che permettono un'adeguata interpretazione della realtà.

- Simbolismo grafico:

Spesso dipende dalla scala della carta geografica.

\---> tipi di simbolismo: - atto a illustrare gli aspetti morfologici di un territorio

fisico:

- toponomastica, simboli per la rappresentazione urbana

antropico:

- tematico-quantitativo, per rappresentare sviluppo economia

economico:

tipi di carte (tematiche/tecniche)

accostamento fra carta e diagramma. Utile a rap. densità distribuzione fenomeni

- cartogramma: (coroplete): rappresentazione di diversi valori di uno stesso fenomeno.

a mosaico

− con (isoplete): intensità di un fenomeno tramite tonalità di colore

curve isometriche

− ogni punto una misura definita da rappresentare su carta

a punti:

− rap. 3D del territorio.

- stereogramma: rap. del territorio con un disegno a volo d'uccello.

- pittografie panoramiche:

carte geografiche semplici, deformate per risaltare determinati fenomeni.

- metacarte: diagramma a strati.

- colonna stratigrafica: divisione dello spazio a seconda di valori simili.

- classi (numero/ampiezza):

a torta, distribuzione percentuale di diverse variabili.

- diagramma circolare:

numeri di un fenomeno rappresentati con punti o cerchi.

- disegno a punti: rap. di fenomeni che si evolvono nello spazio rispetto al tempo.

- modelli spazio-temporali: Processi spazio-temporali rap. con onde di diffusione)

(isocrone): diffusione nel tempo di un fenomeno su carta.

- onde di diffusione

- rappresentazioni paracartografiche

rap. fisiche 3D soprattutto dei rilievi montuosi

plastici:

2. Storia della cartografia

A. Cenni di cartografia in età classica

- Albori

Inizio della rappresentazione cartografica circa 10000 a.C.. Pitture rupestri rappresentanti il

territorio. Prime rappresentazioni amministrative nelle civiltà babilonesi ed egizie (mappe catastali,

d'irrigazione) su tavolette d'argilla e papiro. La rap. Più antica del globo è babilonese e data del VII

secolo a.C.

- Greci

Origine della cartografia classica è attribuita ai greci

\---> filosofo, rap. ecumene circolare delimitato da oceano, con

Anassimandro da Mileto:

toponimi e Grecia al centro.

Origine della cartografia scientifica

\---> (IV secolo a.C.), tracciò il primo parallelo.

Dicearco da Messina

Concetto di sfericità acquisito dai (V secolo):

Pitagorici

primo a misurare sfericità

Diacearco (III a.C.) primo a misurare meridiano terrestre. Preludio di meridiani e paralleli.

Erastotene

Rappresentazione più vasta grazie a conquiste di Alessandro Magno.

inventore delle prime proiezioni (centrografica e stereografica). Intuì che il calcolo

Ipparco:

longitudine/latitudine è fondamentale

- Romani

Usavano frequentemente le carte ma poche sono arrivate fino ad oggi

\---> Nel I secolo d.C. Tutto il territorio romano era rappresentato su carta.

Tabule: pergamene arrotolate di diversi metri

una delle poche carte giunte indirettamente (ricopiata in medioevo) fino a

Tabula Peutingeriana:

noi

I romani utilizzavano le conoscenze greche

\---> e i più grandi esponenti: realizzazione di veri e propri

Marino di Tiro Claudio Tolomeo

atlanti geografici con reticolato geografico e uso di precise regole matematiche di proiezione.

di Tolomeo che dà il nome alla materia): mondo conosciuto in proiezione conica e

Geografia (opera

sezioni in piana rettangolare con long e lat.

B. La cartografia medioevale e rinascimentale

- Alto medioevo

Involuzione nella cartografia occidentale. Forte valenza religiosa negli elaborati.

\--->Mappamondi con Gerusalemme al centro.

a T

- Mondo arabo

Recupero di trattati greco ellenistici da libreria di Alessandria e sviluppo della cartografia

\---> cartografo arabo alla corte di Ruggero II a Palermo. Descrizione geografica del mondo

Idrisi:

nel Libro di re Ruggero

- Basso medioevo

Rinvigorimento della cartografia occidentale

\---> sviluppo dei commerci e delle loro rotte marittime e terrestri. Sviluppo cartografia in Italia e

Spagna

Invenzioni di strumenti più precisi (bussola, rosa dei venti, astrolabio)

\---> Rappresentazione cartografica più precisa

Invenzione della stampa ---> grande risonanza alle opere di Tolomeo e successive

C. La cartografia in età contemporanea

- Età moderna

Allargamento dei confini conosciuti dovuto alle scoperte

\---> in mensiona prima volta America

Waldseemuller Cosmographiae Introductio

Invenzione di nuove proiezioni

Aumento sentimento nazionale di alcuni Stati porta a rilevamento accurato territorio

\--->invenzione della e della

tavoletta pretoriana triangolazione

(strumenti più precisi, dotati bussola e diottra ovvero un goniometro a cannocchiale

Forte impulso da italiani, olandesi e tedeschi

Giacomo Gastaldi

Abramo Ortels (Ortelio) x la navigazione, autore della prima raccolta di carte Theatrum orbis

terrarum

Gerhard Kremer (Mercatore) proiezione cilindrica modificata con rotta lussodromica

\---> composizione dell'Atlante

- Cartografia moderna

Pubblicazione di grandi atlanti in Olanda, Germania, Inghilterra e Francia.

Samson ---> proiezione per planisferi

Accademia delle Scienze di Parigi (XVIII)

contributo importante: invenzione del sestante, teodolite, cronometri. Invenzione di una simbologia

cartografica simile all'attuale ---> Nascita della cartografia moderna

---> affidata a Cesare Francesco Cassini di Thury (Cassini III), proiezione

Grande carta di Francia

cilindrica trasversa

Il mondo era quasi totalmente esplorato

- XIX secolo

Grande impulso di sviluppo cartografico grazie all'affermazione degli Stati nazionali e impulsi

colonialistici. Impronta che sussiste tutt'ora. Gran parte degli Stati dotati di carte del territorio ma

con criteri diversi

Nascita dell'IGM in Italia e mappatura sistematica del territorio italiano

Nascita e diffusione della produzione cartografica privata

D. La cartografia computerizzata e i Gis

- Recentemente

Progressi tecnico-scientifici molto rilevanti

con macchine fotografiche (fine '800)

Fotogrammetria: foto da aerei (inizio '900)

Aerofotogrammetria:

con radar (anni '50)

Trilaterazione satellitare (anni '70): nascita della cartografia elettronica

Telerilevamento

\---> invenzione del (Sistemi informativi geografici)

GIS

Uniformazione delle metodologie di rilevamento e costruzione delle cartesiano

\---> dipartimento dell'Onu

sistema di georeferenziazione, attuabile in con diverse modalità, che lega il telerilevamento

Gis:

satellitare o quello classico con sistemi hardware e software in grado di elaborare dati grazie a

procedure matematiche e logiche espresse sotto forma di matrici, vettori, o tabelle. Sovrapposizione

di diversi fenomeni x creare carte composite per l'analisi di determinati fenomeni.

formazione delle immagini tramite pixel

formato raster: formazione delle immagini tramite griglia dimensionale

formato vettoriale: logica matematica del sistema binario (incluso/escluso)

Logica booleana:

-

- società italiana di servizi satellitari all'avanguardia

Talespazio:

- Satelliti:

- velocità di rotazione uguale a quella terrestre. Orbita alta

geostazionari:

- ruotano attorno alla terra più volta al giorno perpendicolarmente all'equatore

eliosincroni:

primo satellite per il telerilevamento

Explorer: prima rilevamento progettuale della superficie terrestre

Landsat 1:

3. Il rapporto Uomo-Ambiente

- strato più superficiale della crosta terrestre dove derivano le masse continentali

litosfera:

- involucro liquido che avvolge determinate zone della terra

idrosfera:

- fauna e flora che abita la superficie terrestre

biosfera: acque marine (mari e oceani), acque continentali (superficiali: fiumi, laghi;

- Idrosfera: sotterranee: falde freatiche), criosfera (ghiacciai, banchisa, permafrost)

- corso d'acqua permanente che scorre in un alveo

Fiumi:

\--->caratteristiche: lunghezza, pendenza, velocità, coefficiente di deflusso (acqua trasportata

rispetto a piogge), portata (volume d'acqua rispetto a tempo), regime

(variazione di portata nell'arco di un anno)

regione le cui acque affluiscono allo stesso fiume

Bacino idrografico:

- 3/5 superficie terrestre. 3 bacini: Pacifico, Atlantico, Indiano.

Mari e Oceani:

\---> profondità media 4000m, temperatura media 3,8°, salinità media 35 grammi

caratteristiche:

per litro. Presenza di fosse e dorsali oceaniche. Funzione termoregolatrice.

fenomeno dovuto all'azione dei venti

Moto ondoso:

− Maree:

− sigizie, allineamento luna sole e somma delle forze gravitazionali che agiscono

Alta marea: su acque.

quadrature, quando corpi celesti sono in posizioni intermedie.

Bassa marea: spostamento di masse d'acqua caldo/fredda in senso orario nell'emisfero

Correnti marine:

− boreale, antiorario in quello australe

- accumuli di acqua in cavità o depressioni del terreno. Di diversa origine: glaciale

Laghi: (insenature scavate dai ghiacci); vulcanica (bocche di vulcani spenti colmate); carsica (in

cavità come doline); tettonica (riempimento di antiche fosse tettoniche). Destinati ad essere

colmati da sedimenti o prosciugati in tempi più o meno lunghi.

\---> trasparenza (inferiore a mari), temperatura (aumenta con la densità), salinità

caratteristiche:

(lago aperto o chiuso)

- Ghiacci: acqua allo stato solido detto criosfera. Ghiacciai, permafrost, ghiaccio marino, ghiaccio

fluvio-lacustre, manto nevoso.

\---> tipologie: calotte (ghiacci terrestri), banchisa (ghiacci marini), ghiacci vallivi (ghiacciai,

morene, ecc). Azione erosiva e trasporto sedimenti.

- tutto ciò che dalla realtà terrestre può essere utilizzato dall'uomo per soddisfare

Risorsa naturale: le proprie esigenze. Non lo è fino a quando non può essere utilizzata. Può

essere biologica o fisica. Considerate in riserve. Sono risorse i minerali, i

combustibili fossili, le energie alternative, le risorse biologiche.

\---> risorse il cui ritmo di consumo non supera quello del loro rinnovamento naturale.

rinnovabili: Alcune di queste sono infinite, altre dipendono dal loro tasso di sfruttamento

risorse il cui ritmo di consumo supera quello del loro rinnovamento naturale.

non rinnovabili:

A. Le regioni ambientali

andamento medio delle condizioni atmosferiche che caratterizzano una determinata area

- Clima:

\---> principali indicatori: temperatura, piovosità, umidità.

Varia a secondo dalla latitudine, dell'altitudine della disposizione continentale.

- varia costantemente nel tempo (ora, giorno, mese, anno). Si misura in gradi e si fa

Temperatura:

una media a seconda del periodo considerato.

\--->fattori che la determinano: movimenti della terra (rivoluzione), l'altitudine, disposizione dei

rilievi, la latitudine, la distanza dal mare, le correnti marine, la vegetazione.

- presenti in forma liquida, solida o condensazione. Tendono a diminuire

Precipitazioni:

dall'equatore ai poli. Misurate in millimetri col pluviometro e rappresentate con le isoiete. Media

generale terrestre 1500 mm

\---> fattori che la determinano: terre emerse rispetto al mare, catene montuose, altitudine, latitudine

- influenzata da pressione e temperatura. Dipende dalla capacità dell'aria di contenere il

Umidità:

vapore acqueo. L'umidità assoluta cresce al crescere delle temperature e diminuisce con l'altitudine.

Quando l'aria è satura, piove.

---> studia il tempo e le sue previsioni. Con satelliti artificiali, palloni sonda

- meteorologica stazioni meteorologiche a terra si studia l'andamento di temperatura,

precipitazioni e umidità per costruire delle carte del tempo utili alle previsioni

\---> studio studio del peso dell'aria. Misurata con il barometro e raffigurata

pressione atmosferica:

con le isobare, determina il bello e il cattivo tempo.

Alta pressione (anticiclone) = bel tempo ; bassa pressione = cattivo tempo. Movimenti fra queste

due zone = venti

---> studia e definisce le regioni climatiche. Innumerevoli climi, classificati in modo

- climatologia sintetico in fasce climatiche con caratteristiche comuni. Vegetazione importante

nella classificazione

Classificazione dei climi:

\---> in base soprattutto a umidità, precipitazioni, evapotraspirazione ma anche tipologia della

vegetazione. La principale teoria di classificazione è quella di Köppen che considera le suddette

caratteristiche. Individuazione di 5 zone climatiche.

Clima tropicale umido:

Situato a latitudini vicine all'equatore. Assenza della stagione invernale. Temperatura media annuale

26°. Si trovano legate alla Zona di convergenza intertropicale (convergenza fra gli alisei) da dove

deriva un'alta piovosità. Grande umidità dovuta a alte temperature e presenza di fitta foreste.

Presenza di piante megaterme.

Tre subclimi: - al centro della zona climatica. Fenomeni tipici tropicali.

foresta pluviale,

- area di transizione fra foresta pluviale e zone desertiche del clima arido.

savana, Precipitazioni marcatamente stagionali (stagione secca e piovosa). 32°.

Vegetazione costituita da erbe, arbusti. Foreste a corridoio lungo i fiumi.

- clima simile alla savana ma caratterizzato da fortissime precipitazioni

monsonico,

stagionali che permettono lussureggianti vegetazioni

- Clima arido:

Situato in prossimità dei tropici. Alte temperature dovute ad irradiazione solare perpendicolare

stagionale. Costante scarsità di acqua per elevata evaporazione e scarsa piovosità.

Due tipi (vegetazione): - quasi totale assenza di flora e fauna. Temperature altissime con

desertico, forte escursione termica (Sahara)

- tra savana e deserto. Precipitazioni meno rare (Sahel)

steppico,

Altra suddivisione (temperature): - temperature più alte del pianeta. Quasi

regioni arido-calde,

assenza di precipitazioni. Forte escursione annuale, inverni

freddi (Sahara)

- zone di anomalia climatica più vicine ai

regioni arido-fredde,

poli. Esasperazione climatica dovuta a clima continentale (Gobi)

- Clima temperato:

Situate fra i tropici e le regioni polari. Non presentano situazioni estreme di caldo o freddo. Ciclo

stagionale ben distinto in rapporto a variazione dell'altezza del sole. Temperature e precipitazioni

variabili.

Tre tipi: - caldo afoso d'estate freddo umido d'inverno. Forti precipitazioni

subtropicale umido,

durante tutto l'anno.

- fascia di transizione fra zona temperata e tropicale. Inverno piovoso

mediterraneo,

(perturbazioni polari) ed estate asciutta (anticicloni), caso unico. Deficit

idrico estivo colmato in inverno. Foreste di sempreverdi, oggi disboscate.

Macchia mediterranea.

- flusso di aria oceanica carica di precipitazioni. Inverni miti ed estate fresche.

marittimo, Privi di una stagione asciutta. Precipitazioni distribuite con massimi invernali

- Clima boreale:

Aree continentali a latitudini medie verso poli. Soprattutto emisfero nord poiché sud poche terre

emerse.

Due tipi: - zona del fronte polare. Convergenza di masse d'aria tropicali ed

continentale umido, artiche. Lunga stagione fredda (8 mesi). Precipitazioni medie sotto

forma di neve. Vegetazione: foresta decidua a sud, aghifoglie

intermedi, steppa nella parte settentrionale.

- più a nord. Molto influenzata da correnti artiche. Inverni

clima continentale subartico,

rigidissimi, estati brevi, escursioni termiche annue elevatissime

(66°). Precipitazioni scarse con massimi estivi. Presenza taiga,

foresta di conifere recente.

- Clima polare e di altitudine:

Temperature medie molto basse. Inverni con periodi di notte continua. Temperature più rigide del

pianeta (-91,5°), mancanza di periodo caldo. Scarse precipitazioni e scarsa evaporazione. Suolo

gelato (permafrost).

Due tipi: - estate molto breve. Presenza della tundra, (muschi e licheni).

clima della tundra,

Permafrost di più di 100m, poco disgelo estivo. Scarse precipitazioni e

nebbia.

- medie mensili non superano gli 0°. Nessuna forma di vita

clima del gelo perenne, vegetale. Ghiaccio marino (artico), 9° terre emerse.

- caratteristiche polari a causa di altezza (-6° ogni 1000m). Con

climi di alta montagna, l'altitudine sparisce vegetazione e compaiono calotte ghiacciate.

Escursioni termiche elevate a causa dell'irraggiamento di latitudine

inferiore. Incremento precipitazioni con altezza (precipitazioni

orografiche. Caratteristiche diverse a seconda della catena

montuosa.

- Variazioni climatiche e microclimi:

Modifiche al clima dominante di una regione a causa di fattori particolari. Rilievi, laghi, fiumi,

mari, correnti aeree o marine influiscono modificando il clima predominante di una determinata

zona climatica. Non ultimi anche effetto serra dovuto ad inquinamento.

B. I cicli ambientali, gli squilibri e le calamità naturali

- Ciclo ambientale

tutti i processi che rendono stabile un ecosistema in un equilibrio dinamico fra le sue

componenti. Flussi di energia e scambi di materia fra componente biotica e abiotica. Uno

squilibrio dovuto a fattori antropici o a calamità naturali provoca un alterazione

dell'equilibrio più o meno duratura nel tempo.

- Ecosistema

porzione di biosfera delimitata naturalmente dove componente biotica e abiotica

costituiscono un particolare equilibrio dinamico.

- Calamità naturale

Tutti gli eventi che possono arrecare danni agli uomini e all’ambiente, causati da

fenomeni naturali, prevalentemente di origine geologica, meteorologica o climatica.

- Ciclo dell'acqua:

Acqua 80% della superficie terrestre. 2,5% quella potabile che l'uomo sfrutta. Stato fisico

solido, liquido, gassoso. Continuo ciclo: evaporazione-precipitazione-deflusso-evaporazione

(ciclo Atmosfera come anello di congiunzione fra idrosfera e litosfera.

idrologico).

Evaporazione dagli oceani, precipitazioni continentali, infiltrazione nel sottosuolo,

ruscellamento sul terreno, traspirazione nell'atmosfera. Azione di erosione e sedimentazione

dovuta al ciclo

C. Le pressioni sull'ecosistema e l'inquinamento + D. I mutamenti climatici e il rischio ambientale

risultato dell'interferenza tra processi produttivi su vasta scala e processi di

Impatto ambientale:

- evoluzione naturale e cicli ambientali della superficie terrestre

alterazione di una realtà ambientale conseguente all'immissione di energia o di

Inquinamento:

- sostanze estranee, che eccedono le capacità rigenerative dell'ambiente. Rottura

dell'equilibrio dinamico e alterazione dei cicli naturali esistenti.

del suolo: intaccamento dell'equilibrio chimico, fisico e biologico tale da porre a rischio

− specie animali e vegetali. (erosione); (sedimentazione di acque

Fisico chimico diffuso

contaminate); (rifiuti, sostanze pericolose

chimico puntiforme

delle acque: alterazione dei cicli biologici e chimici di corpi idrici terrestri. (scoli

Idrico

− organici, chimici, termici); (afflusso idrico inquinato, materiali inquinanti, nitriti e

marino

fosfati, idrocarburi)

atmosferico: alterazione della composizione chimica dell'aria (effetto serra, piogge acide,

− buco dell'ozono)

\---> diretti (che si riscontrano subito); indiretti (che sono concatenati ad una certa causa)

effetti:

Agiscono su le tre componenti dell'ambiente: atmosfera, idrosfera e litosfera

fenomeno naturale che consiste nell'intrappolamento di una radiazione energetica

Effetto serra:

- ad opera di una membrana semi trasparente causata da conseguenze antropiche o

naturali. Il risultato è un aumento della temperatura terrestre e lo squilibrio del

clima dell'intero pianeta.

E. Lo sviluppo sostenibile e la tutela delle risorse

- Risorse naturali:

Tutto ciò che dalla realtà terrestre può essere utilizzato per soddisfare i bisogni dell'uomo. Le risorse

sono biologiche o fisiche.

Possono essere: - risorse che, utilizzate, non alterano gli equilibri dell'ecosistema.

rinnovabili,

- che superano il limite di tolleranza che permette l'equilibrio

non rinnovabili, ambientale alterandone e i processi.

- strategie di intervento per gestire in modo razionale le risorse naturali e per

Politiche ambientali: limitare l'impatto dei processi produttivi sull'ambiente. Le prime negli anni


ACQUISTATO

7 volte

PAGINE

25

PESO

171.01 KB

AUTORE

vipviper

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE APPUNTO

Riassunto di Geografia generale in cui vengono trattati tali argomenti: Geocartografia, gli ambienti naturali e antropici, cartografia e potere, lettura e interpretazione carta geografica, rappresentazione grafica ridotta, simbolica e approssimata della superficie terrestre su una superficie piana, mappamondi, planisferi.


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in scienze politiche e relazioni internazionali (POMEZIA, ROMA)
SSD:
A.A.: 2011-2012

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher vipviper di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Geografia generale e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università La Sapienza - Uniroma1 o del prof Boria Edoardo.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Corso di laurea in scienze politiche e relazioni internazionali (pomezia, roma)

Riassunto esame Storia moderna, prof. Di Rienzo, libro consigliato Le vie della modernità, Musi
Appunto
Moti del 1848 e Unità d'Italia - Sabbatucci, Vidotto
Appunto
Riassunto esame dell'esame di Storia del Risorgimento, docente Falco, libro consigliato: "Il Risorgimento e l’unificazione dell’Italia", Beales, Biagini
Appunto
Sabbatucci - Vidotto, dal 1848 alla guerra franco-prussiana
Appunto