Che materia stai cercando?

Gadda, Carlo Emilio - La scrittura

Appunti presi a lezione sul modo di scrivere di Gadda. Riferimenti alla Cognizione del dolore.
Gadda ha 5 maniere di scrittura che convivono in ogni suo libro: 1) Logico- razionale: discende dai suoi studi e dalle discipline filosofiche. 2) Umoristico-ironica: si riferisce a Charles Dickens e ad Alfredo Panzini. 3) Umoristico-seria-manzoniana: Manzoni è uno dei suoi modelli prediletti. Da... Vedi di più

Esame di Letteratura Italiana Contemporanea docente Prof. S. Tamiozzo

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

LA SCRITTURA DI GADDA

• Gadda ha 5 maniere di scrittura che convivono in ogni suo libro: 1)

Logico- razionale: discende dai suoi studi e dalle discipline filosofiche.

2) Umoristico-ironica: si riferisce a Charles Dickens e ad Alfredo Panzini.

3) Umoristico-seria-manzoniana: Manzoni è uno dei suoi modelli

prediletti. Da questo nasce il modo umoristico dei soli fatti. 4) Enfatica-

tragica: Gadda la definisce “meravigliosa seicento”, ossia il barocco, il

meraviglioso, l’accentuazione dei particolari, mirabolanti stravolgimenti

barocchi. 5) Cretina: maniera che si stabilizzza meno nel so lavoro,

puerile, omerica, che esprime ingenuità.

• Apparenza e parvenza: parole chiavi di Gadda.

• Cause e concause: altre parole topiche di Gadda, presenti in tutte le

opere.

• Ricchezza stilistica straordinaria.

• Deformazione: concetto capitale per Gadda. Deformare per Gadda vuol

dire conoscere, quando noi conosciamo introduciamo qualcosa di

esterno alla realtà. Ha un significato di aggiunta, di conoscenza, non è

negativo.

• Gadda vede le cose nei dettagli.

• Gadda ha una tendenza alla surrealtà.

• Parodia che a volte sconfina nello sarcasmo.

• Nostalgia di Gadda nei confronti di uno stato ordinato, verso un ordine

casuale dove tutti potevano convivere.

• Concezione Gaddiana della scrittura: lo scrittore è colui che

accetta una vera e propria lotta con la realtà esterna con la quale l’Io

dello scrittore si fronteggia: la realtà esterna è un groviglio caotico di

fenomeni impossibile da ordinare. Lo scrittore è colui che è consapevole

di essere comandato da cause esterne che lo circondano e lo inglobano.

E’ la fine dello scrittore autorevole, che spiega il mondo. E’ invece

consapevole di essere governato da cause esterne. E’ tremendo

scrivere: la scrittura è concepita in termini filosofici, è la più corretta

individuazione di scrittura che non deve mai diventare retorica.

• La scrittura è un modo di tentare di conoscere la realtà.

• Gadda non crede nel progresso della storia: lo scrittore non può

spiegare nulla, può solo mettere in luce qualcosa. Lo scrittore non può

affidarsi a discorsi predeterminati. L’unica realtà conoscibile attraverso

l’uso della lingua è la realtà linguistica: ogni aspetto del reale ha un suo

linguaggio che può essere tecnico o specialistico o gergale. Gadda

mescola tutti i codici e aspira a ricostruire e offrire al lettore le

innumerevoli relazioni che compongono la realtà.

• “La frammentazione dei linguaggi non è che l’espressione della

frammentazione caotica della realtà”, dice Luperini. La realtà per Gadda

non può essere rappresentata con uno stile unico.

• Crisi delle ideologie totalizzanti, crisi di interpretare il mondo in modo

unitario.

• Gadda usa il “pastiche”: opera non originale, copiatura di testi originali,

imitazione. Anche in musica esisteva il pastiche, è un’opera che


PAGINE

2

PESO

31.59 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE APPUNTO

Appunti presi a lezione sul modo di scrivere di Gadda. Riferimenti alla Cognizione del dolore.
Gadda ha 5 maniere di scrittura che convivono in ogni suo libro: 1) Logico- razionale: discende dai suoi studi e dalle discipline filosofiche. 2) Umoristico-ironica: si riferisce a Charles Dickens e ad Alfredo Panzini. 3) Umoristico-seria-manzoniana: Manzoni è uno dei suoi modelli prediletti. Da questo nasce il modo umoristico dei soli fatti. 4) Enfatica-tragica: Gadda la definisce “meravigliosa seicento”, ossia il barocco, il meraviglioso, l’accentuazione dei particolari, mirabolanti stravolgimenti barocchi. 5) Cretina: maniera che si stabilizzza meno nel suo lavoro, puerile, omerica, che esprime ingenuità.


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in lingue e civiltà moderne e contemporanee
SSD:
A.A.: 2012-2013

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher emmebivenezia di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Letteratura Italiana Contemporanea e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Ca' Foscari Venezia - Unive o del prof Tamiozzo Silvana.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Letteratura italiana contemporanea

Gadda, Carlo Emilio - La cognizione del dolore, struttura dell'opera
Appunto
Gadda, Carlo Emilio - La cognizione del dolore e altre opere
Appunto
Gadda, Carlo Emilio - La vita
Appunto
Riassunto esame Letteratura Spagnola, prof. Rigobon, libro consigliato Soldati di Salamina, Cercas
Appunto