Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Attaccamento

E’ la tendenza del bambino a cercare l’intimità con particolari persone e

sentirsi piu sicuro in loro presenza. Esso può essere valutato nell’età tra i 12 e 18

mesi con la “Strange Situation” di Mary Answorth consistente in una serie di episodi

d’osservazione del bambino quando la figura primaria (caregiver) lascia la stanza e poi

vi fa ritorno. Nel corso della sequenza il bambino è osservato con parecchie

osservazioni che vengono registrate. Esso si divide in:

• Sicuro

I bambini cercano di interagire con la madre quando

o ritorna

• Insicuro

Evitante

o I bambini ignorano quasi del tutto il ritorno della

 madre, spesso possono notare l’assenza di

essa.

Ambivalente

o Quando dimostrano episodi di resistenza alla

 madre congiuntamente ad episodi di riunione

• Disorganizzato

I bambini che non presentano alcun margine di

o attaccamento ma manifestano comportamenti

contraddittori

Apprendimento

L’apprendimento è la capacità dell’individuo di adattarsi all’ambiente.

Non esiste apprendimento senza memoria e viceversa (Kandel)

L’apprendimento puo essere diviso in :

• Associativo

C.Classico

o Relazione fra stimolo e risposta

C.Operante

o Cerca di valutare gli effetti che la risposta ha sull’ambiente. E’

 stato valutato da Skinner ma analizzato da Thordicke che postula

la cosiddetta “legge dell’esercizio” (un animale studiato ha +

probabilità nell’emettere una risposta se l’effetto dell’azione

precedente è stato positivo – se una ricompensa segue

immediatamente uno dei comportamenti effettuati

l’apprendimento dell’azione in questione è rinforzato) e la “legge

dell’effetto” (nel c.operante la legge seleziona in una serie di

risposte a caso solo quelle che provocano conseguenze positive)

Apprendimento Latente (Tolmann)

o Anche se un comportamento non viene emesso, può essere

 ugualmente appreso.

Mappa cognitiva : Tolmann affermava come a capacità del ratto di

 percorrere un labirinto complesso non era dovuta solo ed

esclusivamente all’apprendimento di una serie di risposte ma alla

creazione di una mappa cognitiva, cioè una rappresentazione

mentale del tracciato del labirinto.

• Non associativo

E’ l’apprendimento che riguarda la cosiddetta “aplysya”, relativo a un

o singolo stimolo e include

Abituazione

 • E’ un tipo di apprendimento non associativo caratterizzato

dalla riduzione di una risposta comportamentale ad uno

stimolo innoquo

Riduzione progressiva della risposta comportamentale ad

uno stimolo innoquo.

Sensibilizzazione

 • Un aumento della risposta comportamentale ad uno stimolo

nocivo.

Memoria (capacità di ricordare info a breve e a lungo termine)

Essa si suddivide :

• Memoria Sensoriale

Rileva le informazioni derivanti dall’ambiente esterno. Noi raccogliamo soltanto

le informazioni su cui poniamo attenzione grazie alla capacità di

discriminazione attentiva. E dura da pochi millisecondi . Abbiamo span specifici

di apprendimento che possiamo migliorare con delle strategie.

• Memoria a breve termine

Attivazione della corteccia prefrontale.

Possiamo distinguere:

Buffer episodico

o Taccuino visuospaziale → lavagna mentale

o Loop articolatorio → Reiterazione subvocalica

o Esecutivo Centrale

o Memoria di lavoro

Altro non è che la memoria a breve termine. Baddley la definisce come:

<< un sistema atto a trattenere temporaneamente ed elaborare

l’informazione >>

Anche la memoria di lavoro è costituita da diverse parti:

Esecutivo centrale

Ha una funzione di controllo, considerando le informazioni attentive.

Selezionare le informazioni rilevanti tralasciando ed inibendo quelle

irrilevanti , dividendo l’attenzione → Sviluppo cognitivo scolare → Inibizione

Loop articolatorio

Esso si occupa dell’informazione verbale. Esso è composto da:

Magazzino fonologico

o Processo di reiterazione

o

Taccuino visuo-spaziale

Alla base dell’apprendimento è fondamentale tale componente .

Gli esperimenti piu famosi sono legati alla facoltà cognitiva di svolgere due

compiti contemporaneamente.

Nel caso in cui il compito fosse inerente a 2 prove di natura diversa la

prestazione migliora

Nel caso in cui il compito fosse inerente a 2 prove di natura simile la

prestazione peggiora

Alla base della memorizzazione c’è la reiterazione sub vocalica * strategia che, se

impedita, incide direttamente sulla memoria che invece normalmente da breve

termine passa a lungo termine.

Baddley avanzò un’altra teoria circa un processo di interazione tra Loop

Articolatorio e Taccuino Centrale , cioè la teorizzazione del processo inverso a

quello del normale apprendimento, quello del recupero

dell’informazione.

Episodic Buffer:

Si aggiunge una nuova componente al fine di superare i limiti posti precedentemente.

E’ una capacità limitata . La memoria episodica cosi definita posiziona in maniera

precisa nel tempo e nello spazio determinati eventi, generando una certa complessità

dei ricordi. Funge da connessione temporanea e da punto di raccordo tra Loop

Articolatorio e Taccuino Centrale, integrando i diversi formati delle due

componenti. Tale capacità però incidendo particolarmente sull’ambito

emotivo-relazionale tende a consolidarsi nella memoria a lungo termine

Effetto primacy : Ricordiamo i primi elementi appresi di una serie

Effetto recency: Ricordiamo gli ultimi elementi appresi di una serie

Grazie la “reiterazione “ avviene il passaggio della traccia mnestica dalla mbt alla mlt.

Reiterazione = ippocampo (fissazione)

MBT (c.prefrontale)

MLT (aree associative) Quando la memoria ci inganna

Abbiamo memoria esplicita o dichiarativa (emisfero destro).

Accesso consapevole alle informazioni. Si distingue in :

• Episodica

Recupero di informazioni collegate nello spazio e nel tempo

o

• Semantica

Significato dell’evento (la grammatica)

o

• Prospettica

Riguarda i progetti futuri

o

Una memoria implicita invece riguarda le conoscenze e le abilità che non necessitano

di un accesso cosciente , e porta all’attivazione dell’emisfero sinistro e coinvolge la

memoria:

• Procedurale


ACQUISTATO

2 volte

PAGINE

11

PESO

41.36 KB

AUTORE

domgior

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in Scienze e tecniche psicologiche
SSD:
Università: Messina - Unime
A.A.: 2014-2015

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher domgior di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Fondamenti di psicologia generale e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Messina - Unime o del prof Velardi Andrea.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Fondamenti di psicologia generale

Riassunto esame Fondamenti di psicologia generale, prof. Velardi, libro consigliato Psicologia dinamica. Dalla psicoanalisi freudiana alle neuroscienze
Appunto
Riassunto esame Fondamenti di psicologia generale, prof. Velardi, libro consigliato Introduzione alla psicologia, Atkinson, Hilg
Appunto
"Il cuore ha le sue ragioni che la ragione non conosce" - ricerca correlazionale tra disimpegno morale e vicinanza sociale
Tesi
Progetto emozioni
Esercitazione