Che materia stai cercando?

Fisiologia e biofisica - respirazione Appunti scolastici Premium

Appunti di Fisiologia e biofisica del professor Brizzi sulla respirazione e sui seguenti argomenti: le leggi dei gas applicate al nostro sistema, l'aria, legge di Henry, legge di Dalton, sistema respiratorio, il polmone, il diaframma, capacità vitale, capacità polmonare, capacità... Vedi di più

Esame di Fisiologia e Biofisica docente Prof. G. Brizzi

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

FISIOLOGIA (14/11/06) prof. Brizzi Russo Carlo

Decima lezione: “Respirazione”

Prima di iniziare a parlare di respirazione nel senso specifico, dobbiamo per forza ricordare che cosa noi respiriamo:

aria, cioè utilizziamo una miscela di gas. Capiamo anche l’importanza delle leggi dei gas applicate al nostro

sistema. Prima di tutto dobbiamo dire che c’è una pressione atmosferica, cioè l’aria pesa ed è chiaro che questo peso

è maggiore sulla superficie che non su una montagna, perché c’è meno aria. Quindi man mano che saliamo la

pressione che esercita l’aria tende a diminuire; questo perché qui in superficie le molecole dell’aria sostanzialmente

sono più vicine tra di loro e si urtano di più; infatti si dice che in montagna l’aria è rarefatta, cioè le molecole sono

più lontane tra di loro e la possibilità che si urtano è minore. Le scorse lezioni dicemmo anche come è fatta l’aria: l’

80% circa di azoto, il 20% circa di ossigeno e l’anidride carbonica è quasi assente salvo inquinamenti e altre cose.

Quindi non è fatta di ossigeno, ma, praticamente, è tutta azoto, l’ossigeno è poco; anzi di per se l’ossigeno è un gas

che non favorisce la respirazione, ma inibisce la respirazione: se ce ne è troppo io iperventilo di meno, respiro di

meno, e non c’è il tempo per la regolazione della pressione. Questo gas è importante per la respirazione

mitocondriale, ma il problema è: come ci arriva l’ossigeno al livello dei mitocondri? Deve arrivare da fuori

attraverso un sistema respiratorio e poi attraverso il sangue con un percorso lungo e abbastanza complesso. Noi

abbiamo dei gas e rispondiamo alle leggi fisiche di base, ma nel sangue non c’è l’aria; la maggior parte dei gas li

troviamo legati a qualche cosa. I gas per arrivare nella cellula devono entrare nel sangue, devono essere trasportati e

poi arrivano nella cellula. Ma nel sangue possono esistere i gas come tali? Noi non possiamo iniettare aria in un

paziente, si verrebbero a creare gli emboli che bloccano il sistema circolatorio. Quindi nel sangue i gas non devono

esistere come tali.

Partiamo dalle leggi della fisica di base: Boyle-Mariotte, Gay-Lussac, Henry, Dalton… Se nell‘apparato respiratorio

entra dell’ aria, essa risponde a queste leggi: cioè il volume del polmone e la pressione rispondono sempre a queste

leggi. Partiamo dalla legge di Henry: ad una data temperatura,un gas si scioglie in un liquido in modo direttamente

proporzionale alla pressione che viene esercitata, e la domanda è: come si scioglie un gas in un liquido? Se la sera

lasciamo in un bicchiere dell’ acqua, la mattina troviamo delle bollicine sulle pareti, che non sono altro che aria la

quale dall’esterno è entrata nel liquido in base alla pressione atmosferica (infatti in montagna si faranno meno

bollicine, a causa della minor pressione dell’aria). La legge di Henry dipende anche dal coefficiente di solubilità dei

gas, cioè per l’ossigeno, l’azoto, l’anidride carbonica alla stessa pressione si scioglie la stessa quantità di gas o no?

Quale gas si scioglie più facilmente nei liquidi? Noi sappiamo che l’anidride carbonica si scioglie molto più

facilmente dell’ossigeno. Poi c’è la legge di Dalton, la pressione totale esercitata da una miscela di gas è uguale alla

somma delle pressioni che sarebbero esercitate dai gas se fossero presenti da soli in eguale volume; cioè l’aria è una

miscela di gas e il totale della pressione dell’aria a livello del mare è 706 mm/hg (1 atm); ma quanto di questa

pressione totale è dovuta all’azoto, quanto all’ossigeno? Se l’ossigeno è il 20% basta fare il 20% del totale e so la

quantità di questo gas. Questo vale anche per gli altri gas. Se la pressione atmosferica cambia (ad esempio 700

mm/hg) bisogna rifare i calcoli e le pressioni parziali cambieranno.

L’aria deve entrare nel nostro sistema respiratorio, che fisiologicamente ha dei problemi: è un sistema aperto

essendo comunicante con l’esterno ed è diverso dal sistema circolatorio , che è un sistema chiuso con un senso.

Esso utilizza la stessa strada per far entrare ed uscire l’aria, quindi ci vuole un regolatore: bisogna prima attivare

l’inspirazione, per poi bloccarla, e poi attivare l’espirazione. Prima di tutto gli scambi gassosi avvengono a livello

alveolare perché là la parete è più sottile; affinché l’aria entri nel sistema, si deve creare una differenza di pressione

nell’apparato toraco-polmonare, cioè una diminuzione di pressione con un aumento di volume. Ciò avviene grazie

ai muscoli respiratori. Ma come fa il polmone a seguire i movimenti della gabbia toracica? Il polmone è di natura

elastica, e se il torace si espande anche il polmone si espande grazie alle pleure. Innanzitutto il circolo respiratorio è

fatto di due fasi: una inspiratoria e una espiratoria. A riposo noi facciamo circa 15/18 atti respiratori al minuto,

ognuno dei quali dura 2/3 secondi. I muscoli inspiratori, che possono far aumentare il volume del torace sono gli

intercostali interni (che, contraendosi, avvicinano le coste), i pettorali (che, contraendosi, portano avanti le coste), il

deltoide, gli scaleni… Gli intercostali sono muscoli piccoli e non hanno la possibilità di per sè di sviluppare una

grossa potenza, però questo è vero solo se considerati singolarmente, bisogna infatti vederli nel complesso. L’

inspirazione aumenta tutti e tre gli assi del torace (in altezza, in avanti e in dietro, in modo trasversale). Un altro

muscolo inspiratorio è lo sternocleidomastoideo, che aiuta nel sollevamento dello sterno ed agisce soprattutto nelle

grosse inspirazioni. Anche il diaframma interviene in questo processo; esso è formato da due semicupole, aderisce

all’interno della gabbia toracica ed ha un tendine situato centralmente che si attacca in alto al mediastino. Il

diaframma entra in funzione anche nella espirazione: nella contrazione (inspirazione) si “abbassa”, cioè si

appiattisce e le semicupole tendono a scomparire; però se è attaccato in alto, come fa a scendere giù? Dovrebbe

1


PAGINE

2

PESO

26.53 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE APPUNTO

Appunti di Fisiologia e biofisica del professor Brizzi sulla respirazione e sui seguenti argomenti: le leggi dei gas applicate al nostro sistema, l'aria, legge di Henry, legge di Dalton, sistema respiratorio, il polmone, il diaframma, capacità vitale, capacità polmonare, capacità funzionale residua.


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in medicina e chirurgia (ordinamento U.E. - durata 6 anni) (CASERTA, NAPOLI)
SSD:
Docente: Brizzi G.
A.A.: 2013-2014

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher valeria0186 di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Fisiologia e Biofisica e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Seconda Università di Napoli SUN - Unina2 o del prof Brizzi G..

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Fisiologia e biofisica

Fisiologia e biofisica - la memoria
Appunto
Fisiologia e biofisica - vasi sanguigni
Appunto
Fisiologia e biofisica - circolazione sanguigna
Appunto
Fisiologia  e biofisica - recettori tattili, termici, dolorifici
Appunto