Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

La maggior parte rimane,ma in altre condizioni come ad esempio una corsa ne consumiamo di

più,quindi questi 15 ml rappresentano la nostra riserva funzionale. E´ come il grasso che risulta

essere una riserva energetica.

Infatti dopo un´oretta dalla nostra digestione,nella vostra urina ci sarà glucosio? Stiamo parlando di

condizioni normali. Non trovo nell´urina il glucosio,ma viene trasformato in grasso perché il nostro

metabolismo è primitivo.(Non so quando mangerò, quindi il mio corpo risponde attuando una

riserva energetica).

Tornando alla respirazione,durante la inspirazione e durante l´inspirazione,voglio capire come

cambia la pressione intrapleurica, transpolmonare, la variazione del polso d´aria, la variazione della

pressione alveolare e pleurica,il volume polmonare. Osserviamo il grafico (pag 442 Guyton) questo

mi descrive la pressione transpolmonare cioè la differenza tra la pressione alveolare e pleurica.

Metto in parallelo 3-4 parametri;questo è il volume corrente nella respirazione tranquilla che stiamo

facendo,0.5 l in espirazione -inspirazione.

Nel momento in cui inspiriamo, cioè facciamo entrare una certa quantità di aria, valtiamo la

pressione intrapleurica.

Questa risulta essere circa 5-6 mmHg in meno rispetto alla pressione che c´è fuori. Ma perché si

crea a quel livello questa depressione,detta depressone intrapleurica, negativa. (Negativa non perché

ha un valore negativo, ma perché risulta essere negativa rispetto all´esterno.)

In base alla meccanica respiratoria, i muscoli inspiratori aumentano i diametri toracici,quindi

diminuiscono la pressione interna. Alla fine della inspirazione da -5mmHg,la pressione

intrapleurica risulta essere -7,-8 mmHg in meno;avrà quindi un valore più basso.

Facciamo un esempio:Un medico mette un ago tra le coste per andare nello spazio pleurico. Per

accorgersi se si trova nello spazio pleurico,necessita di silenzio attorno a sé perché deve sentire un

flusso d´aria che entra dall´esterno in questo spazio. Questo ci dimostra ulteriormente che la

pressione all´esterno è maggiore di quella interna.

I due foglietti pleurici come sono disposti?

Quello parietale aderisce alla superficie interna intercostale poi ripiegandosi riveste il polmone

descrivendosi come pleura viscerale.

Da una parte abbiamo le coste che tendono ad allargare la gabbia toracica, dall´altra parte abbiamo

la pleura parietale che segue il movimento delle coste.

Il liquido pleurico è molto viscoso tanto da definirsi come una cola pleurica. Abbiamo visto che la

gabbia toracica si espande,le coste si portano la pleura parietale mentre il liquido viscoso,il liquido

pleurico,tende a trascinare con sé la pleura viscerale e il polmone.

Il liquido pleurico,quindi,si comporta come una colla liquida.

Ora cerchiamo di spiegare perché abbiamo questa pressione negativa.

La tendenza reale del polmone è quella di restringersi,non di espandersi;si espande solo se viene

tirato.

Il polmone,al contrario di quanto viene detto nel libro di anatomia,non è da paragonarsi a una

spugna. Quindi,la gabbia toracica si espande,il polmone ha la tendenza a restringersi,ma la colla

permette che queste due strutture non si allontanano.

Le pareti delle due membrane sono in tensione;è come se due porte tendono a allontanare il

foglietto pleurico e per questa ragione abbiamo questo valore negativo di -4,-5mmHg. Se io faccio

una massima inspirazione,questo valore arriva a -15 mmHg.

Domanda: La forza elastica è più grande quando il polmone è piccolo o stirato?Stirato. Quindi più

inspiro e più la forza di ritorno del polmone aumenta sempre più.

Ad opera della forza muscolare i due foglietti dovrebbero scollarsi,ma non si scollano perché al

centro hanno una forza che li tiene uniti. Durante una massima inspirazione la forza di ritorno

elastica polmonare è anche quella temporale perché anche le coste hanno una forza di ritorno

3

elastico;infatti se noi tagliamo le inserzioni costali queste escono fuori. La tendenza delle coste (se

le taglio)è quella di andare fuori.

Superata la massima inspirazione, arrivati in un certo limite la costa va in tensione e ritorna per

effetto della sua elasticità.

L´atto inspiratorio rispetto a quello espiratorio è più attivo. Infatti durante l´espirazione basta

togliere la "corrente"ai muscoli inspiratori. L´espirazione quindi è poco attiva tranne se è forzata.

Per attuare una espirazione possiamo fare due cose:o viene bloccata l´inspirazione e attivata

l´espirazione, ma basterà anche soltanto bloccare l´inspirazione e con questo sistema risparmio

energia. Questa strategia la riscontriamo anche per quanto concerne il sistema simpatico e

parasimapatico e in alcuni meccanismi del sistema nervoso centrale. A volte è più conveniente

abbassare il livello di quello attivo in modo che il meccanismo opposto si trovi a un livello più

elevato. Questo lo valutiamo sia nel simpatico-parasimpatico e sia nella respirazione.

Quel è il corpo elastico ideale? Quel sistema in cui aumenta la forza e in modo proporzionale

aumenta la lunghezza. Il nostro sistema, cioè il polmone,non è un corpo elastico ideale perché ci

sono forze di attrito e altre cose.

Però la stessa legge di Hooke mi dice che a un certo stato diventa costante,stato in cui il sistema si

rompe e non ha più ritorno elastico. Se io allungo molto il polmone,le fibre elastiche si rompono e

rimane disteso come in alcune patologie. In queste condizioni,il polmone si espande,me il paziente

deve svolgere una forza maggiore durante l´espirazione. E´ più facile far entrare l´aria nei polmoni

(inspirazione),dal momento in cui l´espirazione è dovuta al ritorno elastico dei polmoni. Un

paziente con enfisema a cui si sono rotte le fibre elastiche, farà più fatica durante l´espirazione, il

cuore ne soffrirà maggiormente perché dovrà consumare più energia.

Nel momento in cui diminuisce la pressione intrapleurica il flusso d´aria varia.

Il flusso d´aria all´inizio dell´inspiarazione è 0, poi successivamente raggiunge il massimo e alla

fine dell´inspiarazione diventa 0.

Tra inspiarazione e espirazione il flusso d´aria diventa 0. (Quando voi dovete fare la retromarcia,

prima mettete a folle e dopo mettete la marcia). Il flusso deve diventare prima 0, poi si inverte ad

opera delle forze meccaniche. Durante l´inspirazione la pressione alveolare diminuisce perché la

parete diventa più grande, nella espirazione l´alveolo diventa più piccolo e la pressione aumenta.

LIQUIDO PLEURICO

Ha una alta viscosità,è quasi solido ed è un film di liquido di 1,2 mm. Ma questo liquido da cosa è

stato prodotto e dove va? Logicamente questo liquido non rimane fermo,ma per esserci un

movimento deve esserci un gradiente presso rio.

L´irrorazione della pleura parietale e viscerale da quali rami è definita?

Per la pleura parietale da rami dell´aorta e quindi da una zona ad alta pressione. Il gradiente a livello

dei capillari tende a fare trasudare il liquido nello spazio pleurico.

La pleura viscerale trae la sua irrorazione da quella polmonare;quindi nell´aorta abbiamo una

pressione di 25 mmHg ,nell´aorta è di 120,130 mmHg.

A livello polmonare l´uscita è di 10,15 mmHg quindi il ?P è di 10,15 mmHg circa.

Il ? P a del sistema generale è grande,quello del sistema polmonare di meno. Sono due sistemi

analoghi ma a diversa pressione.

Nella pleura viscerale la pressione è minore,quindi il liquido pleurico tende ad andare verso il

sangue,Si stabilisce così un sistema di drenaggio di questo liquido che da una parte entra(prodotto

4


PAGINE

5

PESO

36.51 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in medicina e chirurgia (ordinamento U.E. - durata 6 anni) (CASERTA, NAPOLI)
SSD:
Docente: Brizzi G.
A.A.: 2013-2014

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher valeria0186 di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Fisiologia e Biofisica e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Seconda Università di Napoli SUN - Unina2 o del prof Brizzi G..

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Fisiologia e biofisica

Fisiologia e biofisica - la memoria
Appunto
Fisiologia e biofisica - vasi sanguigni
Appunto
Fisiologia e biofisica - circolazione sanguigna
Appunto
Fisiologia  e biofisica - recettori tattili, termici, dolorifici
Appunto