Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

espresse  tramite  enuncia6,  ma  sono  ricavate  dall’uso  che  vien  fa'o  di  tale  termine.

 

LE  DEFINIZIONI  LEGISLATIVE

L’uso   di   definizioni   nella   legge   è   un   espediente   che   serve   a   circoscrivere   la  

discrezionalità  interpreta6va,  ma  nessuna  definizione   può  mai  riuscire  ad  eliminare  del  

tu'o  la   libertà  dell’interprete:  infaX,  in  primo  luogo  anche  gli   enuncia6   definitori  vanno  

a   loro  volta  interpreta6,  e,  in  secondo  luogo,  un  diri'o  non  può  ovviamente  definire  tuX  

i  termini  che  adopera.

L’interprete  che  voglia  essere  coerentemente  fedele  a  un  diri'o  è  tenuto  ad  a'ribuire  

alle  espressioni  giuridiche  in  cui  si   imba'e  il  significato  conferito  in  modo  esplicito  ad  

esse  dalle  definizioni,  oppure  ad  adeguarsi  al  significato  non  esplicitamente  indicato  ma  

cmq  rilevabile  senza  incertezze  negli  enuncia6  norma6vi  giuridici.

Tu'avia,  nella   cultura  giuridica  del  con6nente,  si   è   sviluppata  una  do'rina  che  ri6ene  

che   l’aXvità   definitoria   sia   di   per6nenza   esclusiva   della   scienza   giuridica   e     non   del  

legislatore   (il   cui   compito   consisterebbe   solamente   nell’emanare   prescrizioni   di  

condo'a).   Formulando   definizioni,   egli   compie   un’intrusione  nel   territorio  del   giurista,  

pertanto  quest’ul6mo  non  può  considerarsi  vincolato  da  tali  definizioni.

La   filosofia   anali6ca,   però,   smen6sce   questa   argomentazione:   definendo   i   termini  

adopera6   il   legislatore   non   teorizza,   bensì   prescrive   all’interprete   che   tali   termini  

vadano  intesi  nel  modo  indicato.  

Le   definizioni   legisla6ve,   quindi,   sono   norme   come   tu'e   le   altre,   o   meglio   sono  

frammen6  di  norme  che  acquistano  senso  prescriXvo  in  connessione  con  altre  norme  in  

cui  il  termine  definito  compare.

 

 

CONCETTI  GIURIDICI

Sono  considera6  termini  giuridici  o:

-­‐ I  termini  tecnici,  peculiari  del  linguaggio  giuridico  (es.  usucapione,  peculato);

-­‐ I   termini   appartenen6   al   linguaggio   ordinario,   ma   ridefini6   dal   diri'o   (es.  

possesso,  persona,  beni).

 

Vi  sono  due  tesi  riguardo  al  conce'o  giuridico:

1. TESI   RIDUZIONISTA_   che   ri6ene   che   i   conceX   giuridici   siano   riducibili   a  

rappresentazioni  di  faX  od  oggeX;

2. TESI   NON   RIDUZIONISTA_   che   ri6ene   che   il   significato   dei   termini   giuridici   sia  

inestricabilmente   connesso   con   le   norme   giuridiche;   termini,   cioè,   la   cui   definizione  

deve  necessariamente  includere  un  richiamo  a  norme.

 

Dis6nguiamo,  poi,  tra:

CONCETTI   FATTUALI:   sono   quelli   che   designano   cose   o   proprietà   di   puro   fa'o,  

individuabili  indipendentemente  da  ogni  riferimento  alle  norme  giuridiche;

CONCETTI   NORMATIVI:   sono   quelli   che   designano   faX   qualifica6   da   norme   giuridiche  

(come  negozio  giuridico,  proprietà,  persona  giuridica).

 

La   qualificazione  giuridica   è   la   relazione  tra   una  norma  giuridica   e   la   materia   da   essa  

regolata.

Le   qualificazioni   giuridiche   dei   comportamen6   vengono   de'e   modalità   giuridiche   e  

possono  essere  operate  sia  da  norme  di  condo'a  che  da  norme  di  competenza.

Le   norme   di   condo'a   qualificano   comportamen6   privi   di   effeX   norma6vi,   mentre   le  

norme  di  competenza  qualificano  comportamen6  che  hanno  effeX  norma6vi.

 

 

DIRITTO  SOGGETTIVO

La   prima   basilare   ques6one   che   il   teorico   del   diri'o   deve   affrontare   è   se   i   diriX  

soggeXvi  giuridici  vengano  prima  del  diri'o  posi6vo  o  vengano  dopo  di  esso.

A  tal  proposito  vi  sono  due  tesi  contrapposte:

 

-­‐ Il   giusnaturalismo   afferma   che   esistono   alcuni   diriX   (i   diriX   naturali)   che   gli  

uomini  posseggono  per  il  solo  fa'o  di  esistere,  e  che  sono  inalienabili;  il  diri'o  naturale  

è  elemento  cos6tu6vo  del  conce'o  di  persona  e  circonda  l’individuo  di  una  protezione  

assoluta.  Le  leggi   posi6ve  devono  riconoscere  e   tutelare  i   diriX   soggeXvi  naturali,  e,  se  

non  lo  fanno,  non  possono  essere  considerate  valide.  Perciò  il  diri'o  posi6vo,  per  essere  

davvero  tale  e  degno  di  obbedienza,  deve  incorporare  tali  diriX  preesisten6.

 

-­‐ Il  giusposi6vismo,  invece,  afferma  che  i  diriX  naturali  non   sono  oggeX  realmente  

esisten6,   e   l’a'ribuzione   di   valori   agli   individui   ha   cara'ere   cos6tu6vo   e   non  

ricogni6vo.   Viene   so'olineata   la   separazione   del   diri'o   dalla   morale:   così,   un   diri'o  

posi6vo  deve  con6nuare  ad   essere   considerato  tale  anche   se  nega   i  diriX  naturali   degli  

individui.   Il   conce'o   di   diri'o   soggeXvo,   quindi,   dipende   interamente   dal   diri'o  

posi6vo,   e   sono   diriX   soggeXvi   giuridici   tuX   e   solo   quelli   che   il   diri'o   soggeXvo  

considera  tali:  è  il  diri'o  posi6vo  che  crea  i  diriX  soggeXvi  e  non  viceversa.

 

 

 

Secondo  Hohfeld  il  diri'o  soggeXvo  viene  adoperato  per  designare   almeno   4   situazioni  

soggeXve  differen6:

1. Pretese

2. Privilegi  (o  libertà  o  permessi)

3. Competenze

4. Immunità.

Questa   analisi   ha,   però,   esi6   distruXvi   nei   confron6   della   convinzione,   ancora  

persistente,   che   sia   possibile   tra'are   il   conce'o   di   diri'o   soggeXvo   come   una  

categoria  generale  e  unitaria.

In   realtà   la   nozione  di   diri'o   soggeXvo  ha   una   debole  capacità   di   iden6ficare   precise  

situazioni  giuridiche  in  modo  univoco.


ACQUISTATO

3 volte

PAGINE

8

PESO

75.75 KB

AUTORE

luca d.

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in giurisprudenza
SSD:
Università: Bergamo - Unibg
A.A.: 2009-2010

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher luca d. di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Filosofia del diritto e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Bergamo - Unibg o del prof Tincani Persio.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Filosofia del diritto

Lineamenti di dottrina pura del diritto, Kelsen - Appunti
Appunto
Riassunto esame diritto romano, docente Antonio Banfi, libro consigliato "Acerrima Indago", Banfi
Appunto
Deontologia Forense
Appunto
Diritto Costituzionale
Appunto