Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

ie. *t > > germ. *ð

θ

ie. *pətér germ. *faðer

gr. patér got. fadar (<d> = /ð/)

scr. pitár aisl. faðir,

ags. fæder

Legge di Verner

ie. k > x > germ. * γ

ie. *swekrú́ - “suocera” germ. *sweγur

scr. svasrú ags. sweger, aat. swigur

La legge di Verner

bis

La Legge di Verner non riguarda SOLO le

occlusive sorde indoeuropee (p, t, k),

ma ANCHE la sibilante sorda [s], che era l’unica

fricativa dell’indoeuropeo.

Legge di Verner

riguarda p, t, k, s

SE

1) Il fono ie. si trova in AMBIENTE SONORO

2) L’accento NON CADE sulla sillaba

IMMEDIATAMENTE precedente

ALLORA i foni ie. diventano

[ ]

 

fricative sonore ð z

Fricativa sorda ie. > Fricativa sonora germ.

ie. *s > germ. * z

̀ germ. *snuzō

ie. *snusá “nuora” germ. sett. e occ. z>r

scr. snusá aisl. snor, snør

ags. snoru

aat. snura

Esito di p, t, k, (+s) indoeuropee

Un fenomeno, tante conseguenze

-svilu ppi successivi-

Fenomeni connessi alla Legge di Verner

• Il Rotacismo

• L’alternanza grammaticale

Rotacismo

germ. sett. e occ. z>r

• Nel germ. settentrionale e occidentale la

sibilante sonora germ. *z diventa r; questo

passaggio, ugualmente connesso con la

legge di Verner, è detto rotacismo.

germ. *snuzō, aisl. snor, snør, ags. snoru, aat.

snura

Alternanza grammaticale

• In corrispondenza delle occlusive sorde (+ spirante

sorda) indoeuropee si potranno avere in germanico

delle fricative sorde o sonore a seconda di come

cadeva l’accento indoeuropeo.

• Quando questa alternanza fricativa sorda/ fricativa

sonora si verifica in parole etimologicamente

affini, come ad es. nel paradigma dei verbi forti,

parliamo di alternanza grammaticale.

Alternanza Grammaticale

• *werþo

• vàrtami “io divengo”

• *uèrto • *warþa “io ero divenuto”

• vavàrta

• *(ue)uórta “noi eravamo divenuti”

• *wurðumī

• vavrtimà

• *(ue)urtmé “divenuto”

• *wurðanaz

• vrtanàh

• *urtonós germ.

antico ind.

ie. Esito occlusive indoeuropee in germanico

w w

1) p t k k > f x x

 w/

> ð

  

w w

2) b d g g > p t k k

w w/ w

3) bh dh gh g h > ð/d g

/b /g 

Alternanza grammaticale nei verbi forti

• ata. quedan- quad- quatum- giquetan

• germ. *keusan - *kaus - *kuzum -*kuzunaz

• ata. kiosan- kos- kurum- gikoran

• ags. céosan- ceas- curon- coren

• germ. *weasa -*was -*wēzum --

• ata. wesan- was- warum- giwesan

• ags. wesan -was- w ron--

ǣ

Alternanza grammaticale in sost. e agg.

Sost. e agg. germ. derivati da una stessa radice ie.

*snīþana(n)

• germ. “tagliare”, *sniðilaz “falce”,

*snaiðō “ramo”

• ie. *dhàutus, germ. *dauþus (sost.) “morte” -

ie. *dhautòs, germ. *dauðaz (agg.)“morto”

VOCALISMO

esito delle sonanti ie.

• ie. r > germ. ur (ie. *mrtrom “morte, uccisione”,

ata. murdreo, ags. morðor)

u

• ie. l > germ. ul (ie. *ulq os “lupo”, got. wulfs, ags.

wulf, as. wulf, ata. wolf) u

• ie. m > germ. um (ie. *g mtis, got. ga-qumþs

“incontro”)

• ie. n > germ. ur (ie. * mntis “pensiero”, got. ga-

munds, ags. mynd, ata. gimunt “ricordo”)

Esito delle vocali indoueropee

Riduzione delle vocali indoeuropee

VOCALI BREVI

indoeuropeo > germanico

a, o, ə > a

• ie. *agros > got. akrs, ata. ackar

• ie. *oktō > got. ahtau, ata. ahto

• ie. *por “viaggiare” > got.,ags., ata.faran

• ie. pəter > got. fadar, aisl. faðer

VOCALI LUNGHE

indoeuropeo > germanico

ā, ō > ō

• ie. *bhrāter > got. broþar, aisl. brōðer, ags. brōðor,

ata. bruoder

• ie. *māter> aisl. mōðer, ags. mōdor, as. mōdar.

• ie. *bhlō “fiorire” > got. blōma, ata. bluomo

• ie. *plō “scorrere” > got. flōdus, aisl. flōð, ags. flōd,

ata. flōt, fluot

Innovazioni morfologiche: il sostantivo

ie. > germ.

• genere: •genere:

animato/inanimato maschile, femminile,

neutro

•numero:

• numero: singolare, plurale, (tracce

singolare, plurale, duale di duale)

4 casi:

• 8 casi: nom., acc., gen., dat.,

nom. voc., acc., gen., (+tracce di loc. e strum.)

dat., abl., loc., strum.

elementi costituitivi della parola

gast-i-z

• germ. * desinenza distingue: genere, numero

e caso

radice suffisso tematico

esprime il >> ha diverse funzioni (es.:

significato di dice la classe di appartenenza

base della del sostantivo e il tipo di

parola declinazione)

tema

classi tematiche del sostantivo

germanico (coincidono in parte con quelle ie. )

in base al suffisso tematico i sostantivi germ. si

distinguono in:

• temi vocalici (sostantivi “forti”)

• temi consonantici (sostantivi “deboli”)

esempi di sostantivi forti germ.

• -a-: masch: *dagaz, *akraz “campo”, *wiraz “uomo”,

neut.: *wurða(n) “parola”

• -o-: fem.: *geƀō “dono”, *erþō “terra”, *þeuðō “popolo”

• -i-: masch.: *gastiz,

neut.: *mari “mare, lago”,

fem.: *mahtiz “potenza”, *skulðiz, *tīðiz “tempo”

flōðuz

• -u-: masch.: *sunuz, *dauþuz “morte”, “flutto,

marea”, *tunþuz “dente”;

neut.: *fehu;

fem.: *handuz

esempi di sostantivi deboli germ.

• -n-: masch.: *hanōn “gallo”, *naman- “nome”

neut.: *hertan “cuore”, *augan- “occhio”

• -r-: *brōþar, *faðer, *mōðēr

• -nd-: *fijand- “nemico”, *frijōnd- “amico”

Doppia declinazione degli aggettivi

(innovazione del germanico)

• L’aggettivo segue la declinazione debole (nasale)

se:

- il nome cui si riferisce è “determinato” da un

articolo, un dimostrativo, un possessivo (es. ata. des

blinten mannes “del cieco”)

- esso è al grado comparativo o superlativo

• L’aggettivo segue la declinazione forte se:

- esso è in posizione predicativa

- in assenza di determinativi (es. ata. blint man “un

cieco”, ata. fateres mines)

- se si tratta di “tutto” e “altro”.

Innovazione morfologica del

germanico: i verbi deboli

• A differenza dei vb. forti ereditati dall’ie., i verbi

deboli formano il preterito mantenendo la radice

inalterata e servendosi dell’aggiunta di un

SUFFISSO in dentale *-d-

• i vb. deb. sono deverbativi o denominativi, non sono

cioè verbi “antichi”

• i verbi deboli sono tuttora molto produttivi nelle

lingue germaniche moderne

esempi di verbi deboli germ.

• da sostantivi: *fiskōn “pescare”, *namnjan

“nominare”

• da aggettivi: *fulljan “riempire” (<*fullaz “pieno”),

*warmjan “scaldare” (< *warmaz “caldo”)

• da verbi: *sandjan “inviare” (<*sinþan “andare”)


ACQUISTATO

1 volte

PAGINE

62

PESO

1.70 MB

AUTORE

Frau81

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE APPUNTO

Appunti di Linguistica germanica per l'esame della professoressa Elisabetta Fazzini sui seguenti argomenti:germanico,indoeuropeo,fonetica,morfologia,lessico,Isoglosse comuni,innovazioni germanico,accento,ritzonia,mutazione consonantica,eccezioni Prima Legge Grimm,Legge Verner, alternanza grammaticale, vocalismo.


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in mediazione linguistica e comunicazione interculturale
SSD:
A.A.: 2013-2014

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Frau81 di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Linguistica germanica e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Gabriele D'Annunzio - Unich o del prof Fazzini Elisabetta.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Linguistica germanica

Linguistica germanica - le mutazioni
Appunto
Linguistica germanica - lingue
Appunto
Linguistica germanica - concetti
Appunto
Linguistica germanica - l'indoeuropeo
Appunto