Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Marchio dello stato

Palais de Tokyo di Parigi, esposizioni rapide, concerti di techo music, dibattiti, e

interventi performance. La vera proposta era l'esperienza di una relazionale estetica,

di uno stato di distenzione senza oggetto e di disinteresse.

Se come dice Kant “ il bello è ciò che piace universalmente e senza concetto” quì il

bello era presente.

Gli oggetti non esistono più, o esistono solo x generare un'esperienza.

L'arte contemporanea nel post-post

Progressi tecologici (fotografia, telecomunicazioni, cinema, tv)

trasformazioni sociali (massificazione della società)

economiche ( società dei consumi, svaghi e progresso)

problemi ideologici (individualismo delle democrazie sviluppate)

Arte moderna

1905/1906 quando l'eredità di Cezanne confluisce nel cubismo

1975/1978 che vedono l'esaurirsi delle ultime avanguardi del XX sec.

Cubismo e Picasso e Braque con i papiers collès, inizia il tempo delle avanguardie e

dei movimenti radicali.

Dopo il cubismo del 1910 sbocceranno tutti gli ISMI dei movimenti

futurismo, cubo-futurismo, raggismo, suprematismo, costruttivismo, vorticismo,

dadaismo, realismo, minimalismo degli anni 50.

ogni movimento pretende di dire l'ultima parola sull'arte e sulla forma suprema della

sua realizzazione.

L'arte moderna è quindi il teatro delle ambizioni egemoniche di ogni movimento e la

scena dello sgretolamento del campo artistico. Questi 2 fenomeni sono la

conseguenza della ricerca ossessiva della verità unica,che caratterizza ad esempio il

suprematismo, i movimenti alla ricerca dello spirituale nell'arte. Le innovazioni dada,

tra provocazioni oscenità e insulti danno vita a nuova pratiche artistiche come la

poesia fonetica, le diverse forme di ready made, il collage, la performance e

l'happening.

L'estetica formalistica di Clement Greenberg ha codificato questa evoluzione

intellettuale, facendo della logica di ogni mezzo artistico il criterio della specificità

delle forme d'arte e della fortuna dei procedimenti che si sviluppano.

Tutte queste pratiche sono indissociabili dalle concezioni forti ed esplicite della

funzione poltica sociale e culturale dell'arte. Grazie a questa solidarietà tra arte e

società gli artisti diventano attori impegnati.

In questo rapporto con la società si manifesta, nella forma più completa, la figura

hegeliana dell'arte come rivelazione di una figuara dello spirito. Fedeli all'artista re,

profeta romantico, mago creatore del XIX gli artisti continuano ad essere veggenti,

gli annunciatori di un mondo che stà per nascere.

I loro messaggi e le loro profezie sono tutte sfide che la società deve raccogliere.

Politica del recupero tra Picasso e il partito comunista Francese.

Hitler si gloria di modellare il popolo stesso.

Sfida della dismisura, performance e happening con il loro carattere precario e

fugace, le installazioni fatte con materiali deteriorabili, la land-art, gli earth-works,

concepiti per l'amiente naturale esterno, le opere concettuali quasi immateriali.

Il museo dovrà allora organizzarsi x accogliere opere enormi e modellabile in

maniera neutrale per mettere in rilievo ogni evento.

1910/1920 Parigi, Mosca, Berlino

1930 Parigi, New York

Africa, Messico, Asia ?

1945 passaggio da un mondo occidentale protetto dalle divisioni della guerra fredda,

a un mondo pluralista e multiculturale.

1989 caduta muro di Berlino

1992 disgregazione dell'impero sovietico

decolonizzazione

progressiva fine dell'euro-americanocentrismo

1947 nasce l'India indipendente, e inizia il primo conflitto vietnamita

1958 indipendenza dei paesi Africani, e scomparsa dell'impero coloniale francese

1962 indipendenza Algeria

1973 finisce la guerra in Vietnam.

Eventi artistici

1984

MoMA Museo di Arte Moderna di NY presenta l'esposizione “Primitivism” in the

th

20 c a, affinity of the tribal and the modern

1989 Parigi Magicien de la terre, artisti da tutto il mondo.

1945 dalla II guerra m. alla guerra fredda, 30 anni di ricostruzione e sviluppo

economico. Alla trasformazione degli equilibri economici corrisponde una

rivoluzione degli equilibri culturali. La seconda metà del XX sec. Sarà l'era del

trionfo dell'arte americana e l'invasione della cultura statunitense, coca-cola, jeans, t-

shirt, fast food, pubblicità, hollywood, jazz, rock, pop, danza.

Serge Guilbaut “ NY ruba l'idea di arte moderna”

Nascita dell'espressionismo astratto, dripping di Pollock, e le Excavations di De

Kooning nasce un nuovo spazio pittorico, non è più lo spazio della rappresentazione

ma della proiezione dove è presente tutto il corpo del pittore. La superficie del quadro

è concepita come una superficie piana, Flatness, non si distinguono più sfondo e

forme, i colori sono intricati in modo da produrre un effetto visivo di pulsazione Push

and Pull di Hans Hofmann, lo spazio pittorico è utilizzato x intero All Over senza che

i bordi siano sottovalutati rispetto al centro.

Tutti gli artisti successivi si relazioneranno con l'espressionismo astratto, De Kooning

prenderà le distanze con la sua serie Womendel 1951/1952.

Rauchemberg, che secondo il critico Leo Steinberg ha introdotto per la prima volta

l'idea di una superficie pittorica post modrna, nel 1953 chiede un disegno a de

Kooning, avvertendolo che lo avrebbe subito cancellato, in segno di rispetto come di

rivolta, Erased De Kooning drawing. Jasper Johns prende le distanze

dall'espressionismo astratto ritornando nel 1954 alla pratica dell'immagine, ma

distanziata. Warhol inizia la sua carriera di artista nel 1960 allontandosi

dall'espressionismo nel 1963, Frank stella nel1959 crea dipinti minimali neri.

L'arte minimalista è una critica all'espressionismo astratto.

Hantai, e i pittori di support surfaces

Dada rappresenta lo spirito dei nostri tempi, rimette in discussione le certeze storiche,

i dogmatismi formali, le bariere tra generi e pratiche, e lo fa con una ironia

devastatrice. Dada interroga le suddivisioni formali del modernismo, reintroduce la

dimensione critica, a sostegno del montaggio, del collage, dell'interpenetrazione di

immagini parole e suoni, e della mescolanza dei generi. Dada inventa il collage, il

montaggio, la poesia fonetica, le opere multimediali, l'installazione, la performance e

l'happening. Il corpo dell'artista è opera, c'è la body art, si richiamano ai riti sacrificali

nell'azionismo viennese. Mettono in evidenza azioni elementari, gesti o forme di

concentrazione mentale e fisica, pratiche magiche e sciamaniche, come Joseph

Beuys, arte è un modo di essere artista, di esercitare un potere di trasformazione o di

perturbazione su qualcun altro.

Quando non sono i corpi diventano arte le idee, i concetti e le attitudini. L'artista e le

sue attitudini sono arte essi stessi. Le intenzioni, i concetti delle opere, le dimensioni

intellettuali del processo di creazione e dell'effetto artistico finiscono per sostituire

l'opera. I ready-made costituiscono esercizi di premeditazione artistica.

L'opera si decompone nei suoi elementi, il materiale, il concetto, l'attitudine artistica,

il corpo dell'artista, l'ambiente circostante e le condizioni sociali di ricezione.

L'arte concettuale e minimale, la body art e la land art, la performance, prendono il

posto dell'espressionismo astratto.

Il pittore e lo scultore devono coesistere con lo sciamano, il performer, l'actionist.

1974 caro petrolio

1972/1974 destra neo conservatrice Daniel Bell, Hilton Kramer, Tom Wolfe, Peter

Fuller, sia la sinistra Harold Rosenberg attaccano violentemente l'arte contemporanea

dell'epoca, l'assoluta assenza di significati, la sua assurdità, l'inganno che sottende la

rottura con il publico, la gratuità politica, la cattiva influenza morale.

1990 l'arte è entrata in un'epoca di post- post- modernismo

il XX secolo moderno è terminato nella inconsapevolezza generale.

Nel mondo dell'arte emergono le realtà dell'arte australiana, coreana, africana, ex-

unione sovietica, cina popolare.

Il concetto di impegno tra arte politica e società appare limitato, localizzato e senza

pretese.

L'artista è solo un mediatore all'interno della comunità, non più ne guida ne

esploratore. Non avendo più l'ambizione di trasmettere un messaggio metafisico,

religioso o filosofico sul senso dell'esistenza, l'arte diventa autoreferenziale.

È più tendenza che metafisica.

Marina Abramovic, Annette Messager, Louise Bourgeois, Cindy Sherman, Laurie

Anderson, Rebecca Horn.

Artisti con una identità di diverse provenienze etniche, che si caricano delle

sofferenze del corpo, gli interventi artificiali e la manipolazione.

A metà strade tra uomo d'affari, della comunicazione, illusionista, e sciamano.

Il fine delle opere d'arte non è più rappresentare ne significare, non rinviano a

qualcosa di esterno a se stesse, non simbolizzano più. Non sono oggetti sacri, il loro

unico scopo è produrre direttamente esperienze intense e singolari. Anche le foto

sono solo dati immediati. La moda è l'unico punto di riferimento, l'rte gay e

femminista pretendono di godere della stessa egemonia di cui un tempo erano state

vittime, ognuno scriva la prppria microstoria rintanato in un angolo.

Gabor body, Egon Bunne Eadweard Muybridge, giornale infermental, Peter Campus

è fortissimo,,metafore filosofiche della psicologia. Usa le proprietà del video per

articolare lòe trasformazioni interne e esterne del corpo, un illusionista della realtà.

Felipe Dulzaides,

L'arte è diventata un prodotto qualunque della cultura commerciale, inoltre il

pluralismo tende ad imporre le diversità, il multiculturalismo è la teoria della

complesità del quadro mondiale culturale. Non esistono più ne la grande arte ne le

grandi opere, il trionfo dell'estetica è la vaporizzazione dell'arte, e trova il suo senso

artistico nel quadro dell'incontro di culture. L'arte nel mondo post-coloniale non è più

l'apice del sistema simbolico della cultura, sono scomparse le esperienze sublimi

della grande arte, è inquietante che i soli rituali di sacralizzazione che sussistono

nell'arte contemporanea dipendono da fattori come il turismo e le distrazioni, due

forme onnipresenti dell'esperienza estetica contemporanea.

L'arte è diventata l'etere della vita ed è passata allo stato gassoso.

Capitolo 3

L'estetica studia l'arte e la sua esperienza, scienza della percezione.

Lo stesso uso del termine fu introdotto dal filosofo tedesco Baumgarten nel XVIII.

Lo storico delle idee Paul Oskar Kristeller.

Le prime riflessioni estetiche riguardavano la valutazione il gusto e il giudizio delle

opere. È stata fin dall'inizio una teoria della ricezione e della valutazione delle opere.

Kant critica del giudizio 1790 tratta delle idee estetiche e del genio, Hegel parla della

dialettica della presupposizione, pre-suppone il suo oggetto, e lo giustifica, mentre

pone se stessa e si giustifica.

Le questioni dell'estetica

la natura dell'opera d'arte, di cui tratta l'ontologia dell'opera

il suo funzionamento, spiegato dai meccanismi di simbolizzazione

la natura del sentimento estetico, esperienza e attitudine estetica

i meccanismi della creazione e il sistema dele arti.

Chi è Poussin?

Nel corso degli anni trenta estetica moderna. Rielaborazione dei propri concetti,

passando da un'estetica delle opere a un'estetica delle attitudini,degli effetti e

dell'esperienza. Cerca di porsi nuove domende, la questioe non è più “che cos'è

l'arte?” ma “quando c'è arte?” “che cosa fa l'arte?” e “come noi osservatori facciamo

arte?” anni 50, estetica di ispirazione analitica.

1936 Walter Banjamin “l'opera d'arte nell'epoca dcella sua riproducibilità tecnica”,

criticato da Adorno, vi è l'opposizione tra l'opera auratica dell'arte del passato, dotata

di un aurea unica e magica e l'opera fondalmente riproducibile della nostra epoca.

E poi l'opposizione del valore del culto e del valore dell'esposizione. Estetica de-

esteizzata se x estetizzazione si intende la contemplazione raccolta dei capolavori,

contrariamente all'esperienza dell'esperto e dell'iniziato. Capitalismo industriale come

la politica come fenomeno di massa.

Scompare l'esistenza unica ed irripetibile, la contingenza dell'opera nel luogo in cui si

trova, l'esperienza simultanea della vicinanza e della lontananza, l'opera riproducibile

non è soggetta ad uno spazio ed un tempo, ha perso il singolare intreccio di spazio-

tempo.

Il regime estetico è quindi radicalmente cambiato, siamo passati dal culto dell'opera

d'arte, che non ha nemmeno bisogno di pubblico, all'esposizione e alla pubblicità.

Benjamin non esclude che un giorno, x quanto riguarda il film, si possa superare

l'alinazione dello spettatore, affascinato da questa fabbrica dei sogni.

Quello che si riproduce nel film non è un'opera d'arte mauna performance di attori

davanti la macchina da presa. L'elemento artistico intervine nel decoupage e nel

montaggio. Insieme al pubblico è assente anche l'aura. Una realtà sezionata

chirurgicamente, una realtà che la dinamite dei decimi di secondo ha fatto esplodere,

e che è stata poi montata e rimontata secondo nuove associazioni.

Questa nuova ottica rende possibile l'inversione dialettica dell'alienzazione.

Si apre l'epoca della ricezone nella distrazione.

“La storia di ogni forma d'arte conosce periodi critici in cui questa determinata forma

mira a certi risultati, i quali potranno per forza essere ottenuti soltanto ad un livello

tecnico diverso, cioè attraverso una nuova forma d'arte”

interazione nella distrazione e della relazione distratta.

Nei musei non si conserva l'aura ma qualcosa di prezioso.

Folla solitaria, mercato. Le cose si complicano ancora con l'interattività che trasforma

l'individualismo dello zapping in principio di esistenza.

Viviamo in un mondo senza aura perchè privo del senso della lontananza e della


PAGINE

12

PESO

73.09 KB

AUTORE

niobe

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Esame: Estetica
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in filologia e letterature dell'antichità
SSD:
A.A.: 2013-2014

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher niobe di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Estetica e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università La Sapienza - Uniroma1 o del prof Ferrario Edoardo.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Corso di laurea magistrale in filologia e letterature dell'antichità

Storia contemporanea - la periodizzazione
Appunto