Che materia stai cercando?

Diritto processuale civile - espropriazione mobiliare presso terzi (art 543 ss) Appunti scolastici Premium

Appunti di Diritto processuale civile che comprende gli appunti della lezione tenuta ad un seminario di diritto processuale civile sulla tutela esecutiva. Oggetto del seminario è "l'espropriazione forzata presso terzo" disciplinata dagli art. 543ss del c.p.c. con confronto tra la disciplina precedente alla riforma del 2012 e la disciplina odierna.

Esame di Diritto processuale civile docente Prof. F. Auletta

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

limiti alla pignorabilità

premesso che i crediti sono pignorabili andiamo a vedere se ci sono dei

dei crediti ,la risposta è nell' art 545 cpc 2 comma (CREDITI ASSOLUTAMENTE

IMPIGNORABILI) ossia “i crediti aventi per oggetto sussidi di grazia o di sostentamento a persone

comprese nell’elenco dei poveri o sussidi di maternità ecc da enti di assistenza o istituti di

beneficenza. Altri crediti invece sono relativamente pignorabili, relativamente o alla natura del

bene o in determinato valore (natura e quantum), comma 1, i crediti alimentari possono essere

pignorati solo per le cause di alimenti con autorizzazione del presidente del tribunale con decreto(

CREDITI RELATIVAMENTE IMPIGNORABILI).

altre ipotesi di crediti relativamente impignorabili sono quelle di cui al comma 3 (salari stipendi

etc) questi possono essere pignorati, per quanto riguarda i crediti alimentari entro i limiti stabiliti dal

giudice caso per caso,negli altri casi (quando il credito non abbia natura alimentare) c'è un limite

massimo stabilito dalla legge : il limite di un quinto

il credito non già scaduto è pignorabile ma bisogna distinguere il credito che

scadrà entro un termine non superiore ai 90gg e il credito che scadrà in un termine

maggiore di 90gg.

Se il credito scade entro un termine non superiore ai 90gg viene direttamente assegnato con

ordinanza al creditore

se il termine scade dopo 90gg il credito può essere pignorato ma verrà trattato alla stregua di un

bene cioè verrà venduto.

PROCEDURA

ART 543 è un atto di pignoramento vero e proprio e svolge anche le funzioni di un atto di

citazione soprattutto relativamente alla funzione di vocatio ius (è un atto a contenuto misto)

l'atto va notificato personalmente al terzo e al debitore ( per l'atto esecutivo e il precetto non ci

sono diff con la disciplina ordinaria)

l'atto di pignoramento va notificato sia al debitore sia al terzo perché il meccanismo del

pignoramento presso terzo si fonda su una mera ipotesi: il creditore procedente ipotizza che il

debitore o sia titolare di un bene in possesso del terzo o che vanti un credito nei confronti di un

terzo . ma questa ipotesi deve essere verificata.

parte della dottrina parla di fattispecie a formazione progressiva in quanto si procede quando si

scioglie ogni riserva in relazione al possesso del terzo o al credito nei confronti di terzi

l'intero meccanismo si fonda sulla mera ipotesi ad esempio il creditore ipotizza che il debitore abbia

depositato delle somme su un conto corrente.

la notifica anche al terzo serve a capire se sul conto ci siano o meno le somme del debitore,

per verificare ciò c'è bisogno che la banca lo dichiari

(se io non vado a verificare l'ipotesi questa appunto resta un ipotesi)

altri requisiti di contenuto-forma oltre all'ingiunzione: (vedi comma due 543)

1-l'indicazione del credito per il quale si procede , del titolo esecutivo e del precetto

2-l’indicazione, almeno generica, delle cose o delle somme dovute

l'indicazione generica è intesa dalla giurisprudenza come la necessaria indicazione del quantum

del credito per il quale si procede giusto per capire se quell'importo è sufficiente a soddisfare il

credito del debitore.

indicazione della causa pretendi non si richiede in quanto poiché il credito è un diritto

eterodeterminato se l'atto di pignoramento avesse anche funzione di edictio actionis indicando solo

il quantum andrei a porre in essere degli atti di pignoramento nulli per indeterminatezza dell'atto

processuale, invece poiché l'atto conserva solo la funzione di vocatio ius per la giurisprudenza è

sufficiente una mera indicazione del quantum

3-l'intimazione : si intima di non disporre del bene o del credito senza ordine del giudice

cosa si intende per intimazione a terzo di non disporre del credito? si intende intimazione di non

pagare il credito al debitore. se paga nonostante la notifica pagherà due volte: al creditore e al

creditore procedente

4-dichiarazione di residenza o elezione di domicilio nel comune in cui ha sede il tribunale (ratio

facilitare le comunicazioni)

la competenza è del tribunale del luogo dove risiede il terzo si va in questo modo ad agevolare la

cooperazione del terzo

se il terzo è per esempio una banca( che ha molte filiali) qual'è la sede? oggi si ammette che

si considera residenza semplicemente l'agenzia presso la quale è acceso il conto corrente

5 – art 543 4 comma che svela meglio la doppia natura dell'atto, l'atto di pignoramento deve

contenere la citazione del terzo e del debitore a comparire davanti al giudice di luogo di

residenza del terzo (vedi 4 comma) affinchè il terzo facci la dichiarazione ex 547 e il debitore sia

presente a tale dichiarazione.

Perché si notifica e si cita il terzo? Perché ,dato che abbiamo parlato di fattispecie a formazione

progressiva e che tale procedimento si fonda su una ipotesi del creditore, occorre verificare che il

terzo sia effettivamente debitor debitoris oppure che possegga il bene del debitore. Quindi serve

che questi lo dichiari espressamente al fine di proseguire col procedimento di ingiunzione ed

espropriazione presso terzi

c'è una vera e propria citazione a comparire ad un udienza che si celebrerà non meno di 10

GIORNI DOPO la notifica dell’atto di pignoramento, a questa udienza compariranno almeno

creditore e debitore (e in alcuni casi anche il terzo) e si andrà a verificare l'ipotesi del creditore ( si

fa a verificare se il terzo è debitor debitori o possiede il bene del creditore)

questa norma è il frutto di alcune modificazioni legislative:

- prima del 2006 nell’ udienza che si celebra dopo la notifica dell'atto di pignoramento era tenuto a

comparire necessariamente anche il terzo (cioè il terzo doveva dichiarare di essere debitore del

debitore esecutato o doveva dichiarare di possedere un bene del debitore esecutato oralmente

all’udienza)

- dal 2006 si introduce una prima semplificazione del meccanismo di verificazione ovverosia

ferma restando l'ipotesi del datore di lavoro nei casi di cui all’art 545 commi 3 e 4 cioè nel caso di

datore di lavoro nell’ambito di rapporti di lavoro privato , il terzo ha la possibilità invece che

comparire in udienza di mandare una raccomandata al domicilio del creditore ( che è l’unico

destinatario di questa dichiarazione)

precedentemente se non compariva si apriva un giudizio a cognizione piena ed esauriente avente

ad oggetto l’accertamento dell’obbligo del terzo e se poi il terzo non compariva e il giudice andava

ad accertare la veridicità dell’ ipotesi del creditore il terzo(per non essere comparso all’udienza)

doveva sostenere le spese processuali.

abbiamo poi avuto un ulteriore semplificazione nel 2012 ovverosia la possibilità di inviare un pec

e non una raccomandata

Noi abbiamo parlato di pignoramento come fattispecie di formazione progressiva per cui parte

della dottrina ha detto che il pignoramento si perfeziona soltanto con la dichiarazione del

terzo invece altra parte della dottrina ha posto l’accento su un altro aspetto e ha detto il

pignoramento presso terzi è già perfezionato ma va a produrre ulteriore effetti che sono

quelli di apertura della fase satisfattiva.

Quali sono gli effetti dell’atto di pignoramento prima della dichiarazione cioè gli effetti dell'atto di pignoramento verso

terzi:

acquisto della qualità di custode del terzo ai sensi dell'art 546

Prima della riforma del 2006, EFFETTO TOTALIZZANTE: credito di 100 €, io andavo a

pignorare tutto il conto corrente d 100000€.

Ora invece il vincolo riguarda le somme dovute dal debitore nei limiti dell’importo del

credito aumentato fino alla metà. Es. il credito è 100? Allora io blocco sul conto fino a

150€.

Adesso vediamo ql sono i possibili contenuti della dichiarazione del terzo e i relativi

provvedimenti:

cioè il terzo può dire “si è cosìì” oppure “no frà, stai sbagliann!!” xD

contenuti della dichiarazione del terzo

ipotesi:

- Dichiarazione positiva ,la dichiarazione avviene all'udienza di cui all''art 547( per i casi in cui è

ancora prevista la comparazione) che si celebra entro non meno di 10gg dall'atto, se invece è

prevista la dichiarazione scritta per mezzo di raccomandata o pec questa deve pervenire entro 10

gg successivi alla notifica dell'atto di pignoramento

il prof Verde sostiene che tale raccomandata o pec può essere inviata anche successivamente ma

fino a che non sia celebrata l'apposita udienza. (a questa udienza il creditore deve dichiarare al

giudice se ha ricevuto la dichiarazione o al relativo contenuto)


PAGINE

8

PESO

26.64 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in giurisprudenza
SSD:
A.A.: 2014-2015

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher vincenzodelys di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Diritto processuale civile e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Napoli Federico II - Unina o del prof Auletta Ferruccio.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Diritto processuale civile

Riassunto Diritto Processuale Civile; libro consigliato Diritto processuale civile Vol. 1 parte generale di Giovanni Verde quarta edizione
Appunto
Procedura Civile- Appunti
Appunto
Rito del lavoro, Diritto processuale civile
Appunto
Diritto processuale civile 1 - nozioni
Appunto