Che materia stai cercando?

Epiteli di rivestimento e ghiandolari

Riassunti e schemi che comprendono appunti presi in aula e informazioni basate sul Monesi (testo consigliato).
-Generalità e Distribuzione
-Classificazione
-Caratteristiche Epiteli di Rivestimento
-Istogenesi
Università degli Studi La Sapienza - Uniroma1. Scarica il file in formato PDF!

Esame di Istologia e embriologia docente Prof. A. Filippini

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

cellule stesse a cui aderisce e sono formate da collagene IV, proteoglicani e glicoproteine

come laminina ed entactina. Un’altra specializzazione può essere la presenza di membrane

introflesse accanto alle quali si allineano i mitocondri (trasporto attivo) che permettono il

​ ​ ​ ​ ​

riassorbimento​ di​ acqua​ e ioni ​ ​

5. Specializzazioni della superficie libera: Microvilli il cui asse centrale è fatto di

microfilamenti connessi trasversalmente da villina e alla membrana da miosina II e

calmodulina. Sono ancorati a una struttura detta terminal web. Le cellule M non hanno un

orletto striato ma microvilli irregolari con funzione di incorporare antigeni e trasferirli alle

cellule dendritiche che funzionano da cellule che presentano l’antigene ai linfociti T. Le

​ ​ ​

stereociglia sono microvilli lunghi e sottili. Le ciglia hanno una struttura interna formata da

microtubuli

Istogenesi: ​ Il tessuto epiteliale deriva da tutti e tre foglietti germinativi, ectoderma, endoderma e

mesoderma ma principalmente dai primi due. Dall'ectoderma origina l’epidermide, l'epitelio della

cornea e l'epitelio della mucosa della cavità orale, per successiva proliferazione e invaginazione di

cellule epiteliali ectodermiche si formano ghiandole sebacee e sudoripare annesse alla cute e le

ghiandole mammarie. L'endoderma dà origine alla formazione dell'epitelio di molte delle mucose

che rivestono la superficie interna di cavità del corpo comunicanti con l'esterno come lo stomaco e

l'intestino e da esso per invaginazione e specializzazione si creano le ghiandole annesse quindi

pancreas, fegato, ghiandole gastriche, eccetera. Dal mesoderma origina l'epitelio di rivestimento

delle vie urinarie e genitali, l'epitelio della corticale del surrene e di rivestimento dell'ovaio delle

​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​

cavità​ sierose.​ Anche​ l'endotelio​ ha​ origine​ mesodermica​ infatti​ deriva​ dal​ mesenchima.

Epiteli​ Ghiandolari

Generalità

Le ghiandole sono rappresentate da cellule che secernono sostanze. Per quanto riguarda le

ghiandole di grandi dimensioni, le cellule epiteliali che le compongono sono dette parenchimali e

svolgono funzioni di secrezione, quelle del connettivo sono dette stromali e hanno funzioni

trofiche e di sostegno. Il parenchima è a sua volta composto da cellule secernenti raggruppate in

adenomeri

, e per quanto riguarda le ghiandole esocrine gli adenomeri sono collegati ad un

secondo tipo di cellule parenchimali che formano i dotti escretori - generalmente cubiche o

cilindriche. Le ghiandole che non hanno dotti escretori sono endocrine e rilasciano il secreto nel

sangue.

Il secreto delle ghiandole esocrine è solitamente di natura glicoproteica, gli ormoni delle endocrine

​ ​

di​ natura​ polipeptidica. ​ ​ ​ ​ ​ ​

Classificazione e caratteristiche citologiche ​ ​

Tipologia Classificazione Caratteristiche Dove​ si​ trova

STRUTTURA

Cellule poligonali impilate e unite da gap ​

junctions e desmosomi. Rinforzate poi da Surrene,​ con

un’impalcatura di connettivo fatto da fibre organizzazione

reticolari. Vi decorrono capillari sanguigni che sia​ fascicolare

​ ​ ​

A​ cordoni​ solidi formano una rete sinusoidale fatta di cellule che​ reticolare

endoteliali fenestrate. In alcune ghiandole

​ ​

Endocrine​ : secernono ​

formano fasci, in altre glomeruli. Quando tale Isole​ del

​ ​

ormoni​ che​ vengono tessuto è inglobato in un’altra struttura, Langherans

​ ​ ​

rilasciati​ nel​ sangue​ per ​ ​ ​ ​ ​

solitamente​ esocrina,​ si​ tratta​ di​ un’​ isola

​ ​ ​ ​ ​

far​ sì​ che​ arrivino​ ad​ un

​ ​

organo​ bersaglio​ e Testicolo,

Cellule endocrine isolate o raccolte in piccoli

​ ​

possono​ essere​ sia ovaio,

Interstiziali gruppi nel tessuto connettivo o in quello

rilasciati​ appena parafollicolari

epiteliale

​ ​ ​

prodotti​ (steroidi),​ sia della​ tiroide

immagazzinati​ nelle

​ ​ Cellule in strutture sferiche cave rivestite di

cellule​ (insulina),​ sia Struttura SOLO LA

​ ​ ​ epitelio cubico/cilindrico semplice e ripieno di

fuori​ dalle​ cellule​ in ​

follicolare TIROIDE​ *

​ ​

​ colloide​ (precursore​ dell’ormone)

cavità​ chiuse

(tiroglobulina​ nella ​ ​ ​ ​ ​ ​

NATURA DI ORMONI PRODOTTI

tiroide) Riconosciuti con recettori di membrana. Simili alle esocrine a

secreto sieroso ma con 3 differenze: 1) Golgi e RER meno

sviluppati e molto meno secreto 2) Manca polarità quindi le

​ ​

Ormoni​ peptidici​ e vescicole sono distribuite uniformemente piuttosto che sul lato

catecolamine apicale (tranne per le follicolari della tiroide) 3) vescicole di

secrezione più piccole. Non avendo il lume non possono

accumulare secreto fuori dalla cellula ma al suo interno, in

granuli e sotto forma di precursori oppure legati a proteine

​ ​ 1

carrier​ *

Le ghiandole a secrezione catecolaminica sono nella midollare

del surrene, il sistema enterocromaffine e i paragangli. Le cellule

della midollare del surrene sono anche dette cromaffini perchè il

citoplasma è pieno di granuli bruni nei preparati con bicromato

di potassio. Queste derivano dal neuroectoderma e sono

innervate da fibre pregangliari simpatiche e in risposta

all’impulso del SN simpatico liberano catecolamine - sintetizzate

a partire dalla tirosina - epinefrina e norepinefrina sono

​ ​ ​ ​

considerate​ neuroni​ simpatici​ postgangliari​ modificati. ​

Corticale​ del

surrene,

Riconosciuti con recettori citosolici. Hanno un cellule

abbondante REL e mitocondri con creste ​

interstiziali​ di

Ormoni​ steroidei tubulari anziché lamellari. Non possiedono ​

testicolo​ e

ed​ aminoacidi strutture per accumulare ormoni ma ​

ovaio,​ teca

rispondono molto velocemente ai segnali di ​

interna​ e

​ ​ ​ ​ ​ ​ 2

sintesi​ degli​ stessi.​ * ​

corpo​ luteo

dell’ovaio

*​ TIROIDE

Gli ormoni sono dei dipeptidi tirosinici iodinati: la triiodotironina (T​ ) e la tiroxina (T​ ). Essi vengono

3​ 4​

sintetizzati sotto forma di precursore glicoproteico che prima di venire immagazzinato come

tiroglobulina viene iodinato da una tireoperossidasi di membrana. In un secondo momento, sotto

stimolazione dell’ipofisi, che secerne TSH, le cellule tiroidee iniziano la parziale digestione della

tiroglobulina che libera T​ e poi continuano con la digestione nella cellula: la colloide viene

4

micropinocitata, le vescicole piene di tiroglobulina vengono fuse con i lisosomi (fagolisosoma) e la

proteina idrolizzata liberando T​ , rilasciato insieme al T​ nei capillari perifollicolari dal polo basale

3​ 4

della cellula. Le cellule che secernono tiroglobulina sono cubiche e presentano microvilli ma la loro

altezza varia in funzione della loro attività. Il follicolo ooforo dell’ovaio ha una struttura

assimilabile a quella follicolare ma è più complessa e a secrezione steroidea. Nella parete del

​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​ ​

follicolo​ vi​ sono​ anche​ cellule​ parafollicolari​ o cellule​ C,​ che​ secernono​ calcitonina.

1

*​ Nei granuli di secrezione hanno luogo le azioni enzimatiche che trasformano i precursori inattivi

​ ​

in​ ormoni​ attivi

2

*​ La sintesi degli ormoni steroidei avviene in due tempi. Hanno tutti un precursore comune, il

colesterolo - fabbricato a partire dall’acetato del coA viene trasferito ai mitocondri che lo rendono

pregnenolone e trasferito al REL che lo rende progesterone. Da questo derivano tutti gli altri

ormoni​ steroidei. ​

Dove​ si

Tipologia Classificazione Caratteristiche Particolarità

trova

​ ​ ​ ​

POSIZIONE e MORFOLOGIA Molto

polarizzata,

segni

Singola​ cellula, morfologici di

Cellula secerne alta attività

caliciforme ​

mucine​ *

, proteica (Golgi

Uni mucipara:

Intra glicoproteine e RER

epiteli​ di

cellulari

epiteliali: ​

molto​ glicosilate sviluppati,

rivestiment ​ ​ ​

Nell’epitelio che​ a contatto nucleolo

​ ​

o​ delle​ vie ​

con​ l’acqua evidente), il

di aeree ​ ​

formano​ il​ muco prodotto è

rivestimento riverso

della

Intra direttamente in

mucosa​ da

parietali: superficie

cui​ derivano

Sotto ​

l’epitelio​ ma ​ ​

Mucosa Sopra​ la Possono​ essere

nello ​

Pluri nasale, membrana semplici​ o

Esocrine​ : ​

spessore cellulari uretra, basale, composte​ in

secernono​ i ​ ​ ​

​ condottini delimitano​ un base​ alla​ forma

della​ tonaca

loro​ prodotti ​

efferenti lume del​ dotto

propria​ della

fuori ​

mucosa​ o

dall’organism Adenomeri Forma

​ della

o​ (sudoripare) ​

Le acinose versano​ il adenomeri:

​ ​ ​

o​ in​ cavità​ che sottomucosa ​ ​

non si secreto​ nello acinosa o

comunicano Semplici ​ ​

​ ​

trovano nei stesso​ dotto,​ che tubulare (le

con​ l’esterno ​ ​ ​ ​

mammiferi non​ è ramificato semplici​ e

(vie Eso ​

o​ manca semplici

respiratorie) epiteliali: ​

ramificate​ non

Pluricellulari ​ ​

hanno​ il​ dotto

Nel ​

→​ intestino,

connettivo ​ ​

TUTTE​ LE Condotto stomaco).​ La

Composte GROSSE escretore sottomandibola

​ ​ ​

GHIANDOLE ramificato re​ è tubulo

acinosa

composta

Extra Pluri-cellulari: Hanno un Organo a parte avvolto da una

Grandi

parietali: ilo da cui penetrano vasi capsula connettivale, connesse

ghiandole

Fuori​ dal e nervi che poi si all’esterno da un dotto escretore. Il

esocrine​ -

viscere​ ma diramano seguendo i secreto è riversato nei dotti

fegato,

collegate setti ghiandolari intercalari che confluiscono negli

pancreas,

tramite​ il interlobari che la intralobulari e poi interlobulari -

mammaria,

dotto suddividono in lobi, divisi poi lobari che si gettano nel

salivari

​ ​

escretore. poi​ in​ lobuli principale


ACQUISTATO

1 volte

PAGINE

10

PESO

255.41 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in medicina e chirurgia (a ciclo unico)
SSD:
A.A.: 2018-2019

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher vale78420 di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Istologia e embriologia e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università La Sapienza - Uniroma1 o del prof Filippini Antonio.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Istologia e embriologia

Istologia (esame istologia ed embriologia)
Appunto
Riassunto esame Istologia, prof. Canipari, libro consigliato Embriologia Umana, De Felici
Appunto
Embriologia
Appunto
Riassunto esame Istologia, prof. Vivarelli, libro consigliato Istologia, Monesi
Appunto