Che materia stai cercando?

Emergenze medico-chirurgiche II - sepsi e shock settico seconda parte

Appunti di Emergenze medico chirurgiche II del professor Coppola su sepsi e shock settico seconda parte con analisi dei seguenti argomenti: definizione dello shock, differenti terapie (antibiotica, empirica, corticosteroidea, di supporto), fonte di infezione, farmaci.

Esame di Emergenze Medico chirurgiche II dal corso del docente Prof. N. Coppola

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Terapia

• Terapia antibiotica

• Rimozione della fonte di infezione

• Supporto emodinamico

• Supporto metabolico

• Terapia di supporto

• Nuove terapie

Terapia antibiotica

• Raccolta di tutti i campioni utili per la diagnosi

(emocolture, urinocoltura, espettorato, tamponi

faringei, nasali, vaginali, cutanei, punta di cateteri

vascolari, etc)

• Terapia antibiotica empirica

• Terapia antibiotica specifica

Antimicrobial therapy

Extended-broad Specific-broad

antimicrobial therapy antimicrobial therapy

De-escalation therapy

Terapia antibiotica delle sepsi

CONTRO QUALE GERME?

• microrganismi più spesso responsabili dell’infezione

(compreso i ceppi antibiotico-resistenti)

DOVE?

• Elevata biodisponibilità e diffusibilità ovunque

COME?

• via endovenosa

• massimo dosaggio

• tempi adeguati

CHI?

• Patologie concomitanti

• Fattori di rischio

• Terapia empirica in base a:

– Possibile sito di infezione

– Possibile microrganismo coinvolto

(Grado di evidenza: 1B) Crit Care Med 2008

Intesive Care Med 2008

Contro quel germe?

Contro quel germe?

Terapia empirica

Pazienti Antibiotici Note

•+ Gentamicina o

Pts • ceftriaxone (2g/die) tobramicina

immunocompetenti • pip/taz (4.5gx 2-3/die) (5-7mg/kg/die)

• imipenem (500mgx4/die) • vancomicina se

• meropenem (1gx3/die) rischio MRSA

• cefepime (2g x2/die) •+ Gentamicina o

Neutropenico • pip/taz (4.5gx 3/die) tobramicina

• imipenem (500mgx4/die)

(>500 neutrofili) (5-7mg/kg/die)

• meropenem (1gx3/die) • vancomicina se:

• cefepime (2g x3/die) - rischio MRSA

- Mucosite

- CVC infetto

Terapia empirica

Pazienti Antibiotici Note

vancomicina se

Splenectomizzato • ceftriaxone (2gx2/die) rischio pneumococco

• cefotaxime (2gx 3-4/die) P-resistente

vancomicina se

TD • Amox/ac-clavul (4gx3/die) + rischio MRSA

gentamicina 5-7mg/kg/die)

Terapia

• Terapia antibiotica

• Rimozione della fonte di infezione

• Supporto emodinamico

• Supporto metabolico

• Terapia di supporto

• Nuove terapie

Fonte di infezione

• CVC

• Catetere vescicale

• Intubazione (VAP)

• Intubazione nasale (sinusite paranasale)

• Ano (paziente neutropenico)

• Piaghe da decubito

• Addome (Ecografia, Tc)

• Torace (Rx, Tc)

Rimozione fonte di infezione

• Rimuovere e messa in coltura di tutti i

cateteri

• Ricollocarli se possibile in altri siti

• Drenaggio di ascessi e la rimozione di

materiale infetto o di tessuto necrotico

• Pulizia fonte cutanea

Terapia

• Terapia antibiotica

• Rimozione della fonte di infezione

• Supporto emodinamico e respiratorio

• Supporto metabolico

• Terapia di supporto

• Nuove terapie Terapia

Supporto emodinamico e respiratorio

Mantenere una adeguata perfusione tissutale

• pressione arteriosa media >65 mmHg;

• diuresi >0,5mL/kg/ora

• Stato mentale

• Perfusione cutanea

Terapia

Supporto emodinamico e respiratorio

• Fluidi

• Supporto ventilatorio

• Farmaci vasopressori, inotropi

• Emazie concentrate

Fluidi

Obiettivo: PVC 8-12mmHg

CRISTALLOIDI

1 - soluzioni saline isotoniche 0,9% NaCl

(500-1000 ml nei primi 30 min) Stretto

2 - soluzioni saline ipertoniche 3-5-7,5% NaCL monitoraggio

3 - soluzioni saline bilanciate PVC

Ringer acetato

Ringer lattato ( maggior concentrazioni di basi )

4 - soluzioni glucosate 5% - 10%

COLLOIDI

1 - sostituti del plasma Attenti

Destrano alto P.M. ( 70.000) edema

Destrano basso P.M. (40.000) polmonare

2 - plasma e derivati acuto

Plasma umano fresco e congelato

Albumina

Plasma expander Fluidi

Obiettivo: PVC 8-12mmHg

CRISTALLOIDI VS. COLLOIDI

1. Nessun vantaggio nell’uso di colloidi vs. cristalloidi in

termini di sopravvivenza e durata di ricovero

2. Albumina risultati migliori (Finfer S, NEJM 2004)

3. Per il ripristino di un adeguato volume sono necessari

volumi maggiori di cristalloidi (2-3 volte in più) vs

colloidi:

1 L 0.9% NaCl=275 cc di volume di plasma

1 L Albumina 5%= 500 cc di volume di plasma

4. In caso di alto rischio di edema polmonare:

combinazione cristalloidi+colloidi

Terapia

Supporto emodinamico e respiratorio

Supporto ventilatorio

• Ossigeno

• C-PAP

• Intubazione TERAPIA

Supporto ventilatorio

Indicazioni per istituire una ventilazione meccanica

con intubazione endotracheale:

Incapacità di mantenere una paO2 > 65 mmHg con FiO2 < 0.6

– Alterazioni dello stato di coscienza

– Impossibilità a gestire l’ipersecrezione bronchiale

– Impossibilità di correggere la dispnea

– Instabilità emodinamica o alterazioni ECG

– Intolleranza alla maschera

– Antonelli M. N Eng J Med 1998; 339; 429-35

Antonelli M. JAMA, 2000; 283: 235-41

Terapia

Supporto emodinamico e respiratorio

• Fluidi

• Supporto ventilatorio

• Farmaci vasopressori, inotropi

• Emazie concentrate

Farmaci vasopressori

Terlipressina V1 1mg ev x 4/die Vasocostrizione

Farmaci vasopressori

obiettivo: MAP>65 mmHg

• Farmaci di I scelta: Dopamina o norepinefrina per via

centrale

• Dopamina (5-20µg/kg/min)

– inutile a dosaggio renale

– gittata cardiaca e frequenza cardiaca→ ADR tachicardie

↑ µg/min):

• Norepinefrina (2-20 effetto vasocostrittore

• In tutti i pazienti in terapia con vasopressori utile il

monitoraggio della MAP mediante cateterismo

arterioso Farmaci vasopressori

obiettivo: MAP>65 mmHg

• Epinefrina (1-10µg/min)

– ADR: tachicardia

– nei pazienti non responsivi a norepinefrina o

dopamina

• Vasopressina

– vasocostrittore diretto con riduzione del flusso

splancnico ischemia cardiaca

– basse dosi 0.01-0.04 U/min in infusione continua

nei pazienti refrattari a fluido-terapia ed ad altri

vasocostrittori ad alte dosi (in aggiunta)

Terapia

Supporto emodinamico e respiratorio

• Fluidi

• Supporto ventilatorio

• Farmaci vasopressori, inotropi

• Emazie concentrate

– Obbligatoria con Hb<7g/ml

– Consigliabile con Hb compresa tra 7 e 9g/ml

“golden hours” and “silver days”

Golden hours: prime 6 ore

(Early Goal Directed Therapy)

Obiettivi da raggiungere:

1. Pressione Venosa Centrale: 8-12mmHg

2. Pressione arteriosa media >65mmHg

3. Diuresi oraria:>0.5ml/kg/h

4. Saturazione del sangue nella vena cava superiore

(ScVO2) o saturazione venosa mista (SvO2) >70%

Early goal-direct therapy Rivers, NEJM 2001

Early goal-direct therapy Rivers, NEJM 2001


PAGINE

62

PESO

4.82 MB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in medicina e chirurgia (ordinamento U.E. - durata 6 anni) (CASERTA, NAPOLI)
SSD:

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher valeria0186 di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Emergenze Medico chirurgiche II e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Seconda Università di Napoli SUN - Unina2 o del prof Coppola Nicola.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Emergenze medico chirurgiche ii

Emergenze medico-chirurgiche II - sepsi e shock settico prima parte
Appunto
Emergenze medico-chirurgiche II - polmoniti e ospedalizzazione
Appunto
Igiene - acqua
Appunto
Ginecologia e ostetricia - ciclo mestruale
Appunto