Che materia stai cercando?

Riassunto esame Psicodinamica della Famiglia, prof. Malagoli, libro consigliato Dinamiche Relazionali e Ciclo di Vita della Famiglia, Malagoli

Riassunto per l'esame di Psicodinamica della Famiglia con Elementi di Psicoterapia, basato su appunti personali e studio autonomo del testo consigliato dal docente Dinamiche Relazionali e Ciclo di Vita della Famiglia, Malagoli. In riferimento ai seguenti argomenti: modello di ciclo di vita proposto da Carter e McGoldrick, eventi critici prevedibili normativi: eventi... Vedi di più

Esame di Psicodinamica della Famiglia con Elementi di Psicoterapia docente Prof. M. Malagoli Togliatti

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Il contesto familiare e ambientale

Il concetto di omeostasi evolutiva si adatta alla famiglia: ci sono movimenti di

ristrutturazione che vengono messi in atto per adeguare la propria organizzazione ai

cambiamenti che si incontrano nello sviluppo e la tendenza a conservare la propria

identità.

Il contesto di significato sottolinea che i comportamenti privi di contesto non hanno

alcun significato e il contesto di apprendimento che il sistema familiare è il principale

contesto per l’apprendimento di ogni individuo; il senso di differenziazione e

individualità si forma con la partecipazione ai diversi sottosistemi e a gruppi

extrafamiliari.

Bronfenbrenner, teoria ecologica dello sviluppo l’ambiente rilevante per lo sviluppo

=>

non è solo quello che il soggetto sperimenta direttamente ma anche i sistemi

ambientali di ordine più generale che interagiscono tra loro e più lontani dalla sua

esperienza immediata. L’ambiente ecologico è il contesto di sviluppo dell’individuo e si

rappresenta come un sistema di strutture concentriche l’una inclusa nell’altra. Il

contesto che prevede il contatto diretto viene definito microsistema e ne possono far

parte la famiglia, la scuola, il gruppo dei pari, ecc.

Il mesosistema è un sistema di microsistemi: esso si riferisce a due o più contesti

ambientali ai quali l’individuo partecipa direttamente in modo attivo e alle loro

interconnessioni. A questo livello vengono studiate le relazioni tra la famiglia e il

gruppo dei coetanei, tra famiglia e scuola, ecc., e si cerca di capire il modo in cui tali

relazioni influiscono in termini di fattori di rischio o di protezione sullo sviluppo

dell’individuo.

L’esosistema comprende invece almeno un contesto con cui la persona non ha rapporti

diretti, ma che indirettamente influisce sul contesto in cui si hanno rapporti diretti. A

questo livello viene ad esempio studiata l’influenza del contesto lavorativo dei genitori

sul contesto delle relazioni familiari.

Il macrosistema infine rappresenta un contesto sovrastrutturale che condiziona micro,

meso ed esosistema: tale contesto è legato a culture, subculture e organizzazioni

sociali più ampie, con i relativi sistemi di norme, credenze, rappresentazioni sociali e

aspettative rilevanti ai fini dello sviluppo.

La struttura familiare

Minuchin ridefinisce la famiglia come un sistema caratterizzato da una struttura

definita. Per struttura familiare intende “l’invisibile insieme di richieste funzionali che

Le dimensioni

determina i modi in cui i componenti della famiglia interagiscono”.

strutturali fondamentali sono:

la gerarchia, cioè l’esistenza di differenze generazionali e il fatto che la struttura

organizzativa della famiglia si differenzia in sottosistemi;

i confini, cioè le regole che determinano il passaggio dell’informazione;

− gli schieramenti, cioè le configurazioni relazionali minimo triadiche (triadi o triangoli).

− Il sistema familiare si differenzia e svolge le sue funzioni grazie ai sottosistemi che lo

compongono. L’individuo rappresenta un sottosistema del sistema famiglia. Ciascun

individuo appartiene a diversi sottosistemi (coniugale, genitoriale, filiale) in cui ha

differenti gradi di potere e dove acquista capacità differenziate.

Il sottosistema coniugale modella per il bambino la natura dei rapporti intimi. Questi

modelli divengono a qualche livello parte dello schema di vita del piccolo per essere

esplorati più avanti.

Il sottosistema genitoriale, che può comprendere nonni o cugini, assolve alle funzioni

familiari di allevamento dei figli, di guida e di controllo. Le transazioni che avvengono

in questo sottosistema insegnano al bambino come comunicare ciò che vuole e cosa

aspettarsi da persone che hanno più forza e più risorse; impara se riceverà appoggio

nei suoi bisogni ed i modi di risoluzione dei conflitti. Man mano che il bambino cresce e

i suoi bisogni cambiano, dovranno cambiare anche i modelli di funzionamento.

Il sottosistema di fratelli e/o sorelle è il contesto in cui i bambini sviluppano modelli di

contrattazione, di cooperazione, di competizione. In questo rapporto di reciprocità i

bambini assumono posizioni diverse e questo processo promuove il loro senso di

appartenenza ad un gruppo e il loro senso di individuazione all’interno del sistema. È il

sottosistema che consente di acquisire le abilità interpersonali necessarie per entrare

in contatto con i gruppi extrafamiliari dei coetanei e, più tardi, con il mondo del lavoro.

Nella valutazione del funzionamento di una famiglia, la stima della funzionalità dei

confini rappresenta

uno dei parametri fondamentali. La loro funzione è la salvaguardia della

differenziazione del sistema nei vari sottosistemi che lo compongono. Si parla di

confini distinti qualora passino informazioni che siano adeguate per quantità e

pertinenza (o qualità) rispetto alla relazione e alla fase del ciclo vitale. Si parla di

confini diffusi se si ha il passaggio di una quantità eccessiva di informazione e/o di

informazioni qualitativamente non pertinenti. Nel caso in cui una persona riceva una

quantità insufficiente di informazione e/o venga privata di informazioni che gli

competerebbero, parliamo di confini rigidi. Sia i confini diffusi che quelli rigidi risultano

disfunzionali.

Classicamente si fa riferimento a queste due situazioni con i termini di invischiamento

e di disimpegno). Nelle famiglie invischiate il senso di appartenenza è talmente forte

da ostacolare la differenziazione e la presa di autonomia dei vari membri; nelle

famiglia disimpegnate il senso di appartenenza è molto labile.

La diffusione e la rigidità diventano inadeguate quando si cronicizzano e non evolvono

in relazione alle diverse esigenze trasformative dei membri della famiglia.

Il modello circonflesso di Olson

Il modello circonflesso di Olson spiega i modelli relazionali che caratterizzano le

strutture familiari. Analizza il funzionamento attraverso 3 dimensioni:

coesione: è il legame emotivo esistente reciprocamente tra i vari membri di una famiglia.

Concetti correlati a questa dimensione sono: i confini, le alleanze, il legame/impegno

emozionale, ecc. Questa dimensione viene suddivisa in quattro livelli: disimpegno,

separazione, connessione, invischiamento.

adattabilità: è la capacità di un sistema di essere flessibile, di modificare struttura

gerarchica, rapporti di ruolo e regole di relazione in risposta alle richieste evolutive o

ambientali. Questa dimensione viene suddivisa in quattro livelli: rigido, strutturato,

flessibile, caotico.

comunicazione: modalità che i membri utilizzano per esprimere i loro bisogni e/o

sentimenti, ma anche come elemento che facilita il movimento dinamico della famiglia.

Ha individuato 16 tipi di funzionamento familiare che sono ridotti a 3 modelli principali:

bilanciato, medio raggio, estremo.

Le famiglie funzionali si collocano nell’area centrale del modello rispetto ad adattabilità

e coesione: sono bilanciate in quanto riescono a mantenere una coesione interna e

fornire una sensazione adeguata di sicurezza, permettono la differenziazione dei

membri come persone separate. Le famiglie agli estremi hanno difficoltà ad adattarsi

alle situazioni; sono famiglie con “emergenze sintomatiche”: presentano una

combinazione di bassa/alta coesione e bassa/alta adattabilità. Quelle con alta

adattabilità, caotiche, hanno difficoltà a organizzarsi in maniera adeguata e a stabilire

regole precise, quelle con bassa adattabilità, rigide, hanno regole intoccabili date

dall’alto.

Le famiglie con bassa coesione sono disimpegnate, non condividono emozioni e affetti,

di fronte alle difficoltà non seguono un fronte comune; quelle con alta coesione,

invischiate, sono scarsamente differenziate e sono incastrati in relazioni condizionanti.

Si possono avere, quindi, la famiglia caotica-disimpegnata, rigida-disimpegnata,

caotica-invischiata, rigida-invischiata.

Il concetto di trigenerazionalità

Ogni famiglia ha una sua storia che si tramanda nelle generazioni. Si tramandano

tradizioni, ruoli, valori e tutto ciò che non è elaborato viene trasmesso alla

generazione seguente. Ciò che viene elaborato può essere appreso. Il bambino

interiorizza i legami con le figure genitoriali e trasferisce la fiducia e la speranza nelle

relazioni future.

Stierlin: 3 modalità di trasmissione intergenerazionale: legare (legami stretti),

delegare(modalità che lascia al figlio autonomia all’interno del mandato familiare; ci si

può allontanare dalla famiglia, ma si deve sempre rendere conto (legame di lealtà)) e

rifiutare (legami labili).

L’eredità può essere anche positiva, con i suoi aspetti di fiducia e speranza, empatia e

rispetto: l’aspetto di lealtà assume un impegno per le generazioni. Gli impegni di lealtà

sono fibre che tengono unite le famiglie.

In ambito terapeutico si usa il genogramma per tracciare un albero genealogico che

registri informazioni sui membri che compongono una famiglia e per osservare le loro

interazioni da un punto di vista trigenerazionale. Con tale strumento si otterrà un

diagramma delle relazioni familiari che comprende almeno tre generazioni, con i gradi

di parentela e gli eventi critici, come nascite, morti, matrimoni e divorzi, oltre ad

eventuali problemi di pertinenza terapeutica emersi nel corso delle generazioni. La

costruzione del genogramma può essere realizzata assieme alla famiglia o con un

singolo componente. L’informazione strutturale, relazionale e funzionale su una

famiglia contenuta nel genogramma può essere osservata su due assi: quello

orizzontale, attraverso il contesto familiare e quello verticale, attraverso le

generazioni.

Si possono individuare i miti familiari, credenze condivise da tutti i membri in parte

reali e in parte fantastici che concernono i reciproci ruoli familiari e la natura delle

relazioni. La creazione del mito nasce dal bisogno di dare senso ad avvenimenti di cui

non si consoce la causa; quindi, diventa matrice di conoscenza e rappresenta un

elemento di unione. Al mito sono associati 3 immagini di ruoli familiari che Byng-Hall

associa agli script della famiglia: immagini ideali (alle quali ci si vuole adattare),

immagini di ruolo disconosciute o ripudiate (alle quali non ci si deve conformare),

immagini di ruolo condivise (ruoli su cui vi è accordo tra tutti i membri).

Tematiche frequenti nei miti sono la negazione familiare (qualsiasi comunicazione è

impossibile), l’armonia familiare (famiglie “estremamente unite e in accordo”,

condivisione totale delle informazioni (i membri si dicono tutto).

Nuove tipologie di famiglia

Le famiglie di fatto

Due persone che vivono insieme, senza essere uniti in matrimonio. E’ una scelta

consapevole, una prova prima del matrimonio. Tra le ragioni c’è il rifiuto ideologico del

matrimonio perché limita la spontaneità della relazione, la messa in discussione dei

ruoli tradizionali di maschio e femmina, il desiderio di provare prima di compiere la

scelta del matrimonio. In alcuni paesi occidentali (Svezia, Danimarca, Francia) la

formazione della coppia e la nascita del primo figlio non sono più motivo per sposarsi.

In Italia ci sono minori coppie di fatto, la maggior parte sono nei centri urbani, dove la

pressione sociale è minore. Aspetto peculiare dell’Italia è il rimanere in casa dei

genitori fino a 30 anni.

Le famiglie monogenitoriali

Famiglie con un solo genitore che vive con almeno un figlio minore di 18 anni. I fattori

sono la vedovanza, separazione o divorzio. Sono famiglie deboli socioeconomicamente

e sono donne che provvedono da sole ai figli. Sono a rischio perché non c’è una

politica sociale che aiuti questi nuclei familiari.

Le famiglie unipersonali

Persone che vivono da sole. La maggior parte in Italia sono anziani vedovi, spesso

donne; possono anche essere separati o divorziati. La vita da single assume diversi

significati nelle diverse fasi e a seconda del genere: tra 18/24 anni indica una precoce

indipendenza rispetto alla famiglia di origine, tra 25 e 44 anni sono uomini che escono

finalmente da casa e uomini separati che restano soli perché i figli sono affidati alle

madri; sopra i 65 anni sono donne vedove (aspettativa di vita maggiore).

Le famiglie ricostituite

Nuclei familiari conviventi con figli di un precedente matrimonio o unione di fatto. I

Figli hanno rapporti complessi con le molte figure adulte, che hanno ruoli diversi a

Seconda che siano genitori biologici o acquisiti.

Gli uomini si risposano più facilmente delle donne dopo il divorzio. In Italia la tendenza

è a divorziare nella mezza età e per le donne è più difficile rifarsi una vita, anche

perché sono spesso affidatarie dei figli e hanno minore potere economico.

Inoltre, se prima ci si sposava perché si rimaneva vedovi, ora i figli hanno diverse

figure genitoriali e si crea una difficoltà di integrazione e coesistenza.

3. Le famiglie separate: dinamiche relazionali e processi evolutivi

In Italia solo la metà di chi si separa chiede il divorzio; questo per diversi motivi: ci

sono procedimenti che richiedono costi e tempi lunghi, con il divorzio si stabiliscono le

questioni patrimoniali ed ereditarie e c’è ancora una stigmatizzazione di chi divorzia.

Nelle altre nazioni ci sono divorzi precoci e nuovi matrimoni più frequentemente.

La separazione è una fase storica, tipica della famiglia attuale e del contesto

socioculturale nel quale si vive. L’individuo è orientato alla realizzazione personale ed

esiste la volontarietà nella scelta del coniuge. L’etica della scelta porta anche il

matrimonio a non essere più visto come vincolante, ma il partner deve essere scelto

ogni giorno e non una volta per tutte.

Ma nonostante si interrompa il rapporto coniugale, il sottosistema genitoriale resta

sempre e i genitori resteranno tali per sempre; questo è un aspetto che la famiglia

separata deve affrontare.

Il processo di separazione e divorzio

Il modello di Bohannan le persone che si separano devono attraversare sei stadi per

=>

una adeguata elaborazione dell’evento separativo: il mancato superamento delle

difficoltà previste in uno degli stadi può generare squilibri psicologici. Tale malessere si

può esprimere attraverso una cronicizzazione del conflitto legale, in quanto uno o

entrambi i coniugi non sono in grado di raggiungere il divorzio psichico e con vari

escamotages cercano di mantenere il legame nel tempo, sia pure nella forma estrema

e disfunzionale di un rapporto conflittuale. I sei stadi sono:

separazione emotiva: situazione di deterioramento nella relazione di coppia antecedente alla

-

decisione di separarsi. In questa fase si può fare richiesta di consulenza e di terapia. È un

momento della vita della coppia caratterizzato dalla fase di ping-pong (oscillazione tra

momenti di aggressività e momenti di riappacificazione che può arrivare alla cronicizzazione

del conflitto) e dalla fase di point of no return (i coniugi acquisiscono la certezza che l’unione

matrimoniale comporta più svantaggi che vantaggi. La durata di questa fase, che precede la

separazione, dipende dalle caratteristiche individuali, dai condizionamenti socioculturali, e da

altri fattori.

separazione legale: momento in cui si ufficializza la decisione di separarsi e coincide con la

-

presa di contatto di uno o di entrambi i coniugi con un avvocato. Si ricorre al sistema giuridico

per regolamentare sia le questioni patrimoniali che l’affidamento dei figli.

separazione economica: vengono affrontate e discusse le questioni relative alla suddivisione

-

dei beni e all’assegno di mantenimento per i minori ed eventualmente per il coniuge.

separazione genitoriale: i coniugi sono chiamati a ridefinire la loro relazione come genitori, in

-

modo da poter continuare ad adempiere ai relativi obblighi educativi e responsabilità anche a

separazione avvenuta. Questo stadio ha strette interferenze con la separazione economica in

quanto quest’ultima può essere fonte di conflitti e tensioni.

separazione dalla comunità: mutamento delle relazioni sociali con la famiglia del coniuge, con

-

gli amici in comune; in seguito a queste perdite possono comparire forti sentimenti di

solitudine.

separazione psichica: coincide con la capacità delle persone di ritrovare la loro capacità

-

progettuale e la fiducia nelle proprie capacità, senza contare sulla presenza del coniuge.

Il processo di separazione può dirsi concluso positivamente quando le parti hanno

accettato la separazione, hanno preso consapevolezza dei reali motivi che l’hanno

determinata, si rendono conto di quanto personalmente hanno contribuito a provocare

il fallimento dell’unione coniugale.

Il modello della Kaslow prevede una demarcazione tra aspetti emotivi-psicologici e

=>

aspetti comportamentali e pragmatici. Mette in relazione le emozioni con i

comportamenti agiti dagli ex partner nelle diverse fasi del processo separativo. Sono

necessari circa 2 anni per completare l’intero processo di separazione, anche se

possono esserci variazioni individuali, da soggetto a soggetto, dovute a movimenti

regressivi anziché evolutivi, per cui l’individuo torna ad uno stadio precedente.

fase dell’alienazione: coincide con la decisione, col riconoscimento di incompatibilità profonde

-

e insanabili, per cui i due coniugi si allontanano progressivamente l’uno dall’altro, anche se

solitamente è uno dei due che prende la decisione di separarsi. Ciò può creare uno squilibrio

all’interno della coppia, per cui il coniuge che in un certo senso subisce la separazione è quello

che, almeno inizialmente, incontra maggiori difficoltà ad elaborare i sentimenti di perdita e di

delusione.

fase conflittuale: coincide con la fase legale, con la presa di contatto con gli avvocati e con il

-


ACQUISTATO

9 volte

PAGINE

11

PESO

119.11 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE APPUNTO

Riassunto per l'esame di Psicodinamica della Famiglia con Elementi di Psicoterapia, basato su appunti personali e studio autonomo del testo consigliato dal docente Dinamiche Relazionali e Ciclo di Vita della Famiglia, Malagoli. In riferimento ai seguenti argomenti: modello di ciclo di vita proposto da Carter e McGoldrick, eventi critici prevedibili normativi: eventi critici imprevedibili paranormativi, contesto familiare e ambientale, modello circonflesso Olson.


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in psicologia della salute, clinica e di comunità
SSD:
A.A.: 2010-2011

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher trick-master di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Psicodinamica della Famiglia con Elementi di Psicoterapia e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università La Sapienza - Uniroma1 o del prof Malagoli Togliatti Marisa.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Corso di laurea magistrale in psicologia della salute, clinica e di comunità

Riassunto esame Psicologia clinica, prof. Marinelli, libro consigliato Anoressie: patologie del sè corporeo, Ciocca, Dazzi
Appunto
Riassunto esame Psicologia della Salute, prof. Violani
Appunto
Riassunto esame Psicologia di comunità, prof. Leone, libro consigliato Le origini della comunicazione umana, Tomasello
Appunto
Riassunto esame Psicologia clinica, prof. Marinelli, libro consigliato Ricerca nel setting, Studi sul singolo caso, Hinshelwood
Appunto