Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

-0.5C'(t)-1=0

C'(t)= -2

V(s) C(t)

sn s* s tn t* t

come è possibile notare l'investimento di firts best è maggiore dell'investimento di second best

INTEGRAZIONE ALL'INDIETRO

Il caso di integrazione all'indietro è basato sulla sitazione in cui l'impresa a valle integri l'impresa a

monte ossia l'impresa acquirente integra l'impresa fornitrice , ad esempio il caso della general

motors che integra fisher body è un puro esempio di integrazione all'indietro, l'impresa che integra

diventa dunque proprietara dei diritti di controllo , il che vuol dire che può decidere come utilizzare

in tutti quei casi non previsti dal contratto da leggi o norme. Per capire questo concetto

immaginiamo che l editoria E sia fornita di un tot di libri mensili dall'impresa T E CHE IN

SEGUITO ALLA PRESENZA DI UN BEST SELLER , l'impresa E potrebbe chiedere a T un

aumento della fornitura di libri , T potrebbe rifiutarsi ed E sarebbe costretta a proporre a T un

aumento del prezzo della risorsa per convincerlo a fornirgli più compie. Se E integrasse T non solo

potrebbe decidere i livelli di produzione ma diventerebbe proprietario dei diritti residui di

controllo ,ossia potrebbe decidere la disposizione dei macchinari all'interno della tipografia , la

ventilazione delle stanze ecc ecc , inoltre l'impresa E fissera un prezzo di trasferimento delle risorse

pari al costo di produzione P=C(t)

sostituiamo questa condizione all'interno del surpluss dell'impresa E

S(E)=V(s)-s -C(t)

massimizzioamo rispetto a s e poniamo la condizione di primo ordine

V'(s) -1=0

V'(S)=1

nel caso in cui l'impresa E integra l'impresa T sarà disposta a fare un invetimento pari

all'investimento di first best, mentre quale sarà l'investimento specifico dell'impresa T? Ossia

dell'impresa integrata? Sostituiamo all'interno dell'impresa T la condizione P=C(t)

S(T)=C(t) – C(t) – t

S(T)=-t

il surpluss dell'impresa T dipende negativamente dall'investimento specifico t quindi l'impresa

integrata non avrà alcun incentivo a investire.

INTEGRAZIONE IN AVANTI

è il caso in cui l'impresa a monte integra l'impresa a valle , ossia eè il caso in cui l'impresa

fornitrice integra l'impresa acquirente. L'integrazione in avanti si basa sul concetto che l'impresa T

supponendo che fornisca l'impresa E , integri l'impresa E e diventi proprietaria dei suoi diritti di

controllo , ossia può decidere di utilizzare le risorse in tutte le circostanze non previste dal

contratto , da norme o da leggi.Se l'impresa T integrasse l'ipresa E imposterebbe un prezzo pari a

V(s) sostituendo questa condizione all'interno del' surpluss dell'impresa T otteniamo

S(T)=V(s)- C(t) – t

massimizzando rispetto a t e ponendo la condizione di primo ordine otteniamo

0=-C'(t)-1

C'(t)= -1

questa rappresenta la condizione di firsti best quindi , limpresa T che integra E è disposta a

realizzare l'investimento migliore in assoluto, ma quale sarà l investimento che farà l'impresa

acquirente integrata E? Sostituiamo la condizione P= V(s) nel surpluss dell'impresa E

S(E)=V(s) -V(s) -s

vediamo come V(s)=-s

è quindi possibile vedere come l'impresa integrata E non avrà alcun incentivo ad investire

HART E MOORE

Il modello di Hart e Moore si basa sul concetto che chi detiene il possesso delle risorse fisiche ha un

controllo diretto sulle risorse umane , questo perche qualsiasi indiviuduo per esprimere il suo

talento ed essere produttivo ha necessità di utilizzare delle risorse fisiche.Il proprietario delle risorse

fisiche , sarà dunque assecondato dai suoi dipendenti in quanto questi sono consapevoli che il

proprietario li potrebbe escludere dall'utilizzo delle risorse fisiche ogni momento e quindi vi è un

incentivo per tutti i lavoratori ad assecondare il proprio capo.

BAUMOL

Secondo il modello di Baumol , l'obiettivo dei manager non è quello di massimizzare il profitto

tuttavia quello di massimizzare i ricavi delle vendite.Ciò non vuol dire che i manager non siano

interessati a genrare profitto , tuttavia che sono interessati a produrre un livello minimo e che

sarebbero disposti a sacrificare oltre il livello minimo ulteriori unità di profitto per incrementare il

livello delle vendite , per spiegare in modo efficente il modello di baumol ci aiutiamo con l'utilizzo

di un grafico

RT

CT

profitto Ct

profitto min 2

profitto min 1 Qa Qb Q

profitto Rt

come è possibile osservare nel grafico la quantità che massimizza il profitto è Qa , tuttavia questa è

la quantità che vogliono gli azionisti , mentre i manager vogliono produrre Qb e massimizzare i

ricavi ottenuti dalle vendite, come abbiamo detto i manager sono interessati anche a pridurre un

livello minimo di profitto , tuttavia se il livello minimo di profitto fosse 2 i manager possono

produrrre una quantità qb in quanto riescono con tale quantità a coprire il livello minimo di

profitto , se il profitto minimo fosse 1 allora il manager non potrebbe più produrre una quantità

Qbperchè in questo punti il livello di profitto raggiunto è minore di quello minimo quindi gli

azionisti si accorgerebbero che qualcosa non funziona poichè i profitti sono più bassi.

MODELLO DI JENSEN E MECKLING

Il modello di Jensen e Meckling si basa sul concetto che l'opportunismo del manager può dipendere

dalla stuttura di proprietà del capitale. Se la figura del manager e del proprietario coincidessero , il

manager tenderebbe a massimizzare il valore dell'impresa , ma cosa accade se tale struttura dovesse

cambiare?cambierebbero gli incentivi e il manager sarebbe portato a comportarsi

opportunisticamente.Per spiegare questo modello ci serviamo di un grafico

vmax

Vc

Vd Bc Bd Bmax

come è possibile immediatamente notare sul grafico VMAX e BMAX dove il primo indica il

valore dell'impresa in unità di moneta mentre il secondo i benefici non monetari.Come possiamo

notare vi è il vincolo di bilancio , questo indica di quanto varia il valora dell'impresa al variare del

consumo di benefici non monetari , dunque supponendo che il vincolo abbia inclinazione pari a -1

un aunmento del consumo di benefici non monetari di un 'unità genera una riduzione del valore

dell'impresa di 1. possiamo dunque definite

V=Vmax -Bmax vincolo di bilancio

vMAX rappresenta il valore massimo che l'impresa può assumerein corrispondenza del quale il

consumo di benefici non monetari è nullo, man mano che i benefici non monetari aumentano , il

valore dell'impresa si riduce fino ad arrivare ad un valore di benefici non monetari pari a Bmax a

cuio corrisponte un vallore dell'impresa nullo. I manager-proprietario , potrà dunque ripartire tale

vincolo tra valore dell'impresa e benefici non monetari, possiamo dunque tracciare la curva d'

indifferenza e visualizzare il punto di scelta ottima a cui corrisponde un valore dell'impresa Vc e un

valore dei benefici non monetari pari a Bc .Supponiamo dunque che l'imprea venga suddivisa in

alfa azioni e venduta a terzi, tuttavia il manager rimarrà il anager dell'impresa e proprietario di 1-

alfa azioni dell'impresa. Il vincolo di bilancio avrà dunque inclinazione 1-alfa. È necessario

specificare di come un aumento del consumo di un'unità non graverà più solo ed esclusivamente sul

manager ma su tutti gli alfa proprietari dell'impresa. Tracciamo una nuova curva di indifferenza e

vediamo che ad un valore Vd dell'impresa corrisponde un consumo di benefici non monetari Bd , il

che vuol dire che al cambio della struttura di proprietà dell'impresa il manager vedrà modificare i

suoi incentivi , e sarà portato a comportarsi in maniera opportunistica.L'aumento del consumo di

benefici non monetari è un tipico esempio di opportunismo manageriale che si ha quando il

manager è consapevole del fatto che l'aumento del consumo non dovrà essere sopportato solo d lui

ma lui ne risponderà per 1-alfa parte.Gli azionisti sono consapevoli dell'opportunismo manageriale ,

per questa motivazione si basano su un sistema gli incentivi per spingere il manager a comportarsi

correttamente. Jensen e Mecling , si concentrano sulla struttura interna dell'impresa , analizzando :

-rapporti di autorità

-rapporti di delega

Ci soffermeremo sui rapporti di delega o meglio chiamati rapporti di agenzia.Irapporti d agenzia, si

basano sulla presenza di un agente che agisce per conto di un principale , quindi alla base della

teoria dell'agenzia vi è la separazione tra proprietà e controllo. Come ben sappiamo l'esempio più

classico è quello tra manager e azionista , tuttavia gli obiettivi di queste figure sono differenti in

quanto l'obiettivo del manager è mssimizzare i ricavi delle vendite e incrementare le dimensioni

dell'impresa mentre l'obiettivo degli azionisti è la massimizzazione dei profitti. Nella relazione di

agenzia si verificano dei costi meglio definiti costi di agenzia:

costi per incentivare il manager ad adempire ai propri doveri e comportarsi in maniera corretta

costi di monitoraggio e controllo

perdita residua- questa rappresenta l'effettiva persita monetaria per il principale , dovuta dalle azioni

intraprese dal manager e quelle che erano efficenti per l'agente.

Alla base del problema della teoria dell'agenzia vi è l'asimmetria informativa presente tra manager e

azionista.Cosa vuol dire questo?che le parti non hanno le stess informazioni a dsposizione ,

rispettivamente il manager potrebbe agire per azioni nascoste o mantenere informazioni nascoste.

Supponiamo che un manager produca y attraverso un azione non osservabile direttamente i ,

possiamo dunque esprimente in modo lineare la funzione di produzione come

y=i+x

dove i rappresenta l'impegno impiegato dall'agnte per svolgere la produzione e

contemporaneamente bosogna sommare x che rappresenta una sorta di eventi casuali non

controllabili dall'agente .Dunque possiamo dire che un ndividuo , può impegnarsi molto e produrre

molt ma può anche impegnarsi molto e produrre poco essendo sfortunato , contemporaneamente

può impegnarsi poco e produrre molto essendo fortunato e impegnarsi poco e produrre poco.

Per svolgere le sue mansioni il manager deve ovviamente essere remunerato dal principale , questa

rmunerazione è w= k +sy

dove k rappresenta una parte fissa che il manager ottiene per la sua remunerazione ,mentre y

rappresenta l'unità prodotta dal manager, il valore y va moltiplicato per un indice di proporzione.

Maggior sarà s maggiore sarà l'impegno del manager, in base a s si avranno contratti diversi . Se s è

molto elevato allora , l'agente sarà molto incentivato ad impegnarsi e a produrre di più,

contemporaneamente sarà molto elevato il suo rischio in quanto la produzione dipende da una

variabile x che comprende eventi casuali non controllabili dall'agente.Quindi consideriamo che s è

uguale a zero , questo comporterà che il salario che l'agente percepirà dal principale non dipenderà

da s ma sarà frutto di un salario fisso ,contemporanetamente se

0 <s<1 l'individuo sarà più portato ad impegnarsi se s si avvicinerà al valore 1 e

contemporaneamente aumenterà il rischio. L'impegno e il rischio raggiungeranno l'apice quando s

=1.

Ritorniamo alla funzione y=i+x

un individuo impegnandosi molto

i=im y(a) a

y(b) (1-a)

un individuo potrà essere remunerato un livello y(a) con probabilità a e un liberllo y(b) con

probabilità (1-a)

comntemporaneamente se l'individuo s'impegna poco

i=ip y(a) b

y(b) (1-b)

cosi come può produrre una quantità y(a) con probabilità a e può produrre y(b) con probabilità (1-b)

UTILITà

l'utilità di un agente , dipende dal salario che egli percepisce e , dall'impegno che assume segno

negativo inquanto impegrarsi per l'agente costa fatic, possiamo dunque esprimere l'utilità come

U(w,i)= w - i

dove w è sotto radice in quanto l'agente è un soggetto avverso al rischio.l'utilità aumenta

all'aumentare del salartio , infatti la derivata prima dellutilità è maggiore di zero

u(w,i)'>0

tuttavia l'aumento dell'utilità generato dall'aumento del salario è decrescente quindi

U(w,i)''<0

U W

Supponiamo che per un determinato lavoro un agente , perscepisce per un determinato lavoro

un'utilita Uc percependo un salario Wa o Wb in base se produce y(a) o y(b)

consideriamo l'utilità attesa se l'individuo si impegna molto

i=im

(Uc i=im) = P(ya) U(Ya) + P(Yb) U(Yb)

a ( Wa - im) + (1-a) ( Wb-im)

a Wa – aim + (1-a) Wb -im +ima

a Wa +(1-a) Wb -im

i=ip

(Uc i=ip) = b( Wa – ip ) + (1-b)( Wb – ip)

b Wa – bip +(1-b) Wb – ip +bip

b Wa +(1-b) Wb -ip

poichè l'impegno è sempre positivo , il principale vuole che l'agente s'impegni e deve incentivarlo

per far si che questo avvenga l'utilità attesa che si ha qnd l'agente s'impegna molto deve essere >= di

quella che si avrebbe non impegnandosi

(Uc i=im)>= (UC i=ip)

a Wa + (1-a) Wb -im >= b Wa +(1-b) Wb -ip

a Wa -b Wa >= (1-b) Wb - (1-a) Wb - ip + im

(a-b) Wa >= (a-b) Wb - ip + im

Wa >= Wb + (im – ip) VINCOLO DI COMPATIBILITà CON GLI INCENTIVI

( a- b)

tuttavia tale vincolo non è l'unico da considerare , vi è anche un altro vincolo .Un agente , può

riceve offerte anche da altre imprese , per questa motivazione il principale deve essere sicuro che

l'utilità che l'agente percepisce è maggiore o quanto meno uguale dall'utilità che percepirebbe

accettando il miglior contratto alternativo

(Uc i =im)>=Ur

a Wa + (1-a) Wb – im >= Ur

a Wa >= -(1-a) Wb + im +Ur

Wa >= -(1-a) Wb + im + Ur vincolo di partecipazione

a a

Wa

im+Ur vincolo di compatibilità con gli incentivi

a

im-ip vincolo di partecipazione

a-b Wb

VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Individuare quanto un agente contribuisce alla produzione non è semplice tuttavia vi sono delle

metodologie oggettive e soggettive. Vi sono dunque diversi strumenti di remunerazione in basse alla

performance , la prima che analizzeremo è quella del cottimo

La remunerazione del cottimo consiste nel remunerare un agente in base alle unità prodotte ,

tuttavia , apparentemente questo metodo di remunerazione sembra ottimale ma insorgono una serie

di distorssioni.L'agente , sapendo che sarà remunerato in base alle unità prodotte , sarà decisamente

incentivato ad incrementare i ritmi di produzione , questo però lo porterà a ridurre gli standard

qualitativi in quanto si concentrerà principalmente sulla quantità che sulla qualità , l'agente dunque

potrebbe nche introdurre nel contratto dell'agente degli standard qualitativi e pensalizzare l'agente

se non li rispetta , a questo punto l'agente sarebbe combattuto se produrre molto o se produrre meno

e concentrarsi sulla qualità per paura di non raggiungere gli standard qualitativi. La emunerazione

per cottimo non è ottimale nel momento in cui la produzione di un agente dipende da quello di altri

come ad esempio una catena di montaggio. L 'agente è strettamente collegato alla domanda in

quanto se la domanda dovesse ridursi il principal porrebbe le condizioni affinchè l'agente riducesse l

produzione e il salario dell agente si ridurrebbe.Un altro problema del cottimo è generata dalla

scarsa uniformità dell'unità di misura ad esempio se un agente è remunerato in base ad alberi di

pesco ripuliti è da considerare che non tutti gli alberi hanno la stessa consistenza e sono ripieni di

frutti allo stesso modo.Un altro problema è generato dalla presenza degli esperti , in quande se

l'agente è un medico assunto da una clinica remunerato in base alle visite effettuate , il medico sarà

incentivato prescrivere visite realmente non necessarie per essere remunerto.un altro metodo di

remunerazione è Lo standardi che valuta la performance dell'agente in base a degli standard , questo

comprende:

Il confronto delle performance precedenti

Il principale , valuta le performance dell'agente in base alle sue performance passate , tuttavia le

prestazioni di un agente possono dipendere da eventi particolarmente fortunati o sfortunati , l'agente

sa che se s'impegnerà molto il principale potrebbe pretendere perfrmance troppo elevte da

mantenere , di cnseguenza l'agente si impegna poco per mantenere le performance basse , questo

atteggiamento è definito ratchet

La valutazione comparativa delle performance

La valutazione delle performance può avvenire attraverso la comparazione delle sue performance

con quella di altri agenti , il classico esempio è quello dei tornei , ossia come in una vera e propria

competizione sportiva dove il vincitore sarà premiato , non necessariamente con un premio in

denaro ma con una serie di vantaggi rispetto altri agenti o una promozione, l'impegno degli agenti

dipenderà dal premio , per questo possiamo definire che

P= 1 i + e dove la probabilità di un agente di vincere dipende dal numero di partecipanti n

n dall'impegno i e da un fattore fortuna e

c =k^2 i indica il costo dell'agente

possiamo definire il pay off di ogni agente come

P (R+d) + (1-P)R -k^2i

sostituiamo P

( 1 i +e) (R+d) + (1 – 1 i – e)R -k^2 i

n n

1 i R + eR + 1 i d +ed + R – 1 i R – eR – K^2i

n n n

1 id + ed +R - k^2i

n

calcoliamo la derivata prima e poniamo rispetto a zero

1 d - 2ki =0

n

i= d 1 1

n 2k MULTITASK

Abbiamo già precedentemente affontatola definizione di teoria dell'agenzia osservando come un

agente, agisca per conto di un principale, tuttavia l'agente può spolgere più di un compito, quindi un

agente può svolgere compiti multipli da cui appunto deriva il termine multitask.Supponiamo

dunque che un agente svolga due diversi compiti , rispettivamente

ia ib

Il principale , può essere interessato al fatto che l'agente svolga con pari impegno le due azioni ia e

ib in quanto entrambe incrementano la y ,contemporaneamente , l'agente può trarre vantaggio dal

perseguire solo una delle due azioni e poichè vi è asimmetria informativa tra l'agente e il

principale , l'agente potrebbe agire per azioni nascoste o informazioni nascoste perseguendo i due

obiettivi. Contemporaneamente possiamo trovarci nella situazione in cui l'agente è interessante a

perseguire entrambe le azioni mentre il proprietario è interessato che l'agente concentri il suo

impegno solo sull'azione ia in quanto incrementa la produzione , analizziamo i due casi.

CASO A y:f(ia , ib , x) fattore casuale

w:k + sp(ia , x)


ACQUISTATO

2 volte

PAGINE

21

PESO

51.46 KB

AUTORE

eli11111

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in economia
SSD:
Università: Calabria - Unical
A.A.: 2014-2015

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher eli11111 di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Economia e gestione delle imprese e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Calabria - Unical o del prof Nisticò Rosanna.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Economia e gestione delle imprese

Economia e gestione delle imprese - Simulazione Egi
Appunto
Economia e gestione delle imprese - analisi dell’azienda “Gugliemo caffè”
Esercitazione
Economia dell'impresa
Appunto
Economia e gestione delle imprese - analisi dell’azienda “Gugliemo caffè”
Esercitazione