Che materia stai cercando?

Economia monetaria - la struttura dei tassi d’interesse

Appunti di Economia monetaria per l'esame del professor Ciccarone sulla struttura dei tassi d’interesse. Gli argomenti trattati sono i seguenti: l'equilibrio, il mercato a termine, le aspettative sui tassi a breve futuri, la curva dei rendimenti, le tendenze inflazionistiche, la congiuntura, la politica monetaria attesa.

Esame di Economia Monetaria docente Prof. G. Ciccarone

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Altri fattori nella determinazione della struttura dei tassi

(1) Premio per la liquidità

Preferenza investitori per titoli liquidi (incertezza su necessità future di

fondi e su andamento tassi) => rischio perdita in conto capitale => premio

per la liquidità => tassi a lunga più elevati di quanto sarebbero per effetto

attese sui tassi futuri.

(2) Habitat preferito.

Mercati dei titoli con scadenze differenti “segmentati”: titoli non omogenei

e non perfettamente sostituibili. Tanti sotto-mercati, in cui operano

condizioni di domanda e offerta diverse. Il comportamento degli operatori

che privilegiano scadenze brevi, con rischi più ridotti, si contrappone alle

preferenze dei prenditori, che preferiscono emettere a più lungo termine

per controllare meglio il costo dei loro investimenti. Poiché per i titoli a

più breve termine prevale la domanda e per quelli a più lungo termine

Î

l’offerta curva dei rendimenti con inclinazione positiva.

6

Il mercato dei derivati: future e option

Contratti che prevedono un impegno corrente in cambio di prestazioni

future.

Future: contratto standardizzato stipulato oggi che diviene operativo ad

una data futura, nella quale i contraenti si impegnano a scambiarsi un titolo

in quantità e qualità specificate ad un prezzo fissato al momento della

stipula del contratto.

Option: contratto standardizzato stipulato oggi che dà il diritto ad una parte

contraente di acquistare o vendere, entro un periodo di tempo, una

specifica attività finanziaria ad un determinato prezzo; il contraente deve

soddisfare il contratto se chi possiede l’opzione decide di avvalersene.

Copertura per ridurre incertezza alla scadenza. Impresa con debito in

Î

valuta future x acquistare (option x ad avere la possibilità di acquistare)

ad un prezzo certo la somma necessaria. Controparte che accetta di

Î

accollarsi il rischio pagare un premio perdita attesa mantenendo

posizione non coperta. Î

Speculazione: posizioni scoperte acquisto o vendita a termine; acquisto

option senza copertura. L’intervento dipende da scarto tra prezzo corrente

e valutazione a pronti futura del titolo; se > 0 vendita (allo scoperto) a

termine; se < 0 acquisto (allo scoperto) a termine. Trasferire nei prezzi a

termine valutazione tendenze future. Î

Arbitraggio. Se scarti tra prezzi a termine e prezzi a pronti realizzare

profitti assumendo posizioni contrapposte: vendere a pronti e acquistare a

termine, o viceversa.

Esempio: p a termine (con consegna a un anno) di un titolo > del 5% del p a pronti; se

Î

investimento a un anno offre tasso < 5% acquisto a pronti e vendita a termine

(guadagno > che investendo nell’attività a un anno). Intervento arbitraggisti

garantisce evoluzione prezzi a termine coerente con quella dei prezzi a pronti.

7

Prezzo a pronti di un titolo che offre il 2% = 100;

prezzo a termine (con consegna a un anno) = 107;

tasso di mercato sul finanziamento a un anno = 5%.

Se l’investitore prende oggi a prestito 100 per acquistare il titolo a pronti e

venderlo a termine al prezzo di 107, nel corso dell’anno guadagnerà 2 + fra

un anno otterrà 107 (per un incasso totale di 109) e rimborserà 105,

ottenendo un guadagno complessivo pari a 4.

Aumenta: Î

domanda del titolo a pronti aumento del prezzo;

Î

offerta del titolo a termine riduzione del prezzo.

Questa tendenza continua fino a quando i prezzi non sono tali da garantire

l’assenza di guadagni dall’attività di arbitraggio.

Prezzo a pronti di un titolo che offre il 2% = 100;

prezzo a termine (con consegna a un anno) = 103;

tasso di mercato sul finanziamento a un anno = 5%.

Non esiste opportunità di arbitraggio, perché il finanziamento a un anno

richiede di pagare 105 a fronte di incassi pari a 2 (l’interesse nell’anno sul

titolo acquistato a pronti) più 103 (la somma ottenuta dalla vendita a

termine). 8

“Efficienza”

1. Informativa: i prezzi riflettono sempre e in modo corretto tutte le

informazioni disponibili. Prezzi si modificano con nuove informazioni.

Numero elevato di investitori qualificati, capaci di decifrare info

rilevante. Non è possibile estrarre dal passato informazioni sul futuro

Î

che consentano di aspettarsi profitti positivi variazioni dei prezzi

seguono percorsi casuali (random walk): i movimenti dei prezzi sono

imprevedibili perché hanno luogo soltanto in risposta a informazioni

Î

nuove, e dunque imprevedibili il prezzo di oggi è la migliore

aspettativa del prezzo di domani

2. Valutativa: quotazioni riflettono perfettamente valore impresa

Î

determinato in base ai “fondamentali” riflettono redditi futuri.

3. Da assicurazione piena (completezza): assicurare possibilità di

realizzare scambi a tutte le scadenze e in qualunque circostanza.

4. Funzionale: capacità di trasferire fondi, al minor costo possibile, agli

investimenti dal più alto rendimento.

Fama (1970) condizioni sufficienti per mercati efficienti:

- no costi di transazione nella negoziazione dei titoli;

- tutte le info disponibili sono accessibili a tutti a costo 0;

- tutti concordano sulle implicazioni che le info hanno per il prezzo

corrente e per le distribuzioni di probabilità del prezzo futuro.

3 insiemi info => 3 forme di efficienza:

1. in forma debole: prezzi riflettono info estraibili da andamento passato

prezzi; conoscenza prezzi non migliora possibilità prevedere rendimenti

Î

attesi; solo chi ha info prospettica profitto dall’attività speculativa;

2. in forma semiforte: prezzi riflettono tutte info pubblicamente disponibili

Î analisi prezzi no risultati migliori di quelli medi (non è possibile

“battere” il mercato); solo insider traders potrebbero avere profitti attesi

superiori alla media, perché dispongono di informazione privilegiata;

3. in forma forte: prezzi riflettono anche informazioni non disponibili a

tutti (se vi è un insider, le sue info sono immediatamente riflesse nei

prezzi tramite le sue operazioni), incluse quelle prospettiche; in tal caso,

neppure gli insider possono “battere” il mercato.

9


PAGINE

10

PESO

127.27 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in economia e commercio (POMEZIA, ROMA)
SSD:
A.A.: 2013-2014

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher valeria0186 di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Economia Monetaria e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università La Sapienza - Uniroma1 o del prof Ciccarone Giuseppe.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Economia monetaria

Economia monetaria - la prova d'esame 2008
Esercitazione
Economia monetaria - l'intermediazione finanziaria
Appunto
Economia monetaria - l'interazione tra politica fiscale e politica monetaria
Appunto
Economia monetaria - test  03.2008
Esercitazione