Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

dell’imposta subita sugli acquisti effettuati per l’esecuzione delle

operazioni medesime. Pur mancando del requisito della territorialità

concorrono alla formazione del volume d’affari ai fini I.V.A. Questa

sembrerebbe una disciplina favorevole ai soggetti iva ma non è così

perché chi effettua prevalentemente operazioni di questo tipo può

recuperare l’imposta subita sugli acquisti solo col rimborso

dell’amministrazione, con tutti gli oneri finanziari connessi all’attesa

dei relativi controlli. Il regime di “non imponibilità” è esteso anche

alle operazioni prodromiche rispetto a quelle tipiche. Inoltre agli

esportatori è riconosciuta la possibilità di effettuare acquisti di beni e

servizi senza applicazione dell’imposta, nei limiti dell’ammontare

complessivo delle esportazioni effettuate nell’anno precedente però

devono comunicare questa opzione all’ufficio finanziario.

Esenti : sono quelle operazioni individuate con elencazione tassativa da art 10 DPR

633/72 . Questi esoneri sono giustificati dal fatto che alcuni consumi di ricchezza non

vengono considerati manifestazioni di capacità contributiva perché relativi a bisogni

essenziali o perché relativi a situazioni di particolare favore dal punto di vista

politico-sociale. ad es. le prestazioni sanitarie, educative, didattiche rese dalle scuole

o da istituti riconosciuti, trasporto pubblico urbano di persone, servizi delle pompe

funebri…Le operazioni esenti hanno le stesse caratteristiche di quelle non imponibili

per quanto riguarda i normali obblighi di fatturazione, registrazione e dichiarazione

ma ad esse si accompagna, a differenza delle prime, l’INDETRAIBILITA’

dell’imposta subita sugli acquisti dei beni e dei servizi che sono serviti per la loro

effettuazione. Il fondamento della in detraibilità dell’imposta relativa all’acquisto di

beni e servizi destinati ad operazioni esenti è da ravvisare nell’intento di limitare il

beneficio fiscale al solo valore aggiunto dato dall’operazione agevolata. Cioè, l’IVA

indetraibile per l’operatore economico viene considerata come un costo dell’attività,

come tale deducibile dalle imposte sui redditi.(Esempio del professore: il medico che

acquista un macchinario avrà un’iva a credito. Se egli ha svolto solo operazioni esenti

non potrà usufruire della detrazione, ma potrà effettuare una detrazione dal volume

di affari in rapporto al numero delle operazioni esenti).

Volume di affari : complessivo ammontare delle operazioni registrate nel corso di

un anno solare, cioè la somma di tutte le operazioni imponibili, non imponibili ed

esenti. La percentuale di detraibilità è data dal rapporto tra operazioni esenti e volume

d’affari, in quell’anno (sistema pro-rata temporis). L’iva dovuta per l’acquisto di

beni ammortizzabili è interamente detraibile, essa va suddiviso nei 4 anni successivi

all’acquisto, se la percentuale di detrazione ha una variazione > al 10%.

Base imponibile dell’I.V.A.: e’ data dal corrispettivo,dal prezzo previsto dal

contratto, non dal valore venale (valore di comune commercio del bene),a differenza

dell’imposta di registro. Il valore venale rileva solo o nell’autoconsumo, o se non

vi è il corrispettivo o esso è dato da beni in natura e non dal prezzo.

Nell’importazione la base imponibile è il valore della merce, determinato in

relazione alle disposizioni doganali, che regolano detti rapporti.

Detrazione e rivalsa (dom) :

Ciascun soggetto passivo nel cedere un bene o un servizio riscuote dal cliente il

prezzo e l’iva, emettendo fattura o ricevuta fiscale. Alle scadenze previste detrae

dall’iva ricevuta dai clienti, quella pagata ai fornitori e poi versa il saldo all’Erario,

mediante delega ad una banca, diventando esattore per conto dello Stato.

Rivalsa: l’imposta applicata sulla singole operazioni da parte del cedente o del

prestatore del servizio deve essere addebitata al destinatario delle operazioni. La

legge sancisce l’obbligatorietà di questo addebito ed è nullo ogni patto contrario.

Consiste nel diritto di credito che nasce in capo al cedente nei confronti del

cessionario, per cui deve fargli pagare oltre al prezzo pattuito l’iva.

La rivalsa dell’iva deve essere operata mediante l’addebito dell’imposta nella fattura

che il cedente è tenuto ad emettere. Il credito di rivalsa é un effetto legale della fattura

emessa, del tutto indipendente dal fatto che l’imposta addebitata sia o no già versata

allo Stato.

Per le operazioni per le quali non è prevista l’emissione di fattura( es commercio al

minuto) non c’è neppure dir/dov di rivalsa visto che l’imposta è incorporata nel

prezzo.

Se cliente richiede espressamente fattura l’iva va scorporata dal prezzo.

A seguito del diritto-obbligo di rivalsa, e del diritto di detrarre l’imposta pagata, l’iva

risulta neutrale, salvo che nei confronti dei consumatori finali.

1 La rivalsa non è obbligatoria (resta obbligatoria la fatturazione) per le imposte

relative a: cessioni gratuite di beni alla cui produzione o scambio è diretta l’attività

d’impresa,; autoconsumo e destinazione dei beni a finalità estarnee all’esrcizio

d’impresa.

2 E’ in ogni caso esclusa la rivalsa delle imposte conseguenti ad accertamenti e

rettifiche effettuati dall’amm.

3 La fatturazione mancata o irregolare osta all’esercitabilità della rivalsa per vla parte

dell’imposta che non risulta in fattura ma non solleva il destinatario dall’onere

tributario. Per gli acquisti effettuati nell’esercizio di imprese arti o professioni, il

cessionario è tenuto a regolarizzare l’operazione presentando all’Ufficio autofattura e

versando la relativa imposta; ferma restando la possibilità della successiva detrazione

dell’imposta così versata.


PAGINE

6

PESO

103.37 KB

AUTORE

Exxodus

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in economia
SSD:
Docente: Non --
A.A.: 2011-2012

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Exxodus di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Economia aziendale e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università La Sapienza - Uniroma1 o del prof Non --.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Economia aziendale

Dispensa di Economia aziendale - Organizzazione, strategia e gestione
Dispensa
Dispensa di Economia aziendale - Analisi della performance: equilibrio economico
Dispensa
Dispensa di Economia aziendale - Analisi della performance: equilibrio finanziario
Dispensa
Dispensa di Economia aziendale - La regolamentazione sul bilancio
Dispensa