Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

capitolo 1.

1.3.1 Il sistema di creazione del valore nel turismo

La relazione tra le strategie di rete e il vantaggio competitico è rilevante

soprattutto in un settore frammentato come quello turistico in cui la

collaborazione di più attori alla realizzazione di un prodotto completo risulta

essere alla base della percezione del valore del cliente.

All'interno di questo settore vi sono 2 attori principali:

- i fornitori, che forniscono servizi alberghieri, extra alberghieri, servizi di

trasporto, di intrattenimento.

- gli intermediari, che sono i gds, i sistemi di distribuzione e prenotazione,

tour operator, agenzie di viaggio, social networks.

I principali fattori di successso all'interno di questi due soggetti sono:

per i fornitori:

- la GAMMA estesa delle località per soddisfare la molteplicità di bisogni,

poichè la limitatezza della gamma limita anche l'acquisto.

- la COMPLESSITA' dell'informazione, cataloghi e sistemi di prenotazione non

sono più adatti. Oggi internet permette di integrare informazioni molto più

facilmente.

per gli intermediari:

- SATURARE LA CAPACITA' PRODUTTIVA, data la struttura dei costi fissi alti è

importante saturare la CP in modo da incidere sulla reddititvità.

- PRESENZA DI FORTI ECONOMIE DI SISTEMA, il giudizio del cliente è un

giudizio globale, quindi se la località non è all'altezza poco importa

dell'eccellenza degli altri servizi.

1.3.3 Collegamento tra domanda e offerta

Configurazione punto-punto: il cliente ha un ruolo attivo nel senso

che progetta e realizza il prodotto prima di intraprendere il viaggio.

Tuttavia vi sono alcuni limiti: la qualità e la coerenza dei servizi

dipendono direttamente dalle scelte fatte dal cliente e quindi da

queste dipende anche la percezione del valore, che in aggiunta può

essere influenzata negativamente a causa di una visione del prodotto

non unitario ma segmentato e disconnesso.

Configurazione package: vi è la presenza di un tout operator o di una

agenzia di viaggi che aiutano il cliente alla realizzazione del proprio

viaggio. Infatti non si parla più solo di pacchetti viaggio preconfezionati

e non personalizzabili, ma anche realizzati su misura con le esigenze

del cliente. Tuttavia nel caso di un dynamic packaging si rischia però di

offrire solo servizi di base, rischiando di ridurre il valore percepito.

Configurazione network: diverse aziende producono diversi servizi e

concorrono insieme alla realizzazione di un sistema di prodotto che

risulti unitario e che soddisfi tutti i bisogni del cliente. Queste aziende

sono specializzate per l'appunto in alcuni settori e garantiscono certi

standard qualitativi.

1.3.4 I network di co-creazione del valore

Le reti turistiche possono essere distinte a seconda della

localizzazione, quindi se operano in una determianata area (locale) o in

più aree decentrate (decentrata), e a seconda della natura delle

attività se omogenee o eterogenee.

Quali sono i fattori di successo di un network?

- avere un piano strategico comune;

- avere efficaci meccanismi di motivazione: possono crearsi degli

obiettivi contrastanti e per questo motivo è necessaria la presenza di

un meta management che intervene per correggere quei

comportamenti messi in atto da singole aziende per il raggiungimento

di scopi e profitti individuali a scapito di tutta la rete.

- presenza di operatori privati: enti pubblici che supportano e

finanziano;

- coinvolgere un network significativo di attori;

- presenza per gli associati di vantaggi escludibili: a cui si può rinunciare per

favorire il gruppo e non la singola azienda.

1.4 L a destinazione come livelli di analisi della stratedia nel

turismo

La destinazione è il luogo in cui il cliente vive l'esperienza e verifica la

qualità dei prodotti e dei servizi che compongono il suo viaggio. Di

conseguenza il valore dei singoli servizi viene percepito come un'esperienza

che parte dalla destinazione.

Oggi le destinazioni hanno una propria immagine e forza attrattiva infatti i

turisti, prima ancora di decidere la tipologia di vacanza scelgono la

destinazione.

1.5 Le prospettive di analisi della destinazione.

La destinazione è un ambito geografico scelto dal turista come meta in cui

sono presenti tutti i servizi di cui necessità, viene intesa come un'offerta

globale ed infine è l'insieme delle risorse, delle strutture e delle attività ed

attrattività che partecipano alla creazione dell'offerta.

La destinazione viene intesa come network.

Destinatio management: studia la complessità delle relazioni tra attori che

partecipano alla realizzazione dell'offerta della destinazione con obiettivi

diversi.

1.6 La co-creazione del valore nell'ambito della destinazione

Il network si compone di beni e di servizi controllati da numerosi attori

indipendenti, nessuno dei quali è in grado di esercitare un controllo diretto

dull'intero sistema di creazione dell'esperienza turistica. Il prodotto viene

giudicato secondo una visione unitaria e globale.

Per soddisfare la pluralità e la complessità dei bisogni è necessario integrare

servizi diversi.

Il successo della destinazione e degli attori quindi dipende dal grado di

integrazione

Le formule inter-organizzative:

- CONVENTIONAL or INDIVIDUALISTIC FORM: le imprese non sono coordinate

ed operano in modo autonomo

- ADMINISTRED FORM: le imprese cooperano per attività di marketing DMO

- CONTRACTUAL FORM: i meccanismi di collaborazione sono molto più forti

(Società congiunte)

- CORPORATE FORM: un solo soggetto esercita un controllo diretto sui diversi

servizi e fattori di attrattiva attraverso la proprietà delle risorse.

Le destinazioni possono assumere la forma:

- CORPORATE: progettata e promossa da parte di una società di gestione che

controlla attraverso la proprietà diretta delle risorse e con diversi accordi con

gli attori.

- COMMUNITY: le risorse sono possedute e gestite da attori diversi e operano

con strategie individuali. In questo caso sono necessari meccanismi di

coordinamento più incisivi e forme di gestione sovraordinata. In alcuni casi la

presenza di una DMO, imprese guida o consorzi permette alla destinazione di

sviluppare efficaci strategie di sviluppo e di promozione, rafforzando la

competitività dell'azienda.


ACQUISTATO

3 volte

PAGINE

7

PESO

47.63 KB

AUTORE

Bidona

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in turismo, cultura e sviluppo del territorio
SSD:

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Bidona di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Economia aziendale e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Libera Università di Lingue e Comunicazione - Iulm o del prof De Carlo Manuela.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Corso di laurea in turismo, cultura e sviluppo del territorio

Riassunto esame Economia delle aziende turistiche, prof. De Carlo, libro consigliato La co-creazione del valore nel turismo
Appunto
Economia delle aziende turistiche
Appunto
Bilancio economico
Appunto