Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

3) Sottosistema delle relazioni azienda/banche trova il suo fondamento tra l’afflusso

di denaro derivante dalle operazioni di vendita dei prodotti e il deflusso provocato

dalle operazioni di approvvigionamento dei fattori produttivi inoltre è legato al

processo di crescita economica che induce ogni azienda a porre in essere

straordinarie operazioni di investimento a medio/lungo termine . La disponibilità di

denaro determina il rafforzamento dell’equilibrio finanziario e accresce l’attitudine

dell’azienda a produrre ricchezza ; quanto più denaro alimenta l’azienda tanto

maggiore potrà essere il suo grado di economicità e sua migliore collocazione sul

mercato.

4) Sottosistema delle relazioni azienda/capitalisti rapporto che lega alle sorti

dell’azienda i risparmiatori , esponendoli al rischio economico connaturato con la

gestione. Il capitale acquisito con vincolo di capitale è stabilmente ancorato alle sorti

dell’azienda , il capitalista ha in genere una mentalità economica che lo porta a

considerare la redditività in termini probabilistici. Capitalista-soggetto economico e

capitalista- risparmiatore (non partecipa alla gestione dell’azienda)

5) Sottosistema delle relazioni azienda/lavoratori elemento che da’ funzionalità al

processo produttivo ricevendo un trattamento retributivo proporzionato al suo

impegno e alla sua qualificazione professionale. I lavoratori mirano al superamento

degli squilibri strutturali e funzionali del sistema produttivo nel quale operano per un

riconoscimento oltre che economico anche gestionale e sociale del lavoro svolto.

6) Sottosistema delle relazioni azienda/concorrenti rapporto che ogni azienda

instaura con le altre unità produttive operanti nella sua stessa fascia di mercato e con

le quali si trova a dover competere per la collocazione dei prodotti. La competitività

spinge le aziende ad attuare opportune “strategie” di comportamento per consolidare

la propria posizione economica. Ogni azione concorrenziale provoca sul mercato una

serie di reazioni a catena, esso ha un suo autonomo svolgimento in base al quale è

difficile prevedere la direzione degli spostamenti di economicità.

7) Il sottosistema delle relazioni azienda/comunità relazioni che l’azienda instaura

con il proprio ambiente e in questo caso in modo complesso con la comunità,

insieme di persone che agiscono nell’ambito dell’area economica dell’azienda.

Condizionandola in termini di possibilità e di limiti. Le limitazioni più frequenti

sono relative alle azioni che i governi intraprendono nei settori monetari e creditizi,

fiscali, urbanistici : tutte le questioni che rivestono pubblico interesse economico;

determinano variazioni strutturali e monetarie nel sistema dei costi alterando

l’equilibrio.

IL SISTEMA DEL MANAGEMENT

Il management è requisito aziendale del sistema azienda ed ha natura soggettiva ed è

espressione della volontà politica dell’azienda, è l’intelligenza direttiva, il cervello della

combinazione aziendale. Si contrappone ai sistemi della produzione e delle relazioni con

l’ambiente che hanno natura oggettiva. Il sistema trova il suo fondamento in un insieme

coordinato di scelte dal quale scaturiscono le reali manifestazioni di gestione

(acquisizione dei fattori e correlati processi produttivi) . Si necessita di uomini capaci

non solo di realizzare i programmi ma anche di interpretare gli andamenti tecnici e

finanziari della gestione in un contesto unitario di vita del sistema azienda.. Occorre

verificare costantemente il sistema delle ipotesi su cui si fonda tenendo conto anche dei

mutamenti che avvengono nell’ambiente.

3 distinti momenti del management divisi in sottoinsiemi:

1) sottosistema della pianificazione : essenza del divenire aziendale: vengono fissati gli

obiettivi, orientate le scelte e informate le operazioni che vengono realizzate dai membri

dell’organizzazione. E’ un fatto necessario per il funzionamento dell’azienda non solo

nella gestione ma anche nei processi di fase pre-aziendale e istituzionale, con indagine

preliminare sulle possibilità offerte dall’ambiente. Quindi obiettivi, decisioni, strategie

per la realizzazione dei programmi prefissati: fase dell’indagine prospettiva (sulle

caratteristiche delle componenti del sistema sociale) , della pianificazione strategica,

(nascono le politiche di gestione, cosa fare ) della pianificazione operativa o

programmazione (come farlo, modalità di operare) . L’atto finale è il “budget”dove

vengono riportati gli orientamenti della direzione per lo svolgimento dei piani.

2) sottosistema dell’organizzazione: esprime il modo di assolvere operativamente le

diverse mansioni che la pianificazione suggerisce. Una volta progettato e realizzato deve

essere attentamente seguito nel corso della sua gestione, quindi il modello deve essere

elastico nello spirito di una concezione dinamica ed evolutiva, ha lo scopo di realizzare

gli obiettivi nel modo più funzionale possibile.

3) sottosistema del controllo: fase operativa, si realizzano i processi tecnici e finanziari.

Ha funzione di verificare che la gestione si svolga in modo conforme alle linee del

processo di pianificazione con il confronto degli andamenti reali con quelli ipotizzati per

capire se gli obiettivi posti a base dei piani sono o meno validi., consente di rivedere in

caso il sistema della pianificazione

IL SISTEMA DELLE INFORMAZIONI

L’informazione diviene cosi’ importante da divenire il perno del sistema manageriale.

L’inserimento nei processi gestionali delle tecnologie più avanzate consente di trattare

una enorme quantità di dati che danno risposte all’azienda sugli interrogativi per la

soluzione dei problemi. Accanto al fenomeno della produzione si affianca un secondo

processo tecnico che trova il suo fondamento nell’elaborazione dell’informazione,

questo è un supporto stabile delle decisioni che il management è chiamato a prendere.

Ogni realtà però è diversa quindi le informazioni vanno orientate con un processo

chiamato “trattamento” mediante il quale si inseriscono organicamente nella vita

dell’azienda entrandone a far parte come elemento della combinazione produttiva. Si

compone di 4 fasi : raccolta, selezione, classificazione, elaborazione.

- raccolta : fase iniziale del trattamento, l’acquisizione originaria (prima volta) o

derivata (già trattata)

- selezione ha lo scopo di distinguere per le informazioni raccolte il contenuto

informativo che sono in grado di offrire

- classificazione : si completa il processo del trattamento. Le informazioni vengono

raggruppate per classi omogenee in relazione al loro utilizzo.

- L’elaborazione momento che le informazioni si trasformano in elementi di gestione

inserendo nell’azienda elementi di funzionalità e razionalità.

Occorre creare un sistema informativo efficiente e utile alla conduzione dell’azienda

quindi definire un modello di elaborazione e effettuare scelte su metodi e strumenti.

(manuale, meccanica, elettronica) . Esso è espressione del sistema del management

quindi viene progettato in funzione degli obiettivi strategici che l’azienda intende

perseguire. I costi sono per l’acquisizione e dell’elaborazione, quando il processo è

sofisticato.

- sottosistema informativo della produzione che riguarda il processo produttivo in

senso stretto. E’ orientato verso l’interno ma deve attingere informazioni anche

dall’ambiente esterno

- sottosistema informativo del marketing riguarda la funzione commerciale, è orientato

verso l’estero dovendo trarre dal mercato tutti gli elementi utili per una politica delle

vendite ottimale.

- Sottosistema informativo della finanza , riguarda gli andamenti finanziari in

connessione con quelli della produzione e delle vendite. Doppio orientamento

esterno, interno.


ACQUISTATO

3 volte

PAGINE

5

PESO

27.13 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE APPUNTO

Riassunto per l'esame di Economia aziendale, basato su appunti personali e studio autonomo del testo consigliato dal docente Il sistema d'azienda, Bertini. in cui nello specifico gli argomenti trattati sono i seguenti: l’azienda vista con la “teoria dei sistemi”, il sistema della produzione, il sistema delle relazioni azienda/ambiente.


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in economia aziendale, management e professioni
SSD:
Università: Ferrara - Unife
A.A.: 2008-2009

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Novadelia di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Economia aziendale e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Ferrara - Unife o del prof Poselli Margherita.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Corso di laurea magistrale in economia aziendale, management e professioni

Revisione aziendale - programma
Appunto
Solow Model Develompent Economics
Appunto