Che materia stai cercando?

Scienze della prevenzione - la definizione di ecografia Appunti scolastici Premium

Appunti di Scienze della prevenzione per l'esame del professor Mallamace sull'ecografia con analisi dei seguenti argomenti: definizione, effetto piezoelettrico, suoni, caratteristiche del fascio, frequenza di emissioni, sonda o trasduttore.

Esame di scienze della prevenzione docente Prof. A. Mallamace

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Che cos’è

l’ECOGRAFIA?

Letteralmente “scrittura dei suoni”…è una

indagine strumentale che utilizza gli ultrasuoni a

scopo diagnostico.Il principio su cui si basa è la

possibile riflessione delle onde sonore nel punto di

passaggio fra due mezzi a diversa impedenza

acustica.

LE APPARECCHIATURE UTILIZZATE IN ULTRASONOGRAFIA

L’EFFETTO PIEZOELETTRICO:

DIAGNOSTICA SFRUTTANO CIOE’

LA PROPRIETA’ POSSEDUTA DA ALCUNI CRISTALLI ( QUARZO,

ZIRCONATO DI PIOMBO ECC.) O DA MATERIALI SINTETICI, DI

ENTRARE IN VIBRAZIONE, GENERANDO IMPULSI ELETTRICI, IN

RISPOSTA AD UNA SOLLECITAZIONE MECCANICA LORO

APPLICATA E VICEVERSA.

SONO MOVIMENTI VIBRATORI PERIODICI DI STRUTTURE MOLECOLARI,

CHE SI PROPAGANO NELLA MATERIA SOTTO FORMA DI ONDE.QUANDO

LE ONDE SONORE RAGGIUNGONO ALTISSIME FREQUENZE ( SUPERIORI A

20.000 Hertz ), OLTRE LA SOGLIA MASSIMA DI PERCEZIONE

ULTRASUONI.

DELL’ORECCHIO UMANO, VENGONO DEFINITE

OSSIA IL NUMERO DI OSCILLAZIONI COMPLETE (CICLI)

LE FREQUENZE

CHE LA PARTICELLA IN VIBRAZIONE COMPIE NELL’UNITA’ DI TEMPO,

SONO ESPRESSE IN Hertz ( 1 Hz = 1 CICLO/SECONDO). NELLA

DIAGNOSTICA MEDICA VENGONO UTILIZZATE FREQUENZE DI MILIONI DI

Hertz (MHz) COMPRESE TRA I 2 ED I 20 MHz

SONDA

APPLICANDO LA (CHE HA LA CAPACITA’ DI EMETTERE GLI

ULTRASUONI E DI RICEVERE IL SEGNALE DI RITORNO) ALLA

SUPERFICIE CORPOREA, IL FASCIO ULTRASONORO,

NELL’ATTRAVERSARE LA MATERIA SI ATTENUA SUBENDO UNA

PARZIALE E PROGRESSIVA PERDITA DI ENERGIA OGNIQUALVOLTA

INCONTRA LA SUPERFICIE DI PARTI NON OMOGENEE (INTERFACCE).

ALLA SINGOLA PERDITA DI ENERGIA CORRISPONDE UN’ONDA

RIFLESSA (ECO) CHE VIENE RILEVATA DALLA SONDA.

Riflessione

Le interfacce che hanno dimensioni molto più

grandi della lunghezza d'onda ultrasonica

impiegata danno origine a riflessioni speculari.

Tali riflessioni seguono le leggi dell'ottica.

Tipico riflettore speculare è il diaframma

poiché è liscio, ad ampio raggio di curvatura.

Altri riflettori speculari sono gli ili degli

organi, le calcificazioni, le bolle gassose.


PAGINE

12

PESO

1.67 MB

AUTORE

banzie

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in infermieristica (CALTAGIRONE, MESSINA, PIAZZA ARMERINA, REGGIO CALABRIA, ENNA, SIRACUSA)
SSD:
Università: Messina - Unime
A.A.: 2013-2014

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher banzie di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di scienze della prevenzione e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Messina - Unime o del prof Mallamace Agostino.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Corso di laurea in infermieristica (caltagirone, messina, piazza armerina, reggio calabria, enna, siracusa)

Chirurgia generale - i traumi addominali
Appunto
Scienze infermieristiche - l'ambulanza infermieristica
Appunto
Dermatologia - l'epitelioma basocellulare
Appunto
Occlusioni intestinali
Appunto