Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

NB però non vive allo stato puro, ma è mediata dai beni naturali e quindi anche dalla proprietà.

LA PROPRIETA’= condizione e strumento dell’attività produttiva e prova che l’uomo non è solo

esistenzialità pura, né libertà astratta, ma può invece unire la sua vita alle cose rendendole

produttive (come proprietario annette un pezzo di mondo esterno al proprio Io). Non sono le cose

che legano a sé l’uomo, ma è lui che le lega a sé, mediante la sua libera attività, cioè il Lavoro. NB

ciò è una garanzia nei confronti del Potere, perché questa concretezza della libertà, rende più

difficile da parte di esso l’esproprio dei diritti naturali. Proprietà quindi è l’unico limite al Potere.

LA TRIADE di L. è Vita, Libertà e Proprietà. Matrici di diritti umani che l’autorità deve rispettare.

IL VALORE DEL LAVORO

La proprietà si costituisce attraverso il Lavoro, che quindi è l’energia creativa dell’uomo, il quale ha

il diritto di esercitarla sulle cose. L’oggetto della Proprietà non è la cosa in sé, ma cosa il Lavoro

umano ci mette: è suo quasi al 100% il valore della cosa, la Natura ci mette una parte molto

inferiore, che si riduce ulteriormente all’aumentare della capacità produttiva umana. Quindi il

Valore delle cose si risolve quasi per intero nel valore della creatività umana ( ciò sarà ripreso sia

dai liberali che dai socialisti col plusvalore ).

POTERE E PROPRIETA’

L. però non si preoccupa di garantire a tutti il diritto alla Proprietà, secondo principi di giustizia

sociale. Certo, dice che la libertà della proprietà non è licenza, cioè non deve precludere ad altri di

diventare proprietari, ma il problema per L. non è che qualcuno abbia più di altri, bensì che le leggi

medievali impediscano la creatività del lavoro di tutti.

Quindi, L. vuole:

- una Disciplina Giuridica non tanto sulla proprietà ( che va liberalizzata ), ma sul Potere ( che

va limitato )

- la sostituzione del potere assoluto con il simbolismo e la pratica del Potere Limitato.

Il Potere è necessario ( sbagliato far troppo affidamento sull’ordine spontaneo ), ma è una garanzia,

non un fine in sé. Ci vuole quindi un’autorità superiore che stabilendo norme valide per tutti atte

strutturare reciproche garanzie riesca a superare l’elemento di precarietà che è presente nello Stato

di Natura (per garantire la pace anche una minoranza può rendere lo Stato di Natura inconcludente).

Questa autorità superiore è IL GIUDICE: sempre al di sopra delle parti.

Potere politico per L. = Magistratura: -dirime i conflitti, -assicura pacifica convivenza tutelando

beni civili, -si affida a leggi fisse che impongano a tutti una sola regola.

LA STRUTTURA DEL POTERE

Il potere non organizza, ma garantisce il gioco delle parti. Lo Stato non dice ai cittadini cosa fare,

ma interviene solo per rendere compatibile l’azione individuale con l’ordine sociale. Le Leggi non

unificano scopi e interessi, ma ne garantiscono la coesistenza e la libera manifestazione.

Con questi 3 approcci, quello di L. è GARANTISMO: il potere è obbligato a non entrare nelle c.d.

Azioni Indifferenti ( perseguono un obiettivo particolare senza ledere le libertà altrui ).

La struttura per dare corpo al Garantismo vede un Potere emanato dal consenso popolare (autorità

legislativa del popolo) che deve dominare ogni altro potere e funzione statale, pena la tirannide. Al

Re rimangono il potere esecutivo e quello federativo( garanzia interessi statali verso il mondo

esterno).

LA LIBERTA’ RELIGIOSA

I limiti che L. pone all’autorità sono rivolti anche alla tutela della libertà della coscienza. Il

Magistrato non orienta alcunché: ognuno può pregare il proprio Dio nelle forme che crede, purchè

ciò non turbi l’ordine pubblico. Quella di L. però è una tolleranza a metà, perché:


PAGINE

3

PESO

17.19 KB

AUTORE

Exxodus

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in scienze politiche e relazioni internazionali (POMEZIA, ROMA)
SSD:
A.A.: 2005-2006

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Exxodus di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Storia delle dottrine politiche e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università La Sapienza - Uniroma1 o del prof Scienze Sociali Prof.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Storia delle dottrine politiche

Storia delle dottrine politiche - manuale
Appunto
Riassunto esame Storia delle dottrine politiche, docente Scuccimarra, libri consigliati: "Storia e ragione politica", Gaetano Calabrò, "La politica e gli Stati", Raffaela Gherardi
Appunto
Dottrine Politiche, Zanfarino - Hobbes
Appunto
Potere e carisma in Max Weber, Storia delle dottrine politiche
Tesi