Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

LA MANCIPATIO

La mancipatio fa sì che il soggetto acquisti sul bene la qualità di dominus, ovvero

acquisti la prorietà sui beni rientranti nel gruppo delle res mancipi.

La mancipatio segue un procedimento formale in base al quale, alla presenza di 5

testimoni, colui che vuole acquisire il dominium pronuncia delle parole immutabili

(l'unica parola che varia è il nome della res). Le parole che deve pronunciare sono

prestabilite:"affermo che questa cosa è mia per il diritto dei Quiriti". Chi cede il

dominium non deve dire nulla.

Oltre ai 2 soggetti e i testimoni, è necessario anche il bilanciere, ovvero colui che

pesa, chiamato libripens. Il compito del libripens è quello di pesare, non la merce,

bensì il prezzo. La sua origine nasce dal fatto che anticamente, non essendoci le

monete coniate, si utilizzavano monete grezze che venivano pesate per controllarne la

quantità.

Il libripens è essenziale per la buona riuscita della mancipatio, se manca la

mancipatio non produce nessun effetto.

Con l'introduzione della moneta coniata il libripens sembrerebbe una figura destina a

scomparire, ma Gaio, nel II secolo d.C. la descrive ancora, segno, questo della sua

importanza.

Con l'introduzione della moneta coniata, tra il IV e III sec. a.C. Il libripens non pesa

più il prezzo, e, quindi, pone sulla bilancia un simbolo (non le monete coniate) dal

momento che le parti si sono accordate precedentemente sul prezzo.

Dal momento che dal negozio solenne della mancipatio sparisce il prezzo (per cui le

parti si erano accordate prima), la mancipatio iniziò ad essere utilizzata anche per

acquisire la 'proprietà' sulle persone, ovvero per avere su di loro mancipium.

In questo caso può assumere 3 forme diverse.

COEMANCIPATIO

è un istituto in base al quale, quando un uomo decideva di acquistare la manus, cioè il

potere sulla moglie, metteva in piedi l'istituto della mancipatio.

LA MANCIPATIO FAMILIAE

è un istituto utilizzato per trasferire una eredità e, quindi, fare testamento.

Questo istituto è chiamato mancipatio familiae. Il cittadino, utilizzando le forme

solenni della mancipatio, trasmette in eredità o riceve un'eredità.

L'EMANCIPAZIO

è un istituto in base al quale il figlio, nonostante viva con il padre, possa essere

liberato dalla patria potestas.


PAGINE

3

PESO

54.69 KB

AUTORE

suke

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in giurisprudenza
SSD:
A.A.: 2013-2014

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher suke di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Diritto romano e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università La Sapienza - Uniroma1 o del prof Brutti Massimo.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Diritto romano

Diritto romano - Institutione di Gaio
Appunto
Diritto romano - la proprietà
Appunto
Diritto romano - il significato di res
Appunto
Diritto romano - le servitù prediali
Appunto