Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

difendere,la presenza obbligatoria del difensore d’ufficio garantisce la

CAPITOLO I regolarità del dibattimento) e garantisce il gratuito patrocinio per i non

REGOLE E PRINCIPI NEI SITEMI abbienti.

L’art 25 sancisce il principio secondo cui nessuno può essere distolto

PROCESSUALI dal giudice naturale precostituito per legge:il giudice naturale è il

giudice istituzionalmente competente per effetto di una legge anteriore

L’attuale cpp è entrato in vigore nel 1988,sostituendo il vecchio al fatto(la legge necessariamente deve predeterminare ogni giudice per

codice Rocco di epoca fascista.Di recente è stato oggetto di profonda la trattazione di una causa);inoltre la precostituzione del giudice

riforma ad opera del dlgs 51\1998 (che ha introdotto il giudice unico naturale deve derivare necessariamente dal legislatore.

di primo grado sostituendo la figura del pretore),della l. 479\1999 L’art 101 stabilisce che i giudici sono soggetti soltanto alla legge.

(legge Carotti) e della l.63\2001 sul giusto processo. L’art 112 sancisce la obbligatorietà dell’azione penale da parte del

I sistemi processuali sono fondamentalmente due:inquisitorio e pm.

accusatorio. L’importantissimo art 111 è stato modificato dalla legge

-sistema accusatorio:può essere configurato come un triangolo al cui costituzionale 2\1999 i cui principi sono stati attuati ad opera della

vertice c’è il giudice e alle basi accusa e difesa in posizione di parità;il legge 63\2001 detta legge del giusto processo:un processo per essere

processo è pubblico e si svolge dinanzi al giudice,terzo ed imparziale giusto deve garantire indefettibilmente il contraddittorio tra le parti,in

il quale non cerca le prove ma decide in base a quelle fornitegli dalle condizioni di parità,la terzietà e l’imparzialità del giudice,la

parti.Le prove a carico sono fornite dall’accusa e l’accusato,oltre a ragionevole durata.(comma 2);le norme autenticamente nuove

raccogliere altre prove può anche sindacare quelle fornite dall’accusa l introdotte nell’art 111 come qualificanti il giusto processo sono i

momento della loro acquisizione in dibattimento,soprattutto con lo commi 4 e 5:il comma 4 stabilisce che il processo penale è regolato

strumento del contro interrogatorio. dal principio del contraddittorio nella formazione della prova,e il

-sistema inquisitorio:mancano pubblicità e oralità,la figura del comma 5 stabilisce che è la legge che regola i casi in cui la

giudice è dominante,infatti oltre a giudicare,egli ricerca,acquisisce e formazione della prova non ha luogo in contraddittorio per consenso

valuta le prove.Chiaramente difronte al giudice accusatore non è dell’imputato o per accertata impossibilità di natura oggettiva o per

concepibile parità tra accusa e difesa. effetto di provata condotta illecita.

L’attuale sistema processuale italiano è accusatorio,essendo una tipica Il contraddittorio nella formazione della prova rappresenta non solo

espressione dello Stato liberal-democratico:pertanto riscontriamo una una imprescindibile garanzia della giustizia processuale ma anche il

tendenziale parità tra le parti processuali (pm e imputato),la centralità miglior mezzo per accertare la verità,anzi,secondo la Consulta è

del ruolo del dibattimento e la sua oralità,l’assoluta terzietà del l’unico strumento possibile:da ciò deriva che non può essere attribuito

giudice,a cui sono sottratti poteri di indagine e conferiti solo poteri valore di prova al materiale raccolto in assenza della dialettica tra le

decisionali super partes. parti.

PROCESSO PENALE E COSTITUZIONE:

l’art 24 al 2°comma sancisce la inviolabilità del diritto di difesa in

ogni stato e grado del procedimento( se l’imputato rifiuta di farsi del giudice unico professionale di primo grado presso il

CAPITOLO III tribunale,detto anche tribunale in composizione monocratica.

LA GIURISDIZIONE Obiettivo della riforma è quello di porre rimedio al problema della

lunghezza dei procedimenti penali con una drastica riduzione del

principio di collegialità,in favore di un affermazione della centralità

Il giudice è un soggetto processulale i cui poteri e le cui facoltà lo dell’organo monocratico. Oggi al giudice monocratico sono affidati

collocano in una posizione di terzietà e imparzialità rispetto agli altri tutti i processi (fatte salve le riserve di collegialità per determinate

soggetti del processo e in posizione di autonomia ed indipendenza fattispecie criminose di particolare allarme sociale) relativi a reati con

rispetto agli altri poteri dello Stato (il giudice è soggetto soltanto alla pena massima inferiore a 10 anni,purchè non di competenza del

legge.;tale indipendenza è garantita dall’esistenza di un organo giudice di pace. Dinanzi al giudice monocratico il processo si svolge

apposito,il CSM,finalizzato all’autogestione del potere giudiziario in secondo 2 procedure:

completa autonomia rispetto al potere legislativo ed esecutivo). 1. Per i reati meno gravi non vi è l’udienza preliminare e quindi

La giurisdizione penale è esercitata da giudici ordinari e giudici l’azione penale viene esercitata direttamente attraverso la

speciali. citazione diretta a giudizio del pm,senza alcun vaglio di

I giudici ordinari hanno competenza generale a giudicare tutte le legittimità da parte del gup;

persone e sono istituiti e regolati dalle norme sull’ordinamento 2. Per i reati più gravi invece è previsto lo svolgimento della

giudiziario; i giudici ordinari possono essere di primo grado: udienza preliminare (come avviene per i processi dinanzi al

- corte d’assise; tribunale collegiale).

- tribunale in composizione monocratica o collegiale; La ripartizione del potere giurisdizionale tra tribunale collegiale e

- giudice di pace; tribunale monocratico è contenuta negli artt 33bis e 33ter e non

- tribunale per i minorenni; costituisce una questione di competenza ma di attribuzione,infatti a

di secondo grado: giudicare è il medesimo giudice,sebbene con una diversa

- la corte d’assise d’appello; composizione. Il Tribunale collegiale è composto da 3 componenti di

- la corte d’appello e le sezioni delle corti d’appello per i cui uno è presidente e gli sono attribuiti i reati di particolare allarme

minorenni. sociale e quelli caratterizzati da rilevanti difficoltà di accertamento

Dinanzi alla corte di cassazione possono essere impugnate tutte le probatorio,pertanto gli sono attribuiti i reati contro l’ordine pubblico e

sentenze solo per motivi di legittimità. la pubblica incolumità,quelli tipici della criminalità organizzata,reati

I giudici speciali non appartengono all’ordinamento giudiziario e societari e fallimentari,associazioni segrete e militari.

giudicano solo alcune persone in virtù delle loro caratteristiche LA REGOLA GENERALE PREVEDE CHE TUTTI I REATI DI

soggettive;sono giudici speciali la Corte Costituzionale competente a COMPETENZA DEL TRIBUNALE SONO ATTRIBUITI IN VIA

giudicare i reati i alto tradimento e attentato alla Costituzione GENERALE ALLA COGNIZIONE DEL GIUDICE IN

commessi dal Pdr e i giudici militari per i reati militari. COMPOSIZIONE MONOCRATICA E LA RISERVA DI

Un cambiamento epocale è stato effettuato con la legge n° 51 del COLLEGIALITA’ RAPPRESENTA UN ECCEZIONE:QUESTO E’

1998,con la quale è stata soppressa la figura del pretore (competente IL FULCRO DELL’INTERA RFORMA DEL GIUDICE UNICO

per i reati punibili con pena massima di 4anni)e sostituita con quella

CHE AFFERMA,IN MODO PREGNANTE LA CENTRALITA’ in cui è stata realizzata la prima azione od omissione;se il delitto è

DEL GIUDICE MONOCRATICO. tentato giudica il giudice del luogo in cui è stato posto in essere

l’ultimo atto di tentativo Se non è possibile individuare la competenza

Un'altra innovazione è avvenuta con l’attribuzione della cognizione su in base ai criteri dell’art 8 il codice ha predisposto regole suppletive

procedimenti relativi a reati contravvenzionali e puniti con pena sussidiarie:è competente il giudice dell’ultimo luogo in cui è avvenuta

pecuniaria al giudice di pace. una parte dell’azione o dell’omissione;il giudice della

Al fine dell’individuazione del giudice competente per un determinato residenza,dimora o domicilio dell’imputato;il giudice del luogo in cui

procedimento,il legislatore ha previsto 3 criteri di distribuzione della ha sede il pm che per primo ha iscritto la notizia del reato

competenza e tale previsione è una estrinsecazione del principio nell’apposito registro.

secondo cui nessuno può essere distolto dal giudice naturale Regole particolari riguardano la competenza per territorio nel

precostituito per legge. caso di procedimenti in cui un magistrato è imputato o persona

Criterio della competenza per materia:tiene conto o della natura del offesa o danneggiata dal reato:è necessario che tali procedimenti

reato o della gravità della pena irrogabile o della condizione personale vengano giudicati da giudici appartenenti ad una sede giudiziaria

dell’imputato (questo vale solo per il Tribunale per i diversa rispetto a quella a cui appartiene il giudice parte del processo.

minorenni,competente a giudicare i reati commessi dai minori di anni Dapprima vigeva un sistema di competenze incrociate secondo cui la

18).In base a tale criterio la giurisdizione è divisa tra la Corte d’assise competenza spettava all’ufficio giudiziario del distretto di corte

(organo collegiale composto da 2 magistrati togati e da 6 giudici d’appello più vicino (Bari era competente per Napoli e viceversa),

popolari,estratti a sorte tra coloro in possesso della licenza media sistema che metteva a rischio la terzietà e la serenità di giudizio

inferiore e di età compresa tra i 30 e i 65 anni. E’ competente a dell’organo giudicante;dal 1998 il sistema è cambiato,ed è la legge a

giudicare i reati per i quali è prevista la pena dell’ergastolo o della individuare in via preventiva attraverso una specifica tabella di tipo

reclusione non inferiore nel massimo a 24 anni e alcuni particolari circolare lo spostamento della competenza,in modo tale da

delitti di forte impatto sociale),il giudice di pace (la cui competenza salvaguardare la terzietà e l’imparzialità del giudice (es Bari giudica

penale è stata regolamentata dal dlgs 274 del 2000 e riguarda i reati di Firenze e Milano giudica Bari).

microconflittualità:è stata introdotta proprio al fine di alleggerire il La competenza per connessione consiste nella attribuzione della

lavoro del tribunale e di creare un rito snello e semplice con la competenza ad un medesimo ufficio di + procedimenti penali connessi

possibilità di una conciliazione tra le parti),il tribunale (si parla di ,in deroga alla competenza per materia e per territorio. Si ha

competenza residuale,in quanto è competente a giudicare i reati che connessione di procedimenti [12cpp]se il reato è stato commesso in

non sono di competenza né del giudice di pace né della corte concorso da più persone o quando una stesa persona con un azione o

d’assise). un omissione ha commesso una pluralità di reati o sono state

Una volta stabilito il giudice competente per materia si dovrà stabilire commesse + azioni od omissioni nell’ambito del medesimo disegno

il giudice competente per territorio: [art 8]è competente il giudice criminoso o quando il reato è stato commesso per eseguire od

del luogo in cui il reato si è consumato;se dall’evento è scaturita la occultare altri reati;in tutti questi casi,si svolge un unico processo

morte ,è competente il giudice in cui è stata realizzata l’azione o dinanzi ad un unico organo giudicante:se alcuni dei procedimenti

l’omissione;se il reato è permanente è competente il giudice del luogo connessi appartengono alla competenza di un organo monocratico e

altri a quella di un organo collegiale è competente quello collegiale,tra Ogni provvedimento in materia di riunione e separazione viene preso

il tribunale e la corte d’assise è competente la corte d’assise;se si pone con ordinanza (presuppone la motivazione) e devono essere sentite le

una questione di competenza per territorio tra giudici ugualmente parti;per l’inosservanza delle norme relative alla riunione e

competenti per materia,sarà competente il giudice del luogo dove è separazione non è prevista nessuna sanzione di nullità né alcun mezzo

stato commesso il reato +grave,a parità di gravità si predilige il luogo di impugnazione.

in cui è stato commesso il primo reato. Se vi è connessione tra reati da Giurisdizione e competenza:la capacità di ciascun giudice a

cui è derivato l’evento morte,è competente il giudice del luogo in cui giudicare un determinato processo sussiste se il fatto-reato rientra

si è verificata la morte. nella cognizione dell’organo giudiziario a cui appartiene

Se vi è connessione tra reati di competenza di giudici speciali e di (giurisdizione:ad esempio i reati militari rientrano nella giurisdizione

giudici ordinari,se il giudice speciale è la Corte costituzionale,questa è del giudice militare) e se rientra nella propria specifica competenza

sempre competente ,mentre se il giudice speciale è il tribunale militare (per materia,territorio,connessione).

la connessione opera solo se il reato più grave è comune e quindi La violazione dei criteri di ripartizione di giurisdizione e competenza

giudicherà il giudice ordinario,mentre se il reato + grave è quello si traduce in vizio di legittimità degli atti del procedimento. In

militare non vi sarà connessione. La connessione non opera se alcuni particolare:

reati sono di competenza del tribunale minorile. - il difetto di giurisdizione:mina alla radice la capacità del giudice (ad

Riunione e separazione di processi:la riunione consiste nella esempio un reato militare viene giudicato da un giudice ordinario).può

trattazione unitaria di + processi,è discrezionale,viene realizzata essere rilevato in ogni stato e grado del giudizio,anche di

purchè non comporti un ritardo nella definizione degli stessi e ufficio;comporta la nullità assoluta di tutti gli atti;

presuppone la pendenza dei processi nel medesimo grado e stato e la - difetto di competenza: si verifica quando il potere decisionale su un

loro appartenenza,per competenza,al medesimo ufficio-giudice. La procedimento spetta per ragioni di materia,territorio o connessione ad

riunione è possibile negli stesso casi della connessione ex art 12 un diverso giudice appartenente al medesimo ordine.

cpp,nel caso di reati collegati purchè commessi gli uni in occasione L’incompetenza per materia (quelle più grave), comporta la nullità

degli altri,o per conseguirne o assicurarne al colpevole o ad lari il assoluta degli atti e può essere rilevata,anche d’ufficio,in ogni stato e

profitto,il prezzo,il prodotto o l’impunità,o che sono stati commessi da grado del procedimento.

+ persone in danno reciproco o se la prova di un reato influisce sulla L’incompetenza per territorio e per connessione producono nullità

prova di un altro reato (art 371 comma 2 lett b).può accadere anche intermedia e sono rilevabili a pena di decadenza entro specifici

che un procedimento con una pluralità di imputati o di capi di termini brevi(entro l’udienza preliminare o in mancanza entro gli atti

imputazione,per via dei diversi tempi di trattazione delle singole preliminari al dibattimento).

posizioni in esse contenute,comporti una dispersione di energie Qualsiasi sia il tipo di incompetenza, il vizio viene sanato dal

processuali,allora il legislatore impone al giudice di separare i passaggio in giudicato della sentenza. Se l’incompetenza viene

processi ,sempre per esigenze di celerità processuale;anche le parti dichiarata nelle indagini preliminari il giudice decide con ordinanza,

possono,in accordo tra loro,chiedere al giudice la separazione,il quale se viene dichiarata dopo,il giudice si pronuncia con sentenza.

la disporrà solo se ritenuta utile. L’incompetenza non produce l’inefficacia delle prove già acquisite,ma

le dichiarazioni rese dinanzi al giudice incompetente per materia

possono essere utilizzate solo nell’udienza preliminare o per le incompatibilità (34-35 cpp) tra il giudice-persona fisica e determinati

contestazioni in dibattimento;se il giudice incompetente ha disposto procedimenti,cause che derivano o da precedenti atti compiuti nel

delle misure cautelari,queste non caducano se perdurano le esigenze procedimento o da ragioni di parentela.

cautelari,ma il nuovo giudice dovrà entro 20 gg confermare la La incompatibilità determina la sostituzione della persona fisica del

misura,pena caducazione della stessa. giudice(e non dell’intero ufficio giudiziario) con un altro appartenente

I conflitti di giurisdizione e competenza sono situazioni di contrasto allo stesso ufficio;i provvedimenti emanati dal giudice incompatibile

tra più uffici giudiziari sulla attribuzione della cognizione su un non sono nulli.

determinato procedimento. Art 34:incompatibilità per atti compiuti in precedenza nel medesimo

Il conflitto di giurisdizione intercorre tra giudici appartenenti a diversi procedimento ma in fasi diverse

ordini giudiziari (speciale e ordinario),mentre quello di competenza Art 35:incompatibilità per ragioni di parentela(2 coniugi non possono

intercorre tra giudici ricompresi nel medesimo ordine giudiziario. svolgere nel medesimo processo la funzione di giudice di appello e

Possono essere positivi (se entrambi gli uffici giurisdizionali vogliono giudice di primo grado).

pronunciarsi sulla medesima controversia) o negativi( se entrambi Astensione:art 36cpp,mira ad eliminare qualsiasi sospetto sulla

rifiutino o negano la propria cognizione su un medesimo imparzialità del giudice al quale è fatto OBBLIGO di astenersi quando

procedimento).Nessuno dei due conflitti può essere tollerato,quello sussiste una delle ragioni per cui può essere ricusato o quando

positivo comporterebbe una violazione del principio ne bis in idem sussistono gravi ragioni di convenienza. Riguarda il giudice-persona

(secondo cui un soggetto non può essere giudicato 2 volte per lo fisica e il pm. Il giudice che non si astiene può essere ricusato dalle

stesso fatto)e quello negativo violerebbe la obbligatorietà dell’azione parti,mentre il pm non può essere ricusato. Decide sulla astensione il

penale. Riguardano i giudici in senso stretto,dotati del potere di ius presidente dell’ufficio a cui fa capo il giudice che chiede l’astensione.

dicere e non riguardano la figura del pm,il quale può al massimo Il giudice astenuto vene sostituito con un altro dello stesso ufficio e gli

denunciare eventuali conflitti,ma spetterà sempre al giudice sollevarli. atti da lui compiuti perdono o conservano efficacia a seconda di

Due sono le modalità di risoluzione dei conflitti:la risoluzione quanto stabilito nel provvedimento di accoglimento dell’astensione.

consensuale,che si verifica quando uno dei giudici in conflitto recede Ricusazione: art 37cpp: se l’astensione è un obbligo,la ricusazione del

dal contrasto,riconoscendo la propria (conflitto negativo) o la altrui giudice da parte dei privati o del pm è discrezionale,in quanto spetta

(positivo) competenza o giurisdizione;oppure per decisione della alle parti valutare,nel caso concreto,se il giudice sia realmente

Corte di Cassazione,che,adita da uno dei giudici in conflitto,decide imparziale o se si debba procedere alla sostituzione. Riguarda il

con sentenza il giudice ordinario o speciale a cui spetta la giudice e non il pm. I motivi di ricusazione sono tassativi e sono gli

giurisdizione o competenza. La decisione,per sua natura è sottoposta stessi dell’astensione,eccetto i gravi motivi di convenienza:tale

alla condizione rebus sic stantibus ,cioè può essere disattesa qualora eccezione si spiega con la volontà di evitare che le parti abusino della

sopravvengono nuove norme o risultanze di fatto idonee a mutare la ricusazione per i motivi + disparati. La ricusazione deve essere chiesta

giurisdizione o competenza. entro determinati termini a pena di decadenza:nell’udienza

Incompatibilità,astensione e ricusazione del giudice preliminare fino a quando non sono conclusi gli accertamenti delle

Al fine di garantire la celebrazione del giusto processo da parte di un parti e nel giudizio fino al termine degli atti preliminari al

giudice terzo ed imparziale,il legislatore ha previsto delle cause di dibattimento e se la causa di ricusazione diviene nota alle parti una

volta trascorsi questi termini,la richiesta deve essere proposta entro tre Su richiesta delle parti il nuovo giudice deve rinnovare gli atti

gg dalla conoscenza della causa. precedenti alla rimessione, a meno che questi non siano divenuti

Competente a decidere è la Corte d’appello che ,una volta valutata irripetibili.

l’ammissibilità della richiesta,decide nel merito in camera di consiglio

e sarà il provvedimento di accoglimento della ricusazione a decidere

quali provvedimenti del giudice ricusato o astenuto conserveranno

efficacia.

Rimessione:consiste nell’attribuzione della competenza ad un giudice

diverso da quello territorialmente competente secondo le regole

ordinarie e individuato in maniera preventiva da una tabella

predisposta dal legislatore (ecco perché la rimessione non viola il

principio del giudice naturale).Riguarda un intero ufficio giudiziario e

non un singolo giudice. E’ stata oggetto di una recente riforma (legge

Cirami n°248\2002)in seguito alla quale i casi di rimessione da 2 sono

diventati 3 e sono:

- gravi situazioni di pericolo alla sicurezza ed incolumità pubblica(ad

es:violente manifestazioni di piazza);

- turbamento della libera determinazione delle persone che

partecipano al processo(ad es coartazioni fisiche o psichiche che

pregiudicano lo svolgimento sereno del processo);

- legittimo sospetto,ovvero situazioni di dubbio sulla imparzialità e

serenità del giudice,ancorate non a fatti concreti ma a seri dubbi di

ostilità ambientale.

La richiesta può essere avanzata in ogni stato e grado del processo

dal procuratore generale presso la corte d’appello,dal pm o

dall’imputato e tale presentazione non sospende automaticamente il

processo ,infatti la sospensione è discrezionale ma diventa

obbligatoria quando il processo giunge alla fase delle conclusioni e

della discussione.

La corte di cassazione decide in camera di consiglio o sulla

inammissibilità della richiesta,o sull’accoglimento o sul rigetto(in

caso di rigetto,la richiesta può essere riproposta ma sulla base di

motivi nuovi) Il pm ha facoltà di astenersi ma non può essere ricusato dalle parti. I

CAPITOLO IV conflitti positivi e negativi di competenza tra pm possono sussistere

LE PARTI PROCESSUALI solo nel corso delle indagini preliminari,quando non è ancora iniziata

l’azione penale.

Per garantire la obbligatorietà dell’azione penale di fronte a ritardi od

L’AZIONE PENALE omissioni o inerzie del pm o dei suoi dirigenti,il procuratore generale

E’ l’intervento all’organo giurisdizionale che deve essere effettuato presso la corte d’appello ha un potere di avocazione delle indagini

sulla scorta di una richiesta proveniente da un altro soggetto preliminari.

processuale.

E’ una funzione pubblica affidata al magistrato del pubblico LA POLIZIA GIUDIZIARIA

ministero. Nel corso delle indagini preliminari il pm si avvale della polizia

Si prospetta come una funzione di rilevanza costituzionale proprio giudiziaria per acquisire notizia di reato,impedire che venga portato a

perché il p.m. ha l’obbligo di esercitarla. conseguenze ulteriori,ricercare gli autori,compiere quanto necessario

per assicurare le fonti di prova e raccogliere tutto ciò che posa servire

IL MAGISTRATO DEL PUBBLICO MINISTERO per l’applicazione della legge penale. Inoltre svolge ogni attività di

E’ la parte processuale a cui è affidato l’esercizio dell’azione indagine disposta o delegata dalla autorità giudiziaria. Sono le forze

penale,che secondo la Costituzione costituisce u obbligo per tale dell’ordine ad esercitare sia la funzione di polizia

soggetto. Rappresenta la pubblica accusa e nel sistema processuale giudiziaria(successiva alla commissione di un reato)sia la funzione di

accusatorio è una parte indefettibile che si pone in posizione di pubblica sicurezza (tesa a prevenire la commissione dei reati).La pg è

dialettica e paritaria con la difesa. soggetto del procedimento ma non parte del processo. Tra l’autorità

Nella fase pre processuale il pm è il dominus delle indagini giudiziaria e la pg vi è dipendenza funzionale e non gerarchica,in

preliminari,e svolge una funzione inquirente,non è parte del processo quanto la pg gerarchicamente dipende dal potere esecutivo.

ma è soggetto necessario del procedimento,anzi,è soggetto attivo,in

quanto titolare delle indagini necessarie per l’esercizio o meno LA PERSONA SOTTOPOSTA A PROCEDIMENTO PENALE

dell’azione penale,mentre nella fase processuale,che ha inizio quando E’ la persona fisica nei cui confronti il pm esercita l’azione penale. E’

il pm formula l’accusa,egli svolge una funzione requirente,ponendosi soggetto necessario el procedimento insieme a pm e giudice ma è

in posizione di parità con la controparte e da soggetto diventa parte parte del processo insieme al pm. Il processo penale è informato del

del processo. Nelle indagini preliminari e nel giudizio di primo grado principio di non colpevolezza dell’imputato fino a sentenza

le funzioni di pm sono svolte dai procuratori della repubblica definitiva,pertanto questi verrà sempre presunto innocente e l’onere di

coadiuvati dai sostituti procuratori;nel giudizio di secondo grado pm è provare,oltre il ragionevole dubbio,la responsabilità dell’imputato

il procuratore generale presso la corte d’appello. Il pm è parte del spetta alla pubblica accusa-pm. Nel corso delle indagini preliminari

processo,pertanto non è né terzo né imparziale,ma è comunque tenuto non esiste l’imputato,ma la persona sottoposta alle indagini,mentre

a valutare obiettivamente gli elementi probatori raccolti durante le l’imputato si configura quando è iniziata l’azione penale e il pm ha

indagini preliminari,infatti l’art 358 gli impone di raccogliere elementi formulato un capo di imputazione. Lo status di imputato i conserva in

anche a favore della persona sottoposta alle indagini.

ogni stato e grado del processo,fino a quando non si forma il quella processuale(impulso dell’azione penale mediante la

giudicato.L’imputato,a pena di nullità,deve essere informato dal pm presentazione di memorie,indicazione di elementi di prova

del diritto alla difesa tecnica e inoltre deve essere informato dei diritti ,presentazione di querela,istanza,richiesta di incidente

e delle facoltà attribuitigli dalla legge. probatorio;diritti di informazione e partecipazione al procedimento

penale)

IL DIFENSORE Con la persona offesa on va confusa quella danneggiata dal reato.

Esplica la funzione costituzionalmente garantita (art 24 diritto di Normalmente le figure coincidono ma non sempre,ad esempio nel

difesa) di assistenza e rappresentanza dell’imputato o di altra parte reato di omicidio persona offesa è il deceduto mentre persone

privata;egli oltre a collaborare in senso tecnico può anche esercitare,in danneggiate sono i congiunti superstiti.

sostituzione del suo rappresentato,diritti e facoltà. Il modello

processuale accusatorio conferisce un ruolo fondamentale al difensore L’AZIONE CIVILE NEL PROCESSO PENALE

,in quanto è posto in rapporto di parità dialettica con la pubblica L’art 185 cp stabilisce che “ogni reato che abbia cagionato un danno

accusa;in particolare nel 2000 è stata riconosciuta al difensore la patrimoniale o non patrimoniale obbliga al risarcimento il colpevole e

possibilità di procedere ad indagini difensive con l’aiuto di consulenti le persone che,a norma delle leggi civili,debbono rispondere per il

tecnici ed investigatori privati autorizzati,volte a ricercare ed acquisire fatto di lui”. Tale norma è ripresa dall’art 74 cpp in cui si dice che

elementi di prova a favore del proprio assistito. Inoltre nel 1999 è “legittimato ad esercitare l’azione civile nel processo penale (volta

stato introdotto il 415bis cpp che impone al pm di notificare non solo pertanto ad ottenere il risarcimento del danno o la restituzione delle

all’indagato ma ance al difensore la conclusione delle indagini cose dovute) è il soggetto al quale il reato ha recato un danno ovvero i

preliminari per consentire a quest’ultimo di contribuire anche con le suoi successori universali”. Tale soggetto è definito persona

sue investigazioni producendo gli atti;nell’ottica del rispetto del diritto danneggiata dal reato:colui che dalla condotta criminosa dell’autore

di difesa il legislatore ha stabilito che laddove l’imputato sia del reato subisce ,quale conseguenza non occasionale,un pregiudizio

sprovvisto del difensore di fiducia debba essere nominato un difensore materiale o morale,rispetto ad una situazione giuridicamente

d’ufficio che ha l’obbligo di prestare il patrocinio e può essere tutelata(la lesione deve riguardare un diritto soggettivo e non un

sostituito solo per giustificato motivo;il legislatore ha anche previsto il interesse legittimo e il danno deve essere ingiusto).Tale soggetto è

gratuito patrocinio per i non abbienti legittimato a costituirsi parte civile,ovvero a promuovere l’azione

civile in seno al processo penale per ottenere il risarcimento o la

PERSONA OFFESA DAL REATO restituzione. La costituzione di parte civile è facoltativa,perché la

E’ il soggetto titolare dell’interesse penalmente protetto e leso dalla pretesa risarcitola può essere promossa in sede civile,ed autonoma

commissione del reato:è la vittima del reato. E’ soggetto ma non parte perché una eventuale sentenza penale assolutoria non incide sull’esito

del procedimento,ma può diventare pare processuale costituendosi dell’azione civile. L’azione civile nel processo penale ha natura

parte civile:il suo ruolo sarebbe quello di un accusa privata,sussidiaria secondaria,perché l’oggetto principale è rappresentato

ed accessoria rispetto a quella pubblica esercita dal pm.Tale ruolo gli dall’accertamento della responsabilità penale dell’imputato,ed

consente di esercitare una serie piuttosto ampia di diritti e facoltà eventuale,sia perché dalla condotta criminosa può non discendere una

tassativamente indicati dalla legge sia nella fase procedimentale che in

lesione di interessi civilisticamente tutelati,sia perché,anche quando la con il conducente quando ha provocato danni a persone o cose).E’

lesione c’è,può mancare,sul piano processuale l’azione civile. parte secondaria ed eventuale del processo e la sua partecipazione può

L’azione civile nel processo penale prende il via con la costituzione di avvenire a seguito di citazione su richiesta della parte civile o per

parte civile da parte del danneggiato dl reato;tale costituzione segue e effetto di intervento volontario,quindi i presupposti indefettibili per la

non precede l’azione penale,pertanto deve avvenire in fase presenza del responsabile civile nel processo penale sono l’inizio della

processuale,ovvero a partire dall’udienza preliminare fino all’apertura fase processuale e la costituzione della parte civile. In caso di revoca o

del dibattimento,cioè fino a quando non siano stati compiuti gli di esclusione della costituzione di parte civile,anche la citazione del

adempimenti relativi alla costituzione delle parti:sono termini responsabile civile perde efficacia.

perentori,ala loro scadenza il soggetto potrà solo promuovere l’azione Civilmente obbligato per la pena pecuniaria:soggetto gravato di

in sede civile. La dichiarazione di costituzione di parte civile deve responsabilità civile sussidiaria verso lo Stato per il pagamento della

provenire da un soggetto capace,cioè che ha il libero esercizio dei multa o dell’ammenda in caso di insolvibilità dell’imputato;sono

diritti coinvolti nel processo penale e deve contenere una serie di civilmente obbligate le persone fisiche rivestite dell’autorità o

formalità a pena di inammissibilità,il cui scopo è essenzialmente incaricate della direzione o vigilanza sull’imputato e le persone

quello di individuare la persona che intende costituirsi,l’imputato giuridiche per i reati commessi nell’interesse dell’ente da loro

verso cui i vuole agire,la domanda che si avanza(petitum) e le ragioni amministratori,rappresentanti o dipendenti. Tale soggetto viene citato

che la giustificano (causa pretendi).Tale dichiarazione può essere dal pm o dall’imputato nell’udienza preliminare o al massimo entro

presentata direttamente in udienza o depositata nella cancelleria del gli atti preliminari al dibattimento.

giudice che procede e in tal caso a cura della parte civile dovrà essere

notificata alle altre parti. L’azione civile può essere revocata,per

volere della stessa parte civile mediante una espressa dichiarazione

che estingue il rapporto processuale civile inserito in quello penale ma

non pregiudica la possibilità per il soggetto di agire in sede civile.

L’azione civile può essere anche esclusa quando non sussistono i

requisiti per la costituzione di parte civile sia d’ufficio dal giudice che

su richiesta motivata delle parti (pm,imputato,responsabile civile):il

giudice decide con ordinanza senza ritardo.

GLI ALTRI SOGGETTI DEL PROCEDIMENTO PENALE

Responsabile civile:è il soggetto (persona fisica o giuridica o ente

collettivo non personificato)obbligato,in base ad una norma

sostanziale,alla restituzione di cose o al risarcimento del danno in

dipendenza del fatto-reato. Risponde nei confronti del danneggiato per

fatto proprio,in via solidale con l’imputato,diretto autore dell’illecito(è

responsabile civile il proprietario del veicolo ,che risponde in solido Atti eseguibili dalle parti:occorre distinguere tra atti di carattere

CAPITOLO V processuale e quelli di natura probatoria.

GLI ATTI Nel primo gruppo rientrano gli atti finalizzati a dare impulso al

procedimento penale:se hanno come destinatario il giudice assumono la

forma dell’istanza o ella richiesta che obbligano il giudice a pronunciarsi

Art 125 cpp: gli atti del giudice devono avere la orma della (es: richiesta di rinvio a giudizio da parte al termine delle indagini

sentenza,dell’ordinanza o del decreto. preliminari);nel secondo gruppo rientrano gli atti diretti a ricercare ed

- sentenza: è il provvedimento con cui il giudice si spoglia della causa,con acquisire elementi di prova e possono essere effettuati solo dalle parti e

essa si conclude una fase o un grado del processo;è sempre motivata a non dal giudice (salvo tassative eccezioni);grazie alla legge 397 del

pena di nullità,deve cioè contenere le argomentazioni che hanno portato 2000(investigazioni difensive) tali atti di natura probatoria si sono

il giudice ad una tale decisione(es. sentenza di nn luogo a procedere o di notevolmente ampliati.

condanna) Ogni atto deve essere documentato attraverso l’utilizzo di supporti

- ordinanza: provvedimento con il quale il giudice non definisce il materiali (cartacei,magnetici,digitali o audiovisivi)per consentire al

procedimento ma risolve singole questioni incidentali che possono giudice e alle parti la disponibilità,il controllo e la memoria di quanto

sorgere nel corso dl processo;deve essere motivata a pena di nullità svolto oralmente. Alla documentazione si procede tramite verbale

- decreto: è il provvedimento formalmente +semplice e ha carattere scritto in forma integrale o riassuntiva con l’ausilio di strumenti

incidentale,come l’ordinanza (unica eccezione è costituita dal decreto meccanici(la scrittura manuale è un eccezione)

penale di condanna che nella sostanza si può equiparare ad una sentenza); Termini processuali: artt 172-176 sono stabiliti ad ore,giorni,mesi,anni

attraverso il decreto il giudice impartisce ordini per dare impulso al secondo il calendario comune e se il termine scade in un giorno festivo si

procedimento.devono essere motivati a pena di nullità quando è la legge proroga di diritto al giorno successivo non festivo. Si classificano in:

che lo richiede . - perentori: impongono un limite di tempo al compimento di una data

attività,trascorso tale tempo,ci sarà la decadenza del diritto o della

Quando per l’adozione di un determinato provvedimento la legge richiede facoltà in capo al suo titolare. Sono tassativi,nel senso che un termine è

il preventivo espletamento del contraddittorio,si deve procedere in perentori solo se lo prevede la legge,in assenza di tale previsione il

camera di consiglio. Il procedimento in camera di consiglio descritto termine si deve considerare ordinatorio

dall’art 127 cpp rappresenta un modello generale che deve essere - ordinatori:impongono un limite di tempo al compimento di un attività,la

seguito ogni volta che la legge lo richiede. Tale rito è previsto per cui decorrenza non determina la decadenza del diritto o della facoltà ma

semplificare ed accelerare il corso del giudizio:si caratterizza per al massimo l’autore del fatto compiuto fuori tempo potrà andare incontro

l’assenza del pubblico e la presenza facoltativa delle parti;comincia con ad una sanzione disciplinare.

la fissazione della data dell’udienza da parte del giudice e la - dilatori: impongono che un atto non possa essere compiuto prima che

comunicazione alle parti 10 gg prima della data fissata;fino a 5 gg prima sia trascorso un determinato arco di tempo.

dell’udienza le parti possono presentare memorie;il contraddittorio è Poiché la scadenza del termine perentorio comporta la decadenza del

garantito dalla possibilità per le parti di essere sentiti nell’udienza diritto in capo al titolare,il legislatore ha previsto un rimedio

camerale;si conclude con l’ordinanza verso la quale si può esperire eccezionale,la restituzione in termini (175cpp):se la parte legittimata a

ricorso in cassazione.

porre in essere l’atto prova di non aver potuto rispettare il termine notifica avviene nel domicilio effettivo da essi dichiarato o nel domicilio

perentorio per caso fortuito(evento esterno alla persona,assolutamente eletto o dichiarato. Se sono già costituiti in giudizio,le notifiche sono

inatteso e imprevedibile che impedisce il compimento dell’atto effettuati presso i loro difensori.

processuale) o forza maggiore (avvenimento impeditivi di origine naturale Particolarmente rigorosa è la disciplina della notifica per gli atti

,non superabile dalle forze umane, che impedisce l’attività destinati all’imputato,essendo il vero protagonista del processo:si cerca

processuale),può chiedere al giudice che il termine gli venga di fargli conseguire una conoscenza vera ed effettiva (non solo

restituito,consentendo alla parte di esercitare il relativo diritto. Sono legale)degli atti processuali,nel rispetto del diritto di difesa.

legittimati a chiedere la restituzione in termini il pm,le parti private e il Innanzitutto sono escluse le notificazioni con mezzi meno formali quali

difensore.Non può essere concessa + di una volta per ciascuna parte in telefono,telegrafo,pubblici avvisi o altri mezzi innominati

ogni grado del procedimento. (computer,fax..).

Notificazioni:strumento con cui l’atto compiuto nel corso del Per la prima notifica se l’imputato è detenuto,deve essere cercato

procedimento viene portato a conoscenza dei soggetti coinvolti nella nell’istituto e gli deve essere consegnata copia dell’atto a mano;se è

vicenda processuale,in modo tale che questi possano poi esercitare i assente la copia è consegnata al direttore dell’istituto che poi

diritti e le facoltà collegati all’atto. provvederà. Se l’imputato è libero,occorre che la notifica sia effettuata

I soggetti incaricati per le notifiche sono: al domicilio eletto o dichiarato dallo stesso nel primo atto processuale

- per gli atti del pm ne corso delle indagini preliminari :l’ufficiale compiuto con il suo intervento.(artt 161-62 cpp:elezione o

giudiziario o la pg;ha valore di notificazione la lettura degli atti emessi determinazione di domicilio e comunicazione dello stesso):in questa

dal giudice o dal pm alle parti interessate,sempre che ve ne sia fatta occasione il giudice,il pm o la polizia giudiziaria invitano l’imputato a

menzione nel verbale;sono notifiche anche le consegne di atti agli dichiarare uno dei luoghi indicati nell’art 157 (abitazione,luogo dove

interessati effettuate dalla segreteria del pm svolge abitualmente attività lavorativa,consegna a persona

- per gli atti del giudice:è legittimato solo l’ufficiale giudiziario e in caso temporaneamente convivente o consegna a portiere o a chi ne fa le veci)

di procedimenti con detenuti anche la pg;la consegna degli atti da parte o ad eleggere domicilio in un luogo diverso da quelli menzionati nel

della cancelleria vale come notifica 157;sempre in tale occasione il soggetto verrà avvertito che in caso di

- per le parti private la notifica si effettua con spedizione degli atti da rifiuto di elezione o dichiarazione di domicilio,la notifica verrà

parte del difensore on raccomandata ar. effettuata mediante consegna al difensore.

La forma legale è a consegna di copia dell’atto all’interessato ma per gli [il sistema della dichiarazione,elezione o determinazione del domicilio è

atti del giudice e per i casi urgenti si può effettuare tramite telefonata volto a ridurre il dispendio di tempo e le incertezza che le ricerche per

confermata da un telegramma o tramite altro mezzo di trasmissione. la notificazione comportano volta per volta. L’imputato è inoltre

Destinatari delle notifiche:se si tratta del pm,la copia dell’atto deve obbligato,dopo la elezione o dichiarazione di domicilio,a comunicare ogni

essere consegnata nella sua segreteria,se si tratta di persona mutamento di domicilio.]

offesa,parte civile,responsabile civile o civilmente obbligato, la prima Se non vi è stata dichiarazione o elezione di domicilio la notifica deve

notifica è effettuata nella abitazione o luogo di lavoro o temporanea avvenire mediante consegna a mano della copia dell’atto all’imputato o in

dimora in mani proprie o in mancanza alla persona temporaneamente mancanza in uno dei luoghi indicati nel 157. Sempre in questi luoghi

convivente o al portiere. Se tali soggetti non sono costituiti in giudizio la

avverranno le notificazioni destinate alle altre parti private diverse L’atto compiuto dopo la scadenza del termine non è valido),l’abnormità (è

dall’imputato. un vizio di costruzione dottrinale e consiste nella anomalia,stranezza e

L’art 171 enuncia 7 casi di nullità della notificazione: singolarità dell’atto tali da ritenerlo avulso dell’intero ordinamento

- l’atto è notificato in modo incompleto e la legge non consente la processuale. Può riguardare a forma o il contenuto),inutilizzabilità

notifica per estratto (colpisce il valore probatorio della prova, rendendola inidonea ad essere

- incertezza assoluta sull’autorità o parte richiedente o destinatario posta a fondamento del giudizio finale. Le ipotesi di inutilizzabilità sono

- se manca la sottoscrizione di chi ha eseguito la copia notificata tassative. E’ eccepibile dalle parti e d’ufficio in ogni stato e grado del

- se sono state violate le disposizioni circa la persona a cui deve essere processo).

consegnata la copia La nullità è la causa i invalidità + grave e colpisce gli atti che sono stati

- se non è stato effettuato l’avvertimento,in sede di elezione o compiuti senza l’osservanza di quelle disposizioni di legge il cui mancato

dichiarazione di domicilio che in caso di rifiuto,le notificazioni saranno rispetto dà luogo alla caducazione degli effetti dell’atto.

eseguite mediante consegna a difensore e la notificazione è stata Innanzitutto la nullità è tassativa,nel senso che l’inosservanza delle

effettivamente eseguita mediante consegna al difensore disposizioni stabilite per gli atti del procedimento è causa di nullità solo

ecc…. nei casi previsti dalla legge;

La notifica nulla non incide sulla validità dell’atto ma impedisca l Le nullità generali sono disciplinate dall’art 178 e sono determinate dalla

produzione degli effetti dell’atto subordinati alla comunicazione dello violazione di norme procedurali riguardanti:

stesso. a) condizioni di capacità del giudice e numero dei giudici necessario per

comporre i collegi giudicanti

L’ordinato e corretto progredire degli atti in cui si sostanzia il b) iniziativa del pm nell’esercizio dell’azione penale e la sua

procedimento richiede l’osservanza di alcune regole,la cui violazione partecipazione al procedimento

comporta conseguenze negative sugli atti;la conseguenza + rilevante è la c) intervento,assistenza,rappresentanza dell’imputato e delle altre parti

nullità,ma ci sono altre specie di invalidità meno gravi quali la inesistenza private,nonché la citazione in giudizio della persona offesa e del

(non esistono i presupposti minimi per inquadrare l’atto come un atto querelante

processuale:una sentenza emanata non dal giudice è atto Nell’ambito delle nullità generali si distinguono:

inesistente),inammissibilità (è una sanzione che colpisce una richiesta - le nullità assolute(sono disciplinate + rigidamente e si applicano

avanzata dalle parti impedendo al giudice di esaminare nel merito la ai vizi che attengono alla lettera a),all’iniziativa del pm nell’ex

richiesta stessa (può riguardare il fattore temporale,ad esempio quando dell’azione penale , alla omessa citazione dell’imputato,all’assenza

è trascorso il tempo a disposizione per compiere un determinato atto:in del suo difensore nei casi in cui è obbligatoria la presenza. Il

questo caso il vizio può essere fatto valere in ogni stato e grado e può vizio di nullità assoluta può essere rilevato ex officio dal giudice

essere rilevato sia dal giudice che dalle parti;oppure può riguardare il e dalle parti in ogni stato e grado del processo e non è

contenuto dell’atto o la legittimazione del soggetto a porre in essere sanabile);

l’atto),decadenza (perdita del potere di porre in essere un atto a causa - le nullità a regime intermedio(tutte quelle comprese nelle

del mancato compimento dello stesso entro il termine perentorio. generali che non rientrano in quelle assolute;possono essere

eccepite dalle parti,d’ufficio dal giudice ma,contrariamente a

quelle assolute è previsto un termine perentorio entro cui

possono essere eccepite,ovvero la deliberazione della sentenza di

primo grado,se attengono a vizi verificatesi nelle indagini

preliminari e la deliberazione della sentenza del grado successivo

se il vizio si è verificato nel giudizio.E’ sanabile);

- le nullità relative attengono a vizi di minore gravità e sono

previste da specifiche ed espresse disposizioni di legge,nel

rispetto del principio di tassatività (sono dette nullità di ordine

speciale)Possono rilevate solo su iniziativa di parte e non

d’ufficio;sono deducibile in un termine assai breve cioè fino al

provvedimento conclusivo dell’udienza preliminare per i vizi

antecedenti ad essa,fino all’apertura del dibattimento per i vizi

successivi alla conclusione dell’udienza preliminare,con

l’impugnazione della sentenza per i vizi verificatesi nel corso del

giudizio;sono sanabili)

Le nullità relative e quelle a regime intermedio non possono essere

eccepite da chi vi ha dato o ha concorso a darvi causa e da chi ha

interesse a che la norma la cui violazione ha dato origine al vizio venga

rispettata ed attuata e da chi ha assistito al compimento dell’atto nullo

e non abbia tempestivamente eccepito la nullità.

L’art 183 stabilisce che le nullità possono essere sanate (l’atto

originariamente nullo diviene definitivamente valido,senza che l’invalidità

possa essere +dedotta)o se la parte interessata ha rinunciato

tacitamente o espressamente ad eccepirle o se la parte ha comunque

raggiunto lo scopo a cui l’atto era preordinato.

La dichiarazione di nullità di un atto comporta l’invalidità di tutti gli atti

consecutivi ad esso e con esso collegati (interdipendenza

logica);nell’ambito del procedimento penale tale dichiarazione comporta

la rinnovazione dell’atto nullo con regressione del procedimento allo

stato e grado in cui l’atto è stato compiuto. basarsi su una massima di esperienza che consenta la ricostruzione dei

CAPITOLO VI fatti con un alta probabilità,capace di resistere a tutte le possibili

LE PROVE eccezioni),precisi (il fatto noto da cui si parte deve essere ampiamente

provato) e concordanti (devono convergere verso la medesima

ricostruzione dei fatti).

Le prove hanno il compito di permettere al giudice la ricostruzione dei Uno dei principi basilari del nuovo processo penale è il contraddittorio

fatti. La prova è ammissibile solo se concernente fatti rilevanti per il nella formazione della prova (=non può essere attribuito valore

processo, infatti l’art 187 elenca gli oggetti di prova: l’imputazione (il probatorio al materiale raccolto in assenza della dialettica tra le parti)

fatto che costituisce reato),la punibilità,la determinazione della pena o che rappresenta non solo una imprescindibile garanzia della giustizia

della misura di sicurezza,i fatti da cui dipende l’applicazione delle norme processuale ma anche lo strumento per eccellenza (come affermato dalla

processuali e se vi è costituzione di parte civile sono oggetto di prova Consulta) per la ricerca della verità.

anche i fatti inerenti alla responsabilità civile derivante dal reato. Procedimento probatorio:si divide in 4 fasi:

L’art 190 stabilisce che le prove sono ammesse a richiesta di parte - ricerca degli elementi di prova: spetta alle parti (pm e accusato)

fissando una regola cardine del nuovo processo penale di stampo - ammissione: spetta al giudice (vd prima)

accusatorio e riconoscendo alle arti un vero e propri diritto alla - assunzione: fase in cui dalla fonte di prova si perviene all’elemento di

prova;impone al giudice di provvedere senza ritardo e con ordinanza al prova;viene effettuata con l’esame incrociato

giudizio di ammissibilità,nell’ambito del quale dovrà escludere le prove -valutazione:fase interamente gestita dal giudice,il quale attraverso lo

espressamente vietate dalla legge e quelle che risultano strumento del “libero convincimento” dovrà valutare la credibilità delle

manifestatamene superflue o irrilevanti:questo sistema che conferisce al fonti di prova e l’attendibilità delle stesse.Il giudice è obbligato a

giudice dei poteri che potrebbero essere lesivi per l’accusa o la difesa motivare le sue decisioni,deve quindi dar conto dei criteri adottati nella

viene stemperato sempre dal 190 che afferma che i provvedimenti valutazione delle prove e deve indicare quelle poste a base della

sull’ammissione della prova possono essere revocati in decisione e i motivi per cui ha scartato le prove contrarie;le parti

contraddittorio;l’ammissione delle prove d’ufficio (iniziativa giudice) attraverso l’impugnazione della sentenza possono sottoporre a controllo

costituisce l’eccezione ed è limitata ai casi espressamente previsti dalla il ragionamento probatorio effettuato dal giudice.

legge. Mezzo di prova: è lo strumento attraverso il quale le fonti di prova

Prova-indizio: La prova è il procedimento logico che congiunge un fatto producono la prova,cioè la forma attraverso cui la prova viene ad

noto con uno ignoto,ovvero da un fatto noto si giunge a determinarsi esistenza (ad esempio il teste è una fonte soggettiva di prova che

circa l’esistenza del fatto ignoto;anche l’indizio si fonda su un attraverso il mezzo di prova della testimonianza può fornire un prova) ;il

procedimento logico partendo da un fatto provato,ma tale procedimento legislatore disciplina 7 mezzi di prova tipici,accanto ai quali ci possono

è mediato in quanto ai fini della ricostruzione del fatto ignoto è essere gli atipici,cioè non disciplinati dalla legge ma che comunque

necessario il ricorso a massime di esperienza (si prendono in possono fornire una prova rilevante ai fini dell’accertamento del fatto,la

considerazione i casi simili) o leggi scientifiche;è chiaro che questo quale sarà ammessa solo se idonea ad assicurare l’accertamento dei fatti

procedimento logico non consente di ricostruire il fatto con la certezza e se non pregiudica la libertà morale della persona.I mezzi di prova sono

assoluta:gli indizi pertanto sono prove dotate di minor valore probatorio

e verranno comunque tenuti in considerazione solo se sono gravi (devono

assunti,salvo eccezioni,solo in dibattimento e in incidente probatorio e Il codice sancisce un divieto generale,valido si per la pg che per i

sono: testimoni di testimoniare sulle dichiarazionì rese da un testimone. (si

- testimonianza: è il mezzo di prova con il quale una persona diversa dalle vuole evitare che attraverso la testimonianza indiretta venga violato il

parti coinvolta nella vicenda processuale apporta il proprio contributo diritto al silenzio che cmq costituisce una prerogativa dell’imputato)

conoscitivo in relazione ai fatti che costituiscono oggetto di prova.Il La capacità a testimoniare appartiene a tutti ma incontra delle eccezioni

testimone è esaminato sui fatti che costituiscono oggetto di prova e non relative alla posizione soggettiva del deponente:non possono

può deporre sulla moralità dell’imputato(salvo che si tratti di fatti testimoniare a norma del197 cpp i coimputati nel medesimo reato o gli

specifici idonei a qualificarne la personalità in relazione al reato o la imputati in un procedimento connesso ai sensi dell’art 12\1\a salvo che

pericolosità sociale);l’esame può vertere anche sui rapporti di parentela nei loro confronti non sia stata pronunciata sentenza irrevocabile di

e di interesse che intercorrono tra il testimone e le parti ;la qualifica di proscioglimento,di condanna o applicazione della pena su richiesta parti,il

testimone si assume quando il soggetto su richiesta di parte è chiamato a responsabile civile e la persona civilmente obbligata per la pena

deporre davanti al giudice nell’ambito del processo;il testimone ha pecuniaria ,coloro che nel medesimo procedimento hanno svolto la

l’obbligo di presentarsi al giudice e di attenersi alle prescrizioni date dal funzione di giudice,pm o loro ausiliario,difensore che ha svolto

medesimo e di rispondere in verità alle domande rivoltagli.La deposizione investigazione difensiva.(le ultime due categorie sono incapaci perché

del tesiamone avviene con l’esame incrociato. avendo svolto già un ruolo del medesimo procedimento sono privi della

Testimonianza diretta\indiretta:il testimone diretto riferisce su fatti terzietà indispensabile per una deposizione serena e attendibile;mentre i

percepiti personalmente senza mediazione alcuna,mentre quello indiretto soggetti appartenenti alla prima categoria sono incapaci perché

riferisce di avere appreso un fatto da soggetti terzi.Innanzitutto fortemente coinvolti nella vicenda processuale e quindi il legislatore ha

l’indiretto deve essere in grado di indicare la persona o la fonte da cui ha voluto sollevarli dall’obbligo penalmente sanzionato di dire la verità)

appreso la notizia (la mancata indicazione della fonte rende inutilizzabile L’art 197bis disciplina la testimonianza fornita dall’imputato o giudicato

la testimonianza);se il testimone si riferisce,per la conoscenza dei in un procedimento connesso o per reato collegato:la regola generale

fatti,ad altre persone,il giudice,a richiesta di parte o d’ufficio può stabilisce l’assoluta incompatibilità con il ruolo di testimone dell’imputato

chiamare a deporre tali persone l’inosservanza rende inutilizzabile la in un procedimento connesso o di un reato collegato ai sensi dell’art

testimonianza ,salvo che l’esame di tali persone non sia impossibile per 371\2\b nei cui confronti non sia stata pronunciata sentenza

morte,infermità o irreperibilità).Il 4° comma del 195 riguarda la definitiva.Tale regola prevede una sola eccezione:i soggetti di cui sopra

testimonianza indiretta della polizia giudiziaria,la quale non può deporre potranno testimoniare,anche quando nei loro confronti non è stata

sul contenuto delle dichiarazioni acquisite dai testimoni nel corso delle pronunciata sentenza definitiva,se hanno ricevuto l’avvertimento di cui

indagini preliminari (l’art 500\2 stabilisce che tali dichiarazioni possono all’art 64\3\c (“se renderà dichiarazioni su fatti che concernono la

essere lette per la contestazione per essere valutate ai fini della responsabilità di altri ,assumerà in ordine a tali fatti l’ufficio di

credibilità del teste;se si permettesse ala polizia giudiziaria di testimone”). Se l’imputato connesso è già stato giudicato

testimoniar su tali deposizioni,queste finirebbero per essere utilizzate definitivamente, assumerà sempre l’ufficio di testimone,ma in questo

come vere e proprie prove e non semplicemente per valutare la caso non è obbligato a deporre su fatti per i quali è stato giudicato se

credibilità del dichiarante) egli ha sempre negato la propria responsabilità o non ha reso nessuna

dichiarazione. Inoltre le dichiarazioni rese da tali soggetti non possono

essere utilizzate contro la persona che le ha rese nel procedimento a suo Il testimone non è obbligato a deporre su fatti dai quali potrebbe

carico,nel procedimento di revisione della sentenza di condanna e in ogni emergere una sua responsabilità penale,ma se il giudice si vede opporre

processo civile o amministrativo relativo al fatto oggetto delle sentenze un rifiuto a rispondere in quanto dalle risposte potrebbe emergere una

predette. Il testimone ha diritto ad un difensore.L’ultimo comma del responsabilità penale,può obbligare il testimone a rispondere e d

197bis stabilisce alle dichiarazioni rese dal coimputato del medesimo eventualmente aprire a suo carico un procedimento per falsa

reato o dall’imputato in un procedimento connesso ai sensi dell’art 12 si testimonianza.

applica il 3°comma dell’art 192: CHIAMATA IN CORREITA’ [ costituisce I prossimi congiunti hanno la facoltà di non rispondere (non

fondamentale strumento prova in moltissime vicende testimoniare),ma devono deporre se hanno presentato denuncia,querela o

processuali,soprattutto relative alla criminalità organizzata:comporta istanza o essi o un loro prossimo congiunto sono offesi dal reato.Il

che le dichiarazioni rese dal coimputato vanno valutate unitamente agli giudice,pena nullità relativa,deve avvisare tali soggetti della possibilità di

altri elementi di prova che ne confermano l’attendibilità. Cio’ significa avvalersi della facoltà di non rispondere.

che le dichiarazioni del correo non hanno valenza probatoria esclusiva,ma All’art 200 sono elencate le persone legate al segreto professionale,le

devono essere supportate da riscontri esterni per confermarne quali non possono essere obbligate a deporre su quanto hanno conosciuto

l’attendibilità. La valutazione delle dichiarazioni del correo richiede un per ragione del proprio ministero,ufficio o professione,salvi i casi in cui

triplice controllo:occorre in primo luogo procedere alla verifica della hanno l’obbligo di riferirne all’autorità giudiziaria

credibilità del dichiarante (attendibilità soggettiva),in relazione alla sua (avvocati,medici,preti…)

personalità, condizioni familiari,socio-economiche,vita precedente,motivi All’art 201 è disciplinato il segreto d’ufficio:è di pertinenza dei pubblici

della chiamata in correità…; poi occorrerà verificare l’attendibilità ufficiali e degli incaricati di pubblico servizio

intrinseca della dichiarazione,cioè la sua consistenza in base al criterio All’art 202 si parla invece di segreto di Stato:riguarda tutte le notizie la

della precisione,coerenza,spontaneità,completezza;infine il giudice dovrà cui diffusione sia potenzialmente idonea a pregiudicare l’integrità dello

valutare l’attendibilità estrinseca della dichiarazione dl stato democratico,le istituzioni,gli organi costituzionali…

correo,procedendo ai riscontri esterni,cioè ricercando elementi estranei - Esame delle parti (208-210 cpp): le parti non sono obbligate a dire la

alla dichiarazione che la possano confermare. Pertanto le dichiarazioni verità e prima ancora non sono obbligate a rispondere (obblighi che

del correo saranno valutate insieme ai riscontri effettuati dal giudice invece caratterizzano la t.);è un mezzo di prova che si assume su base

per valutare la stessa attendibilità delle dichirazioni:queste quindi sono volontaria,infatti la parte non può essere sottoposta ad esame se non lo

dotate di un valore probatorio inferiore a quello della prova,in richiede o non vi acconsenta.All’esame delle parti si applicano le

considerazione del fatto che il correo,essendo imputato anch’egli,ha un disposizioni degli artt 194 (oggetto e limiti della testimonianza),dal

forte interesse nel procedimento de quo e questo potrebbe spingerlo a 198\2(neanche l parte,come il testimone,è obbligata a deporre su fatti

dichiarare il falso (eco la necessità dei riscontri)Il 4° comma del 192 dai quali potrebbe discendere una responsabilità penale),499 (esame

estende la disciplina del 3° comma alle dichiarazioni rese da persona incrociato),e se è esaminata una parte diversa dall’imputato si applica

imputata in un processo collegato ai sensi dell’art 371\2\b.La chiamata in anche il 195 (dichiarazione indiretta).

correità si caratterizza per la necessità di acquisizione di riscontri - confronti: mezzo di prova ammesso esclusivamente tra persone già

esterni al fine di ritenere attendibili le dichiarazioni accusatorie di un esaminate o interrogate e che sulla base delle loro dichiarazioni,siano in

correo (pentiti) disaccordo fra esse su fatti e circostanze importanti.Spetta al giudice

ripetere ai soggetti le loro dichiarazioni,chiedergli se le rifiutano o le Mezzi di ricerca della prova: sono quegli strumenti volti all’acquisizione

confermano e invitarli ad eventuali contestazioni. di fonti di prova,ovvero materiale,tracce,dichiarazioni da cui si può

- ricognizione: può avere per oggetto persone o cose;è il procedimento ricavare una prova. Mentre i mezzi di prova possono essere assunti solo

con cui si chiede ad un soggetto che ha avuto diretta percezione di una in fase procedimentale, quindi in dibattimento o in incidente

persona o di una cosa,di appellarsi alla memoria e al ricordo al fine di probatorio,tali mezzi di ricerca della prova possono essere assunti

riconoscere degli elementi a questi appartenenti fra altri aventi durante le indagini preliminari perché si tratta di elementi probatori che

caratteristiche similari.E’ un mezzo di prova molto attendibile. preesistono al procedimento penale;inoltre i verbali attestanti il

- esperimento giudiziale: mezzo con il quale si accerta se un fatto è compimento di mezzi di prova entrano nel fascicolo solo se compiuti in

potuto avvenire o può avvenire in un certo modo,riproducendo la incidente probatorio,mentre i verbali dei mezzi di ricerca della prova

situazione nella quale il fatto si verifica e ripetendo le modalità di entrano direttamente nel fascicolo del dibattimento in quanto atti

svolgimento dello stesso.E’ finalizzato a valutare la verosimiglianza di una irripetibili. Sono:

ricostruzione del fatto storico. - ispezioni(244-246cpp): atto con il quale si esamina una persona,una

- perizia: è un mezzo di prova disposto quando è necessario l’intervento cosa o un luogo allo scopo di acquisirne conoscenza e rilevare le tracce e

di un soggetto,il perito,munito di particolari conoscenze tecnico- gli effetti materiali el reato;se il reato non ha lasciato tracce o se

scientifiche affinchè dia un suo parere.Il perito è nominato dal giudice queste sono state cancellate,scomparse,alterate,il pm può stigmatizzare

su iniziativa propria o su istanza di parte.Il giudice formula i quesiti la struttura di un luogo,cosa o persona,descrivendone lo stato attuale e

sentiti il perito,i difensori,il pm,i consulenti tecnici;al termine del lavoro cercando di verificare quello preesistente curando di individuare le

il perito comunica oralmente la propria relazione. cause,modi e tempi delle modificazioni.In caso di ispezione personale,il

- consulenza tecnica: esame tecnico disposto dalle parti che possono soggetto da ispezionare deve essere avvertito della facoltà di farsi

avvalersi di propri esperti sia quando la perizia è stata disposta,sia assistere da una persona di fiducia e cmq l’ispezione deve svolgersi nel

quando non è stata ancora effettuata sia quando è stata effettuata. rispetto della dignità e del pudore.Prima di procedere ad una ispezione di

- prova documentale: è una prova precostituita al procedimento penale luoghi o cose,deve essere consegnato al soggetto che ha la disponibilità

perché è un supporto materiale avente consistenza materiale dell’oggetto dell’ispezione copia del decreto che dispone

reale( fotografie,scritti,video..)e contenente la rappresentazione di un l’ispezione stessa

fatto,di una persona o di una cosa.Si è formata all’esterno del - perquisizioni 247-251 cpp): deve essere eseguita quando c’è fondato

procedimento penale,quindi in assenza di contraddittorio,ma comunque motivo di ritenere che taluno occulti su di esso il corpo del reato o cose

per il principio di non dispersione della prova,può essere utilizzata.Per attinenti al reato(perquisizione personale=è necessario consegnare

l’ammissione della prova documentale è necessario che sia noto l’autore all’interessato copia del mandato di perquisizione e avvisarlo della

del documento ai fini della valutazione dell’attendibilità della prova facoltà di farsi assistere) o che tali cose si trovino presso un luogo

stessa. Sono considerati documenti i verbali di prova di altri determinato o che presso questo luogo si possa nascondere un evaso o

procedimenti,ma questi possono essere utilizzati contro l’imputato solo l’imputato (perquisizione locale=deve essere consegnata copia del

se nell’altro procedimento il difensore ha preso parte all’assunzione della decreto all’imputato o a chi ha la disponibilità materiale del luogo o

prova o se l’imputato vi consente.Ma se tali atti diventano cosa).E’ un mezzo utile per reperire oggetti utili ai fini dell’accertamento

irripetibili,questi vengono cmq utilizzati (non dispersione della prova) dei fatti di reato o per consentire l’arresto di una persona.Durante le

indagini preliminari la polizia giudiziaria può procedere a perquisizioni di potranno superare i 15gg ma possono essere prorogate in caso di

propria iniziativa solo in caso di flagranza di reato o in caso di reato di assoluta necessità. Nei casi urgenti il pm potrà disporre con decreto

evasione o quando c’è fondato motivo di ritenere che sulla persona o nel l’intercettazione senza aspettare l’autorizzazione del gip.ma dovrà

luogo si trovino occultate o possono essere cancellate cose pertinenti il comunicare la sua azione al gip entro 24 ore il quale entro 48 ore

reato;comunque la pg deve trasmettere entro 48 ore al pm il verbale deciderà la convalida o meno. Se l’intercettazione non viene convalidata,i

delle operazioni compiute e se ne ricorrono i presupposti,il pm,nelle 48h suoi risultati saranno inutilizzabili. L’inutilizzabilità colpisce tutte le

successive,convaliderà la perquisizione. intercettazioni effettuate fuori dai casi previsti dalla legge.E’

- sequestro probatorio art 253 seg: può avere per oggetto il corpo del consentita l’utilizzabilità delle intercettazioni in procedimenti diversi

reato(cose sulle quali o mediante le quali il reato è stato commesso o solo nel caso in cui risultino indispensabili per l’accertamento di delitti

cose che costituiscono il prezzo,prodotto o profitto del reato) o cosa per i quali è previsto l’arresto obbligatorio in flagranza.

pertinente al reato (cose che sono servite anche indirettamente ad

accertare la consumazione del reato,il suo autore e le eventuali

circostanze). Consiste nel creare un vincolo di indisponibilità su una cosa

mobile o immobile attraverso uno spossessamento coattivo.Perdura fino a

quando sussistono le esigenze probatorie,cessate le quali,le cose vengono

restituite.Contro il decreto di sequestro può essere proposta richiesta

di riesame.Anche la polizia giudiziaria può procedere a sequestro

probatorio su sua iniziativa in casi urgenti,ma con l’obbligo di comunicarlo

entro 48h al pm che potrà o meno convalidare il sequestro.

- intercettazioni telefoniche ed ambientali: si tratta della

captazione,ad opera di terzi,di comunicazioni o conversazioni riservate

mediante l’ascolto diretto e segreto attuato con l’ausilio di strumenti

meccanici o elettronici. Si tratta di una materia molto delicata che ha

richiesto una disciplina molto rigorosa in quanto investe dei diritti

importantissimi,quali quelli alla libertà e alla segretezza delle

comunicazioni e quello alla segretezza della corrispondenza. L’art 266

elenca tassativamente le fattispecie per cui è ammesso questo mezzo di

ricerca della prova (es delitti contro pa, delitti in materia di

stupefacenti,delitti di contrabbando…);le intercettazioni telefoniche

possono essere disposte solo in presenza di gravi indizi di reità e se sono

assolutamente indispensabili ai fini della prosecuzione delle indagini;la

particolarità di questo mezzo è che è necessaria l’autorizzazione del gip:

il pm chiede al gip l’autorizzazione alle intercettazioni e questo con

decreto motivato predisporrà modalità e durata delle intercettazioni;non familiare,divieto\obbligo di dimora) e custodiali (arresti domiciliari e

CAPITOLO VII custodia cautelare in carcere;tale ultima misura può essere disposta solo

LE MISURE CAUTELARI quando ogni altra misura risulta inadeguata o quando sussistono gravi

indizi di colpevolezza in ordine ai reati di criminalità organizzata di tipo

mafioso:in questo ultimo caso c’è una sorta di presunzione di

Le misure cautelari costituiscono limitazioni della libertà personale ed inadeguatezza delle altre misure rispetto alla custodia).Quelle

hanno un fondamento costituzionale:la Costituzione infatti ammette tali interdittive sono: sospensione dell’ex della patria potestà,sospensione

restrizioni solo se derivanti da un atto motivato della autorità giudiziaria dall’ex da un pubblico ufficio o servizio,divieto di esercitare determinate

e nei casi e modi previsti dalla legge,creando così una riserva di legge: professioni,imprese o uffici direttivi.[si fanno rientrare tra le misure

solo al potere legislativo è demandato il compito di legiferare in materia cautelari personali anche le misure di sicurezza a scopo

limitazione della libertà personale(la lex costituisce una garanzia);il cpp cautelare,disposte dal giudice su proposta del pm quando c’è il pericolo di

invece stabilisce una riserva di giurisdizione all’art 274 in cui è sancito commissione di un nuovo reato e non ricorrono esimenti]

che l’applicazione,la revoca e le vicende successive che riguardano le - reali (artt 316-325):incidono sul patrimonio determinando la

misure sono disposte dal giudice che procede e se l’azione penale non è indisponibilità di cose mobili e immobili. Sono il sequestro conservativo e

stata esercitata provvede il gip (il nuovo codice ha escluso che il pm quello preventivo: il sequestro conservativo viene disposto quando c’è

possa emettere provvedimenti cautelari) pericolo che manchino o si disperano le garanzie per il pagamento della

Sono provvedimenti provvisori ed urgenti adottati prima di una pena pecuniaria,delle spese processuali o di ogni i altra spesa dovuta allo

pronuncia definitiva sulla colpevolezza che incidono sulla sfera dei diritti Stato. In ogni stato e grado del processo il pm (o la parte civile) può

e facoltà (libertà personale,disponibilità economiche..) del soggetto chiedere il sequestro dei beni mobili o immobili dell’imputato o delle

privato comprimendole,al fine di salvaguardare determinate esigenze e somme o cose da lui dovute. La caratteristica di tale misura è che può

di garantire assicurare l’effettività della decisione finale.Le misure essere disposta solo nei confronti dell’imputato e del responsabile

cautelari sono lo strumento con cui l’ordinamento pone argine alle civile,il che presuppone il già avvenuto esercizio dell’azione penale:

esigenze cautelari,a cui è urgente porre rimedio tanto da non poter quindi il sequestro conservativo non può essere disposto nelle indagini

aspettare il provvedimento definitivo che conclude il procedimento.La preliminari.

ratio delle misure cautelari non è quella di anticipazione della pena ma di Il sequestro preventivo viene disposto dal giudice competente con

mezzo di prevenzione di pericoli (per le prove,fuga o reiterazione delle decreto motivato su richiesta del pm quando sussiste il pericolo che la

condotte criminose):sicchè,anche fronte ad un indagato cui sono libera disponibilità di una cosa pertinente al reato possa

attribuiti gravi reati,se mancano tali pericoli,non non possono essere aggravare,protrarre o agevolare la commissione di altri reati. Prima

applicate misure cautelari. dell’esercizio dell’azione penali provvede il gip (a differenza del

Il legislatore ha diviso le misure in: conservativo,il preventivo può essere disposto anche prima dell’esercizio

- personali (artt 272-315) che comportano una limitazione della libertà dell’azione penale).Durante le indagini preliminari,nei casi urgenti,il

della persona (coercitive) o del libero esercizio di facoltà sequestro può essere disposto con decreto motivato dal pm o dalla

giuridiche,come vita,arti,professioni (interdittive).Quelle coercitive polizia giudiziaria,con l’obbligo di comunicare il tutto al giudice

possono essere non custodiali (divieto di espatrio,obbligo di presentarsi competente per ottenere la convalida..

alla polizia nei giorni ed orari prestabiliti,allontanamento dalla casa

Con la sentenza di proscioglimento o di non luogo a procedere il giudice Condizione imprescindibile è la presenza di una delle esigenze cautelari

ordina la restituzione delle cose sequestrate a chi ne ha diritto,a meno elencate all’art 274 cpp:

che non deve disporne la confisca. Contro il decreto di sequestro si può - concreto ed attuale pericolo per l’acquisizione e la genuinità della

richiedere il riesame innanzi al tribunale delle libertà,la ui decisione è prova( pericolo di inquinamento delle prove);

ricorribile in cassazione,o il ricorso in cassazione x soli motivi di - fuga o pericolo di fuga (sempre che il giudice ritenga che posa essere

legittimità. irrogata una pena superiore a 2 anni di reclusione);

Da questi due tipi di sequestri si differenzia quello probatorio,che è un - esigenze di tutela della collettività;quando per specifiche circostanze e

mezzo di ricerca della prova e quindi è finalizzato ad acquisire prove e modalità del fatto o per la personalità del soggetto sussiste il pericolo

viene disposto dal pm. che questo compia un grave delitto con le armi o con altri mezzi violenti o

contro l’ordine costituzionale o delitti di criminalità organizzata o un

In generale ai fini dell’applicazione di una misura cautelare occorre tener delitto della stessa specie di quello per cui si procede: pericolo di

conto della gravità del reato per il quale si procede,gravità che si reiterazione della condotta criminosa (per i delitti ella stessa specie

desume dalla qualità del reato e dalla misura di pena prevista per il occorre che prevedano la pena della reclusione non inferiore nel max a

reato:pertanto le misure coercitive possono essere applicate solo per i 4anni).

delitti che prevedono la pena dell’ergastolo o della reclusione superiore [quindi per adottare una misura cautelare il giudice deve riscontrare

nel massimo a 3 anni (la custodia in carcere solo per i delitti,consumati o prima la sussistenza dei presupposti,ovvero il limite edittale di pena del

tentati, che prevedono la pena della reclusione non inferiore,nel max a reato per cui si procede e i gravi indizi di colpevolezza e poi deve

4anni;le misure interdittive sono applicate per i delitti che prevedono accertarsi della presenza di almeno una delle esigenze cautelari]

l’ergastolo o la reclusione non inferiore nel max a 3 anni.Nessuna misura

può essere applicata se risulta che il fatto è stato compiuto in presenza Nella scelta di quale misura irrogare il giudice deve farsi guidare da

di una esimente o di una causa di estinzione del reato o della pena. alcuni criteri guida:

Altro presupposto fondamentale per l’applicazione delle misure è la - adeguatezza: la misura deve essere adeguata alle esigenze cautelari da

sussistenza di gravi indizi di colpevolezza:ovvero la presenza di elementi soddisfare in concreto

di prova (fonti,se la misura viene adottata nelle indagini)idonei a - proporzionalità: la misura deve essere proporzionata all’entità del fatto

condurre in un futuro processo ad una probabile condanna (giudizio e alla sanzione che sia stata o s ritiene possa essere irrogata(ad esempio

prognostico sulla probabilità di una colpevolezza).La legge sul giusto non può essere disposta la custodia in carcere se il giudice ritiene che

processo ha introdotto dei criteri vincolanti x il giudice nella valutazione possa essere concessa la sospensione condizionale della pena).

degli indizi: gli indizi derivanti da dichiarazioni rese da un coimputato o

da un imputato in un procedimento connesso o collegato necessitano di Procedimento di applicazione di una misura cautelare

riscontri estrinseci per la loro attendibilità-192\3-4;non sono utilizzabili Ha inizio con la richiesta del pm al giudice competente,contenente gli

le testimonianze indirette se non viene indicata la persona da cui elementi su cui si fonda,gli elementi a favore dell’imputato e le eventuali

derivano;non sono utilizzabili le intercettazioni acquisite deduzioni a memoria difensiva (291cpp).Il giudice a questo punto può

illegittimamente] accogliere la richiesta ed emettere la misura,può respingerla o può

discostarsene applicando una misura diversa meno grave (è

assolutamente vietato al giudice emettere una misura +grave di quella misure perdono efficacia se entro un certo termine,diverso per le

richiesta). Il giudice emette l’ordinanza cautelare che deve contenere gli singole fasi processuali,non interviene un determinato provvedimento.)

indizi e le esigenze cautelari che giustificano la misura,e in caso di Mentre per le misure coercitive diverse dalla custodia cautelare e per

applicazione della custodia,i motivi per i quali tutte le altre misure non quelle interdittive il legislatore in maniera semplice stabilisce dei termini

potevano soddisfare le esigenze.L’ordinanza è eseguita dalla polizia di durata massimi,lunghi per le prime e brevi per le seconde,per la

giudiziaria con la consegna di copia all’imputato e l’avvertimento della custodia cautelare e gli arresti domiciliari,in considerazione dei valori di

facoltà di nominare un difensore di fiducia il quale viene libertà che ne sono compromessi,è prevista una disciplina specifica e

successivamente informato e viene redatto un verbale di tutte le rigorosa:

operazioni compiute che viene immediatamente trasmesso al giudice e a l

pm. [il meccanismo di caducazione della custodia è diviso in tanti segmenti

Dopo l’esecuzione dell’ordinanza il giudice procede all’interrogatorio che quanti sono gli stati e i gradi del procedimento (indagini

per i soggetti in custodia cautelare deve avvenire immediatamente (o preliminari,giudizio di primo grado,di appello,passaggio in giudicato).Ad

cmq entro 5 gg dalla esecuzione della misura) e per gli altri non oltre 10 ognuno di tale segmento corrisponde un periodo di durata massima della

gg dalla esecuzione della misura.E’ nella sede dell’interrogatorio di custodia entro cui deve intervenire un determinato provvedimento(ad es

garanzia che il giudice valuterà se permangono o meno le condizioni di rinvio a giudizio,sentenza di primo grado..) e se questo non

applicabilità e le esigenze cautelari previste dagli artt 273,74,275 cpp e interviene,subentra la liberazione dell’imputato.La durata dei termini per

se sussistono le condizioni,procederà alla revoca o alla sostituzione delle ogni segmento è diversa a seconda delle differenti categorie di

misure applicate (in questo caso il giudice procede reato,individuate n base alla misura edittale della pena prevista per il

d’ufficio).L’interrogatorio dl giudice deve assolutamente precedere reato (nel corso delle indagini preliminari) o in base all’entità della pena

quello del pm(onde evitare pressioni psicologiche),viene svolto con le irrogata (per le altri fasi del processo).E’ previsto inoltre un termine

modalità indicate agli artt 64-65 cpp e i pm non ha l’obbligo di massimo omnicomprensivo per la durata complessiva della custodia (da 2

presenziare a tale interrogatorio. a 6 anni).I termini di durata possono essere sospesi e in tal caso il

Le misure cautelari possono essere revocate o sostituite (se vengono termine ricomincia a decorrere dal giorno in cui termina la causa di

meno le condizioni di applicabilità o le esigenze cautelari) anche in peggio sospensione. Le cause di sospensione (304) sono:

su richiesta del pm o dell’imputato (d’ufficio dal giudice solo in seno - quando il giudizio è sospeso o rinviato per impedimento dell’imputato o

all’interrogatorio di garanzia e la sostituzione nn può essere mai in del difensore o quando sono questi a chiedere un rinvio dell’udienza

peius)=la revoca e la sostituzione implicano una valutazione nel merito - “ “ “per mancata presentazione o allontanamento o mancata

degli atti del procedimento cautelare. partecipazione di uno o + difensori

Cause di estinzione delle misure (la misura cessa senza che venga - durante la pendenza del tempo necessario a stendere la motivazione

effettuata una valutazione nel merito,ma solo a causa del verificarsi di della sentenza

una vicenda): sentenze di proscioglimento,omissione dell’interrogatorio - quando si tratta di dibattimenti complessi (causa di sospensione

della persona in custodia entro 5 gg dalla esecuzione della misura (10 gg facoltativa)]

x le altre misure),scadenza dei termini massimi di durata della misura (le

Ultimo stadio del procedimento cautelare è il riesame, fase eventuale, difensore possono proporre ricorso diretto in cassazione contro

concessa come garanzia all’imputato(o al suo difensore=unici soggetti l’ordinanza cautelare che dispone una misura coercitiva: la proposizione

legittimati a proporre riesame) il quale entro 10gg dalla di tale ricorso diretto rende inammissibile la richiesta di riesame.

esecuzione\notifica della misura può proporre richiesta di riesame della Una volta esauriti i diversi gradi di impugnazione,le ordinanze cautelari

ordinanza cautelare:sulla richiesta decide il tribunale in composizione diventano irrevocabili e i forma pertanto il giudicato cautelare,ovvero la

collegiale del luogo in cui ha sede la Corte d’appello nella cui fine del procedimento cautelare.

circoscrizione è compreso l’ufficio del giudice che ha emesso

l’ordinanza;tale tribunale è denominato Tribunale delle Libertà. Il [art 314-315:riparazione per ingiusta custodia cautelare\domiciliare: la

riesame ha per oggetto l’ordinanza cautelare applicativa di una misura misura è ingiusta o quando con decisione irrevocabile risulta accertato

coercitiva,anche non custodiale (quelle interdittive nn possono essere che il provvedimento che ha disposto la misura è stato emesso o

oggetto di riesame),sicchè tutti i provvedimenti successivi,ad es di mantenuto senza che sussistessero le condizioni di applicabilità della

revoca o modifica non possono essere oggetto di riesame ma di misura stessa o quando viene sofferta da un imputato successivamente

appello;non è necessaria la presenza dei motivi nella richiesta di riesame riconosciuto innocente (e quindi viene prosciolto con sentenza

(nell’appello,si).Il tribunale delle libertà richiede all’autorità giudiziaria irrevocabile per non aver commesso il fatto, perché il fatto non

l’invio degli atti su cui è fondata la misura e necessari per la decisione sussiste,non costituisce reato,non è previsto dalla legge come reato).Per

(se tali atti non pervengono al tribunale entro 5 gg la misura perde aver diritto alla riparazione,che ha natura indennitaria e non di

efficacia=termine perentorio);il procedimento si svolge in camera di risarcimento,è necessario che l’imputato non abbia concorso all’emissione

consiglio. del provvedimento cautelare con dolo o colpa grave tacendo ad esempio

I provvedimenti cautelari sono soggetti agli ordinari mezzi di un alibi che gli avrebbe evitato la custodia.Cmq il silenzio

impugnazione:si instaura un procedimento incidentale,distinto ma nell’interrogatorio di garanzia nn può essere considerato un

inevitabilmente connesso con il procedimento penale. comportamento doloso o colposo perché è un diritto dell’imputato]

- appello: mezzo di impugnazione di merito residuale,in quanto può

essere esperito da parte dell’imputato,difensore o pm (solo appello e non

riesame) innanzi al tribunale delle libertà avverso alle ordinanze

cautelari non assoggettabili a riesame.Sono necessari i motivi nella

richiesta di appello. Sono pertanto assoggettabili ad appello tutti quei

provvedimenti diversi dall’ordinanza cautelare applicativa di una misura

coercitiva,quindi ad esempio l’ordinanza cautelare applicativa di una

misura interdittiva,l’ordinanza con cui si decide la revoca o la

sostituzione della misura…Il procedimento di appello è analogo a quello di

riesame.

- ricorso per cassazione: avviene per motivi di

legittimità;imputato,difensore e pm possono adire la corte avverso le

decisioni emesse in sede di appello o di riesame;solo l’imputato e il costituisce l’oggetto del lavoro del pm e della polizia giudiziaria ai fini

CAPITOLO VIII della valutazione della sua veridicità e alla sua dimostrabilità nel

LA FASE PROCEDIMENTALE processo. La notizia del reato può essere iscritta d’ufficio,o può essere

accolta della pg e in questo caso si deve procedere alla informativa senza

ritardo al pm per iscritto di tutti gli elementi essenziali del fatto e

Sono la prima fase del procedimento penale e la loro funzione essenziale quelli sino ad allora raccolti,le operazioni compiute,l’indicazione delle

è quella di permettere al pm di raccogliere gli elementi utili al fine di fonti di prova e dei soggetti utili alle indagini.Ma la notizia di reato può

valutare l’opportunità di esercitare l’azione penale,con il passaggio alla essere iscritta nell’apposito registro anche con la denuncia e il

fase processuale. Nelle indagini preliminari si acquisiscono fonti di referto.La denuncia può provenire dai privati e di regola è facoltativa ( è

prova,che attraverso i mezzi di prova,diventeranno prove nell’ambito del obbligatoria solo in alcuni casi tassativi:delitti contro personalità dello

dibattimento perché è questa la sede naturale della formazione della stato per i quali è previsto l’ergastolo;se si è ricevuto denaro o

prova,che si svolge in contraddittorio tra le parti (ad es:la dichiarazione acquistato o cmq ricevuto cose provenienti da delitto;se si è subito un

di una persona informata resa nelle ip è una fonte di prova che furto di armi o esplosivi;se si ha avuto notizia di un sequestro a scopo di

attraverso l’istituto della testimonianza,mezzo di prova,in dibattimento estorsione) ma anche da pubblici ufficiali o incaricati di pubblico servizio

può diventare prova ed essere utilizzata dal giudice per la decisione (diversi dalla pg) i quali sono obbligati a denunciare i reati di cui hanno

finale)=gli atti delle ip,salvo eccezioni,non sono utilizzabili in avuto notizia nell’es delle loro funzioni (se si tratta di agenti o ufficiali

dibattimento.Il dominus delle ip è il pm che dispone direttamente della di pg,l’obbligo di denuncia sussiste anche al di fuori del servizio).Il

pg che,anche dopo la comunicazione della notizia di reato,continua a referto è la segnalazione di reato proveniente dagli esercenti una

svolgere attività di propria iniziativa. Figura innovativa introdotta dal professione sanitaria che abbiano prestato la propria assistenza od

nuovo cpp è quella del gip,giudice diverso dal pm,terzo ed opera in casi che possono presentare i caratteri di un delitto per il quale

imparziale,chiamato nel corso delle ip ad emettere tutti quei è prevista la procedibilità d’ufficio (es:il referto del medico che ha

provvedimenti che coinvolgono beni di rilevanza costituzionale visitato un bambino picchiato può valere come notizia criminis);il referto

(libertà,riservatezza..);il gip,nei casi previsti dalla legge provvede sulle deve pervenire entro 48h o immediatamente al pm o alla pg del luogo in

richieste del pm,delle parti private e della persona offesa;non ha alcun cui è stata prestata assistenza.

potere di iniziativa,non gestisce né coordina le indagini,ma interviene La regola generale per la nascita di un procedimento penale (l’azione

sporadicamente in quanto è chiamato a provvedere solo se sollecitato da penale è obbligatoria) è la procedibilità d’ufficio,ma ci sono casi ben

una richiesta delle parti e nei casi previsti dalla legge,ecco perché si dice definiti dalla legge in cui la nascita del procedimento è subordinato a

che ha una giurisdizione semipiena,perché svolge la sua attività sulla delle condizioni,dette di procedibilità,che sono manifestazioni di volontà

base degli elementi fino ad allora raccolti (mentre il giudice del derivanti da soggetti diversi dal pm e sono la querela,l’istanza,la

dibattimento ha giurisdizione piena perché dispone di tutti gli elementi richiesta e l’autorizzazione a procedere.La querela è proponibile da

raccolti nel corso dell’istruzione dibattimentale). persona offesa da un reato per cui non si debba procedere d’ufficio,è

facoltativa e si struttura di due elementi,la notizia criminis e la

La notizia di reato manifestazione di volontà della persona offesa volta ad ottenere la

è un informazione contenente la commissione di un fatto illecito e viene punizione del colpevole. Si può proporre querela mediante dichiarazione

iscritta in un apposito registro custodito presso l’ufficio del pm e


ACQUISTATO

1 volte

PAGINE

52

PESO

284.32 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE APPUNTO

Riassunto per l'esame di Diritto processuale penale , basato su appunti personali e studio autonomo del testo consigliato dal docente Manuale di Diritto Processuale Penale. Nello specifico i capitoli trattati sono: Regole e principi nei sistemi processuali, La Giurisdizione, Le parti processuali, Gli atti, Le prove, Le misure cautelari, La fase procedimentale, I procedimenti speciali, ecc.


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in Giurisprudenza
SSD:
Università: Bari - Uniba
A.A.: 2009-2010

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher trick-master di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Diritto processuale penale e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Bari - Uniba o del prof Garofoli Vincenzo.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Diritto processuale penale

Diritto processuale penale minorile - Appunti
Appunto
Diritto processuale penale - concetti
Appunto
Riassunto esame Diritto Processuale Penale, prof. Garofoli
Appunto
Diritto Processuale Penale
Appunto