Che materia stai cercando?

Diritto processuale civile II - prove

Appunti di Diritto processuale civile II sulle prove costituende e il rendimento dei conti. Nello specifico gli argomenti trattati sono i seguenti: le tre principali figure di prove costituende, la confessione, la confessione giudiziale o stragiudiziale.

Esame di Diritto processuale civile II docente Prof. E. Zucconi galli fonseca

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

dichiarazioni fanno piena prova nella loro integrità, se l’altra parte non contesta la

→ il

verità dei atti o delle circostanze aggiunte. CONTESTAZIONE confitente si grava

dell’onere di provare i fatti aggiunti ed l’apprezzamento su quei fatti è rimesso al

giudice ( circa la loro efficacia probatoria ) .

 → può essere

AUTORE CONFESSIONE soltanto la parte personalmente

 →

EFFICACIA PROBATORIA DELLA CONFESSIONE

→ l’efficacia probatoria è quella tipica della

- CONFESSIONE GIUDIZIALE prova legale

in quanto vincola il giudice nel suo apprezzamento ( art 2733, 2 comma ) . In caso di

litisconsorzio necessario, la confessione resa da alcuni soltanto dei litisconsorzi è

liberamente apprezzata dal giudice ( art 2733, 3 comma ) . In caso di litisconsorzio

facoltativo, la confessione costituisce prova legale nei confronti del solo confitente , mentre

nei confronti degli altri è liberamente apprezzabile.

- CONFESSIONE STRAGIUDIZIALE → art 2735 →

1. Se è fatta alla parte o a chi la rappresenta ha la stessa efficacia probatoria di quella

giudiziale.

2. Se è fatta a un terzo o se è contenuta in un testamento, è liberamente apprezzabile dal

giudice, ossia non ha efficacia di prova legale.

 “La confessione non è efficace se non proviene da persona

CAPACITÁ→ ART 2731 →

capace di disporre del diritto a cui i fatti confessati si riferiscono. Qualora sia resa da un

rappresentante, è efficace solo se fatta entro i limiti e nei modi in cui questi vincola il

rappresentato.”

 → “La confessione non può essere revocata se non

VIZI DELLA VOLONTÁ → ART 2732

si prova che è stata determinata da errore di fatto o da violenza”.

↓↓↓↓↓↓

Le ragioni di queste 2 disposizioni risiedono nel fatto che, attraverso la confessione, la parte che

confessa finisce in pratica col condizionare la pronuncia del giudice, disponendo così del diritto

oggetto della causa. Constato quindi che la confessione può produrre le stesse conseguenze di

una dichiarazione negoziale, il legislatore si è preoccupato di disciplinarne le modalità in

modo analogo a quello delle dichiarazioni negoziali.

 → Ciò

PRECISAZIONE → CONFESSIONE COME DICHIARAZIONE DI SCIENZA

non deve cmq indurre a ritenere che il legislatore abbia inteso considerare la confessione come

un negozio giuridico. Tale sarebbe soltanto nell’ipotesi che la dichiarazione in discorso

producesse immediatamente i suoi effetti nel campo sostanziale; ma poiché, come sappiamo,

tali effetti si producono solo grazie alla pronuncia del giudice, ne deriva che la confessione non

è una dichiarazione di volontà, ma di scienza e rimane soltanto uno strumento di

convincimento del giudice. ; è chiaro che deve essere voluta ( animus confitenti ), ma con

una volontà che concerne la dichiarazione e non i suoi effetti.

2

47. CONFESSIONE GIUDIZIALE E

INTERROGATORIO DELLA PARTE

 . →

DISCIPLINA DEL C.P.C si occupa esclusivamente della confessione giudiziale, ossia

quella resa in giudizio

 → “La confessione giudiziale è spontanea o provocata mediante

NOZIONE → ART 228

interrogatorio formale” . → “La

1. confessione

CONFESSIONE GIUDIZIALE SPONTANEA → ART 229

spontanea può essere contenuta in qualsiasi atto processuale firmato dalla parte

personalmente, salvo il caso dell’articolo 117”. Il caso dell’art 117, è quello

dell’interrogatorio libero, al quale viene in tal modo sottratta l’attitudine a dar luogo

→ si contrappone a

ad una vera e propria confessione. INTERROGATORO LIBERO

quello formale, perché non potendo dar luogo ad una confessione, consente alla parte di

parlare al giudice liberamente dei fatti della causa e consente al giudice di informarsi

liberamente su quei fatti. →

2. CONFESSIONE PROVOCATA DA INTERROGATORIO FORMALE

l’interrogatorio formale, in quanto diretto a provocare la confessione giudiziale, può

soltanto nuocere e mai giovare alla parte interrogata. Vediamo quali sono le

caratteristiche dell’inter. formale:

- Essendo un procedimento probatorio è soggetto alla disciplina di cui all’art 115, per

cui può essere disposto soltanto ad istanza di parte contrapposta a quella da

interrogarsi

- Essendo una prova costituenda si applicano all’interrogatorio formale tutte le

regole generali sulla richiesta, ammissibilità e assunzione dei mezzi di prova e

inoltre le regole + specificamente dedicate all’istituto. → “L’interrogatorio

- deve

Art 230 → MODO DELL’INTERROGATORIO

essere dedotto per articoli separati e specifici.

- Il giudice istruttore procede all’assunzione dell’interrogatorio nei modi e termini

stabiliti nell’ordinanza che l’ammette.

- Non possono farsi domande su fatti diversi da quelli formulati nei capitoli , a

eccezione delle domande su cui le parti concordano e che il giudice ritiene utili; ma

il giudice può sempre chiedere i chiarimenti opportuni sulle risposte date”

→ “La

- parte interrogata deve rispondere personalmente.

ART 231 → RISPOSTA

Essa non può servirsi di scritti preparati, ma il giudice istruttore può consentirle di

valersi di note o appunti, quando deve fare riferimento a nomi o a cifre, o quando

particolari circostanze lo consigliano.” → la disposizione in esame prende in

- ART 232 → MANCATA RISPOSTA

considerazione l’ipotesi che la parte non si presenti per rispondere

all’interrogatorio formale. Se la parte non si presenza senza giustificato motivo, “

il collegio può ritenere come ammessi i fatti dedotti nell’interrogatorio”. Se invece

3

la mancata presentazione è dovuta a motivi giustificati, il g. i. può fissare una

nuova udienza o recarsi egli stesso al di fuori della sede giudiziaria .

48. IL GIURAMENTO

 → Come la confessione

CONFRONTO CON LA CONFESSIONE è una dichiarazione

compiuta da una delle parti sulla verità dei fatti della causa. Ma a parte il fatto che in questo

caso, la dichiarazione ha efficacia probatoria solo in quanto sia resa in giudizio e con

particolari forme, essa si contrappone alla confessione in quanto proviene dalla parte alla

quale i fatti dichiarandi non nuocciono, ma giovano. Il fondamento del giuramento risiede:

→ con le quali avviene la dichiarazione giurata,

- SOLENNITÁ DELLE FORME

che non può essere spontanea ma soltanto provocata

→ che colpiscono chi ha giurato il falso e

- GRAVITÁ DELLE CONSEGUENZE

la falsità del giuramento viene scoperta. Conseguenze non solo di natura morale e

sociale ma anche e soprattutto di natura giuridico – penale, essendo il falso

giuramento configurato come reato e non dei meno gravi..

 → giuramento decisorio / giuramento suppletorio

2 FORME DI GIURAMENTO

 → “quello che una parte deferisce

GIURAMENTO DECISORIO → ART 2736 N. 1

all'altra per farne dipendere la decisione totale o parziale della causa. D’altra parte, questa

sfida può essere rilanciata contro la parte che la propone, poiché la parte alla quale il

giuramento è deferito può riferirlo alla parte che gliel’ha deferito, sfidandola a giurare

sugli stessi fatti ma in senso ovviamente contrario .

 → “è deferito d'ufficio dal giudice a

GIURAMENTO SUPPLETORIO → ART 2736 N. 2

una delle parti al fine di decidere la causa quando la domanda o le eccezioni non sono

pienamente provate, ma non sono del tutto sfornite di prova; o ( questo è il giuramento

estimatorio ) quello che è deferito al fine di stabilire il valore della cosa domandata, se non si

può accertarlo altrimenti.” In queste ipotesi si può notare come manchi l’elemento della

sfida, poiché il giuramento è deferito d’ufficio dal giudice quando ritiene + giusto evitare il

rigore della regola dell’onere della prova, acquisendo la conferma intorno al suo non ancora

fermo convincimento sul fatto stesso; o quando manca di altri elementi per la determinazione

del valore della cosa domandata.

 →

EFFICACIA PROBATORIA è la + intensa che si possa immaginare perché, mentre, come

è proprio della prova legale, vincola il giudice al suo esito, tale vincolo si riflette sulla

pronuncia del giudice, il quale, dopo il giuramento, deve senz’altro dichiarare vittoriosa la

parte che ha giurato e soccombente l’altra senza che l’altra parte possa essere neppure

ammessa a provare il contrario di quanto giurato. Addirittura tale vincolo rimarrebbe

perfino nell’ipotesi che il giuramento venisse riconosciuto falso, poiché per tale ipotesi, l’art

2738 esclude espressamente la possibilità di avvalersi della revocazione. In questa ipotesi l’art

2738 co. 2 precisa che la parte soccombente potrà ottenere soltanto il risarcimento dei

danni purché sia intervenuta sentenza pensale per falso giuramento.

4

 → ogni atto relativo al giuramento ( deferimento,

AUTORE DEL GIURAMENTO

riferimento e ovviamente la prestazione ) deve essere compiuto dalla parte personalmente.

 CAPACITÁ DELLE PARTI → estende all’atto del deferire o del riferire il giuramento i

requisiti di capacità che l’art 2731 richiede per la confessione ( ossia la capacità di disporre

del diritto )

 →

REVOCA non è prevista la possibilità di revoca neppure per errore o violenza ( come

invece è previsto per la confessione ) salvo quanto disposto dagli art 235 e 236 circa i casi in cui

è ammessa la revoca non del giuramento, ma del deferimento o del riferimento del

giuramento decisorio come semplice esercizio di jus poenitendi .

 → come la confessione , anche

DICHIARAZIONE DI SCIENZA il giuramento è

semplicemente una dichiarazione di scienza e quindi un mezzo di prova che determina

l’esito della causa solo per il tramite della pronuncia del giudice: ed infatti quest’ultima, per

quanto vincolata, si frappone sempre tra la dichiarazione giurata e la disposizione del diritto. Se

si tiene conto di ciò ci si accorge che il codice si esprime in maniera impropria.

 →

OGGETTO DEL GIURAMENTO

- soltanto i fatti rilevanti per l’esito della pronuncia su diritti disponibili.

- Inoltre il giuramento non è ammesso su fatti illeciti né per negare un fatto che da

un atto pubblico risulti avvenuto alla presenza del pubblico

- Oggetto del giuramento deve essere un fatto proprio della parte a cui si riferisce o

quanto meno la conoscenza che essa ha di un fatto altrui.

- Il giuramento non può essere riferito se il fatto che ne è l’oggetto non sia

comune a entrambe le parti.

 L’ammissibilità del giuramento non è impedita dalle risultanze probatorie già acquisite

( anche se in senso contrario ).

49. DEFERIMENTO, AMMISSIONE E

PRESTAZIONE DEL GIURAMENTO

 Le norme dedicata all’iter di ammissione e assunzione del giuramento distinguono l’ipotesi

del giuramento decisorio da quella del giuramento suppletorio.

 “Il giuramento decisorio può essere deferito

GIURAMENTO DECISORIO → ART 233 →

in qualunque stato della causa davanti al giudice istruttore ( ossia prima della rimessione in

decisione ) , con dichiarazione fatta all’udienza dalla parte o dal procuratore munito di

mandato speciale o con atto sottoscritto dalla parte. [2] Esso deve essere formulato in articoli

separati, in modo chiaro e specifico.” Si tratta di un atto di parte che mantiene la sua struttura

di istanza al giudice, in funzione dell’ammissione di questo mezzo di prova. Così come è

un’istanza al giudice l’ATTO DEL RIFERIMENTO che la parte alla quale il giuramento è

stato deferito può compiere verso la parte deferente ( fino a quando questa non abbia dichiarato

di essere pronta a giurare ) e col quale in sostanza può sfuggire all’alternativa tra giurare e

non giurare e riversare questa alternativa sull’altra parte.

5


PAGINE

11

PESO

156.55 KB

AUTORE

flaviael

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in giurisprudenza
SSD:
Università: Bologna - Unibo
A.A.: 2013-2014

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher flaviael di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Diritto processuale civile II e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Bologna - Unibo o del prof Zucconi galli fonseca Elena.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Diritto processuale civile ii

Diritto processuale civile II - impugnazioni
Appunto
Diritto processuale civile II - processo
Appunto
Diritto processuale civile II - competenze
Appunto
Diritto processuale civile II - notificazioni
Appunto