Che materia stai cercando?

Diritto processuale civile II - processo di esecuzione Appunti scolastici Premium

Appunti di Diritto processuale civile II sul processo di esecuzione. Nello specifico gli argomenti trattati sono i seguenti: il processo esecutivo, l'espropriazione forzata per crediti di denaro, ovvero esecuzione forzata in forma generica, l'esecuzione per consegna o rilascio.

Esame di Diritto Processuale Civile II docente Prof. A. Carratta

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

IL PROCESSO DI ESECUZIONE

Il processo esecutivo si sviluppa attraverso l'emissione di misure rivolte a soddisfare la

pretesa del creditore. Esso è spiegato all'interno del Terzo libro del codice di procedura

civile. La cognizione consiste nell'accertamento dell'esistenza del diritto da tutelare,

l'esecuzione forzata consiste nell'attuazione pratica in via coattiva o forzata di tale diritto

accertato. Il creditore, titolare di un diritto di credito, pur avendo ottenuto un

provvedimento favorevole (a seguito di un ordinario processo di cognizione) non soddisfa il suo

diritto se il debitore non esegue spontaneamente la prestazione. Proprio per questo motivo, il

creditore utilizza l'azione esecutiva, per ottenere cioè la soddisfazione del suo diritto anche

coattivamente (contro la volontà del debitore) (cd esecuzione forzata). ------------> ad es

quando l'attore è creditore di una somma di denaro.L'esecuzione forzata potrà essere in

forma specifica, cioè diretta all'esatta esecuzione dell'oggetto della prestazione (laddove

essa sia fungibile) o molto più frequentemente una espropriazione forzata, che consiste in un

complesso di atti diretti a sottrarre coattivamente al debitore determinati beni che fanno

parte del suo patrimonio ed a convertirli in denaro, così ottenendo il controvalore pecuniario

della prestazione inadempiuta.

Ai sensi dell'articolo 2740 cpc il debitore risponde dell'adempimento delle obbligazioni

assunte con tutti i suoi beni presenti e futuri; se cioè non adempie, il creditore avvalendosi del

processo esecutivo, può realizzare il suo credito procedendo ad esecuzione forzata sui beni

del suo debitore. Appare quindi in tutta la sua evidenza la funzione del processo di esecuzione

e la differenza rispetto al processo di cognizione: quest'ultimo è diretto all'accertamento

dell'esistenza di un diritto che la parte afferma esistente; il primo è invece diretto alla

attuazione coattiva del diritto accertato.

Le caratteristiche peculiari dell'azione esecutiva sono:

– la unilateralità nel senso che non vi è contraddittorio. Il debitore è soggetto ma non è

parte, solo se propone opposizione si apre un giudizio autonomo di cognizione

– la non esclusività perchè sullo stesso bene possono svolgersi molteplici azioni

– il presupposto di un requisito formale , cioè il titolo esecutivo.

Per quanto riguarda il valore:

– nelle cause di opposizione del debitore esso si determina dal credito per cui si procede

– nelle cause di opposizione di terzi, dal valore dei beni controversi

– nelle controversie sorte in sede di distribuzione, dal maggiore dei crediti contestati.

Per quanto riguarda la materia:

– prima della riforma il pretore era competente relativamente alla esecuzione per

rilascio o consegna di cose, per obblighi di fare e non fare e per l'espropriazione

mobiliare. Dopo la riforma introdotta dal D.lgs 51/1998 istitutivo del giudice unico di

primo grado, la figura del pretore è soppressa; le relative competenze sono trasferite

al tribunale che giudica in composizione monocratica, salvo i casi tassativamente

indicati nell'art. 50 bis cpc

– il giudice di pace non è mai competente

– per quanto riguarda il territorio, è competente il giudice del luogo dove i beni si

trovano. Se si tratta di beni immobili dislocati in più circoscrizioni, è competente ogni

giudice nella cui circoscrizione si trova una parte dell'immobile. Se si tratta di crediti,

è competente il giudice del luogo dove si trova il terzo debitore, mentre se oggetto

dell'esecuzione è un obbligo di fare o non fare, il giudice del luogo dove l'obbligo deve

essere adempiuto.


PAGINE

2

PESO

14.76 KB

AUTORE

flaviael

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in giurisprudenza
SSD:
A.A.: 2013-2014

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher flaviael di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Diritto Processuale Civile II e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Roma Tre - Uniroma3 o del prof Carratta Antonio.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Diritto processuale civile ii

Ordinamento giudiziario
Dispensa
Esecuzione forzata - Art. 614 bis cpc
Dispensa
PCT- Vademecum Avvocati
Dispensa
Diritto processuale civile II - processo esecutivo
Appunto