Che materia stai cercando?

Diritto privato: Le obbligazioni nascenti da atti unilaterali

Un piccolo elaborato che riassume in poche ed efficacissime righe la disciplina delle obbligazioni nascenti da atti unilaterali basato su appunti personali del publisher presi alle lezioni del prof. Lobuono, dell'università degli Studi di Bari - Uniba.

Esame di Diritto privato docente Prof. M. Lobuono

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Il processo civile ordinario produce i suoi effetti esclusivamente inter partes, risulta quindi evidentemente

poco consono a dirimere controversie che un “professionista” può avere con una grande moltitudine di

clienti, poiché una sentenza pronunciata a favore di uno di questi non varrà per gli altri. Consapevole di tali

limiti, il Codice del consumo ammette che, per iniziativa di determinati enti o associazioni di consumatori

possa essere chiesto di inibire determinate clausole ritenute vessatorie, in modo che il professionista non

possa più utilizzarle in nessuno dei contratti che stipula.

Accanto alla tutela giudiziale inoltre, è prevista una tutela amministrativa da parte dell'Antitrust, il quale

può dichiarare, con dichiarazione pubblica la vessatorietà di determinate clausole. Il professionista che sia

stato colpito dall'atto dell'Antitrust può ricorrere al TAR.

L'inibitoria dunque previene la persecuzione di una condotta vessatoria da parte del professionista, ma non

costituisce uno strumento utile a riparare il danno che sia stato eventualmente già arrecato da una condotta

vessatoria. Ma poiché il professionista solitamente, se arreca danni, lo fa ad una grande quantità di

consumatori, ognuno di questi dovrebbe agire autonomamente in giudizio per la riparazione del danno.

Data la poca economicità pratica di ciò, l'art.140 cod. cons. ha regolato l'azione collettiva di risarcitoria,

ispirata al modello anglosassone della class action. La norma consente la tutela dei “diritti individuali

omogenei” dei consumatori. Attraverso la class action si chiede al tribunale un accertamento delle

responsabilità dell'imprenditore. Il giudice, prima di tutto, deve valutare l'ammissibilità dell'azione, che è da

rigettare se l'azione sia manifestamente infondata o se il giudice non ravvisi l'omogeneità dei diritti

individuali. Superato il passaggio dell'ammissibilità il giudice dispone di dare pubblicità all'azione, in modo

che chi vi abbia interesse possa aderirvi. Se il giudice accoglie la domanda risarcitoria liquida il danno a

favore di coloro che hanno promosso l'azione.


PAGINE

4

PESO

142.28 KB

PUBBLICATO

3 mesi fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in Giurisprudenza
SSD:
Università: Bari - Uniba
A.A.: 2018-2019

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher salvatoresalerno97 di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Diritto privato e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Bari - Uniba o del prof Lobuono Michele.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Diritto privato

Diritto Privato - Trattato
Appunto
Riassunto esame Diritto Privato, prof. Lezza, libro consigliato Manuale di Diritto Privato, Torrente
Appunto
Lezioni, Diritto privato
Appunto
Diritto privato
Appunto