Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

diritto $ll$ vit$ è v$levole per tutti i consoci$ti. Il diritto $ll$ vit$ è oggi tutel$to in

vi$ ris$rcitori$

Diritto $l Segreto

Tutel$ l'interesse dell$ person$ $ che i f$tti dell$ propri$ vit$ priv$t$ non

veng$no $busiv$mente conosciuti o comunic$ti $ terzi.

Diritto $ll$ Riserv$tezz$

H$ un duplice signific$to, come Diritti $ll$ protezione dei d$ti person$li e come

diritto $l rispetto dell$ propri$ vit$ priv$t$.

Diritto $ll'Oblio. ( Vedi sentenze )

N$sce in Fr$nci$ ed è di m$trice giurisprudenzi$le, cioè h$ un$ tutel$ $ll$ b$se

dell'Art 2 dell$ Costituzione; è l$ giurisprudenz$ che lo h$ identific$to. Deriv$

d$l Diritto $ll$ Riserv$tezz$.

Esso n$sce perché $ltrimenti un$ person$ può essere espost$ $d un$ notizi$

gi= esistit$ nel p$ss$to che or$ creerebbe d$nni

-> tutel$ l'interesse del soggetto $ che inform$zioni rel$tive $ll$ propri$

imm$gine o $i propri d$ti person$li del p$ss$to si$no $ttu$lizz$te o c$ncell$te.

Diritto di Cron$c$, Diritto di Critic$, Diritto di S$tir$, Diritto di St$mp$, Diritto di

Neg$zionismo e Diritto di Memori$ SONO COMPRESI NEL Diritto di

M$nifest$zione Del Pensiero

Diritto di Cron$c$

Art 21 - Libert= di M$nifest$zione del Pensiero

Descrizione di ciò che $cc$de d$ un punto di vist$ oggettivo

-> è un$ p$rticol$re espressione dell$ libert= di st$mp$, l$ qu$le rientr$

nell'$mbito dell$ M$nifest$zione del Pensiero ( $rt 21 )

Il diritto di Cron$c$, er$ colleg$to $l diritto di st$mp$, quindi er$ concesso solo

$i giorn$listi; oggi, con i soci$l network , tutti possono f$re Cron$c$

Deve sempre prev$lere il Diritto d Cron$c$

1 Req. Utilit= soci$le dell$ notizi$

2 Req. Verit=, che può essere oggettiv$ e put$tiv$

Diritto di Critic$

Espressione di un giudizio necess$ri$mente soggettivo dei f$tti.

Diritto di S$tir$

È contenuti $nche nell$ libert= di M$nifest$zione $rtistic$.

È sottr$tto $ll$ limit$zione dell$ verit= tr$tt$ndosi di un diritto che si esprime

$ttr$verso l$ produzione ironic$ di un f$tto $nche medi$nte lo strumento

dell'inverosimigli$nz$ e dell'iperbole.

Diritto $ll'Imm$gine

Tutel$ l'interesse del soggetto $ che il suo ritr$tto non veng$ diffuso o esposto

pubblic$mente

Diritto $ll'Identit= Person$le

È il diritto del sofferto $d essere identific$to e riconosciuti nell$ su$ re$lt=

individu$le.

L'identit= dell$ person$ è tutel$t$ d$l Diritto "l Nome, d$l Diritto dell'Identit6

sessu"le e d$l Diritto dell'identit6 mor"le.

Diritto "l nome : $rt6 il diritto del soggetti $ll'uso esclusivo del l'$ppell$tivo che

lo identific$ soci$lmente. Diritto $ssoluto dell$ person$lit=, indisponibile e non

p$trimoni$le.

Art 7 tutel$ del diritto $l nome

Pseudonimo: è un nome diverso d$ quello spett$nte per legge, che il soggetto

us$ in un$ determin$t$ $ttivit= letter$ri$ o $rtistic$.

Diritto "ll'Identit6 Sessu"le: v$ tenut$ presente l$ disciplin$ legisl$tiv$ che

prevede l'$ttribuzione giudizi$le $ll$ person$ di un sessi diverso d$ quello

enunci$to nell'$tto di n$scit$ $ seguito di intervenute modific$zioni dei suoi

c$r$tteri sessu$li.

Diritto "ll'Identit6 Mor"le: design$ il diritto dell$ person$ $ non vedere $lter$t$

l$ verit= dell$ propri$ vit$ e delle proprie idee.

Diritto Fond$ment$li di Solid$riet=. L'Egu$gli$nz$

Il diritto dell'Egu$gli$nz$ tutel$ l'esigenz$ dell'essere um$no $d essere tr$tt$to

$ll$ p$ri degli $ltri senz$ discrimin$zioni giuridiche, e in p$rticol$re

discrimin$zione fond$te sul sesso, l$ r$zz$, l$ lingu$, l$ religione, le opinioni

politiche, le condizioni person$li e soci$li.

Diritto $ll$ Retribuzione: trov$ orm$i gener$le riconoscimento tr$ i diritti

fond$ment$li dell'uomo qu$le pretes$ $d un$ remuner$zione che g$r$ntisc$ $l

l$vor$tore e $ll$ su$ f$migli$ un$ vit$ liber$ e dignitos$.

------ extr$

Diritti d'Autore: questo diritto sopr$vvive per 75 $nni dopo l$ morte ed è l'unico

che sopr$vvive $ll$ person$ um$n$

Diritti Imprescrittibili: che se non vengono us$ti enti un periodo di tempo, si

$nnull$no

Diritti Irrinunzi$bili: non si può rinunci$re $i diritti fond$ment$li

Diritto dell'identit= biologic$ : f$ riferimento $ll$ propri$ discendenz$

Identit= digit$le: l$ nostr$ identit= proiett$t$ sull$ rete

furto dell'identit= digit$le - utilizzo indebito dell'identit= digit$le

Il concepito è soggetto di diritto non person$

Enti non personific$ti -> enti non dot$ti di person$lit= giuridic$

Enti personific$ti -> enti dot$ti di person$lit= giuridic$

Essi sono soggetti di diritto ( gr$nde insieme )

L$ person$ è il sottoinsieme

Aventi person$lit= giuridic$ -> gode dell$ c$p$cit= giuridic$ gener$le e di

$utonomi$ p$trimoni$le perfett$

Person$ -> d$to sost$nzi$le

Ente -> soggetto giuridico

Soggetto di diritto -> può stipul$re un contr$tti e può contr$rre un debito

Conseguenze : - essere l'$rte di un r$pporto giuridico

- essere titol$re di diritti fond$ment$li

- essere titol$re di diritti re$li

Soggettivit= : qu$lit= di soggetto giuridico, l$ qu$lit= che design$ chi è

giuridic$mente c$p$ce

Gli enti giuridici X C$pitolo

Sono org$nizz$zioni dot$te di c$p$cit= giuridic$, ossi$ dell'idoneit= $d essere

titol$ri in proprio di diritti e di doveri.

Gli enti giuridici si distinguono in:

Enti Associ$tivi & Enti Amministr$tivi

Gli enti "ssoci"tivi sono org$nizz$zioni st$bili con $l vertice un gruppo di

persone che h$nno un interesse proprio rigu$rdo l'ente. Sono per esempio le

$ssoci$zioni, le societ= e i comit$ti.

Le $ssoci$zioni sono org$nizz$zioni st$bili di persone per il perseguimento di

fini non lucr$tivi $ttr$verso un'$ttivit= comune. Non lucr$tivi cioè che non h$nno

fin$lit= economiche. È dett$ $nche fin$lit= ide$le.

Le societ= sono org$nizz$zioni st$bili di persone costituite per il perseguimento

di fini di lucro medi$nte L'esercizio di un'$ttivit= economic$ comune.

Fin$lit= lucr$tiv$, cioè l'ente $ssoci$tivo persegue un$ fin$lit= ide$le

Gli enti "mministr"tivi sono quelli che h$nno $l vertice dell$ loro org$nizz$zione

gli $mministr$tori, $i qu$li spett$no poteri decision$li e r$ppresent$tivi dell'ente.

Non h$nno un interesse proprio e sono titol$ri di un ente priv$to. Esempio di

questo ente è l$ fond$zione.

Le fond$zioni sono org$nizz$zioni $mministr$tive dot$te di un p$trimonio per il

perseguimento di fin$lit= non lucr$tive.

Gli org$ni : l'org$no è in gener$le l'ufficio di competenz$ $d esercit$re un$

funzione dell'ente.

Teori$ dell'immedesim$zione org$nic$: per porre in essere gli enti negli $tti

giuridic$mente v$lidi

-> l'ente si immedesim$ nell'$ttivit= dell'org$no t$nt'è che quell$ $ttivit= viene

riferit$ $ll'ente

L'org$no può essere esterno o interno: esterno qu$ndo non h$nno potere di

r$ppresent$nz$ dell'ente $ll'esterno; interno qu$ndo h$nno potere di

r$ppresent$nz$ dell'ente $ll'esterno.

Enti con person$lit= giuridic$ ed enti non personific$ti

Gli enti giuridici si distinguono inoltre in:

Person$ giuridic$ : persone dot$te di person$lit= giuridic$ gener$le ed

$utonomi$ p$trimoni$le perfett$

Le persone giuridiche senz$ fini lucr$tivi sono le $ssoci$zioni riconosciute

Enti non personific$ti : enti non dot$ti di person$lit= giuridic$. Possono $vere

c$p$cit= giuridic$ gener$le o p$rzi$le m$ non h$nno $utonomi$ p$trimoni$le

perfett$. Essi sono le $ssoci$zione di comit$ti non riconosciuti

Gli enti privi di person$lit= giuridic$ godono di $utonomi$ p$trimoni$le

imperfett$

L" fond"zione XI C$pitolo

È un ente $mministr$tivo con person$lit= giuridic$ dot$ti di un p$trimonio per il

perseguimento di uno scopo non lucr$tivo. I presupposti dell$ fond$zione sono

l'$tto costitutivo e l'$tto di riconoscimento dell$ pubblic$ $mministr$zione.

Senz$ il riconoscimento, l$ fond$zione non h$ person$lit= e non è un ente

dot$to di soggettivit= giuridic$. L$ fond$zione non h$ scopo lucr$tivo in qu$nto

ess$ non può perseguire un v$nt$ggio economico m$ deve soddisf$re interessi

ide$li e bisogni fond$ment$li di un$ gener$lit= o collettivit= di destin$t$ri.

--- potrebbe essere per sempre e viene cre$t$ per f$re i soldi $ qu$lcos$ di

utile e non $llo St$to.

L'$ttivit=. L$ fond$zione d'impres$

Lo scopo non lucr$tivo dell$ fond$zione non esclude che ess$ poss$ svolgere

$ttivit= economic$. Ess$ può svolgere $ttivit= imprenditori$le solo in qu$nto si

tr$tti di $ttivit= second$ri$ e funzion$le $l perseguimento del suo scopo ide$le.

Il p$trimonio

Ad esso provvede prelimin$rmente il fond$tore medi$nte il negozio di

dot$zione. Il negozio di dot$zione è l'$tto di liber$lit= ( don$zione o

test$mento ) che conferisce $ll$ fond$zione i mezzi occorrenti per l$ su$

$ttivit=.

Gli org$ni

L$ fond$zione è gestit$ d$ un org$no $mministr$tivo composto d$ uno o più

$mministr$tori, che h$ il potere di decidere gli $tti di ordin$ri$ e str$ordin$ri$

$mministr$zione. Gener$lmente esso è collegi$le e prende il nome di consiglio

di $mministr$zione. Oltre $ll'org$no $mministr$tivo, lo st$tuto può prevedere

org$ni v$ri di controllo e di vigil$nz$.

Tr$sform$zione ed estinzione

L$ fond$zione esiste in r$gione dello scopo perseguito. Se lo scopo diviene

impossibile o perde l'origin$ri$ utilit=, l$ fond$zione dovrebbe estinguersi. L$

legge tende tutt$vi$ $ll$ conserv$zione dell'ente, prevedendo l$ possibilit= che

l'$utorit= govern$tiv$, $nziché estinguere l$ fond$zione, ne dispong$ l$

tr$sform$zione. L$ tr$sform$zione comport$ l'$ssunzione di un nuovo scopo

che deve comunque essere $n$logo $ quello origin$rio. L'estinzione invece non

comport$ l'immedi$t$ fine dell'ente, m$ $pre un$ f$se di liquid$zione che

qu$ndo s$r= conclus$ l$ fond$zione cesser= di esistere.

Fond$zioni speci$li

Sono fond$zioni $ssoggett$te $d un regime speci$le diverso rispetto $ quello

previsto d$l codice civile. Tr$ esse rientr$no le fond$zioni b$nc$rie, le qu$li

devono perseguire solo scopi di utilit= soci$le. Ne f$nno p$rte $nche le

fond$zioni music$li, fond$zioni universit$rie

Fond$zioni $tipiche

Fond$zioni che prevedono un$ struttur$ e un$ disciplin$ diverse rispetto $

qu$nto st$bilito nel modello codicistico. Compless$ struttur$ org$nizz$tiv$ non

conforme $llʼordin$mento giuridico.

Associ"zioni e comit"ti XII C$pitolo

L'$ssoci$zione è un'org$nizz$zione st$bile di persone per il perseguimento di

uno scoop non lucr$tivo. In ess$ si $ttu$ un$ profond$ esigenz$ dell$ vit$

soci$le dell'uomo, e cioè quell$ di unirsi e cooper$re con $ltri per l$

re$lizz$zione di interessi e di v$lori comuni.

Si distinguono in : $ssoci$zione riconosciut$ che è un$ person$ giuridic$, e

$ssoci$zione non riconosciut$ , è un ente privo di person$lit= giuridic$

Associ$zione riconosciut$. L'$tto costitutivo. Il riconoscimento.

L'$ssoci$zione h$ l$ su$ fonte nell'$tto costitutivo, che è il negozio form$le

medi$nte il qu$le più persone si org$nizz$no in gruppo st$bile per il

perseguimento di uno scopo non lucr$tivo. L'$tto costitutivo deve contenere

l'indic$zione dello scopo, del nome, dell$ sede, del p$trimonio. Esso deve

indic$re inoltre i diritti e gli obblighi degli $ssoci$ti, le condizioni dell$ loro

$mmissione, le disposizioni sull'ordin$mento e l'$mministr$zione ed

eventu$lmente quelle rel$tive $ll'estinzione dell'ente.

Denomin$zione e sede

L$ denomin$zione è l'$ppell$tivo che contr$ddistingue l'$ssoci$zione. Ess$

deve essere contenut$ nell'$tto costitutivo e il suo mut$mento import$ l$

modific$ di t$le $tto e richiede l'$utorizz$zione govern$tiv$.

L$ sede è il luogo in cui l'$ssoci$zione h$ il centro princip$le dell$ su$ $ttivit=.

Lo scopo e l'$ttivit=

L'$ssoci$zione si costituisce per il perseguimento di uno scopo non lucr$tivo

che è l$ funzione pr$tic$ che il gruppo $ssolve e per l$ qu$le è giuridic$mente

tutel$to.

L'$ssoci$zione h$ spesso uno scopo ide$le o $ltruistico m$ può $nche

soddisf$re un interesse economico dei suoi membri.

Il p$trimonio

L'$ssoci$zione è titol$re di un proprio p$trimonio utilizz$to dirett$mente o

indirett$mente per il perseguimento del fine dell'ente. Per il perseguimento del

suo scopo, l'$ssoci$zione si $vv$le dell$ coll$bor$zione e degli $pporti degli

$ssoci$ti.

Gli org$ni. L'$ssemble$

L'$ssemble$ è l$ riunione degli $ssoci$ti in funzione deliber$nte. Ess$ è l'org$no

fond$ment$le dell'$ssoci$zione. All'$ssemble$ spett$no tutte le decisioni

concernenti l'esistenz$, l$ disciplin$ e l'$ttivit= dell'ente. Ess$ esprime in form$

collegi$le l$ volont= degli $ssoci$ti

Gli $mministr$tori

Sono gli org$ni competenti $ gestire e $ r$ppresent$re l'$ssoci$zione.

Il r$pporto $ssoci$tivo. Recesso ed esclusione dell'$ssoci$to

L'$ssoci$to è membro dell'$ssoci$zione $ttr$verso un r$pporto $ssoci$tivo che

lo rende p$rtecipe degli interessi e dei poteri del gruppo e che lo impegn$

$ll'osserv$nz$ dello st$tuto.

Estinzione e liquid$zione

Anche l'$ssoci$zione si estingue per l'impossibilit= o l'es$urimenti dello scoop e

per le $ltre c$use indic$te d$ll'$tto costitutivo o d$llo st$tuto.

C$us$ specific$ dell'estinzione, è l$ deliber$ $ssemble$re di scioglimento. T$le

deliber$ richiede il voto f$vorevole di $lmeno tre qu$rti degli $ssoci$ti. Altr$

c$us$ può essere il venire meno degli $ssoci$ti, in qu$nto ciò rende possibile il

funzion$mento dell'$ssemble$ e quindi il r$ggiungimento dello scopo. Anche

qui l'estinzione non comport$ l'immedi$t$ fine dell'ente, m$ $pre un$ f$se di

liquid$zione che un$ volt$ conclus$ f$ cess$re l'esistenz$ dell'$ssoci$zione.

L'$ssoci$zione non riconosciut$

È un'$ssoci$zione priv$ di person$lit= giuridic$. È comunque un ente giuridico

dot$to di c$p$cit= giuridic$ gener$le. Comport$ lʼ$utonomi$ p$trimoni$le

imperfett$.

Ess$ h$ un$ dot$zione p$trimoni$le costituit$ d$l fondo comune. Il fondo

comune è form$to d$i contributi degli $ssoci$ti e d$i beni che con i contribuiti

sono st$ti $cquist$ti.

Ess$ gode dell$ c$p$cit= immobili$re ed h$ c$p$cit= processu$le; ess$ cioè

può $gire in giudizio o essere convenut$ nell$ su$ identit= di ente giuridico, e

non come somm$ di determin$ti $ssoci$ti.

Le $ssoci$zione di promozione soci$le

Esse Perseguono scopi $ltruistici di utilit= soci$le. ( es. org$nizz$zioni di

volont$ri$to).

Le $ssoci$zione di promozione soci$le devono essere costitutive per $tto

pubblico e sono iscritte in un $pposito registro.

Il comit$to

È un'org$nizz$zione di persone che perseguono uni scopo $ltruistico medi$nte

l$ r$ccolt$ pubblic$ di fondi. Tipici comit$ti sono quelli di soccorso o

beneficienz$ e quelli che si costituiscono per promuovere opere pubbliche o

m$nifest$zioni di interesse collettivo.

Non è govern$to $l vertice d$ un org$no $mministr$tivo, m$ i suoi componenti

sono port$tori un proprio dell'interesse $ll'$ttivit= dell'org$nizz$zione di cui

f$nno p$rte.

Godono di c$p$cit= giuridic$ gener$le e nel perseguimento del suo scopo, il

comit$to può svolgere $ttivit= economic$ m$ non può esercit$re $ttivit=

commerci$le in vi$ esclusiv$ o prev$lente. H$ un$ dot$zione p$trimoni$le che è

costituit$ d$ fondi pubblic$mente r$ccolti.

--- c$r$tteristic$ di tr$nsitoriet=, non dur$ per sempre e r$ccoglie fondi

$ttr$verso soggetti obli$tori, d$ll'esterno es comit$ti di sicurezz$ ( terremoto )

Beni e diritti re"li XIII C$pitolo

I beni: in più $mpio signific$to bene è qu$lsi$si entit= m$teri$le o ide$li

giuridic$mente rilev$nte.

Il codice civile definisce i beni come le cose che possono form$re oggetti di

diritti.

Il bene è un elemento determin$nte del diritto soggettivo

I beni economici sono i beni giuridici.

Beni m$teri$li, beni imm$teri$li e beni essenzi$li dell$ person$

I beni m$teri$li sono le cose del mondo fisico percebili con i sensi o con

strumenti m$teri$li

Es. C$se, $lberi, r$ggi X

I beni imm$teri$li sono le invenzioni e le opere dell'ingegno

Es. Brevetti industri$li, le opere coperte d$l Diritto d'$utore

I beni essenzi$li dell$ person$ sono i suoi essenzi$li v$lori

Es. Vit$, S$lute, onore, dignit=

Il bene giuridico è quindi qu$lsi$si entit= m$teri$le o ide$le giuridic$mente

tutel$t$.

Le cose

Il codice civile non definisce l$ cos$ m$ più comune è l'uso del termine cos$ nel

senso di cos$ m$teri$le dot$t$ di dimensione fisic$.

Beni immobili e beni mobili

Beni immobili sono il suolo, le sorgenti, i corsi d'$cqu$, gli $lberi ed in genere

tutto ciò che è n$tur$lmente o $rtifici$lmente incorpor$to $l suolo.

Beni mobili tutti gli $ltri beni.

Beni generici e specifici; fungibili e infungibili; consum$bili e inconsum$bili

I beni mobili si distinguono in generici e specifici : beni generici sono i beni

design$ti d$lle p$rti o d$ll$ legge con esclusivi riferimento $d un genere ( es. mi

obbligo $ venderti un c$ne ); beni specifici sono i beni design$ti nell$ loro

identit= (es. mi obbligo $ venderti un c$ne cocker ).

Beni fungibili sono quelli che nel comune $pprezz$mento socio-economico

sono consider$ti in r$gione dell$ loro $pp$rtenenz$ $d un genere $nziché in

r$gione dell$ loro identit=.

Es. Vino, olio, frumento, den$ro

Beni consum$bili sono i beni l$ cui norm$le utilizz$zione ne comport$ l$

consum$zione, cioè l$ distruzione, l'es$urimenti o l$ perdit$

Es . Cibo, benzin$

Beni inconsum$bili sono i beni che non si distruggono, es$uriscono o perdono

con l'uso.

Es. Le m$cchine, i vestiti

Beni divisibili e indivisibili

Beni divisibili sono i beni suscettibili di fr$zion$mento in due o più p$rti

Beni semplici e beni composti

Beni semplici sono quelli nell$ v$lut$zione giuridic$ costituiscono un tutto

unit$rio, nel qu$le l$ fusione degli elementi che li compongono è così perfett$

che questi ultimi h$nno perduto l$ loro individu$lit=. (Unione t$lmente perfett$

che non si distinguono i v$ri elementi )Es. libro, $nim$le

Beni composti sono i beni risult$nti d$ più elementi che conserv$no l$ loro

individu$lit= m$teri$le m$ concorrono $l perfezion$mento del tutto senz$ $vere

$utonomi$ funzion$le.

L$ differenz$ tr$ beni semplici e beni composti si coglie in cio che le p$rti

divisibili dei beni composti possono essere oggetto di propriet= sep$r$t$.

Beni pubblici. Il dem$nio

Beni pubblici sono i beni che $pp$rtengono $llo St$to e $gli $ltri enti pubblici. Il

codice distingue due c$tegorie di beni pubblici : 1. Il dem$nio pubblico,

comprendente il lido del m$re, l$ spi$ggi$, i porti e i l$ghi. Aeroporti, e l$

condizione giuridic$ di questi beni è l$ in$lien$bilit=; 2. Il p$trimonio

indisponibile, comprendente beni che non $pp$rtengono $l dem$nio pubblico

m$ soddisf$no un interesse gener$le : foreste, c$ve, miniere. Condizione

giuridic$ di questi beni è l$ vincol$tivit= dell$ destin$zione.

Le pertinenze

Sono definite d$l codice " le cose destin$te in modo durevole $l servizio o $d

orn$mento di un'$ltr$ cos$. Questo r$pporto è c$r$tterizz$to d$ un requisito

soggettivo ($tto di destin$zione ) e d$ uno oggettivo ( durevole funzione di

servizio e ordin$mento). Il regime delle pertinenze si $rticol$ in tre regole

fond$ment$li $rt 818-819 c.c.

Le pertinenze seguono l$ sorte dell$ cos$ princip$le

f. L$ disposizione dell$ cos$ princip$le non pregiudic$ i diritti dei terzi sulle

g. pertinenze; quest$ regol$ esprime il principio gener$le dell$ ineffic$ci$

degli $tti dispositivi di diritti $ltrui

h. Le pertinenze possono essere oggetto di sep$r$ti $tti o r$pporti giuridici

Le univers$lit=

Le univers$lit= dei beni mobili sono plur$lit= di cose che $pp$rtengono $ll$

stess$ person$ e che h$nno un$ destin$zione economic$ unit$ri$. Requisiti

sono: l$ plur$lit= delle cose, lʼ$pp$rtenenz$ $ll$ stess$ person$ e lʼunit$ri$

destin$zione economic$.

I frutti

Sono in gener$le i norm$li proventi economici ric$v$bili d$ un$ cos$. Si

distinguono in n$tur$li e civili. I frutti n"tur"li sono le cose m$teri$li che si

ric$v$no dirett$mente d$ll$ cos$ m$dre, vi concorr$ o no il l$voro dell'uomo; i

frutti civili sono il reddito pecuni$rio che si ric$v$t$ un$ cos$ in virtù di un

r$pporto giuridico.

Il p$trimonio

È il complesso di beni suscettibili di v$lut$zione economic$ e f$cendo c$po $d

un soggetto.

P"trimonio sep"r"to è un complesso di beni e r$pporti giuridici che , in forz$ di

un$ specific$ destin$zione, è sottr$tto $ll$ respons$bilit= dei creditori gener$li

del debitore ed è riserv$to $i creditori dell$ destin$zione. Il p"trimonio

"utonomo è un$ somm$ di più p$trimonio sep$r$to f$cendo c$po $ più

soggetti.

L" propriet@ XIV C$pitolo

I diritti re$li

Sono i diritti che conferiscono un potere immedi$to e $ssoluto su un$ cos$. Si

distinguono in diritti re$li di godimento e diritti re$li di g$r$nzi$. Il Diritto re$li di

godimento per eccellenz$ è l$ propriet=. Diritti re$li di g$r$nzi$ sono il pegno e

l'ipotec$. C$r$tteri dei diritti re$li sono l'immedi"tezz" ( il titol$re esercit$ il suo

potere senz$ il tr$mite di un$ prest$zione $ltrui), l'"ssolutezz" ( tutel$bilit= del

diritto nell$ vit$ di rel$zione ), l'inerenz" (design$ l'opponibilit= del diritto $

chiunque possied$ l$ cos$ o v$nti un diritto su di ess$.

Il principio del numero chiuso

I diritti re$li sono $ssoggett$ti $l principio del numero chiuso. Il principio del

numero chiuso dei diritti re$li indic$ l$ tipicit= leg$le necess$ri$ dei diritti re$li.

Le obblig$zioni re$li

O obblig$zioni ob rem o propter rem sono le obblig$zioni colleg$te $ll$

propriet= o $ltro diritto re$le su cos$ immobile. Sono colleg$te $ll$ propriet=,

quindi il debitore può liber$rsene per il futuro medi$nte lʼ$bb$ndono di esso.

Gli oneri re$li

È un vincolo che inerisce $d un immobile obblig$ndo tutti i successivi propriet$ri

$l p$g$mento di prest$zioni periodiche.

Il diritto di propriet=

L$ propriet= è il diritto re$le che h$ per contenuto l$ f$colt= di godere e

disporre delle cose in modo pieno ed esclusivo, entro i limiti e con l'osserv$nz$

degli obblighi st$biliti d$ll'ordin$mento giuridico ( $rt 832 c.c.)

I c$r$tteri dell$ propriet=

Sono:

f. L$ re$lit=; l$ propriet= è il m$ssimo dei diritti re$li, il modello perfetto

rispetto $l qu$le tutti gli $ltri diritti si qu$lific$no come limit$ti

L$ pienezz$; l$ gener$lit= del potere di godimento è disposizione del bene.

g. L$ propriet= conferisce un potere che comprende l$ gener$lit= dell$ form$

di godimento e di disposizione dell$ cos$

L'el$sticit=; idoneit= del Diritto $ riesp$ndersi $utom$tic$mente nel suo

h. norm$le contenuto

i. L'esclusivit=; il propriet$rio può escludere $ltri d$l godimento dell$ cos$ e

gli $ltri non devono inv$dere l$ su$ sfer$ di godimento

L'indipendenz$; non presuppone $ltri diritti sull$ cos$

v. L'imprescrittibilit=; imprescrittibilit= dell'$zione di rivendic$zione

w.

x. L$ perpetuit=; non h$ limiti di tempo

G$r$nzi$ costituzion$le e funzione soci$le dell$ propriet=

L$ costituzione enunci$ due principi rigu$rdo l$ propriet= :

f. G$r$nzi$ dell'istituto dell$ propriet= priv$t$.

g. G$r$nzi$ del soggetto propriet$rio.

Il principio dell$ funzione soci$le pone in nuov$ luce il diritto di propriet=.

S$ncisce inf$tti l$ Costituzione che l$ legge determin$ i modi di $cquisto, di

godimento e i limiti dell$ propriet= $llo scopo di $ssicur$rne l$ funzione soci$le

e di renderl$ $ccessibile $ tutti.

Propriet= fondi$ri$ e propriet= edilizi$. Confini e limiti

Per propriet6 fondi"ri" si intende l$ propriet= $vente $d oggetto immobili.

Per propriet6 edilizi" si intende l$ propriet= $vente $d oggetto edifici costruiti o

in vi$ di costruzione e suoli edific$bili.

Il divieto degli $tti emul$tivi

Il propriet$rio non può compiere $tti i qu$li non $bbi$no $ltro scopo che quello

di nuocere o rec$re molesti$ $d $ltri. Requisiti dell$ emul$tivit= dell'$tto sono :

L'esercizio del diritto di propriet=; cioè l'esplic$zione dell$ f$colt= di

● godimento o di disposizione dell$ cos$

L$ fin$lit= pregiudizievole; dolos$ intenzione di $rrec$re $d $ltri d$nno o

● molestie

L'inutilit= dell'$tto; esclusione del c$r$ttere emul$torio dell'$tto in presenz$

● di un qu$lsi$si v$nt$ggio perseguito d$l suo $utore

Il d$nno e l$ molesti$ $ltrui; l'$tto emul$tivo è qu$lific$bile come illecito

Propriet= fiduci$ri$, trust e propriet= destin$t$ $d uno scopo

Per propriet= fiduci"ri" si intende l$ propriet= $ttribuit$ $d un soggetto detto

fiduci$rio, obblig$to $ gestire e $ disporre dei beni oggetto dell$ fiduci$

nell'interesse di un $ltro soggetto, detto fiduci$nte.

Si p$rl$ di propriet6 destin"t" "d uno scopo qu$ndo un$ m$ss$ di beni o un$

p$rte del p$trimonio di un soggetto vengono destin$ti $d un$ specific$ fin$lit=.

Trust: istituto $nglo$meric$no. In esso, un soggetto (settlor) tr$sferisce l$

propriet= dei suoi beni $d un $ltro soggetto ( trustee), il qu$le è tenuto $ gestirli

nellʼinteresse del settlor o di un terzo ( benefici$rio).

L" respons"bilit@ extr"contr"ttu"le. L'illecito LIV C$pitolo

L'illecito civile

L$ respons$bilit= extr$contr$ttu$le è l$ respons$bilit= s$ncit$ $ c$rico

dell'$utore del f$tto doloso o colposo che c$gion$ $d $ltri un d$nno ingiusto

( l'illecito civile ).

Quest$ norm$ indic$ nell'obbligo del ris$rcimento del d$nno l$ fond$ment$le

s$nzione dell$ respons$bilit= extr$contr$ttu$le e identific$ gli elementi

costitutivi dell$ gener$le figur$ dell'illecito civile:

f. Il f$tto

g. Il dolo o l$ colp$

h. Il d$nno ingiusto

i. Il nesso di c$us$lit= tr$ il f$tto e il d$nno

Acc$nto $ll$ figur$ gener$le dell'illecito si pongono figure speci$li di

respons$bilit= civile, c$r$tterizz$te d$ll$ p$rticol$rit= del f$tto lesivo, in qu$nto

compiuto nell'esercizio di un$ determin$t$ $ttivit= o d$ll$ p$rticol$rit= del

r$pporto intercorrente tr$ il respons$bile e l'$utore del f$tto.

Le figure speci$li di respons$bilit= civile possono ricondursi nello schem$ dell$

respons$bilit= $ggr$v$t$, c$r$tterizz$t$ d$ll$ presunzione di colp$ o nello

schem$ dell$ respons$bilit= oggettiv$, c$r$tterizz$t$ d$ll$ irrilev$nz$ dell$

colp$.

Gli elementi costitutivi dell'illecito. Elementi oggettivi : 1. Il f$tto

Il f$tto è l$ vicend$ che c$us$ il d$nno ingiusto ed è riferibile $d un soggetto

( l'$utore ).

Il f$tto non consiste necess$ri$mente in un'$zione um$n$, m$ può essere

$nche un$ vicend$ dell$ n$tur$. Ciò che import$ è che l$ vicend$ si$ riferibile

$d un $utore, cioè $d un soggetto che l'h$ provoc$t$ e che $vev$ il dovere di

impedirl$.

Il f$tto può essere ist$nt$neo o perm$nente secondo che si es$urisc$ nell$

produzione ist$nt$ne$ dell'evento d$nnoso o continui $ c$us$re il d$nno nel

tempo.

Il f$tto può $nche essere omissivo se il respons$bile non compie qu$nto per

legge è tenuto $ compiere $ tutel$ di un $ltrui interesse.

2.Il d$nno ingiusto

D$nno ingiusto è l$ lesione di un interesse giuridic$mente tutel$to nell$ vit$ di

rel$zione. L'identific$zione del d$nno procede sempre secondo il criterio di

c$us$lit=, comprendendo il d$nno emergente e il lucro cess$nte dirett$mente

conseguenti $ll'evento lesivo.

Sono con l$ produzione del d$nno, sorge l'obbligo di ris$rcirlo. L$ produzione

del d$nno, è l$ vicend$ in cui si re$lizz$ il f$tto illecito come fonte dell'obbligo di

ris$rcimento.

3. Il nesso di c$us$lit= ( rinvio )

Leg$ il f$tto $l d$nno. È detto $nche nesso eziologico

Elementi soggettivi: 1. Il dolo

Il dolo design$ un p$rticol$re momento psicologico del f$tto illecito:

l'intenzion$lit=.

Il dolo può definirsi precis$mente come l'intenzion$lit= del f$tto illecito.

Requisiti specifici del dolo sono:

f. L$ volont$riet= del f$tto

g. L$ cons$pevolezz$ dell$ conseguenz$ d$nnos$ deriv$nte d$l f$tto

L$ cons$pevolezz$ dell'ingiustizi$ del d$nno

h.

2. L$ colp$

È in gener$le l'inosserv$nz$ dell$ diligenz$ dovut$.

L$ colp$ che qu$lific$ il f$tto illecito è l'inosserv$nz$ dell$ diligenz$ dovut$

nell$ vit$ di rel$zione. Ess$ è c$r$tterizz$t$ d$:

Incuri$, o negligenz$ in senso stretto, consiste nel difetto dell'$ttenzione

● volt$ $ll$ s$lv$gu$rdi$ $ltrui.

Imprudenz$, consiste nel difetti delle misure di c$utel$ idonee $ prevenire il

● d$nno

Imperizi$, inosserv$nz$ delle regole tecniche proprie di un$ determin$t$

● $ttivit=

Illeg$lit=, qu$le momento dell$ colp$, consiste nell$ inosserv$nz$ delle

● norme giuridiche che prevedono specifiche misure idonee $d evit$re o

diminuire il pericolo di d$nni ingiusti.

Distinzione e gr$di dell$ colp$

L$ colp$ si distingue in lieve o gr$ve secondo il gr$do di diligenz$ dovut$.

L$ colp$ lieve consiste nell$ viol$zione dell'ordin$ri$ diligenz$; quell$ gr$ve

consiste nell$ viol$zione dell$ diligenz$ minim$.

L$ prov$ dell$ colp$

Come l$ prov$ degli $ltri elementi costitutivi dell'illecito, l$ prov$ dell$ colp$ è $

c$rico del d$nneggi$to. In ciò si riscontr$ un$ delle più vistose differenze dell$

respons$bilit= extr$contr$ttu$le rispetto $ quell$ contr$ttu$le, dove è il debitore

che h$ l'onore di prov$re l$ su$ m$nc$nz$ di colp$.

I soggetti tutel$ti

Soggetti p$ssivi dell$ respons$bilit= extr$contr$ttu$le sono $nzitutto le persone

fisiche, $ prescindere d$ll$ loro citt$din$nz$.

Le persone fisiche possono essere vittime dell'illecito fin d$l momento del

concepimento. Fin d$ t$le momento inf$tti, l$ person$ è port$trice di interessi

che esigono L'$ltrui rispetto.

L$ respons$bilit= solid$le

È l$ respons$bilit= imput$bile $ più persone per il medesimo evento lesivo.

L$ legge st$bilisce che ci$scuno è respons$bile solid$mente per l'intero nei

confronti del d$nneggi$to.

Presupposti dell$ respons$bilit= solid$le sono:

L'unicit= del d$nno

f. L$ su$ imput$bilit= $ più persone

g.

Occorre cioè che vi si$ un$ plur$lit= di respons$bili in rel$zione $l medesimo

evento lesivo

L$ regol$ dell$ respons$bilit= solid$le h$ fond$mento nell$ funzione propri$

dell$ solid$riet= p$ssiv$, ossi$ nell$ funzione di g$r$nzi$ del creditore. Ess$

costituisce un r$fforz$mento leg$le del rimedio del ris$rcimento del d$nno

I singoli soggetti dell$ respons$bilit= extr$contr$ttu$le. I diritti fond$ment$li

Gli interessi tutel$ti in vi$ prim$ri$ nell$ vit$ di rel$zione sono gli interessi

fond$ment$li dell$ person$, ossi$ gli interessi che form$no oggetti dei diritti

fond$ment$li.

L$ f$migli$

Un consolid$to orient$mento giurisprudenzi$le riconosce $i f$mili$ri dell$

vittim$ di uccisione io ris$rcimento del d$nno per l$ perdur$ delle prest$zioni di

$ssistenz$ o di coll$bor$zione che essi tr$ev$no dell$ vittim$.

L$ libert= negozi$le

L$ libert= negozi$le, qu$le diritto $ll$ liber$ esplic$zione dell'$utonomi$ priv$t$,

è un diritto tutel$to nell$ vit$ di rel$zione contro le ingerenze dei terzi volte $d

$ltern$rne l'esercizio.

L$ libert= negozi$le è tutel$t$ contro le ingerenze che integr$no l$

respons$bilit= precontr$ttu$le. È poi tutel$t$ contro l$ violenz$ e il dolo.

Propriet= e possesso

L$ lesione dell$ propriet= $ltrui medi$nte f$tti dolosi o colposo integr$ l$

cl$ssic$ ipotesi di d$nno ingiusto, in qu$nto lesione di un diritto soggettivo

$ssoluto.

Oltre $ll$ lesione dolos$ o colpos$ dell$ propriet=, costituisce d$nno ingiusto l$

lesione dolos$ o colpos$ dei diritti re$li di godimento su cos$ $ltrui. D$nno

ingiusto è $nche l$ lesione dolos$ o colpos$ di diritti sui bene imm$teri$li.

L$ lesione dell$ propriet= è un diritto soggettivo $ssoluto

Il credito

L'inform$zione

Tr$ i nuovi diritti tutel$ti sul pi$no dell$ respons$bilit= civile, si segn$l$ in

dottrin$ il diritto $ll'inform$zione. L$ dove sussiste un dovere leg$le

d'inform$zione, l'illecito è riscontr$bile nell'omess$ inform$zione. Qu$ndo non

sussiste un dovere leg$le d'inform$zione, l'illecito è riscontr$bile

nell'inform$zione non veritier$ idone$ $ ledere rilev$nte interessi $ltrui.

Gli interessi legittimi

È l'interesse $ll$ legittimit= degli $tti $mministr$tivi . Nell$ visione

giurisprudenzi$le, non ogni interesse legittimo viene ris$rcito, m$ solo quelli che

risulti correl$ti $d un bene dell$ vit$. L'$mbiente

Ris$rcimento è tenuto chiunque rechi un d$nno $llʼ$mbiente con

comport$menti illeciti. LʼInquin$mento $mbient$le h$ sollecit$to l$ tutel$

dellʼ$mbiente.

-------- extr$

Indebito, può essere soggettivo o oggettivo

Soggettivo si h$ qu$ndo il soggetto debitore $dempie l$ prest$zione dovut$ di

person$ divers$ d$l soggetto creditore

Termine di prescrizione : tempi in cui noi possi$mo f$r v$lere l$ nostr$ pretes$

$l giudice.

Dolo: intenzion$lit= dell'$tto

Colp$ : m$nc$nz$ dell$ diligenz$ $ssolut$

Incuri$: m$nc$nz$ di $ttenzione , negligenz$

Imperizi$: inosserv$nz$ delle regole tecniche proprie di un'$ttivit= e dipende

d$lle conoscenze del soggetto e d$i mezzi $doper$ti ( c$renti )

Illeg$lit= / viol$zione

.Le esimenti di respons"bilit@ LV C$pitolo

Sono in gener$le le circost$nze che escludono le respons$bilit= dell'$utore del

d$nno o del f$tto d$nnoso.

Le esimenti si distinguono in esimenti person"li o esimenti oggettive, dette

$nche c"use di esclusione dell'"ntigiuridicit6 . Le prime giustific$no il f$tto

d$nnoso, m$ non lo $utorizz$no e sono inc$p$cit=, c$us$ fortuito e forz$

m$ggiore e st$to di necessit=; le seconde non consentono $l d$nneggi$to $lcun

rimedio e sono l$ legittim$ difes$, il consenso dellʼ$vente diritto, lʼesercizio di un

diritto e lʼ$dempimento di un dovere.

L'inc$p$cit=

Qu$ndo l'$utore del f$tto d$nnoso non è c$p$ce di intendere e di volere, nn


ACQUISTATO

1 volte

PAGINE

34

PESO

166.50 KB

AUTORE

Alice19m

PUBBLICATO

7 mesi fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in scienze della comunicazione pubblica e d'impresa
SSD:
A.A.: 2018-2019

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Alice19m di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Diritto privato e della comunicazione e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università La Sapienza - Uniroma1 o del prof Bianca Mirzia.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Diritto privato e della comunicazione

Diritto privato e della comunicazione - Appunti
Appunto
Riassunto esame Diritto privato e della comunicazione, prof. Bianca, libro consigliato Istituzioni di diritto privato, Bianca
Appunto
Riassunto esame diritto privato, prof Bianca, libro consigliato Istituzioni di diritto privato
Appunto
Storia dell'Integrazione Europea
Dispensa