Che materia stai cercando?

Diritto internazionale economia Appunti scolastici Premium

Questo materiale fa pieno riferimento al programma dell'anno in corso,inoltre è integrato con gli appunti delle lezioni e dei seminari a cui ho partecipato ,ottimo materiale per un buon esame. Si tratta di appunti personali del publisher presi alle lezioni della prof. Latino.

Esame di Diritto internazionale dell'economia docente Prof. A. Latino

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

l’adozione e scambio di informazioni sull’evoluzione della regolamentazione e delle pratiche di sorveglianza

nel settore finanzierò. nell’accordo di Basilea si prevede l’obbligo per le banche di accantonare capitale

nella misura del 8 % del capitale erogato ai fini di garantire la solidità della propria attività . Un paso in

avanti si è fatto in relazione al New Basel Capital Accord - f - , con il nuovo accordo di Basilea 2 del 2004 si

è sancito la necessità di individuare principi internazionali comuni all’interno del sistema creditizio, in

relazione al criterio del reating(rischio di mercato e quello operativo) ai fini dell’ammissione di nuovi stati

così come nella osservanza della vigenza del controllo delle banche centrali così come a livello della

osservazione della disciplina del mercato e della trasparenza. - G - le cricche e problematiche che sorgono

in seno al nuovo accordo fanno riferimento al fatto che avrebbe pregiudicato le piccole e medie imprese a

livello dell’accessibilità al sistema finanziario e la minore propensione agli investimenti da parte delle

banche. - H - inoltre si prevede che si rafforzino le misure di controllo del rischio di liquidità così come si è

innalzato la quota di capitale regolamentare nella dotazione degli istituti di credito.

!!

La banca europea per gli investimenti

!

Essa è funzionale a garantire lo sviluppo della integrazione europea ,di inclusione delle zone meno

sviluppate e lo sviluppo di un mercato comune. esso gode di personalità giuridica autonoma e parte del

capitale viene versato ed un’altra funge da capitale di garanzia, essa è costituita da:

comitato direttivo, consiglio di amministrazione e dal consiglio dei governatori.comitato di verifica - A - , la

sua funziona si palesa a livello dell’art 309 TFUE, integrazione a livello del mercato, funzione di

finanziamento ai fini di progetti di investimento cosi come finanziamenti per la valorizzazione delle regioni

meno sviluppate dell’UE, Qualora esso riguardi imprese od enti privati sarà necessaria la irrogazione di

garanzie da parte dello stato ospite, limiti di queste operazioni - B - “quando sussistano interesse e

prerogative comuni”, per il finanziamento delle sue opere ed attività si ricorre alle risorse proprie ed al

mercato dei capitali , anche i c.d. prestiti speciali fruttiferi accordati dagli stati alle banche in maniera

proporzionale al capitale sottoscritto , - C -, anche mediante l’emissione di obbligazioni pubbliche sul

mercato oppure mediante prestiti a privati a tasso fisso.

Si consideri inoltre il gruppo BEI istituito nel 2000 con il consiglio europeo di Lisbona , ha sancito la

convergenza del BEI e del FEI ( fondo europeo per gli investimenti per le piccole medie imprese), mera

unificazione degli strumenti in materia di investimento e finanziamento inoltre la sua funzione è quella di

promuovere e garantire la competitività delle industrie europee anche con collaborazione con il settore

bancario privato.

!

Le banche regionali di sviluppo

!

istituita nel ‘ 60 , essa è funzionale a sopperire alla necessità di sopperire alla esigenza della vigenza di

banche di sviluppo a carattere regionale e sub regionale,esse seguono le finalità in materia di sviluppo cosi

coma segue la impostazione della banca mondiale, oltre a svolgere attività in materia di cooperazione e

sviluppo , svolge funzione di carattere di assistenza tecnica , tra queste possiamo ricordare la Banca

interamericana di sviluppo, la banca asiatica di sviluppo, la b africana di sviluppo e la banca europea per la

ricostruzione e lo sviluppo.

!

La Banca interamericana di sviluppo IDB,è stato istituito in WS nel 1959 , in materia di cooperazione

tecnica per la realizzazione di progetti di natura economica e sociale.esso è costituito dalla società

interamericana per gli investimenti e dal fondo multilaterale di sviluppo. il IIC gode di autonomia

finanziaria e amministrativa rispetto all’IDB esso ha l’onere di promuovere il trasferimento di capitali e

tecnologie verso l’America latina.esso non richiede garanzie governative per i crediti concessi e per gli

investimenti effettuati.

La banca asiatica di sviluppo ADB secondo l’accordo di Manila del 1965 , principali funzioni a livello di

programmi di investimento , di pianificazione e di progettazione allo sviluppo ,

La banca africana di sviluppo istituto con la conferenza di Karthum del 1961 ,

la banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo BERS accordo di Parigi del 1990 ,politiche per le zone

dell’europa dell’est, favorire e diffondere il p democratico e la tutela dei diritti fondamentali ,mediante la

concessione di finanziamenti sia verso il governo sia alle istituzioni privati , industrie ed altri operatori

privati.

!

Queste banche regionali seguono la impostazione del modello della banca mondiale così come prevedono

anche la possibile partecipazione di di organizzazioni internazionali come la UE anche istituzioni Pagina 6

finanziarie come la BEI, seguono i principi di democrazia, pluralismo e mercati economici , essi quindi

presentano i seguenti elementi strumentali ;

il consiglio dei governatori, il consiglio dei direttori esecutivi ( il quale è responsabile delle operazioni

condotte dalle banche ) il presidente ( in materia di gestione, strutturazione e rappresentanza).

gli obiettivi seguiti dalla banche sono lo sviluppo sociale,economico, politiche in ambito ambientale e di

integrazioni di mercato , tutto ciò in relazione alla centralità svolta da diverse documentazioni da cui si

servono come le policies, gli strategy papers e le guidelines ,che hanno la funzione di rafforzare ed

incentivare la realizzazione delle prerogative e politiche delle singole banche. - svolge funzioni anche di

assistenza tecnica e professionali in relazione ai progetti che interessino le banche in questione - le linee

guida delle banche in questione si ispirano ai principi della good governances in armonia alla attuazione di

politiche sociali ; in relazione alle politiche delle singole banche si prevede gli aiuti siano condizionati dagli

indicatori di democratizzazione dei paesi beneficiari, tuttavia esso in via indiretta si pone come uno

strumento di interferenza livello locale,in alcuni casi si può pervenire a mere procedure di sospensione dei

finanziamenti in questione, - si incentiva il passaggio da una economia di stato ad una economia di mercato

- Il capitale della banca è costituito dalle quote che ciascun stato membro sottoscrive ed i voti sono

assegnati in relazione al numero di azioni possedute - A - possibile inoltre la distinzione tra operazioni

ordinarie che vengono finanziati con il suddetto capitale dei paesi membri e attraverso le emissioni di

obbligazioni ed i finanziamenti vengono concessi agli stessi paesi membri che abbiano raggiunto un certo

grado di sviluppo, le operazioni sociali vengono finanziati da apposti capitali straordinari e da contributi

volontari e sono funzionali ai fini dell’investimento in ambito di politiche sociali e offrendo servizi di

assistenza tecnica ai paesi a più basso reddito . ulteriore funzione è quella ispettiva la quale è funzionale ad

accertare possibili casi di responsabilità della banca a livello delle dei danni causati dai progetti da essa

finanziati - previa creazione di un panel di ispezione all’interno della banca in questione - i PVS si opposero

alla sua creazione in quanto andava a causare problemi di responsabilità così come problemi a livello della

concessione dei finanziamenti ai fini dei diversi progetti . !

! caso della Banca asiatica : ( essa ha previsto la creazione di un Panel investigativo - A - che

• vigila alla base della realizzazione di un progetto da essa finanziato ) interessante a tale

proposito è il fatto che tale controllo non trova attuazione in ambito delle operazioni realizzate

dal settore privato, se pur in maniera minoritaria, la procedura di accertamento dei danni causati

possono essere richieste su istanza di tutti gli aventi diritto dirette ad un comitato di ispezione,

che nel caso di accettazione provvederà a richiedere l’avvio di una inchiesta al consiglio dei

direttori che nominerà un panel di tre membri che avvierà una analisi sullo specifico caso, si

consideri le differenze con la banca mondiale . C-.

caso della Banca interamericana : anche essa è dotato di un analogo organo di ispezione e

• controllo analogo a quello della banca asiatica ; le sue funzioni centrali sono le garanzie ai

prestiti, forme di cooperazioni tecnica e presiti in generale, la richiesta di indagine deve essere

attuata da tutti gli aventi diritto , procedura ( istanza al presidente della banca - consiglio dei

direttori - esaminare rapporto del panel di investigazione ) - il panel ad hoc di investigazione è

nominato dal consiglio dei direttori esecutivi: oggi sussiste un rapporto di collaborazione tra

queste differente realtà bancarie così come rispetto ad altre istituzioni internazionali .

!

!

Nozione di investimento ed strumenti finanziari .

!

!

la nozione di investimento in questione riguarda gli insieme di servizi, beni strumentali ed

incorporali immessi da privati persone fisiche e giuridiche nel territorio di uno stato diverso da

quelle in cui essa ha la nazionalità - in relazione alla nozione elastica di investimento previste nella

normativa della convezione di Wtong e seul istitutive dell’ICSID e della MIGA, la prima non

prevede una nozione chiara di investimento ragione per la quale in caso di dubbio è possibile il

rinvio alle procedure di conciliazione ed arbitrio previste dalla stessa convenzione , la nozione

della MIGA invece tende ad essere di carattere di economico - profitto e funzionale allo sviluppo

Pagina 7

dei paesi ospiti in piena conformità con le leggi ed i regolamenti nazionali . - altra definizione

generica è data dalla terza guidelines della BM ed in seno al Trade related investiments measures B

- tentativi di armonizzazione del quadro in materia di investimento sono dati dai negoziati in seno

all’OCSE del 1995 così come nel caso dell’orientamento espresso dagli USA che accanto agli

investimenti diretti comprendi anche quelli di portafogli - nozione più ampia in seno al Bilateral

investimentis trades : dal quadro in questione si palesa la difficoltà di individuare un quadro

omogeneo ed armonico in ambito di investimenti internazionali.

!

Gli accordi bilaterali sulla promozione e protezione degli investimenti stranieri

!

lo stato interessato è tenuto proporrei di essere in misure necessarie di tutela degli investimenti

stranieri, pena illecito internazionale, con possibile intervento sussidiario dello Stato

dell’investitore, questione che si palesa A livello delle risoluzioni dell’ONU del 1974,in

considerazione della carta dei diritti doveri economici degli Stati sia previsto che nel caso di

misure legittimate di carattere coercitivo o privativo rispetto agli investimenti stranieri, si doveva

garantire un un risarcimento idoneo, si intenda per investimento straniero solo quelli che vengono

posti in essere dai privati ai fini della sua tutela si sono previste accordi bilaterali in materia di

protezione investimenti come nel caso del bilateral investimenti treaty. - BIT.

Parliamo di accordi che definiscono la natura dell'oggetto dell'investimento così come la

determinazione degli investimenti oggetto di tutela, I quali in linea di massima sono di carattere

unilaterale,analoghi problemi sussistono a livello della definizione di investitore e della tutela

adesso sancita,necessario requisito è dato dal fatto che l'investitore non deve avere la cittadinanza

dello Stato ospite nel caso di doppia cittadinanza si applica il criterio dell'effettività ovvero prevale

la cittadinanza dello Stato in cui il soggetto intrattiene gran parte delle sue attività economico

sociale ,come criterio individuazione della qualifica di investitore straniero si applica quello del

controllo fondato sull'accertamento della dipendenza rapporto tra una società ed uno Stato, si

ricorda inoltre che l'entrata E normativa applicata ad investitori stranieri avviene secondo la legge

nazionale dello stato ospite,-si consideri le norme di stabilimento prevedono l'applicazione delle

norme del trattamento più favorevole all’investitore,I suddetti accordi internazionali non

disciplinano le norme di accesso al livello nazionale tuttavia prevedono indirizzi ai fini di invitare

gli Stati a creare condizioni favorevoli per la realizzazione degli investimenti dell'altra parte

contraente. questa funzione viene svolta dal cosiddetto sof law come nel caso delle Guidelines della

BM o del FMI.senza nessun valore vincolante, te e la questione dell'applicabilità della clausola di

stabilizzazione A livello di rapporti di investimento, da quale prevede l'applicabilità delle norme e

delle sole norme vigenti al momento dell'instaurazione di rapporti di investimento, costanza del

rapporto giuridico nel tempo. Oggi sussistono criteri di armonizzazione A livello della tutela per

normativa degli investimenti stranieri, in considerazione di una disparità di trattamento che si era

già palesata a livello del progetto di convenzione del 1953, oggi si fa riferimento alla serie di

standard generali desunti dagli accordi bilaterali;

Il trattamento nazionale ( non discriminazione )- trattamento della sua più favorita ( cd clausola di

riadattamento automatico rispetto ad altri stati investitori )- trattamento giusto ed equo -

trattamento non discriminatorio .

in dottrina si è previsto l'esistenza di una norma consuetudinaria da quando afferma la possibilità

dello stato ospite di porre in essere misure coercitive degli investimenti , ragione per la quale

riveste una centralità le clausole Sulla protezione contro i rischi non commerciali previsti in seno

agli accordi di investimento quali il giusto processo, E non discriminazione, impegni specifici per il

pagamento di un indennizzo.di carattere effettivo, pronto, adeguato secondo la formula di

Hull,possibile ricorso a procedure negoziate in casi eccezionali. Pagina 8

La soluzione delle controversie in materia di investimenti .

!

Queste norme sono funzionali a rendere effettiva la tutela sancita a livello degli accordi, in linea di

massima la questione viene risolta mediante negoziazioni tra gli Stati interessati successivamente

secondi tribunali nazionali ed in caso di dissidio secondo arbitrato internazionale, si incoraggia il

ricorso ai canali diplomatici nei quali rivestono un ruolo centrale I rispettivi stati di appartenenza

e tribunali internazionali applicheranno il diritto secondo quanto auspicato in seno agli accordi, si

auspica un ricorso al arbitrato ed alla conciliazione.

segue la istituzione del con la convezione di wanshinton del 1965 del ICSID international centre for

the settlement of investimenti disputes, la sua applicazione dipende dal consenso delle parti inoltre

questa convenzione prevede ai fini dell’individuazione della cittadinanza delle parti il criterio della

nazionalità degli azionisti di maggioranza. -A - in seno all’arbitrio vige la piena libertà delle parti

sulla scelta del rules of law da applicare. in caso contrario si applicherà il diritto dello stato ospite

insieme al diritto internazionale questo con funzione sussidiaria. La sentenza del tribunale è

definita ed inappellabile, con piena vincolatività per gli stati interessati.

!

La competenza esclusiva dell’UE.

!

in relazione all'articolo 206 e 207 l’TFUE si è previsto la la necessarietà di una politica unitaria in

ambito europeo, per garantire la mera integrazione europea, riconoscendo una competenza esterna

esclusiva al UE sia in ambito commerciale che in materia degli investimenti esteri diretti, mere

prerogative e competenze dell’UE,ruolo centrale della commissione rispetto alle potiche estere di

ciascun stato, interessante il fatto che possibili accordi dell’UE dovranno essere conclusi in forma

mista nel caso di concorrenza con gli stati in materia di investimenti ., requisito dell’ICSD è la

appartenenza alla BM od al FMI, non soddisfatta dall’UE.ciò si pone come impedimento alla

suddetta finalità ragione per la quale vige un ruolo centrale a livello della responsabilità di ciascun

stato stipante accordi internazionali. Oggi non non sussiste un quadro armonizzato in materia di

investimenti, considerando l’applicabilità della normativa interna insieme a quella di diritto

internazionale consuetudinario,in piena armonia con la normativa e prerogativa attuale in materia

di diritti umani e tutela dell’ambiente a cui dovrà conformarsi la partecipazione a livello dei

mercati. come si palesa a livello degli accordi dell’UE con paesi terzi come la Russia , Finlandia,

Guatemala e Singapore .

!

Le guidelines della banca della mondiale in materia di investimenti degli stranieri

!

!

Rapporti tra gli investitori e paesi in via di sviluppo, operato congiunto del comitato per lo

sviluppo, della BM e del FMI,favorire e tutelare gli investimenti stranieri.mero soft law in quanto

non sussiste nessun diretto vincolo impositivo per gli stati, normativa diretta a entrambe le

parti ,tutto in forza della parità di trattamento delle parti in questione; esse concernono:

A. ammissione degli investimenti

B. trattamento degli investimenti

C. Le espropriazioni

D. la risoluzione delle controversie.

!

!

!

! Pagina 9

La questione della CSR

!

A. Tutto ciò in relazione al livello dell’incidenza della rilevanza delle multinazionali e

transnazionali nei contesti nazionali - la rilevanza a livello della politica bilaterale in ambito di

ambiente, lavoratori e diritti umani - tutelare le prerogative ed interesse dei PVS - lavori della

Commissione transnazionale del ECOSOC del 1972 , dagli anni 90 l’ONU ai fini di indirizzare

le imprese e società in questione per recepire la normativa in materia di tutela ambientale e

diritti fondamentali ,due approcci diversi uno di voluntary approcci e l’altro di mandatary

approcci ( mediante la fissazione di standard di comportamento), - si veda il Global Compact

del 1999 - si predilige il cosiddetto approccio volontaristico , www. unglobalcompact.org, si

consideri le analoghe finalità sancite in seno al OIL, al OCSE ed in relazione al tentativo

dell’inserimento di una clausola sociale si rango non commerciale nel sistema WTO. - si veda

la rilevanza delle linee guida in materia di INTERNATIONAL STANDARD ORGANISATION ,

in materia di responsabilità sociale di impresa, si veda www.iso.ch, approccio volontaristico

seguito anche a livello europeo con il Libro Verde del 2001 ed in relazione ai forum

multilaterali dei portati di interessi. Un tentativo in materia di responsabilità sociale delle

multinazionali è stato avviato da una sottocommissione per la tutela dei diritti dell’uomo in

seno all’ONU nel 1998,la quale aveva apportavo le Norms nel 2004 in materia di tutela e

diritti fondamentali dell’uomo si pongono come mere direttive e non con carattere vincolante,

si veda poi il report dell’alto commissario dei diritti dell’uomo del 2005, la nozione di

multinazionale deriva dai rapporti che le impresa in questione pone in essere in diversi paesi ,

indipendentemente dalla forma giuridica e dal luogo in cui si trova ad operare. -analoghe

procedure e prerogative vengono perseguite a livello del preambolo dell’ONU - le Norms

sanciscono i principi di trasparenza , collaborazione e partecipazione reciproca tra Stato ed

imprese - in osservanza della due deligence , tra gli obblighi che possiamo ricordare ci

considerino i seguenti rispetto all’operato delle transnazionali:

!

A. trattamento equo e non discriminatorio

B. diritto alla sicurezza personale

C. diritti dei lavoratori

D. il rispetto della sovranità dello stato ospite

E. la protezione dei consumatori e dell’ambiente

Vigono appositi controlli da parte di organismi in seno all’ONU secondo un meccanismo di

monotorary and disclousure ed a livello nazionale, in relazione alle informazioni fornite dalle

stesse imprese, - tutto in seno alle Norms - le quali prevedono anche meccanismi di risarcimento

per coloro che siano pregiudicati dall’operare delle singole imprese , meccanismi di indirizzo delle

imprese di conformazione alle good governance and good practies, tutto ciò in relazione che oggi

prevale una maggiore propensione verso un approccio volontaristico da parte delle imprese.

!

la cosiddetta clausola sociale nel sistema di commercio multilaterale.

!

Aspetto incoraggiato a livello dei panels mediante un approccio estensivo interpretativo degli

accordi multilaterali, si veda a livello della pag 219 - tale clausola sociale inserita all’interno

dell’OMC attinge al comportamento tenuto dall’impresa esportatrice che non rispetti i diritti dei

lavoratori, ci fu una grande opposizione dei paesi in via di sviluppo,diversamente dall’OIL in

questo modo garantirebbe la possibilità di attuare misure disciplinanti in seno al OMC. - problema

del riparto di competenze e delle opposizioni a livello internazionale.

! Pagina 10

Human rights based approach dell’OIL

!

!

le finalità perseguite fanno riferimento a livello della promozione della giustizia sociale e dei diritti

dei lavoratori a livello globale in reazione al concetto di CSR, si veda le clausole di souplesse, tutto

ciò in relazione ad un sistema di controllo a livello dell’operato dei singoli stati. si veda il

progresso a livello della tutela che si è visto prima con la conferenza di Copenaghen del 1995 in

materia di diritti fondamentali nel lavoro seguito poi dalla dichiarazione ministrale di Singappore

del 1996 - evoluzione del quadro normativo dalle dichiarazioni alle guidelines - B - ,a tale fine si

ricordi la dichiarazione tripartita di principi sulle imprese e la politica sociale del 2000 in maniera

di investimenti e progresso sociale verso i paesi destinatari degli investimenti .

!

! la questione

dell’etichettatura

sociale

il marchio l’emas

Ecolabel l’internazionalizzazione

delle imprese

modalità della

internazionalizzazione le piccole medie

imprese - Italia

d.lgs 1998n143 ,

CIPE : commissione Pagina 11

l a società italiana I

l gruppo SACE- gruppo

per le imprese assicurativo

miste all’estero -

Istituto nazionale SIMEST

per il servizi

personalizzati per

l’’imprese

attività gli strumenti di cui essa Le competenze :

si serve sono :

di rischi

finanziamenti agevolati

s ervizi a

ormazio assicurativi ,!

per studi di fattibilità ,

sostegno prefattibilità ed

ne gli eventi

del made assistenza tecnica generatori del

in Italy finanziamenti di

• sinistro, le

programma e di condizioni di

inserimento nei assicurabilità

mercati esteri

la partecipazione a

• gare internazionali

agevolazione dei

• crediti alle

esportazioni

la partecipazione al

• capitale di imprese

extra europee ed

imprese dell’UE

la patrimonializzazione

• delle PMI

creazione di fondi ad

• hoc come quello

Venture Capital , fondo

Star - up

International trade

organisation parità di trattamento - in

relazione al Reciprocal Trade

Agreement act del 1934 - A -

il GATT = il general agreement segue il criterio di uno stato un

v igenza solo

on tarifais and trade del 1947 , voto , si tratta di un organismo

della parte inerente il

ebbe una prima applicazione specializzato funzionale al

Capitolo IV - in materia di

provvisoria prima della sua conseguimento e supporto delle

liberalizzazione degli

approvazione , la sua attività in seno all’ONU - la sua

scambi di beni - C -

applicabilità venne incentivata non attuazione deriva dalla

con la clausola del grandfather profonde incidenza politiche e

sociali

il Gatt del 1947 l a sua portata si limitava

in relazione alle aree di libero

aspetto speciale del scambio ed unioni doganali , il GATT allo scambio di merci ,

GATT, art XX ed art XXI ammetteva la possibilità di queste dazi doganali , non

Pagina 12

in armonia alla normativa forme di partecipazione solo se erano tessili , settore agricolo

dell’ONU funzionali a realizzare i processi di ed altri ostacoli non

liberalizzazione e non creare barriere tariffari

esterne- B-,


PAGINE

16

PESO

1.15 MB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in giurisprudenza
SSD:
A.A.: 2015-2016

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher andresito di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Diritto internazionale dell'economia e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Roma Tre - Uniroma3 o del prof Latino Agostina.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Corso di laurea magistrale in giurisprudenza

Riassunto esame Filosofia del Diritto, prof. Resta, libro consigliato Dottrina dello Stato, Passerin d'Entreves
Appunto
Riassunto esame Diritto dell'Unione Europea, prof. Caggiano, libro consigliato Istituzioni di Diritto dell'Unione Europea, Villani
Appunto
Riassunto esame Diritto Romano, prof. Rossetti, libro consigliato Possesso e Tempo nell'Acquisto della Proprietà, Vacca
Appunto
Riassunto esame diritto amministrativo, prof. Napolitano, libro consigliato La logica del diritto amministrativo, Napolitano
Appunto