Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

MATRIMONIO RELIGIOSO NON CATTOLICO:REGOLATO DAL DIRITTO CIVILE. L.1159/29 NULLITÀ MATRIMONIO CATTOLICO CON EFFETTI CIVILI:SISTEMA CONCORDATARIO.

-PER IL MATRIMONIO SERVE IL NULLA OSTA ALL’UFFICIALE DI STATO CIVILE CHE ESEGUE LE PUBBLICAZIONI -DIRITTO CANONICO:NULLITÀ HA ESTENSIONE MAGGIORE DI QUELLA DEGLI ORDINAMENTI CIVILI

-FEDE RELIGIOSA CHE HA STIPULATO UN’INTESA:MINISTRO DELLA CELEBRAZIONE DEVE ESSERE CITTADINO ITALIANO -CONSEGUENZE:IDENTICHE ALL’ANNULLAMENTO DEL MATRIMONIO CIVILE.

°HANNO UN’INTESA:1)UNIONE DI COMUNITÀ EBRAICHE ITALIANE 2) CHIESE EVANGELICHE 3)TESTIMONI DI GEOVA -CONCORDATO’29:COMPETENZA NULLITÀ:TRIBUNALI ECCLESIASITICITRASMESSE GIUDICE ITA. EFFICACIA CIVILE

-ELEMENTI:PUBBLICA,2 TESTIMONI, ATTO COMPILATO DOPO E TRASMESSO ENTRO 5GG ALL’UFFICIALE E TRASCRITTO -NUOVO ACCORDO STATO/CHIESA(1984):DISCUSSIONE:PERMANENZA RISERVA DELLA GIURISDIZIONE ECCLESIASTICA

→ →LE

TRASCRIZIONE NON AVVIENE:OTTENUTA DAGLI SPOSI SUCCESSIVAMENTE CON UNA SENTENZA DI RETTIFICAZIONE MATERIE PER CUI L’ACCORDO HA NUOVA REGOLAZIONE, SONO ABROGATE DAL CONCORDATO

→MATRIMONIO:LA NUOVA DISCIPLINA TACE SULLA RISERVA DI GIURISDIZIONE,PROBLEMA SE L’ART. 34 CONC. È

MATRIMONIO CITTADINO ITALIANO ALL’ESTERO: VIGENTE O IMPLICITAMENTE ABROGATO(COMPETENZA CONCORRENTE TRA GIUDICE CIVILE ED ECCLESIASTICO).

-CONFLITTO DI LEGGI:MATRIMONIO REGOLATO DALLA L.NAZIONALE DI CIASCUNO DEI NUBENDI ▪ CASS. SS.UU. 1993:NEGATO LA SUSSISTENZA DELLA RISERVA DI GIURISDIZIONE DEI TRIBUNALI ECCLESISTICI,

→NORMA STRANIERA:NON APPLICATA SE HA CONSEGUENZE CONTRARIE ALL’ORDINE PUBBLICO ITALIANO. CITTADINI SONO SOGGETTI ALLA GIURISDIZIONE DELLO STATO

-CITTADINO ITALIANO:PUÒ CONTRARRE MATRIMONO ALL’ESTERO DIVIETI DI CUI AGLI ARTT. 84-89 C.C. -ANNULLAMENTO MATRIMONIO CANONICO:CON PRONUNCIA ECCLESIASTICA DI NULLITÀ E CIVILE DI DELIBERAZIONE

-2FORME DIVERSE MATRIMONIO: NULLITÀ DEL MATRIMONIO CONCORDATARIO: MATRIMONIO CANONICO È NULLO SE:

→CONSOLE →RITO

1)DAVANTI AL CONSOLE ITALIANO DPR 200/67: DISPENSA DA IMPEDIMENTI SECONDO L. ITALIANA -ÈCELEBRATO IN VIOLAZIONE DI UN IMPEDIMENTO;

2)DAVANTI ALL’AUTORITÀ STRANIERA: SECONDO LA LEGGE DEL LUOGO DELLA CELEBRAZIONE -È CELEBRATO CON L’INOSSERVANZA DELLE FORMALITÀ PRESCRITTE A PENA DI NULLITÀ;

-PUBBLICAZIONE FATTA ANCHE IN ITALIA -IL CONSENSO NON RISPONDE AI REQUISITI DI COSCIENZA E LIBERTÀ CHE IL DIRITTO CANONICO IMPONE.

-ATTO→CONSOLE ITALIANO→UFFICIALE DI STATO CIVILE→TRASCRIZIONE - SIMULAZIONE:MANCATA O LIMITATA ADESIONE AGLI ELEMENTI ESSENZIALI DEL MODELLO DI MATRIMONIO

-CARATTERE UNIVERSALE(NON TERRITORIALE)DEL DIRITTO CANONICO RENDE LE NORME APPLICABILI ALL’ESTERO - ERRORE SU ASPETTI ESSENZIALI DELLA PERSONALITÀ DELL’ALTRO CONIUGE

-MATRIMONI RELIGIOSI NON CATTOLICI:EFFETTI CIVILI IN ITALIA SE PRODOTTI ANCHE NEL PAESE DI CELEBRAZIONE - MANCANZA DELLE FACOLTÀ PSICHICHE NECESSARIE,DOLO,VIOLENZATIMORE

MATRIMONIO DEL CITTADINO STRANIERO IN ITALIA: EFFICACIA IN ITALIA DELLE SENTENZA ECCLESIASTICHE DI NULLITÀ:

→CON →DAVANTI

PROPRIA L. NAZIONALE A:SUA AUTORITÀ CONSOLARE O UFFICIALE DI STATO CIVILE ITALIANO -SENTENZA DI NULLITÀ MATRIMONIALE CANONICA:SE MUNITA DEL DECRETO DI ESECUTORIETÀ DA PARTE DEL

-DEVE OTTENERE UN NULLA OSTA DALL’AUTORITÀ COMPETENTE DEL SUO PAESE SUPERIORE ORGANO ECCLESIASTICO DI CONTROLLO,PUÒ ESSERE RESA EFFICACE NELL’ORDINAMENTO ITALIANO CON

-CONVENZIONE DI MONACO 1980:ITALIA SI OBBLIGA A RILASCIARE UN CERTIFICATO DI CAPACITÀ MATRIMONIALE E UNA SENTENZA DEL GIUDICE CIVILE, EMANATA AL TERIMINE DI UNO SPECIALE PROCEDIMENTO DI DELIBERAZIONE

A RICONOSCERE I CERTIFICATI RILASCIATI DAGLI ALTRI STATI CONTRAENTI -DA VALUTARE:

A)MATRIMONIO DICHIARATO NULLO FOSSE STATO CELEBRATO SECONDO LE REGOLE CONCORDATARIE.

INVALIDITÀ DEL MATRIMONIO CIVILE: B)OCCORRE CHE NEL PROCEDIMENTO ECCLESIASTICO SIA RISPETTATO IL DIRITTO DI DIFESA

-PER VIOLAZIONE DELLE CONDIZIONI NECESSARIE (ARTT.117 E 119 C.C, CFR. ARTT. 84-88 C.C.) C)NON VI SIA LITISPENDENZA(NON CI SIA DAVANTI AL GIUDICE ITALIANO ALTRA CAUSA CON STESSE PARTI E OGGETTO)

-MANCANZA CONSENSO PER INCAPACITÀ NATURALE,VIZI DELLA VOLONTÀ,ACCORDI SIMULATORI(ARTT. 120-123 CC) D)OCCORRE CHE LE RAGIONI PER LE QUALI IL MATRIMONIO È STATO DICHIARATO NULLO NON SIANO IN CONTRASTO

▪ INVALIDITÀ ASSOLUTA:LEGITTIMATI A IMPUGNARE CHIUNQUE VI ABBIA UN INTERESSE CON I PRINCIPI FONDAMENTALI DELL’ORDINE PUBBLICO ITALIANO.

▪ INVALIDITÀ RELATIVA:LEGITTIMATO UNO SOLO DEI CONIUGI,ENTRAMBI,ALCUNE PERSONE(INDICATE DA LEGGE) CONSEGUENZE DELL’ANNULLAMENTO DEL MATRIMONIO CONCORDATARIO:

INVALIDITÀ SANABILE:CASI IN CUI FATTI COME LA COABITAZIONE DEI CONIUGI NE IMPEDISCE L’ANNULLAMENTO

▪ -MATRIMONIO NULLO PER SENTENZA CANONICA:TRATTATO COME MATRIMONIO ANNULLATO DAL GIUDICE CIVILE

INVALIDITÀ INSANABILE:CASI IN CUI NESSUN FATTO PUÒ PRODURRE QUESTO EFFETTÒ.

▪ →SI APPLICANO LE REGOLE SU MATRIMONIO PUTATIVO,TRATTAMENTI ECONOMICI,AFFIDAMENTO E MANTENIMENTO

INVALIDITÀ PER VIOLAZIONE DEGLI ART. 84-88 C.C: -PASSAGGIO IN GIUDICATO DELLA SENTENZA:SCIOGLIE COMUNIONE LEGALE,VENGONO MENO GLI EFFETTI CIVILE

1)ETÀ:MATRIMONIO IMPUGNABILE SECONDO LE REGOLE DELL’ART. 1177.2 C.C.(INVALIDITÀ RELATIVA) -ANNULLAMENTO MATRIMONIO CONCORDATARIO:DISCIPLINA PROTEGGERE POCO GLI INTERESSE DEL CONIUGE

2) INTERDIZIONE:(INVALIDITÀ ASSOLUTA) ECONOMICAMENTE PIÙ DEBOLE: DEVE DUPLICARE I PROCEDIMENTI GIUDIZIARI

3) LIBERTÀ DI STATO:(INVALIDITÀ ASSOLUTO E INSANABILE) →TRATTAMENTO DETERIORE RISPETTO AL DIVORZIATO(ASSEGNO, TRATTAMENTI PENSIONISTICI)

4) PARENTELA, AFFINITÀ E ADOZIONE: (INVALIDITÀ ASSOLUTO E INSANABILE)

5) DELITTO: (INVALIDITÀ ASSOLUTO E INSANABILE) PRINCIPI FONDAMENTALI:EGUAGLIANZA E GOVERNO CONSENSUALE.CON IL MATRIMONIO SORGONO DIRITTI E

INVALIDITÀ PER UN VIZIO DEL CONSENSO:PRODOTTE DAI VIZI DEL CONSENSO.SONO RELATIVE E SANABILI. DOVERI RECIPROCI. REALIZZA IL PRINCIPIO DIEGUAGLIANZA(ART. 3COST) RIBADITO PER I CONIUGI DELL’ART. 29COST

1) VIOLENZA:COMPORTAMENTO DI MINACCIA, REALISTICA E CREDIBILE, DI UN MALE INGIUSTO DOVERI RECIPROCI NASCENTI DAL MATRIMONIO.L’ART. 143 C.2 E 3 C.C.

2) TIMORE DI ECCEZIONALE GRAVITÀ DIPENDENTE DA CAUSE ESTERNE ALLO SPOSO: INTIMIDAZIONI A)LA FEDELTÀ B)L’ASSISTENZA MORALE E MATERIALE E LA COLLABORAZIONE.

3) ERRORE: IDENTITÀ DELL’ALTRO SPOSO O QUALITÀ ESSENZIALE.NON ESSERE A CONOSCENZA C)LA COABITAZIONE D)LA CONTRIBUZIONE FAMIGLIA E PIÙ IN GENERALE NEL SUO INTERESSE

A)SIMULAZIONE:INVALIDITÀ RELATIVA E SANABILE. E)DAL PRINCIPIO DELL’ART. 144 C.C.:TROVARE SOLUZIONI CONCORDATE PER QUALSIASI QUESTIONE CONTROVERSA

B)INCAPACITÀ DI INTENDERE E VOLERE:INVALIDITÀ RELATIVA E SANABILE,ART. 120 CC F)IL RISPETTO DELLA PERSONALITÀ DI CIASCUN CONIUGE

C)ESISTENZA IN VITA DEL MORTO PRESUNTO:CONIUGE DEL MORTO PRESUNTO PUÒ SPOSARSI;SE FA RITORNO(O ART.147C.C.:OBBLIGO DI MANTENERE,EDUCARE,ISTRUIRE LA PROLE TENENDO CONTO DELLE CAPACITÀ,INCLINAZIONI

RISULTA IN VITA)IL SECONDO MATRIMONIO È INVALIDO NATURALI,ISPIRAZIONI DEL FIGLIO. OBBLIGO:NON CESSA CON MAGGIORE ETÀ

ART 315C.C.:FIGLI HANNO DOVERE DI RISPETTARE I GENITORI,CONTRIBUIRE IN RELAZIONE ALLE LORO SOSTANTAZE E

PROCEDIMENTO PER L’IMPUGNAZIONE: AL PROPRIO REDDITO AL MANTENIMENTO DELLA FAMIGLIA FINCHÈ CONVIVONO CON ESSA

-PROCEDIMENTO DI ANNULLAMENTO:COMPETENZA DEL TRIBUNALE ORDINARIO DELLA RESIDENZA DEL CONVENUTO VIOLAZIONE DEI DOVERI NASCENTI:

-PRESENTAZIONE DOMANDA:GIUSTA CAUSA DI ALLONTANAMENTO DALLA RESIDENZA FAMILIARE (ART. 146 CC) - ADDEBITATA L’EVENTUALE SUCCESSIVA SEPARAZIONE LEGALE.

-ANNULLAMENTO:DECISO CON SENTENZA,CONTIENE PROVVEDIMENTI SU RAPPORTI ECONOMICI,AFFIDAMENTO - L’AMMONTARE DELL’EVENTUALE ASSEGNO DI DIVORZIO

→SENTENZA:IMPUGNABILE,ANNOTATA NEI REGISTRI DI STATO LIBERO,PERMETTE NUOVO MATRIMONIO -ALLONTANAMENTO INGIUSTIFICATO DALLA RESIDENZA:NO DIRITTO AD ASSISTENZA PER IL TEMPO DI LONTANANZA

→ GIUDICE ITALIANO HA GIURISDIZIONE SE UNO DEI CONIUGI È ITALIANO - CONIUGE CHE NON ADEMPIE IL DOVERE DI CONTRIBUZIONE PUÒ ESSERE CONDANNATO AD ADEMPIERLO

→SENT.STRANIERA:VALIDA IN ITALIA UNA VOLTA PASSATA IN GIUDICATO, SE HA I REQUISITI DELL’ART. 64 INT. PR: - CONIUGE VIOLENTO:ALLONTANAMENTO,DIVIETO DI FREQUENTARE LUOGHI FREQUENTATI DA FAMILIARI

▪ ▪RISPETTA ▪NON

GIURISDIZIONE GIUDICE STRANIERO DIRITTO DI DIFESA CONTRASTA CON ORDINE PUBBLICO RESPONSABILITÀ DI UN CONIUGE PER LE OBBLIGAZIONI CONTRATTE DALL’ALTRO CONIUGE:

EFFETTI DELL’ANNULLAMENTO VERSO I FIGLI: SONO FIGLI E SUCCESSORI LEGITTIMI 

-RAPPORTI GIURIDICI COSTITUITI CON I TERZI:DEBITI BISOGNI DELLA FAMIGLIA

-ECCEZIONE:FIGLI NATI PER BIGAMIA O INCESTO: SONO LEGITTIMI SE UNO DEI GENITORI ERA IN BUONA FEDE. → NEL PASSATO: MOGLIE LIMITATA CAPACITÀ DI AGIRE (MANDATO TACITO /PRESUNTO CONFERITO DAL MARITO)

→BIGAMIA:FIGLI →INCESTO:FIGLI

DIVENTANO NATURALI RICONOSCIUTI NON POSSONO ESSERE RICONOSCIUTI TRADIZONE TEDESCA:POTERE DELLE CHIAVI(POTERE D’AMMINISTRAZIONE DOMESTICA)

-DIRITTI SUCCESSORI:GENITORE IN MALA FEDE NON LEGITTIMARIO:ESCLUSO SE CONCORRE CON EX IN BUONA FEDE → OGGI:CORRESPONSABILITÀ SOLIDALE DELL’ALTRO CONIUGE NONOSTANTE PRINCIPIO:NESSUNO PUÒ ESSERE

-AFFIDAMENTO DI MINORENNI,CONTRIBUTO PER IL MANTENIMENTO,POTESTÀ PARENTALE:ARTT. 155 E 129 CC, CHIAMATO A RISPONDERE DI UN’OBBLIGAZIONE ALTRUI.

→STESSE REGOLE DI SEPARAZIONE E DIVORZIO: ART. 129.2 CC(RINVIA ART.155 CC)

→PRINCIPIO:NIENTE DISCRIMINAZIONI FRA FIGLI DI CONIUGI CHE HANNO L’ANNULLAMENTO,SEPARATI E DIVORZIATI INTERVENTI ESTERNI PER RISOLVERE I CONFLITTI CONIUGALI:

→CONTRIBUTO PER IL MANTENIMENTO CESSA QUANDO IL FIGLIO È MAGGIORENNE O HA INDIPENDENZA ECONOMICA -ART. 145 C.C:CIASCUN CONIUGE,IN CASO DI DISACCORDO SU QUESTIONI RIGUARDANTI LA COPPIA,POSSA CHIEDERE

EFFETTI DELL’ANNULLAMENTO FRA GLI EX CONIUGI: SENZA FORMALITÀ(ANCHE ORALMENTE)UN INTERVENTO DI CARATTERE CONCILIATIVO DEL GIUDICE

-ESTINTI DOVERI DEL MATRIMONIO -COMUNIONE DEI BENI SCIOLTA _ -NIENTE DIRITTI DI SUCCESSIONE AL CONIUGE - ESERCIZIO DELLA POTESTÀ SUI FIGLI MINORENNI: GIUDICE SENTE LE PARTI, ED EVENTUALMENTE I FIGLI

-MOGLIE PERDE IL DIRITTO DI USARE COGNOME DEL MARITO: A)I CONSULTORI FAMILIARI: MATERIA DI SESSUALITÀ, PROCREAZIONE E SALUTE

-BUONA FEDE:CHI SENZA COLPA IGNORA CAUSE D’INVALIDA. SUBISCE VIOLENZA,TIMORE,ERRORE ANCHE DI DIRITTO B)I SERVIZI SOCIALI TERRITORIALI:OFFRIRE ALLE FAMIGLIE IN DIFFICOLTÀ CONSULENZA

-EX CONIUGE IN BUONA FEDE: EFFETTI VENGONO MENO DAL PASSAGGIO IN GIUDICATO COGNOME DELLA MOGLIE: ART.143 BIS C.C:LA MOGLIE ACQUISICE IL DIRITTO D’USO

→CONSERVA:DIRITTI ACQUISTATI E TITOLO A SUCCEDERE SE CONIUGE MUORE PRIMA DEL PASSAGGIO IN GIUDICATO ▪ANNNULLAMENTO,DIVORZO:LO PERDE,È AUTORIZZATA DA GIUDICE A USARLO PER INTERESSE FORTE SUO O DEI FIGLI

→ART. 129 BIS C.C:INDENNITÀ PER DANNI A CARICO DEL CONIUGE O TERZO CUI È IMPUTABILE LA NULLITÀ O HA

CONCORSO COL CONIUGE IN MALA FEDE.INDENNITÀ NON INFERIORE AL MANTENIMENTO PER 3 ANNI MATRIMONIO E CITTADINANZA:MATRIMONIO HA EFFETTI SULLACITTADINANZA ITALIANA,REGOLATI NEL 1991

▪IMPUTABILE:CASSAZIONE:CONIUGE SA DELLA NULLITÀ,L’HA TACIUTA, O DÀ LUOGO AL VIZIO DELLA VOLONTÀ A)ACQUISTO:MATRIMONIO È MEZZO PER ACQUISTO AGEVOLATO DELLA CITTADINA PER STRANIERI,APLOIDI.E FIGLI

-EX CONIUGE IN MALA FEDE: EFFETTI VENGONO MENO RETROATTIVAMENTE,SI PARLA DI MATRIMONIO PUTATIVO REQUISITI:

→PAGA ALIMENTI:SE RICORRONO PRESUPPOSTI DELL’ART. 433 CC E NON VI SONO ALTRI OBBLIGATI -STRANIERO ABBIA RISIEDUTO LEGALMENTE IN ITALIA PER 6 MESI,O TRASCORSI 3 ANNI DAL MATRIMONIO

-ENTRAMBI IN BUONA FEDE,ART. 129 CC:CHI NON HA ADEGUATI REDDITI RICEVE SOMME DALL’ALTRO - ACQUISTO DELLA CITTADINANZA NON AUTOMATICO:SU RICHIESTA DEL CONIUGE CON DECRETO DEL MINISTRO

→REDDITI INADEGUATI:DETERIORAMENTO DEL TENORE DI VITA GODUTO DURANTE LA VITA CONIUGALE. DELL’INTERNO. RIFIUTO MOTIVATO PER UNO DEI MOTIVI DELL’ART. 6CITT.(CONDANNE PENALI,SICUREZZA PUBBLICA)

CONSEGUENZE NEI RAPPORTI ECONOMICI RECIPROCI(ARTT. 129 E 129 BIS CC) B)PERDITA:CITTADINI ITALIANI CHE SI SPOSANO CON STRANIERI NON PERDONO LA CITTADINANZA ITALIANA, ANCHE

→APPLICABILE ANCHE A SENTENZE ECCLESIASTICHE DI NULLITÀ SE ACQUISTINO CITTADINANZA DEL CONIUGE STRANIERO;POSSONO RINUNCIARVI CON LE FORME DELL’ART. 23 CITT.

→MENO GARANZIE PER IL CONIUGE DEBOLE: NO TRATTAMENTI PREVIDENZIALI(ASSEGNO DI MANTENIMENTO) -UNA SOLA CITTADINANZA COMUNE:RAPPORTI REGOLATI DAL DIRITTO NAZIONALE COMUNE

▪VALIDI ACCORDI DEI CONIUGI,PER DISCIPLINARE CONSEGUENZE PATRIMONIALI,SE CONFORMI AD ART. 129-129BIS CC -PIÙ CITTADINANZE COMUNI/DIFFERENTI:RAPPORTI REGOLATI DALLO STATO IN CUI HA LUOGO LA VITA FAMILIARE

3 4


ACQUISTATO

1 volte

PAGINE

3

PESO

456.10 KB

AUTORE

maozinha

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in giurisprudenza
SSD:
Università: Torino - Unito
A.A.: 2011-2012

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher maozinha di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Diritto Privato e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Torino - Unito o del prof Lenti Leonardo.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Diritto privato

Riassunto esame diritto privato, Docente Ciatti, libro consiglio Diritto privato, Ciatti e Calvo
Appunto
Diritto privato - Appunti
Appunto
Diritto privato - domande e risposte
Appunto
Diritto privato - Appunti
Appunto