Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

La materia normalmente si divide in due tronconi che sono: la materia del diritto sindacale e la

materia del rapporto individuale di lavoro a cui corrispondono 2 diversi manuali indicati come mia

preferenza. In particolare il manuale del diritto sindacale del professor Gino Giugni e per il diritto

del lavoro ho scelto il manuale del professor Ghea (?) .

Oggi cominciamo con la prima lezione e con il primo modulo che vi dovrebbe inquadrare il diritto

del lavoro nell'ambito del sistema delle fonti, sia delle fonti di carattere internazionale che

nell'ambito delle fonti di diritto interno. Iniziamo inquadrando il diritto del lavoro italiano nel

sistema delle fonti del diritto internazionale: il tema, in realtà deve essere affrontato in una

prospettiva storica ed evolutiva, perché la materia dei diritti sociali ha avuto una evoluzione

diversa nel tempo, e ha ricoperto nell'ambito delle fonti internazionali, ruoli diversi in diversi

momenti storici. Infatti l'emersione dei diritti sociali è stata lenta nell'ambito delle fonti

internazionali, sia per quanto riguarda le politiche del lavoro nell'ambito delle fonti del diritto

internazionale in senso proprio, e qui mi riferisco in particolare alle fonti dell'organizzazione

internazionale del lavoro, che come sapete è quell' organismo che opera a Ginevra e che

attraverso una serie di convenzioni che vengono ratificate dagli stati membri aderenti

all'organizzazione, ha stabilito una fonte comune di diritti sociali e di obblighi per gli stati membri,

rispetto alla loro attuazione.

Questa lentezza si è manifestata non solo nell' ambito del diritto internazionale in senso proprio,

ma anche nell'ambito del diritto dell'unione europea, perché come vedremo con maggiore

dettaglio, l'evoluzione del diritto del lavoro nell'ambito dell'Unione Europea, è stata un evoluzione

lenta, che ha modificato nel corso del tempo, il peso e l'importanza delle politiche sociali

nell'ambito delle più complessive politiche dell'Unione Europea.

Per quel che riguarda le fonti di diritto internazionale in senso proprio, e mi riferisco in particolare

all'attività dell' ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO (OIL o ILO secondo la

sigla inglese), questo movimento lento verso una piena acquisizione dei diritti sociali, è dovuto a

ragioni di carattere storico, legate alla necessità di contemperare l'esigenza di riconoscimento dei

diritti sociali, espressa dai diversi stati aderenti alla convenzione. Non va dimenticato che

all'interno dell' OIL, convivevano paesi, contraddizioni giuridico-culturali molto diverse, e

soprattutto paesi in cui i diritti sociali rivestivano un ruolo molto diverso, basti fare l'esempio dei

paesi anglosassoni, soprattutto gli Stati Uniti d'America e anche la Gran Bretagna, che nella

seconda metà del novecento, assegnarono ai diritti sociali, un ruolo diverso da quello che era

stato assegnato dai paesi dell' Europa continentale, questo anche perché data la situazione

politica che vedeva contrapposti il blocco occidentale da quello dell'Europa orientale, aveva

condotto questi ordinamenti ad avere un atteggiamento di freddezza, nei confronti del

riconoscimento dei diritti sociali.

Con la caduta del muro di Berlino e la fine della guerra fredda, gli equilibri sono cambiati, perché

la necessità di questo atteggiamento timido e freddo, nei confronti dell'emergere dei diritti sociali

non è sembrata più così pressante, e di conseguenza anche nell'ambito delle politiche

dell'organizzazione internazionale del lavoro,si sono visti negli ultimi decenni, dei passi più

decisi, nei confronti del riconoscimento dei diritti sociali.

Tra l'altro questa evoluzione corrisponde anche una serie di nuove esigenze, che si sono

manifestate con l'avvento della globalizzazione dei mercati, e che vede il contrapporsi di una

serie di ordinamenti nell'ambito del mercato globale, ciascuno dei quali caratterizzato da una

diversa protezione dei diritti sociali, con conseguenti differenze di costi e fenomeni, quali il

dumpling sociale, oppure quello che viene chiamato lo shopping, da parte delle grandi

imprese transnazionali, nell'ambito di diversi ordinamenti.

Proprio per far fronte a questa situazione di competizione, che ha condotto alcuni ordinamenti a

offrire sul mercato del lavoro globale, forza lavoro assai meno onerosa, anche per una limitata

protezione dei diritti sociali, ecco che si è sentita l'esigenza a livello internazionale, di individuare

un plafond comune di diritti sociali, che vedono riconosciuto una protezione a livello

internazionale, e questo ha spinto l'organizzazione internazionale del lavoro a svolgere un ruolo

nuovo, che fino alla fine degli anni 90 in realtà non era stato sentito come necessario, cioè quello

di tentare se non una armonizzazione tra i diritti sociali degli stati aderenti alla convenzione,

quanto meno la fissazione di una serie di principi fondamentali, intesi come necessari alla

individuazione di quello che viene ritenuto il concetto di lavoro decente, cioè il concetto di una

prestazione lavorativa che contenga nella sua disciplina, le condizioni minime per il rispetto di


PAGINE

4

PESO

62.16 KB

AUTORE

Paoly84

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in Giurisprudenza
SSD:
A.A.: 2013-2014

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Paoly84 di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Diritto del lavoro e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Niccolò Cusano - Unicusano o del prof Cermelli Claudia.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Diritto del lavoro

Diritto del lavoro - lezione 10
Appunto
Filosofia del diritto - Riassunto esame lezioni, prof. Ferri
Appunto
Diritto Amministrativo II - Riassunto esame, prof. Mele
Appunto
Filosofia del diritto - Riassunto esame Aristotele, prof. Ferri
Appunto