Che materia stai cercando?

Diritto dei Mercati e degli Intermediari Finanziari

Ssunto esame Diritto dei Mercati e degli Intermediari Finanziari, docente Ciro Gennaro Corvese, libro consigliato “Il Mercato Mobiliare", di F. Annunziata.
Riassunto SCRITTO A COMPUTER per l'esame di Diritto dei Mercati e degli Intermediari Finanziari, basato su appunti personali, TUF, gli altri documenti visti in classe e studio autonomo del testo consigliato dal docente.
Gli... Vedi di più

Esame di Diritto dei Mercati e degli Intermediari Finanziari docente Prof. C. Corvese

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

 

Articolo  61  Testo  Unico  della  Finanza    riguarda  i   mercati  regolamentati  di  strumenti  finanziari.  

!

 

Articolo  62  Testo  Unico  della  Finanza    riguarda  il   regolamento  del  mercato.  

!

 

Articolo  63  Testo  Unico  della  Finanza    riguarda  l’autorizzazione  dei  mercati  regolamentati.  

!

 

Articolo  64  Testo  Unico  della  Finanza    riguarda  l’organizzazione  e  il  funzionamento  del  mercato  e  della  

!

società  di  gestione.  

 

Articolo   65   Testo   Unico   della   Finanza   riguarda   la   registrazione   delle   operazioni   presso   la   società   di  

!  

gestione  e  obblighi  di  comunicazione  delle  operazioni  concluse  su  strumenti  finanziari.    

 

Articolo  66  Testo  Unico  della  Finanza    riguarda  i   mercati  all’ingrosso  dei  titoli  di  Stato.    

!

 

Articolo  73  Testo  Unico  della  Finanza    riguarda  la   vigilanza  sulla  società  di  gestione.    

!

 

Articolo  74  Testo  Unico  della  Finanza    riguarda  la   vigilanza  del  mercato.    

!

 

Articolo  68  Testo  Unico  della  Finanza    riguarda  i   sistemi  di  garanzia  dei  contratti.    

!

 

Articolo  69  Testo  Unico  della  Finanza    riguarda  la   liquidazione  delle  operazioni  su  strumenti  finanziari.    

!

 

Articolo  69-­‐bis  Testo  Unico  della  Finanza    riguarda  l’autorizzazione  e  vigilanza  delle  controparti  centrali.    

!

 

Articolo   70-­‐bis   Testo   Unico   della   Finanza   riguarda   l’accesso   alle   controparti   centrali   e   ai   sistemi   di  

!  

liquidazione  delle  operazioni  su  strumenti  finanziari.    

 

Articolo  72  Testo  Unico  della  Finanza    riguarda  la   disciplina  delle  insolvenze  di  mercato.    

!

 

Articolo   75   Testo   Unico   della   Finanza    riguarda  i   provvedimenti   straordinari   a   tutela   del   mercato   e   crisi  

!

della  società  di  gestione.    

 

Articolo  77-­‐bis  Testo  Unico  della  Finanza    riguarda  i   sistemi  multilaterali  di  negoziazione.    

!

 

Articolo  78  Testo  Unico  della  Finanza    riguarda  l’internalizzatore  sistematico.    

!

 

Articolo  79-­‐bis  Testo  Unico  della  Finanza    riguarda  i   requisiti  di  trasparenza.    

!

 

Articolo  80  Testo  Unico  della  Finanza    riguarda  le   definizioni.    

!

 

Articolo  81  Testo  Unico  della  Finanza    riguarda  il   regolamento  di  attuazione  e  regolamento  dei  servizi.    

!

 

Articolo  81-­‐bis  Testo  Unico  della  Finanza    riguarda  l’accesso  alla  gestione  accentrata.    

!

 

Articolo  82  Testo  Unico  della  Finanza    riguarda  la   vigilanza.    

!

 

Articolo  83  Testo  Unico  della  Finanza    riguarda  la   crisi  della  società  di  gestione  accentrata.    

!

 

Articolo  83-­‐bis  Testo  Unico  della  Finanza    riguarda  l’ambito  di  applicazione.    

!

 

Articolo  83-­‐ter  Testo  Unico  della  Finanza    riguarda  l’emissione  di  strumenti  finanziari.    

!

 

Articolo   83-­‐quater   Testo   Unico   della   Finanza   riguarda   l’attribuzione   della   società   di   gestione   e  

!  

dell’intermediario.    

 

Articolo  83-­‐quinquies  Testo  Unico  della  Finanza    riguarda  i   diritti  del  titolare  del  conto.    

!

 

Articolo  83-­‐sexies  Testo  Unico  della  Finanza  !  riguarda  il  diritto  d’intervento  in  assemblea  ed  esercizio  

del  voto.  

 

Articolo  83-­‐septies  Testo  Unico  della  Finanza    riguarda  le   eccezioni  opponibili.    

!

 

Articolo  83-­‐octies  Testo  Unico  della  Finanza    riguarda  la   costituzione  di  vincoli.    

!

 

Articolo  83-­‐novies  Testo  Unico  della  Finanza    riguarda  i   compiti  dell’intermediario.    

!

 

Articolo  83-­‐decies  Testo  Unico  della  Finanza    riguarda  la   responsabilità  dell’intermediario.      

!

 

Articolo  83-­‐undecies  Testo  Unico  della  Finanza    riguarda  gli   obblighi  degli  emittenti  azioni.    

!

 

Articolo  85  Testo  Unico  della  Finanza    riguarda  il   deposito  accentrato.    

!

 

Articolo   86   Testo   Unico   della   Finanza   riguarda   il   trasferimento   dei   diritti   inerenti   agli   strumenti  

!  

finanziari  depositati.  

 

Articolo  87  Testo  Unico  della  Finanza    riguarda  i   vincoli  sugli  strumenti  finanziari  accentrati.  

!

 

Articolo  93-­‐bis  Testo  Unico  della  Finanza    riguarda  alcune     definizioni.  

!

 

Articolo  94  Testo  Unico  della  Finanza    riguarda  il     prospetto  di  offerta   (un  tempo  prospetto  informativo).  

!

 

Articolo  94-­‐bis  Testo  Unico  della  Finanza    riguarda  l’approvazione  del  prospetto.  

!

 

Articolo  95  Testo  Unico  della  Finanza    riguarda  le   disposizioni  di  attuazione.  

!

 

Articolo  95-­‐bis  Testo  Unico  della  Finanza    riguarda  la   revoca  dell’acquisto  o  della  sottoscrizione.  

!

 

Articolo  96  Testo  Unico  della  Finanza    riguarda  i   bilanci  dell’emittente.  

!

 

Articolo  97  Testo  Unico  della  Finanza    riguarda  gli   obblighi  informativi.  

!

 

Articolo  99  Testo  Unico  della  Finanza    riguarda  i   poteri  della  Consob.  

!

 

Articolo  100  Testo  Unico  della  Finanza    riguarda  i   casi  di  inapplicabilità.  

!

 

Articolo  100-­‐bis  Testo  Unico  della  Finanza    riguarda  la   circolazione  dei  prodotti  finanziari.  

!

 

Articolo  101  Testo  Unico  della  Finanza    riguarda  l’attvità  pubblicitaria.  

!

 

Articolo  101-­‐bis  Testo  Unico  della  Finanza    riguarda  le   definizioni  e  ambito  applicativo.  

!

   

Articolo  101-­‐ter  Testo  Unico  della  Finanza    riguarda  l’autorità  di  vigilanza  e  diritto  applicabile.    

!

 

Articolo  102  Testo  Unico  della  Finanza    riguarda  gli   obblighi  degli  offerenti  e  poteri  interdittivi.  

!

 

 

Articolo  103  Testo  Unico  della  Finanza    riguarda  lo   svolgimento  dell’offerta.  

!

 

Articolo  104  Testo  Unico  della  Finanza    riguarda  le   difese.  

!

 

Articolo  104-­‐bis  Testo  Unico  della  Finanza    riguarda  la   regola  della  neutralizzazione.  

!

 

Articolo  104-­‐ter  Testo  Unico  della  Finanza    riguarda  la   clausola  di  reciprocità.  

!

 

Articolo  105  Testo  Unico  della  Finanza    riguarda  le   disposizioni  generali.  

!

 

Articolo  106  Testo  Unico  della  Finanza    riguarda  l’offerta  pubblica  di  acquisto  totalitaria.  

!

 

Articolo   107   Testo   Unico   della   Finanza   riguarda   l’offerta   pubblica   di   acquisto   preventiva   (cioè  

!  

volontaria).  

 

Articolo  108  Testo  Unico  della  Finanza    riguarda  l’obbligo  di  acquisto.    

!

 

Articolo  109  Testo  Unico  della  Finanza    riguarda  l’  acquisto  di  concerto.    

!

 

Articolo  110  Testo  Unico  della  Finanza    riguarda  l’inadempimento  degli  obblighi.  

!

 

Articolo  111  Testo  Unico  della  Finanza    riguarda  il   diritto  di  acquisto.    

!

 

 

Articolo   113   Testo   Unico   della   Finanza   riguarda   l’   ammissione   alle   negoziazioni   di   strumenti  

!  

comunitari.    

 

Articolo  114  Testo  Unico  della  Finanza    riguarda  le   comunicazioni  al  pubblico.    

!

 

Articolo  115  Testo  Unico  della  Finanza    riguarda  le   comunicazioni  alla  Consob.    

!

 

Articolo  116  Testo  Unico  della  Finanza    riguarda  le   comunicazioni  alla  Consob.    

!

 

Articolo  184  Testo  Unico  della  Finanza    riguarda  l’abuso  delle  informazioni  privilegiate   ( sanzioni  penali).      

!

 

Articolo   187-­‐bis   Testo   Unico   della   Finanza   riguarda   l’abuso   delle   informazioni   privilegiate   (sanzioni  

!  

amministrative).    

 

Articolo  4  Decreto  del  5/03/2015  n.  30      riguarda  l’oggetto  dell’investimento.  

!

 

Articolo  5  Decreto  del  5/03/2015  n.  30      riguarda  l’ammissione  alle  negoziazioni.    

!

 

Articolo  6  Decreto  del  5/03/2015  n.  30   riguarda  la   durata.  

!

 

Articolo  7  Decreto  del  5/03/2015  n.  30      riguarda  gli   OICVM  italiani.  

!

 

Articolo  8  Decreto  del  5/03/2015  n.  30      riguarda  i   FIA  italiani  aperti.    

!

 

Articolo   9   Decreto   del   5/03/2015   n.   30    !  riguarda  le  modalità   di   partecipazione   e   di   rimborso   per   gli  

Oicr  italiani  aperti.  

 

Articolo  10  Decreto  del  5/03/2015  n.  30      riguarda  i   FIA  italiani  chiusi  e  modalità  di  partecipazione.    

!

 

Articolo  11  Decreto  del  5/03/2015  n.  30      riguarda  le   modalità  di  rimborso  dei  FIA  italiani  chiusi.    

!

 

Articolo  12  Decreto  del  5/03/2015  n.  30      riguarda  i   FIA  italiani  immobiliari.    

!

 

Articolo  14  Decreto  del  5/03/2015  n.  30      riguarda  i   FIA  italiani  riservati.  

!

 

Articolo  15  Decreto  del  5/03/2015  n.  30    riguarda  gli   Oicr  garantiti.    

!

 

Articoli  65,  Comma  1  c)  Regolamento  Intermediari    riguarda  il   principio  di  trasparenza.  

!

 

Articoli  68  Regolamento  Intermediari    si  applica  poi  anche  la   best  execution.  

!

 

Articolo  8    Regolamento  Emittenti    riguarda  l’approvazione  del  prospetto  e  del  supplemento.    

!

 

Articolo  9    Regolamento  Emittenti    riguarda  la   pubblicazione  del  prospetto  e  del  supplemento.    

!

 

Articolo  10    Regolamento  Emittenti    riguarda  la   validità  del  prospetto  di  offerta....    

!

 

Articolo  13    Regolamento  Emittenti    riguarda  gli   obblighi  informativi.    

!

 

Articolo  34-­‐quinquies    Regolamento  Emittenti    riguarda  lo   svolgimento  dell’offerta  al  pubblico.    

!

   

Articolo  34-­‐sexies    Regolamento  Emittenti    riguarda  le   norme  di  correttezza.    

!

 

Articolo  40  Regolamento  Emittenti    riguarda  lo   svolgimento  dell’offerta.    

!

 

Articolo  41    Regolamento  Emittenti    riguarda  le   norme  di  trasparenza.    

!

 

Articolo  42    Regolamento  Emittenti    riguarda  le   norme  di  correttezza.    

!

 

Articolo  44    Regolamento  Emittenti    riguarda  le   offerte  concorrenti.    

!

 

Regolamento   (UE)   n.   231/2013   CRR   ha   integrato   la   disciplina   riguardo   alla   struttura   e   i   requisiti  

!  

patrimoniali  di  questi  intermediari.  

 

 

   

 

 

 

 

 

1. INTRODUZIONE

 

 

Sistema   finanziario   è   diviso   in   tre   settori   i   primi   due   sono   alternativi   l’uno   all’altro   perché   entrambi  

!   !  

possono  far  fronte  alle  esigenze  delle  imprese.

1)   Mercato  bancario.

2)   Mercato  mobiliare.

3)   Mercato  assicurativo.

 

Prima  degli  anni  ’70   il  nostro  sistema  finanziario   è  sempre   stato  nettamente  suddiviso   sia  per  quanto  riguarda  i  

mercati,   sia   per   i   soggetti,   sia   per   le   attività   (i   tipi   di   contratti),   sia   per   la   vigilanza   (in   passato   si   aveva   la   così  

detta   “vigilanza  per   soggetti”,  dove  non  rilevava   il  tipo  di  attività  svolta  ma  il  tipo  di  soggetto  che  la  svolgeva).  

1)   Mercato  bancario:  era  costituito  dalle  banche  che  svolgevano  attività  di  finanziamento   ed  era  vigilato  dalla  Banca  d’Italia.

2)   Mercato   mobiliare:   era   costituito   da   particolari   soggetti   (agenti   di   cambio)   che   svolgevano   attività   tipiche   di   questo   mercato  

(contratti  di  borsa)  ed  era  vigilato  dal  Consob.

3)   Mercato   assicurativo:   era   costituito   dalle   imprese   di   assicurazioni   che   redigevano   contratti   di   assicurazioni   ed   era   vigilato  

dall’IVASS.

 

Dopo  g li  anni  ’70   tale  struttura  c

adde   e  si  arrivò   a  parlare  di  un  unico  settore  finanziario  integrato.    

Questo  processo  iniziò  con  l’oil  shock  (crisi  del  petrolio)  che  portò  a  un’enorme  crisi  finanziaria  e  quindi  la  Banca  

d’Italia   decise   di   separarsi   dal   Ministero   del   Tesoro   per   essere   libera   di   gestire   la   politica   monetaria   del   paese.  

Fino   ad   allora,   infatti,   tutti   i   titoli   di   Stato   emessi   dal   Tesoro   e   non   collocati   sul   mercato   dovevano   essere  

acquistati   dalla   Banca   d’Italia;   ciò   comportava   una   maggiore   emissione   di   moneta   e   quindi   una   politica  

inflazionistica  (non  era  possibile,  per  esempio,  perseguire  una  politica  deflazionistica).  

La  Banca  d’Italia  decise  quindi  di  separarsi  tramite  due  emendamenti:  

A)   vincolo   di   portafoglio   che   imponeva   alle   banche   di   avere   nel   loro   portafoglio   un   tot   di   titoli   di   Stato   (oltre   ad   azioni,  

!  

obbligazioni  ecc.).

B)   massimale  agli  impieghi     che  limitava  la  possibilità   d’investimento  delle  banche.

!

Ciò  comportò  per  le  banche  due  effetti  distinti:  

-­‐   effetto  reddituale     dato  che  i   titoli  di  Stato  (sebbene   più  sicuri)  erano  molto  meno  redditizi  delle  azioni.

!

-­‐   effetto  di   mercato   .    

Le   banche   decisero   quindi   di   riacquistare   la   posizione   di   dominio   del   mercato   sfruttando   una   falla   del   legislatore   nel   massimale  

all’impiego:  il  fatto  che  da  tale  emendamento  fossero  escluse  le  partecipazioni,  dando  alle  banche  la  possibilità  di  acquistare  quote  

di  capitale  da  altri  intermediari  finanziari.  

 

Ciò  permise  loro  di  entrare  nel  settore  para-­‐bancario.

 

All’interno  del  mercato  mobiliare  sono  quattro  gli  aspetti  che  rilevano:  

1)   il  mercato.

2)   gli  intermediari     che  operano  sul  mercato.

!

3)   gli   emittenti     società  quotate     che  collocano  sul  mercato  obbligazioni  e  azioni.

! !

4)   la  vigilanza.

 

Prima   del   1942   erano   in   vigore   come   testi   il   Codice   Civile   del   1865   e   il   Codice   del   Commercio   del   1882   che   era   strutturato   sul  

modello  francese  (con  agenti  di  cambio  che  erano  pubblici  ufficiali,  il  mercato  quindi  non  era  autoregolamentato,  ma  disciplinato  

dal  volere  dello  Stato).  Il  Codice  del  Commercio  nel  1982  abbandona  il  modello  francese  e  passa  a  quello  anglosassone  (che  era  di  

tipo   privatistico   dove   gli   agenti   di   cambio   erano   commercianti)   attuando   una   liberalizzazione   del   mercato. Successivamente   però   lo  

Stato   cercò   di   riprendere   il   controllo   del   mercato   e   tornò   al   modello   francese,   che   era   importante   perché   permetteva   anche   alle  

banche   (sotto   certe   condizioni)   di   accedere   al   mercato   mobiliare.   Però   le   varie   negoziazioni   che   potevano   essere   fatte   dovevano  

essere  precedute  da  un  contratto  di  abilitazione  che  permettesse   loro   di  entrare  nel   mercato.

 

Inoltre   il   legislatore   creò   degli   strumenti   per   cercare   di   attrarre   i   risparmiatori   al   mercato   mobiliare   piuttosto   che  

a  quello  bancario  creando  le  azioni  di  risparmio  che  non  davano  diritto  di  voto,  ma  solo  privilegi  patrimoniali.  

Tali   privilegi   consistevano   nella   precedenza   (rispetto   ai   normali   azionisti)   e   nel   diritto   agli   utili   fino   alla  

concorrenza   del   5%   del   valore   nominale   delle   azioni  (poi  agli  altri  azionisti  con  un  differenziale  pari  al  2%  del  

valore   nominale   delle   azioni).   Tale   privilegio   era   in   realtà   un   flop   perché   era   calcolato   sul   valore   nominale   (!  

valore   di   emissione   bassissimo   capitale   sociale/numero   delle   azioni)   e   non   su   quello   reale   (patrimonio  

!  

netto/numero  di  azioni)  e  quindi  i  risparmiatori  non  furono  molto  attratti.

La  legge  n.  216/1974  avvicinò  i  risparmiatori  al  mercato  mobiliare,  sempre  con  azioni  di  risparmio,  ma  con  una  

tutela   maggiore   verso   i   risparmiatori.   Fino   al   1942   gli   interessi   tutelati   erano   stati:   l’interesse   della   società,  

l’interesse  dei   creditori  della  società,  l’interesse  del   singolo  socio,  l’interesse  del   creditore  particolare  del  socio.  

 

A  questi  furono  aggiunti  due  interessi  tutelati  per  i  risparmiatori:

a)   interesse   dell’investitore   garantire   che   gli   investimenti   fossero   realmente   com’erano   stati   proposti   al  

!  

risparmiatore  e  che  fossero  per  lui  propizi.

b)   interesse   del   mercato   (nel   quale   questi   strumenti   vengono   collocati)   garantire   che   le   operazioni  

!  

avvenissero  in  modo  ordinato  e  disciplinato.

 

Con   la   legge   n.   216/1974   nacque   la   Consob   (Commissione   Nazionale   Per   La   Società   e   La   Borsa,   che   non   era  

ancora  indipendente  ma  legata  al  Governo).   E  n el  1985  la  Consob  acquisì  l’indipendenza  dal  Governo.  

Con  la  legge  n.  281/1985  e  venne  introdotto  il  così  detto  “prospetto  informativo”  con  il  quale  vennero  dettate  regole  di  trasparenza  

con  riferimento  a:

-­‐  le  società  quotate  (public  company)  !  il  numero  di  “partecipazioni  rilevanti”  per  un’impresa  per  controllare  un’altra    era  pari  o  

superiore   al   2%   (se   una   società   non   quotata   acquisisce   partecipazioni   di   una   quotata,   allora   il   numero   di   partecipazioni   rilevanti   è   il  

10%  o  più).  Inoltre  il  soggetto  che  supera  il  2%  delle  partecipazioni  di  un’impresa  (con  il  chiaro  intento  di  gestirla  e  non  un  mero  

interesse  speculativo)  è  obbligato  a  riferirlo  alla  Consob  che,  attraverso  i  giornali,  lo  comunica  a   tutti  gli  altri  soggetti  del  mercato,  in  

caso  contrario  incorreva  in  una  sanzione  civile,  cioè  perdeva  il  diritto  di  voto  all’interno  dell’assemblea  della  società  (in   casi  più  gravi  

era  prevista  anche  una  sanzione  pecuniaria).  

-­‐  le  società  non  quotate  (private  company)  !  con  una  disciplina  di  controllo  secondo  l’art.  2359  C.C.  !  una  società  ne  controllava  

un’altra  quando  ne  possedeva  il  50%+1  dei  diritti  di  voto  nell’assemblea  o  aveva  una  partecipazione  tale  da  assicurarle  l’influenza  

nella  società.  

Ancora   però   l’unico   mercato   esistente   in   questo   settore   era   quello   della   Borsa,   si   ebbe   quindi   un   primo   tentativo  

di   crearne   un   altro   che   però,   non   essendo   pubblico,   venne   dichiarato   illegittimo   dalla   Corte   Costituzionale   e  

scomparve   velocemente.   Venne   infine   creato   il   “mercato   ristretto”   con   requisiti   di   accesso   più   bassi   di   quelli  

della  borsa.

 

 

Vennero  poi  creati  i  fondi  comuni  di  investimento  (in  valori  mobiliari),  tra  i  quali  i  più  importanti  erano  i  “black  

rock”  che  avevano  un  peso  notevole  all’interno   delle  società.

Un  fondo  comune   d’investimento  è  caratterizzato  da:  

-­‐   un  fondo     un  patrimonio  (autonomo  dal  patrimonio  dell’investitore,  della  banca  depositaria  e  della  società);

!

-­‐   una   società  di  gestione  di  fondo     l’intermediario  finanziario;

!

-­‐   la  banca  depositaria  del  fondo;

-­‐   l’investitore.

L’investitore  sottoscriveva  (acquistava)  quote  del  fondo,  tali  soldi  venivano  gestiti  dalla  società  d’investimento  per  

comprare  strumenti  finanziari  in  valori  mobiliari  (azioni,  obbligazioni,  titoli  di  Stato),  tali  valori  erano  depositati  

presso   la   banca   depositaria.   S’introduce   quindi   il   concetto   di   gestione   collettiva   del   risparmio,   la   differenza  

sostanziale   da   quella   individuale   è   che   in   quella   collettiva   l’investitore   non   può   scegliere   la   composizione   del  

proprio  portafoglio,  ma  al  massimo  può  scegliere   di  comprare  quote  di  un  tipo  di  fondo  piuttosto  che  di  un  altro.

L’obbiettivo  del  legislatore  era  far  capire  che   investire  in  fondi  comuni  d’investimento  era  più  sicuro  che  investire  

in  normali  azioni.   Il  rischio  in  quel  caso  era  minore  perché  il  fondo   era   composto  da  un  patrimonio  autonomo.    

Le  banche  non  possono  fallire,  possono  dichiarare  la  “liquidazione  coatta  amministrativa”  e  in  queste  situazioni  il  

patrimonio   di   chi   ha   in   banca   una   somma   maggiore   o   uguale   a   100.000   euro   è   a   rischio;   questo   non  

succederebbe  se  tale  somma  fosse  investita  in  un  fondo  comune  d’investimento,  perché  il  fondo  è  costituito  da  

un  patrimonio  autonomo.

 

 

Dagli  anni  ’90  si  ha   una”alluvione  di  leggi”  perché  inizia  a  farsi  sentire  il  peso  degli  interventi  europei  e  il  mercato  

mobiliare   italiano   necessita   di   essere   modernizzato   ulteriormente.   Oltre   ai   due   mercati   già   presenti,   era   stato  

introdotto   alla   fine   degli   anni   ’70   anche   un   nuovo   mercato   del   tutto   pubblico   e   vigilato   dal   Ministero  del  Tesoro:  

il   Mercato  Secondario  dei  Titoli  di  Stato   (MTS).  

 

 

Nel   1991   lo   Stato   sente   l’imminente   arrivo   di   una   direttiva   europea   ed   emana   la   Legge   SIM   (Società  

Intermediazione  Mobiliare)  con  la  quale  vengono  create  queste  SIM  e  si  hanno  dei  nuovi  intermediari  finanziari,  

in  particolare   anche  le   banche  possono  esercitare  queste  attività   (banche  commerciali).  

 

 

 

 

Nel   1993   arriva   la   direttiva   europea   93/22   (che   verrà   attuata   con   il   Decr.   Leg.   Euro   SIM   415/1996)   che   punta  

all’armonizzazione  minima  nel  mercato  mobiliare  europeo  attraverso:

1)   mutuo   riconoscimento   tutte   le   società   che   ottenevano   un’autorizzazione   dal   proprio   Stato   (se   membro  

!  

dell’UE)  non  necessitavano  di  autorizzazione  degli  altri  stati  membri  per  operare  negli  altri  paesi.  

Questo  comportava  due  conseguenze:

1 )   libertà   di   stabilimento   !  una  volta  ottenuta  l’autorizzazione  dal  proprio  Stato,  il  soggetto  può  istituire  una  

A

succursale  (uno  stabilimento)  in  altri  Paesi  membri.

1 )   libertà   di   prestazioni   di   servizi   una   volta   ottenuta   l’autorizzazione   dal   proprio   Stato,   il   soggetto   può  

!  

B

operare  in  altri  Paesi  (anche  senza  succursale).

2)     home  country  controll     il  controllo  della  società  è  effettuato  dalle  Autorità  del  Paese  di  origine  (si  obbligano  

!

così  i  Paesi  a  una  stretta  collaborazione  della  vigilanza).

Nei  Paesi   Extra  Unione  Europea  si  applica:  

1)    riconoscimento   reciproco   !  l’autorizzazione  del  Paese  di  origine  della  società  non  è  riconosciuta  dal  paese  

ospitante,  ma  la  società  è  trattata  nel  modo  in  cui  le  società  del  paese  ospitante  sono  trattate  nel  suo  paese  di  

origine  (servono  quindi  autorizzazioni  speciali).

2)     host  country  controll     il  controllo  della  società  è  effettuato  dalle  Autorità  del  Paese  ospitante.

!

Nel  1992  sono  introdotti  nel  nostro  sistema  fondi  comuni  d’investimento  immobiliari  con  la  creazione  delle  SICAV  

(Società  a  Capitale  Variabile)  che  erano  diverse    dalle  nostre  società  cooperative  (le  nostre  società  già   esistenti  a  

capitale  variabile).    

Decreto   legislativo   415   del   1996   Eurosim  !  definisce   i   soggetti   del   mercato   mobiliare  !  SIM,   banche,   SGR,  

SICAV.    

 

 

  1.    LE  AUTORITÀ  DI  VIGILANZA  

 

EUROPEE  E  NAZIONALI

 

 

-­‐Il  Sistema  di  Vigilanza  Europeo  si  articola  su  due  livelli:  

1°   livello)   ESRB   (European   Systemic   Risk   Board)   vigila   sui   potenziali   rischi   alla   stabilità   finanziaria   nell’area  

!  

europea   derivanti   da   sviluppi   macroeconomici   e   da   accadimenti   che   interessano   il   sistema   finanziario   nel  

complesso.  

2°  livello)   ESMA   (European  Securities  and  Markets  Authority)    disciplina  del  mercato  mobiliare.  

!

EIOPA    (European  Insurance  and  Occupational  Pensions  Authority)    disciplina  le  banche.  

!

EBA   (European  Banking  Authority)    disciplina  le  assicurazioni  e  i  fondi  pensioni.  

!

Queste   tre   Autorità   da   un   lato   partecipano   all’ESRB,   dall’altro   sono   investite   di   compiti   di   vigilanza   micro-­‐

prudenziale  e  operano  in  stretto  contatto  con  le  Autorità  di  vigilanza  nazionale  degli  Stati  membri.  

 

-­‐Il  Sistema  di  vigilanza  italiano  è  composto  da:  

a)   Ministro   dell’economia   e   delle   finanze   può   individuare   nuove   categorie   di   strumenti   finanziari,   nuovi  

!  

servizi  e  attività  d’investimento,  nuovi  servizi  accessori...  

b)   La   Banca   d’Italia   le   spettano   compiti   che   attengono   sia   al   controllo   dei   rischi,   ai   mezzi   propri   di   cui   gli  

!  

intermediari  devono  dotarsi,  sia  poteri  di  controllo...  

c)   La  Consob  (Commissione  nazionale  per  le  società  e  la  Borsa)     ha   compiti   di   controllo   in   materia   di   appello  

!

al  pubblico  risparmio...  

d)   LA   COVIP   (Commissione   di   Vigilanza   sui   fondi   Pensione)   persegue   trasparenza   e   correttezza   dei  

!  

comportamenti,  sana  e  prudente  gestione  delle  forme  pensionistiche  complementari…  

e)   IVASS   (Istituto   per   la   Vigilanza   sulle   assicurazioni)   istituita   al   fine   di   assicurare   la   piena   integrazione  

!  

dell’attività   di   vigilanza   nel   settore   assicurativo   anche   attraverso   un   collegamento   più   stretto   con   la   vigilanza  

bancaria….  

   

 

  2.  LA  DISCIPLINA  DEGLI  INTERMEDIARI:

 

LA  VIGILANZA  SUI  SOGGETTI  ABILITATI

 

 

Con  il  D.  lsg.  del  n.  58  del  24/02/1998  viene  emanato  il  Testo  Unico  della  Finanza  (TUF)  e  si  assiste  per  la  prima  

volta   al   tentativo   di   individuare   una   disciplina   comune   degli   intermediari   finanziari   attraverso   un   livellamento  

delle  regole  previgenti  e  l’adozione  di  uno  standard  comune.    

 

Articolo  1  Testo  Unico  della  Finanza    definisce  il   Sistema  Europeo  di  Vigilanza  Finanziaria  (SEVIF).  

!

 

Articolo  2  Testo  Unico  della  Finanza    riguarda  il   rapporto  con  l’Unione  Europea  e   l’integrazione  nel  SEVIF  con  

!

la  Banca  d’Italia,  la  Consob  e  il  Ministero  dell’economia  e  delle  finanze.  

 

Articolo  5  Testo  Unico  della  Finanza    riguarda  le   finalità  e  i   destinatari  della  vigilanza.  

!

-­‐  Comma  1    La  vigilanza  ha  degli   obbiettivi   (oggi  si  parla  infatti  di  “vigilanza  per  obbiettivi”):  

!

a)   la   salvaguardia  della  fiducia  nel  sistema  finanziario;  

b)   la   tutela  degli  investitori;  

c)   la   stabilità  e  il  buon  funzionamento  del  sistema  finanziario;  

d)   la   competitività  del  sistema  finanziario;  

e)   l’osservanza  delle  disposizioni  in  materia  finanziaria.  

-­‐Comma   2   Per   il   perseguimento   degli   obiettivi,   la   Banca   d'Italia   è   competente   per   quanto   riguarda   il  

!  

contenimento  del  rischio,   la  stabilità  patrimoniale  e   la  sana  e  prudente   gestione  degli  intermediari.  

-­‐Comma   3     Per   il   perseguimento   degli   obiettivi,   la   Consob   è   competente   per   quanto   riguarda   la   trasparenza   e  

!

la   correttezza  dei  comportamenti.  

-­‐Comma  4      La  Banca  d'Italia  e  la  Consob  esercitano  i  poteri  di  vigilanza  nei  confronti  dei  soggetti  abilitati;  

!

-­‐Comma  5      La  Banca  d'Italia  e  la  Consob  operano  in  modo  coordinato.  

!

 

"  La  vigilanza  si  articola  in   tre  filoni  generali:   vigilanza  regolamentare,   informativa,  e   ispettiva.  

         e  in   due  più  specifici:  “ interventi  specifici   ”,  e   vigilanza  dei  gruppi.  

 

Articolo  6  Testo  Unico  della  Finanza    riguarda  la   vigilanza  regolamentare  (l’emanazione  di  norme  secondarie  

!

nelle  materie  di  competenza  delle  Autorità  di  vigilanza).  

-­‐Comma   1   nell’esercizio   delle   funzioni   di   vigilanza   regolamentare,   la   Banca   d’Italia   e   la   Consob   osservano   i  

!  

seguenti  principi:  

a)   valorizzazione  dell’autonomia  decisionale  dei  soggetti  abilitati;  

b)   proporzionalità,  intesa  come  criterio  di  esercizio  del  potere  adeguato  al  raggiungimento  del  fine;  

c)   riconoscimento   del   carattere   internazionale   del   mercato   finanziario   e   salvaguardia   della   posizione  

competitiva  dell’industria  italiana;  

d)   agevolazione  dell’innovazione  e  della  concorrenza.  

-­‐Comma  3      

!

-­‐La   Banca  d'Italia,  sentita  la  Consob,  disciplina  con  regolamento:  

a)   gli  obblighi  delle  Sim  e  delle  Sgr  in  materia  di  adeguatezza  patrimoniale,   contenimento   del   rischio   nelle   sue  

diverse  configurazioni  e  partecipazioni  detenibili.  

b)   gli   obblighi   dei   soggetti   abilitati   in   materia   di   materia   di   deposito   e   di   sub-­‐deposito   degli   strumenti  

finanziari  e  del  denaro  di  pertinenza  della  clientela.  

c)   le  regole  applicabili  a  determinati  Oicr  italiani.  

-­‐La   Consob,  sentita  la  Banca  d'Italia,  disciplina  con  regolamento  gli  obblighi  dei  soggetti  abilitati  in  materia  di:  

a)   trasparenza,   ivi   inclusi:   gli   obblighi   informativi;   le   modalità   e   i   criteri   da   adottare   nella   diffusione   di  

comunicazioni  pubblicitarie;  gli  obblighi  di  comunicazione  ai  clienti  relativi  all’esecuzione  degli  ordini…  

b)   correttezza  dei  comportamenti,   ivi   inclusi:   gli   obblighi   di   acquisizione   d’informazioni   dai   clienti;   le   misure   per  

eseguire  gli  ordini  alle  condizioni  più  favorevoli  per  i  clienti;  gli  obblighi  in  materia  di  gestione  degli  ordini…  

-­‐La   Banca   d’Italia   e   la   Consob   disciplinano   congiuntamente   gli   obblighi   dei   soggetti   abilitati   in   materia   di:  

governo  societario,   requisiti   generali   di   organizzazione,   sistemi   di   remunerazione   e   di   incentivazione;   continuità  

dell’attività;   organizzazione   amministrativa   e   contabile;   controllo   della   conformità   alle   norme;   gestione   del  

rischio   dell’impresa;   responsabilità   dell’alta   dirigenza;     trattamento   dei   reclami;  esternalizzazione   di   funzioni  

operative  essenziali  o  importanti  o  di  servizi  o  attività…  

Articolo  7  Testo  Unico  della  Finanza    riguarda  gli   interventi  sui  soggetti  abilitati.  

!

-­‐Comma  1    la  Banca  d'Italia  e  la  Consob,  nell'ambito  delle  rispettive  competenze,  possono:  

!

a)   convocare  gli  amministratori,  i  sindaci  e  il  personale;  

b)   ordinare  la  convocazione  degli  organi  collegiali,  fissandone  l'ordine  del  giorno;  

c)   procedere  direttamente  alla  convocazione  degli  organi  collegiali.  

 

Articolo  8  Testo  Unico  della  Finanza    riguarda  la   vigilanza  informativa.  

!

-­‐Comma  1     la  Banca  d'Italia  e  la  Consob  possono  chiedere,  nell’ambito  delle  rispettive  competenze,  ai  

!

soggetti  abilitati  la  comunicazione  di  dati  e  notizie   e  la  trasmissione  di  atti  e  documenti.    

               L’unico  limite  che  la  norma  pone  è  che  ciascuna  Autorità  non  può  chiedere  dati  e  notizie  relativi  a    

"

                       materie  che  rientrano  nella  sfera  di  competenza  dell’altra  Autorità.    

 

Articolo  10  Testo  Unico  della  Finanza    riguarda  la   vigilanza  ispettiva.  

!

-­‐Comma  1    la  Banca  d'Italia  e  la  Consob  possono  effettuare   ispezioni   e   richiedere   l'esibizione   dei   documenti   e  

!

il  compimento  degli  atti  ritenuti  necessari  presso  i  soggetti  abilitati.  

 

Articolo  11-­‐12  Testo  Unico  della  Finanza   riguarda   nozione  e  vigilanza  dei  gruppi  finanziari.  

!

Per  gruppi  finanziari  s’intendono  “gruppi  complessi  a  struttura  gerarchica”  con  una  “società  controllante”  che  

detiene   il   50%+1   dei   diritti   di   voto   (o   comunque   una   percentuale   rilevante   per   le   decisioni)   in   delle   “società  

controllate”.   Il   gruppo   dal   punto   di   vista   economico   è   un’unica   società,   ma   non   dal   punto   di   vista   giuridico   in  

quanto   non   presenta   un’unica   soggettività.   Il   gruppo   bancario   è   quello   alla   cui   sommità   c’è   una   banca;   quello  

finanziario  è  quello  alla  cui  sommità  vi  è  una  società  finanziaria  (può  esserci  una  SIM  o  un  SGR).  

 

Supponiamo  che  A  sia  una  società  controllante/capogruppo  (come  la  CONSOB  o  la  Banca  d’Italia)  di  alcune  società  controllate  X,  Y  e  

Z.  Se  A  dice  ad  X  di  tenere,  per  esempio,  un  certo  livello  di  solvibilità  causando  un  danno  a  X,   i  soci  di  X  (principali  coinvolti  in  tale  

danno)   possono   portare   in   tribunale   non   solo   gli   amministratori   di   X,   ma   anche   quelli   di   A,   a   certe   condizioni   però:   l’azione   nei  

confronti  degli  amministratori  di  x  deve  essere  stata  infruttuosa  (senza  un  ristoro  o  con  uno  parziale),   non  ci  devono  essere  stati  

 

vantaggi  compensativi:  cioè  non  ci  devono  essere  stati  utili  anche  per  le  altre  società  (Y  e  Z).  

 

 

 

 

 

 

 

Le   società  possono  adottare  tre  modelli  di  gestione  e  controllo  (modelli  di  corporate  governance):  

                       1)  Modello  Tradizionale  (italiano)    in  cui  l’assemblea  è  formata  da  amministratori  (uno  o  un  CDA),    

!

                               il   controllo  interno  è  affidato  a  un  collegio  sindacale,  quello   esterno  alla  revisione  legale  dei  conti.    

                             Si  ha  una  netta  separazione  di  competenze.  

                       2)  Modello  Dualistico  (tedesco)    in  cui  l’assemblea  è  formata  da  un  consiglio  di  gestione,  il    

!

                              controllo  interno  è  affidato  a  un  consiglio  di  sorveglianza,  quello   esterno  alla  revisione  legale  dei        

                             conti.    C’è  una  sorta  di  scissione  della  proprietà.  

                       3)   Modello  Monistico  (inglese)    presenta   un  unico  organo  il  che  risulta  un’efficiente  tattica  di    

!

                           risparmio,  ma  non  c’è  una  gerarchia.  L’assemblea  è  formata  dal  CDA  ,  in   controllo  interno  è  affidato    

                           a  un  comitato  per  il  controllo  sulla  gestione,  quello   esterno  è  affidato  alla  revisione  legale  dei  conti.  

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  3.  LA  DISCIPLINA  DEGLI  INTERMEDIARI:

 

ESPONENTI  AZIENDALI

 

 

Articolo   2382,   comma   1,   C.C.   non   può   essere   nominato   amministratore   (e   se   nominato   decade   dal   suo  

!  

ufficio)  l'interdetto,  l'inabilitato,  il  fallito,  o  chi  è  stato  condannato  ad  una  pena  che  importa  l'interdizione  dai  

pubblici  uffici.  Ci  sono  poi  cause  d’incompatibilità  (mancanza  di  tempo  ecc.).  

 

Articolo  13  Testo  Unico  della  Finanza    riguarda  gli   esponenti  aziendali.  

!

-­‐Comma  1  !  i  soggetti  che  svolgono  funzioni  di  amministrazione,  direzione  e  controllo  presso  Sim,  Sgr,  Sicav  e  

Sicaf  devono  essere   idonei  allo  svolgimento  dell'incarico.   1 2 3

-­‐Comma   2   gli   esponenti   devono   possedere   requisiti   di   professionalità ,   onorabilità   e   indipendenza ,  

!   4 5

soddisfare   criteri   di   competenza   e   correttezza,   dedicare   il   tempo   necessario   all'efficace   espletamento  

dell'incarico.  

1)   professionalità    anni  di  esperienza  all’interno  di  consigli  di  amministrazione,  direzionali  ecc...    

!

2)   onorabilità     implica  che  il  soggetto  non  abbia  mai  ricevuto  una  condanna   (o  richiesto  un  patteggiamento  della  pena).  

!

3)   indipendenza  !   nel  settore  assicurativo  (ciò  non  implica  che  sia  valido  anche  nel  settore  mobiliare)  per  indipendenza   s’intende  

compatibilità:  il  soggetto  non  deve  aver  avuto  alcun  tipo  di  legame   (familiare,   patrimoniale,   lavorativo,   economico,   finanziario...)  

con  quella  specifica  società  perché  ciò  andrebbe  a  intaccare  la  sua  autonomia  di  giudizio.  

4)   criteri    aggiunti  con  il   decreto  legislativo  del  12/05/15  .  

!

5)   competenza   il   legislatore   era   a   conoscenza   del   fatto   che   i   soggetti   fossero   comunque   sottostanti   alla   regola   del   diritto  

!  

societario   che   richiedeva   loro   la   diligenza   professionale   (specifica   per   quel   particolare   incarico)   e   non   quella   del   buon   padre   di  

famiglia  (diligenza  media  a  seconda  della  situazione);  quindi  non  si  capisce  il  suo  intento  nell’aggiungere  il  criterio  di  competenza.  

-­‐Comma  3    Il  Ministro  dell'economia  e  delle  finanze  individua:  

!

a)   requisiti  di  onorabilità  omogenei  per  tutti  gli  esponenti;  

b)   i  requisiti  di  professionalità  e  indipendenza,  graduati  secondo  principi  di  proporzionalità;  

c)   i  criteri  di  competenza  coerenti  con  la  carica  da  ricoprire;  

 d)   i  criteri  di  correttezza  per  gli  esponenti  delle  Sim;  

e)   i  limiti  al  cumulo  d’incarichi  per  gli  esponenti  delle  Sim,  graduati  secondo  principi  di   proporzionalità;  

f)   le  cause  che  comportano  la  sospensione  temporanea  dalla  carica  e  la  sua  durata.  

-­‐Comma  5    gli  organi  di  amministrazione  e  controllo  valutano  l'idoneità  dei  propri  componenti.    

!

In   caso   di   specifiche   e   limitate   carenze   riferite   ai   criteri   i   medesimi   organi   possono   adottare   misure   necessarie   a   colmarle.   Il   difetto  

d’idoneità  o  la  violazione  dei  limiti  al  cumulo  degli  incarichi  determina  la  decadenza  dall'ufficio;  questa  è  pronunciata  dall'organo  di  

appartenenza  entro  trenta  giorni  dalla  nomina  o  dalla  conoscenza  del  difetto  o  della  violazione  sopravvenuti.  

 

-­‐Comma   6   la   Banca   d'Italia   e   la   Consob   valutano   l'idoneità   degli   esponenti   e   il   rispetto   dei   limiti   al   cumulo  

!  

degli  incarichi,  anche  sulla  base  dell'analisi  compiuta  e  delle  eventuali  misure  adottate.  

 

Articolo  14  Testo  Unico  della  Finanza    riguarda  i   partecipanti  al  capitale.  

!

-­‐Comma  1    i  titolari  delle  partecipazioni  indicate  all'articolo  15  possiedono  requisiti  di   onorabilità  e  soddisfano  

!

criteri  di   competenza  e   correttezza  in  modo  da  garantire  la  sana  e  prudente  gestione  della  società.  

-­‐  Comma  2    il  Ministro  dell'economia  e  delle  finanze  individua:  

!

a)   i  requisiti  di  onorabilità;  

b)   i  criteri  di  competenza  graduati;  

c)   i  criteri  di  correttezza.   1

-­‐Comma   3   per   le   Sicav   e   le   Sicaf   si   fa   riferimento   alle   sole   azioni   nominative   e   le   disposizioni   al   comma   2  

!   2

stabiliscono  le  ipotesi  in  cui  tali  azioni  sono  considerate   come  azioni  al  portatore .  

1)   azioni  nominative   danno  un  voto  per  ogni  azione.  

!

2)   azioni  al  portatore    che  danno  un  voto  a  persona.  

!

-­‐Comma  5    qualora  non  siano  soddisfatti  i  requisiti  e  i  criteri  non  possono  essere  esercitati  i  diritti  di  voto  e  gli  

!

altri  diritti  che  consentono  di  influire  sulla  società.  

-­‐Comma  6    in  caso  d’inosservanza  del  divieto,  la  deliberazione  è   annullabile   (

! non  nullo  perché  si  presenta  un  vizio  di  

)  entro  90  giorni  se  il  voto  congelato  era  rilevante  ai  fini  dell’esito  della  votazione.    

procedimento,  non  di  contenuto

-­‐Comma  7   l'impugnazione  può  essere  proposta  anche  dalla  Banca  d'Italia  o  dalla  Consob  entro  180  giorni  dalla  

!

data  della  deliberazione.  

-­‐Comma  8  !  le  partecipazioni,  eccedenti  le  soglie  previste  dei  soggetti  privi  dei  requisiti  di  onorabilità  devono  

essere  alienate  entro  i   termini  stabiliti  dalla  Banca  d'Italia  o  dalla  Consob  (di  solito  4  mesi).  

              Partecipazioni  “a  monte”:  considerata  una  società,  sono  le  partecipazioni  della  stessa  che  un  altro  

"

                       soggetto  detiene.  La  vigilanza  in  questi  casi  vuole  controllare  che  il  soggetto  sia  tale  da  garantire  

                       la  sana  e  prudente  gestione  della  società.  

                       Partecipazioni  “a  valle”:  considerata  una  società  sono  le  partecipazioni  di  un  altro  soggetto  che  la            

                       stessa  detiene.  La  vigilanza  in  questi  casi  vuole  controllare  che  la  società  non  investa  in  un  

                       unico  settore  per  evitare  il  rischio  di  perdere  tutte  le  partecipazioni  in  una  volta.  

Articolo  15  Testo  Unico  della  Finanza    riguarda   l’acquisizione  e  cessione  di  partecipazioni.  

! 1 2

-­‐Comma   1     chiunque,   a   qualsiasi   titolo ,   intenda   acquisire   o   cedere,   direttamente   o   indirettamente ,   in   una  

!

Sim,   Sgr,   Sicav   o   Sicaf   una   partecipazione   che   comporta   il   controllo   o   la   possibilità   di   esercitare   un'influenza  

3

notevole  sulla  società  o  che  attribuisce  una  quota  dei  diritti  di  voto  o  del  capitale  almeno  pari  al  10% ,  tenuto  

conto   delle   azioni   o   quote   già   possedute,   deve   darne   preventiva   comunicazione   alla   Banca   d'Italia.   La  

comunicazione   preventiva   è   dovuta   anche   per   le   variazioni   delle   partecipazioni   quando   la   quota   dei   diritti   di  

voto  o  del  capitale  raggiunga  o  superi,  in  aumento  o  in  diminuzione,  il  20%,  30  %  o  50%  e,  in  ogni  caso,  quando  

le  variazioni  comportano  l'acquisizione  o  la  perdita  del  controllo  della  società.  

1)   a  qualsiasi  titolo    oneroso  o  gratuito  (successione  o  donazione).  

!

2)   indirettamente    tramite  società  fiduciarie,  società  controllate  o  attraverso  persona  interposta.  

!

3)   soglia  del  10  %    anche  meno  del  10%  se  si  raggiunge  comunque  una  soglia  di  rilevanza.  

!

-­‐Comma   2   la   Banca   d'Italia   può   vietare   entro   il   termine   stabilito   l'acquisizione   della   partecipazione   quando  

!  

ritenga  che  non  ricorrono  condizioni  atte  a  garantire  una  gestione  sana  e  prudente  dell'intermediario,  valutando  

la  qualità  del  potenziale  acquirente  e  la  solidità  finanziaria  del  progetto  di  acquisizione  in  base  ai  seguenti  criteri:  

la  reputazione  del  potenziale  acquirente;  l'idoneità  da  parte  di  coloro  che,  in  esito  all'acquisizione,  svolgeranno  

funzioni   di   amministrazione,   direzione   e   controllo;   la   solidità   finanziaria   del   potenziale   acquirente…   La   Banca  

d'Italia  può  fissare  un  termine  massimo  per  l'acquisizione  nonché  comunicare,  anche  prima  della  scadenza  del  

4  

termine,  che   nulla  osta  all'operazione.  

4)   nulla   osta   quindi   al   soggetto   non   è   richiesta   una   semplice   informazione,   ma   una   vera   e   propria  

!  

autorizzazione.  

-­‐Comma   3     gli   acquisti   e   le   cessioni   sono   comunicati  successivamente   ,   una   volta   avvenuti,   alla   Banca   d'Italia,  

!

alla  Consob  e  alla  società.  

 

 

Articolo  16  Testo  Unico  della  Finanza    riguarda  la  sospensione  del  diritto  di  voto  e  l’obbligo  di  alienazione.  

!

-­‐Comma  1    il  diritto  di  voto  e  gli  altri  diritti,  che  consentono  di  influire  sulla  società,  inerenti  alle  partecipazioni  

!

eccedenti   le   soglie   stabilite   non   possono   essere   esercitati   quando   non   siano   state   effettuate   le   comunicazioni  

previste.    

-­‐Comma   2   la   Banca   d'Italia,   anche   su   proposta   della   Consob,   può   in   ogni   momento   sospendere   il   diritto   di  

!  

voto  e  gli  altri  diritti,  che  consentono  di  influire  sulla  società,  inerenti  a  una  partecipazione  qualificata  in  una  Sim,  

in  una  società  di  gestione  del  risparmio,  in  una  Sicav  o  in  una  Sicaf,  quando  l'influenza  esercitata  dal  titolare  della  

partecipazione  possa  pregiudicarne  la  gestione  sana  e  prudente  o  l'effettivo  esercizio  della  vigilanza.    

 

 

Articolo  17  Testo  Unico  della  Finanza    riguarda  la  richiesta  d’informazioni  sulle  partecipazioni.  

!

-­‐Comma  1    La  Banca  d'Italia  e  la  Consob  possono  richiedere:  

!

a)   alle   Sim,   alle   Sgr,   alle   Sicav   e   alle   Sicaf,   l'indicazione   nominativa   dei   titolari   delle   partecipazioni   secondo  

quanto  risulta  dal  libro  dei  soci,  dalle  comunicazioni  ricevute  e  da  altri  dati  a  loro  disposizione;  

b)   alle   società   e   agli   enti   di   qualsiasi   l'indicazione   nominativa   dei   titolari   delle   partecipazioni   secondo   quanto  

risulta  dal  libro  dei  soci,  dalle  comunicazioni  ricevute  e  da  altri  dati  a  loro  disposizione;  

c)  agli  amministratori  delle  società  e  degli  enti  titolari  di  partecipazioni  nelle  Sim,  nelle  

Sgr,  nelle  Sicav  e  nelle  Sicaf,  l'indicazione  dei  soggetti  controllanti;  

d)   alle   società   fiduciarie   che   abbiano   intestato   a   proprio   nome   partecipazioni   in   società   le   generalità   dei  

fiducianti.   4.  SERVIZI  E  ATTIVITÀ  DI  INVESTIMENTO:  

NOZIONI  GENERALI  

 

L’esame  della  disciplina  dei  servizi  e  attività  d’investimento  richiede  che  si  delineino  due  specifiche  nozioni:  

1)   strumento  finanziario.  

2)   servizio  o  attività  d’investimento.  

 

 

 

1)   strumento  finanziario.  

La   nozione   di   strumento  finanziario   va   a   sostituire   la   precedente   nozione   di   “ valore  mobiliare”   (termine   riferito  

alla  disciplina  delle  attività  d’intermediazione  mobiliare  ,  introdotta  in  Italia  con  la  legge  n.  1/1991).  

 

 

Articolo  1  Testo  Unico  della  Finanza    

-­‐Comma   1-­‐bis.   per   “valori   mobiliari”   s’intendono   categorie   di   valori   che   possono   essere   negoziati   nel  

!  

mercato  dei  capitali,  quali  ad  esempio:  

a)  le  azioni  di  società  e  altri  titoli  equivalenti  ad  azioni  di  società,  di  partnership  o  di  altri   soggetti  e  certificati  di  

deposito  azionario;  

b)   obbligazioni;  

c)   qualsiasi  altro  titolo  normalmente  negoziato  che  permette  di  acquisire  o  di  vendere  i  valori  mobiliari  indicati  

alle  precedenti  lettere;  

d)   qualsiasi   altro   titolo   che   comporta   un   regolamento   in   contanti   determinato   con   riferimento   ai   valori  

mobiliari  indicati  alle  precedenti  lettere,  a  valute,  a  tassi  d’interesse,  a  rendimenti,  a  merci,  a  indici  o  a  misure.  

 

Poi   è   stata   introdotta   la   nozione   “chiusa”   (un   elenco   che   solo   il   Ministro   dell’economia   e   delle   finanze   può  

integrare  in  casi  speciali)    di  “ strumenti  finanziari”:  

-­‐Comma  2      per  " strumenti  finanziari"  s’intendono:  

!

I)  strumenti  finanziari  non  derivati  

a)   valori  mobiliari;  

b)   strumenti  del  mercato  monetario;  

c)   quote  di  un  OICR;  

II)  strumenti  finanziari  derivati  

a)  derivati  finanziari    contratti  che  prendono  alcuni  elementi  (tasso  di  interesse  o  la  valuta)  da  altri;  

!

b)  derivati  su  merci    contratti  che  hanno  come  sottostanti  “merci”,  ma  presentano  indici  di  finanziarietà;  

!

c)   derivati   esotici   (aggiunti   con   la   MiFID)     come   CDS   (credit   default   swap),   che   trasferiscono   su   un   altro  

!   !  

soggetto  il  rischio  di  credito;  

   caratteristica  dei  valori  mobiliari  e  degli  strumenti  finanziari  è  la  negoziabilità,  la  trasferibilità  da  un    

"

             soggetto  a  un  altro.  

   

Infine  gli  strumenti  finanziari  sono  stati  ampliati  in  una  categoria  ancora  più  grande:    i   prodotti  finanziari.  

-­‐Comma   1   u)   per   "prodotti   finanziari"   si   intendono:   gli   strumenti   finanziari   e   ogni   altra   forma   di  

!  

investimento   di   natura   finanziaria;   non   costituiscono   prodotti   finanziari   i   depositi   bancari   o   postali   non  

rappresentati  da  strumenti  finanziari.  

"  La  nozione  di  prodotto  finanziario  rileva  solo  per  l’appello  al  pubblico  risparmio.  Anche  le  index  e  le  

 

           unit  rientrano  nei  prodotti  finanziari  anche  se  sono  distribuiti  da  intermediari  di  assicurazioni.  

 

 

 

 

 

 

2)   servizi  o  attività  d’investimento.  

 

 

Articolo  1  Testo  Unico  della  Finanza    

-­‐Comma   5   per   servizi   e   attività   d’investimento   s’intendono   i   seguenti,   quando   hanno   per   oggetto  

!

strumenti  finanziari:        

a)   negoziazione  per  conto  proprio;  

b)   esecuzione  di  ordini  per  conto  dei  clienti;  

c)   sottoscrizione  e/o  collocamento  con  assunzione  a  fermo  (boat  deals)    quello  che  non  riesco  a  collocarti  te  

!

lo  acquisto  io)  o  con  assunzione  di  garanzia  nei  confronti  dell'emittente;  

c-­‐bis)   collocamento  senza  assunzione  a  fermo  né  assunzione  di  garanzia  nei  confronti  dell'emittente;  

d)   gestione  di  portafogli;  

e)   ricezione  e  trasmissione  di  ordini     l’intermediario   riceve   gli   ordini   dal   cliente   lo   trasmette   al   mercato   (è   un  

!

intervento  meno  invasivo).  

f)   consulenza   in   materia   d’investimenti   in   passato   era   un   servizio   principale   (serviva   l’autorizzazione   per  

!  

esercitarlo),  con  il  decreto  Eurosim  divenne  un  servizio  accessorio  per  poi  tornare  un’attività  principale  dopo  la  

Mifid.  

g)   gestione  di  sistemi  multilaterali  di  negoziazione.  

      sono   sedi   nelle   quali   possono   essere   negoziati   strumenti   finanziari,   hanno   delle   regole   ma   non   all’interno   di  

"

un  regolamento  (a  differenza  dei  mercati  regolamentari).    

 

-­‐Comma  5-­‐bis  !  per  "negoziazione   per   conto   proprio"  s’intende  l’attività   di   acquisto   e   vendita   di   strumenti  

finanziari,  in  contropartita  diretta  e  in  relazione  a  ordini  dei  clienti,  nonché  l’attività  di   market  maker.  

 

-­‐Comma  5-­‐ter  !  per  “internalizzatore  sistematico”  s’intende  il  soggetto  che  in  modo  organizzato,  frequente  e  

sistematico   negozia   per   conto   proprio   eseguendo   gli   ordini   del   cliente   al   di   fuori   di   un   mercato   regolamentato   o  

di  un  sistema  multilaterale  di  negoziazione.  

 

-­‐Comma  5-­‐quater    per  “ market  maker”   si  intende  il  soggetto  che  si  propone  sui  mercati  regolamentati  e  sui  

!

sistemi   multilaterali   di   negoziazione,   su   base   continua,   come   disposto   a   negoziare   in   contropartita   diretta  

acquistando  e  vendendo  strumenti  finanziari  ai  prezzi  da  esso  definiti.  

  2

-­‐Comma   5-­‐quinquies   Per   "gestione   di   portafogli"   s’intende   la   gestione,   su   base   discrezionale   e  

!  

3

individualizzata ,  di  portafogli  d’investimento  che  includono  uno  o  più  strumenti  finanziari  e  nell’ambito  di  un  

mandato  conferito  dai  clienti.  

2

discrezionale   il   soggetto   che   sottoscrive   ha   il   potere   di   decidere   la   composizione   del   portafoglio  

!  

(l’intermediario  su  base  del  mandato  può  agire  in  nome  dell’investitore).  

3

individualizzata !  ad  hoc  per  il  soggetto.  

 

 

-­‐Comma   5-­‐octies   per   "gestione   di   sistemi   multilaterali   di   negoziazione"   s’intende   la   gestione   di   sistemi  

!  

multilaterali  che  consentono  l’incontro,  al  loro  interno  e  in  base  a  regole  non  discrezionali,  di  interessi  multipli  

di  acquisto  e  di  vendita  di  terzi  relativi  a  strumenti  finanziari,  in  modo  da  dare  luogo  a  contratti  .  

 

-­‐Comma  6    per  " servizi  accessori"  s’intendono:  l a  custodia  e  amministrazione  di  strumenti  finanziari  e  relativi  

!

servizi  connessi;  la  locazione  di  cassette  di  sicurezza;  la  concessione  di  finanziamenti  agli  investitori  …    

             servono  da  aiuto  per  lo  svolgimento  di  un  servizio  principale.  

"

 

 

 

 

 

 

 

  5.  SERVIZI  E  ATTIVITÀ  DI  INVESTIMENTO:  

RISERVA  DI  ATTIVITÀ  E  ACCESSO  

 

Articolo  18  Testo  Unico  della  Finanza    riguarda  i   soggetti    riserva  di  attività  (anche  se  non  assoluta).  

! !

-­‐Comma   1   l'esercizio   professionale   nei   confronti   del   pubblico   dei   servizi   e   delle   attività   di   investimento   è  

!  

riservato  alle  imprese  di  investimento  e  alle  banche.  

-­‐Comma  2    le   Sgr  possono  prestare  nei  confronti  del  pubblico   gestione  di  portafogli  e   consulenza.  

!

-­‐Comma  3  !  gli  intermediari   finanziari   iscritti   nell'elenco   previsto   dall'articolo   106   del   testo   unico   bancario  

possono  esercitare  professionalmente  nei  confronti  del  pubblico   negoziazione  per  conto  proprio,   esecuzione  di  

ordini,  sottoscrizione  e  collocamento.  

     banche  e  società  assicurative  hanno  sempre  avuto  barriere  di  protezione  e  controlli,  con  la  legge  contro  

"

               il  riciclaggio  del  denaro  sporco  sono  stati  sottoposti  a  tali  controlli  anche  gli  altri  intermediari  finanziari.  

-­‐Comma   3-­‐bis   le   società   di   gestione   di   mercati   regolamentati   possono   essere   abilitate   alla   gestione   di  

!  

sistemi  multilaterali  di  negoziazione.  

-­‐Comma  4  !    Le  Sim  possono  prestare  professionalmente  nei  confronti  del  pubblico  i  servizi   accessori  e  altre  

attività  finanziarie,   nonché  attività  connesse  o  strumentali.  Sono  salve  le  riserve  di  attività  previste  dalla  legge.  

 

Articolo  19  Testo  Unico  della  Finanza    riguarda  l’autorizzazione.  

!

-­‐Comma   1   Consob,   sentita   la   Banca   d'Italia,   autorizza,   entro   6   mesi   dalla   presentazione   della   domanda,  

! la  

l'esercizio  dei  servizi  e  delle  attività  di  investimento  da  parte  delle  Sim,  se  ricorrono  le  seguenti  condizioni:  

a)   sia  adottata  la  forma  di  società  per  azioni;  

b)   la  denominazione  sociale  comprenda  le  parole  “società  di  intermediazione  mobiliare”;    

c)   la  sede  legale  e  la  direzione  generale  della  società  siano  situate  nel  territorio  della  Repubblica;  

d)   il  capitale  versato  non  sia  meno  di  quello  determinato  dalla  Banca  d'Italia   ;  

(Spa!50.000  Sim!in  base  all’attività)

e)   venga  presentato,  unitamente  all'atto  costitutivo  e  allo  statuto,  un  programma  concernente  l'attività  iniziale…  

la  banca  senza  l’autorizzazione  non  esiste  proprio;  la  SIM  esiste,  ma  non  può  esercitare  le  attività.  

             

"

-­‐Comma   2   l'autorizzazione   è   negata   quando   dalla   verifica   delle   condizioni   non   risulta   garantita   la   sana   e  

!  

prudente  gestione,  e  assicurata  la  capacità  dell’impresa  di  esercitare  correttamente  i  servizi  o  le  attività.  

  .

Articolo  7  (e  seguenti)  Regolamento  Intermediari    riguarda  la   domanda  di  autorizzazione  

!

Entro   10   giorni   la   Consob   deve   verificare   la   completezza   della   domanda   di   autorizzazione;   la   documentazione  

eventualmente  mancante  deve  essere  presentata  entro  90  giorni  dalla  ricezione  della  comunicazione.  Devono  essere  

verificati   tutti   i   requisiti   necessari   dei   partecipanti   al   capitale.   La   Consob   ha   120   giorni   per   decidere   sul   rilascio  

dell’autorizzazione   (il   silenzio   è   considerato   assenzo).   I   120   giorni   possono   anche   essere   sospesi,   quando   per   esempio  

la  Consob  richiede  maggiori  informazioni  e  l’autorizzazione  può  essere  negata,  se  per  la  Consob  non  viene  garantita  la  

sana   e   prudente   gestione.   Dopo   la   ricezione   dell’autorizzazione   si   hanno   12   mesi   di   tempo   per   iniziare   le   attività  

altrimenti  l’autorizzazione  decade.  Se  invece  le  attività  sono  state  interrotte  si  hanno  6  mesi  per  riprenderle  (pena  la  

decadenza).  

 

Articolo  20  Testo  Unico  della  Finanza    riguarda  l’albo.  

!

-­‐Comma  1    la  Consob  iscrive  in  un  apposito  albo  le  Sim  e  le  imprese  d’investimento  extracomunitarie.    

!

Le  imprese  d’investimento  comunitarie  sono  iscritte  in  un  apposito  elenco  allegato  all'albo.  

 

Articolo  26  Testo  Unico  della  Finanza    riguarda  le   succursali  e  libera  prestazione  di  servizi  di  Sim.  

!

-­‐Comma  1   le  Sim  possono  operare:  

!

a)  in  uno  Stato  comunitario,  anche  senza  stabilirvi  succursali;  

b)  in  uno  Stato  extracomunitario,  anche  senza  stabilirvi  succursali,  previa  autorizzazione  della  Banca  d'Italia.  

   

Articolo  27  Testo  Unico  della  Finanza    riguarda  le   imprese  d’investimento  comunitarie.  

!

Le  Sim  comunitarie  possono  stabilire  una  succursale  in  Italia,  previa  comunicazione  alla  Consob  dall’autorità  

 

competente  dello  Stato  d’origine.  La  Sim  può  iniziare  a  operare  dopo  2  mesi  dalla  comunicazione.

 

Articolo  28  Testo  Unico  della  Finanza    riguarda  le   imprese  d’investimento  extra-­‐comunitarie.  

!

Per   le   Sim   extracomunitarie   è   necessario   rispettare   tutti   i   requisiti   richiesti   (onorabilità,   ecc.);   è   necessaria   un  

autorizzazione  dalla  Consob  dove  non  vale  il  principio  del  mutuo  riconoscimento;  è  necessario  dimostrare  che  le  

Sim   extraeuropee   svolgono   nel   paese   di   origine   le   stesse   attriti   per   cui   richiedono   l’autorizzazione   in   Italia.   Le  

banche  vengono  regolate  dalle  regole  del  TUB.  

7.  SERVIZI  E  ATTIVITÀ  DI  INVESTIMENTO:  

REGOLE  DI  CONDOTTA  E  ORGANIZZAZIONE  INTERNA  

 

Per   esercitare   le   attività   viste   non   possono   essere   applicate   le   regole   di   condotta   del   contratto   del   diritto  

comune,  ma  sono  necessarie  delle   regole  aggiuntive  di  trasparenza  a  causa:  

1) della   pericolosità  degli  strumenti  maneggiati;  

2) delle   asimmetrie  informative.

 

Le  regole  aggiuntive  di  trasparenza  si  dividono  in:  

a)   regole  di  condotta  ( Art.  21-­‐22  TUF)  necessarie  prima  e  mentre  si  conclude  il  contratto.  

b)   regole  specifiche  per  i  contratti  ( Art.  23-­‐24  TUF).  

 

 

 

Articolo  21  Testo  Unico  della  Finanza    riguarda   i  criteri  generali  (di  comportamento).  

!

-­‐Comma  1    Nella  prestazione  dei  servizi  e  delle  attività  d’investimento  e  accessori  i  soggetti  abilitati  devono:  

!

a)   comportarsi  con  diligenza,  correttezza  e  trasparenza,  per  servire  al  meglio  l’interesse  dei  clienti;  

b)   acquisire  le  informazioni  necessarie  dai  clienti  e  operare  in  modo  che  essi  siano  sempre  informati;  

c)   utilizzare  comunicazioni  pubblicitarie  e  promozionali  corrette,  chiare  e  non  fuorvianti;  

d)   disporre  di  risorse  e  procedure  idonee  ad  assicurare  l’efficiente  svolgimento  dei  servizi  e  delle  attività.  

                 questa  disciplina  si  applica  solo  se  il  cliente  dell’intermediario  è  un  cliente  a  dettaglio,  non  con  

"

                           clienti  professionali  di  diritto  o  su  richiesta  (vedi  allegato  n.3).  

-­‐Comma  1 -­‐bis     gli  intermediari:  

!

a)  adottano   misure   ragionevoli   per   identificare   i   conflitti  d’interessi  che  potrebbero  insorgere  con  il  cliente  o  

fra   clienti,   e   li   gestiscono,   anche   adottando   idonee   misure   organizzative,   in   modo   da   evitare   che   incidano  

negativamente  sugli  interessi  dei  clienti     organizzazione  per  ridurre  al  minimo  i  conflitti.  

!

b)   informano  chiaramente  i  clienti   della  natura  e/o  le  fonti  dei  conflitti  di  interessi,  quando  le  misure  adottate  

non  sono  sufficienti  per  assicurare  di  evitare  il  rischio  di  nuocere  agli  interessi  dei  clienti   trasparenza.  

!

c)   svolgono  una  gestione  indipendente,  sana  e  prudente  e  adottano  misure  idonee  a  salvaguardare  i  diritti  dei  

clienti  sui  beni  affidati.  

 

Nella  disciplina  sulla  condotta  degli  intermediari  spiccano  alcune  regole  che  assumono  portata  “caratterizzante”:  

A)   adeguatezza   si   applica   solo   a   gestione   di   portafogli   e  

Articolo   39-­‐40   Regolamento   Intermediari  

!   !  

consulenza   in   materia   di   investimenti   ci   sono   due   regole   fondamentali.   Know   your   customers   rule:   è  

!  

necessario  che  l’intermediario  riceva  dal  cliente  delle  informazioni  in  merito  all’esperienza  (livello  d’istruzione,  la  

frequenza   cui   opera   sul   mercato,   servizi   con   il   quale   ha   dimestichezza),   alla   situazione   finanziaria   (reddito,  

patrimonio  complessivo,  impieghi  finanziari)  e  agli   obbiettivi   d’investimento  (per  quanto  tempo    vuole  detenere  

l’investimento,  le  sue  preferenze).   Know  your  merchandise  rule.  

Una   volta   avute   le   informazioni,   l’intermediario   inserisce   il   cliente   in   una   fascia   di   rischio   in   base   alla   quale  

potranno  essere  proposti  diversi  investimenti.  

B)   appropriatezza   riguarda   i   servizi   diversi   dalla   consulenza   e   la  

Articoli   41-­‐42   Regolamento   Intermediari  

!   !  

gestione  di  portafoglio    l’intermediario  chiede  al  cliente  di  fornire  le  informazioni  in  merito  alla  sua   esperienza  

!

e   conoscenza.  Dopo  l’intermediario  procede  alla   valutazione  dell’appropriatezza  del  cliente.    

Se   il   cliente   vuole,   può   effettuare   l’operazione   anche   se   sconsigliata   dal   consulente   (secondo   la   regola  

dell’adeguatezza  non  si  può  fare).  

C)   servizi   executive   only   regola   della   mera   esecuzione  

Articoli   43-­‐44   Regolamento   Intermediari  

!   !   !  

l’intermediario  è  esentato  dal  richiedere  le  informazioni  quando  tutte  le  seguenti  condizioni  sono  soddisfatte:  

-­‐  i  servizi  hanno  a  oggetto  strumenti  finanziari  “non  complessi”  (derivati,  esoterici...);  

-­‐  il  cliente  è  stato  chiaramente  informato  del  fatto  che  l’intermediario  non  è  tenuto  a  valutare  l’appropriatezza;  

-­‐  il  servizio  è  stato  prestato  a  iniziativa  del  cliente;  

-­‐  l’intermediario  rispetta  gli  obblighi  in  materia  di  conflitti  di  interessi.  

D)   best   execution   l’intermediario   deve   operare   al   meglio   applicata   nella   gestione   di   portafogli   e   nelle  

!   !  

negoziazioni   per   conto   di   terzi   con   l’applicazione   della   MiFID   è   stato   eliminato   l’obbligo   di   contrazione   di  

!  

scambi  (di  effettuare  tutte  le  operazioni  in  un  mercato  regolamentato).    

Si  pone  quindi  ora  il  problema  di  porre  delle  regole  per  ottenere  il  miglior  risultato  possibile  per  il  cliente.  

 

Art.   45   (e   seguenti)   Regolamento   Intermediari   riguarda   le   misure   per   l’esecuzione   degli   ordini   alle  

!  

condizioni  più  favorevoli  per  il  cliente.  

-­‐Comma   1   gli   intermediari   adottano   tutte   le   misure   ragionevoli   e   mettono   in   atto   meccanismi   efficaci   per  

!  

ottenere   il   miglior   risultato   possibile   per   i   loro   clienti,   avendo   riguardo   al   prezzo,   ai   costi,   alla   rapidità   e   alla  

probabilità  di  esecuzione,  alle  dimensioni,  alla  natura  dell'ordine  ...  

-­‐Comma  2    per  stabilire  l’importanza  dei  fattori,  gli  intermediari  tengono  conto  dei  seguenti  criteri:  

!

a)   caratteristiche  del  cliente,  compresa  la  sua  classificazione  come  cliente  al  dettaglio  o  professionale;  

b)   caratteristiche  dell’ordine  del  cliente;  

c)   caratteristiche  degli  strumenti  finanziari  che  sono  oggetto  dell’ordine;  

d)   caratteristiche  delle  sedi  di  esecuzione  alle  quali  l’ordine  può  essere  diretto.    

-­‐Comma  3    gli  intermediari  adottano  una  strategia  di  esecuzione  degli  ordini  finalizzata  a:  

!

a)  individuare  le  sedi  di  esecuzione  che  permettono  di  ottenere  il  miglior  risultato  possibile  per  l'esecuzione  

degli  ordini  del  cliente;  

b)   orientare  la  scelta  tra  quelle  sedi  di  esecuzione.  

Per  il  cliente  al  dettaglio  la  Consob  aggiunge  ulteriori  discipline  a  quelle  già  adottate.    

Se  il  cliente  dà  delle  informazioni  specifiche,  invece,  l’intermediario  deve  attenersi  a  quanto  dice  il  cliente.  Prima  

di   operare   al   di   fuori   di   un   mercato   regolamentato   e   di   un   sistema   multiplo   di   negoziazione   deve   informare   il  

cliente  di  queste  opportunità  e  questi  deve  dare  il  suo  consenso  esplicito.    

La  regola  della  best  execution  deve  essere    seguita  anche  nella  trasmissione  degli  ordini.  

L’intermediario  deve  gestire  gli  ordini  che  riceve  dai  clienti  garantendo  rapidità,  efficienza  e  correttezza.  

 

 

Articolo  22  Testo  Unico  della  Finanza    riguarda  la   separazione  patrimoniale.  

!

-­‐Comma   1   nella   prestazione   dei   servizi   d’investimento   e   accessori   gli   strumenti   finanziari   e   le   somme   di  

!  

denaro  dei  singoli  clienti,  a  qualunque  titolo  detenuti  dall'impresa  d’investimento,  dalla  Sgr,  dalla  società  di  

gestione   UE;   nonché   gli   strumenti   finanziari   dei   singoli   clienti   a   qualsiasi   titolo   detenuti   dalla   banca,  

costituiscono  patrimonio  distinto  a  tutti  gli  effetti  da  quello  dell'intermediario  e  da  quello  degli  altri  clienti.    

Su   tale   patrimonio   non   sono   ammesse   azioni   dei   creditori   dell'intermediario,   i   creditori   dei   clienti   invece  

possono  intraprendere  azioni  contro  il  patrimonio.  

-­‐Comma   3   tutti   questi   operatori     non   possono   utilizzare,   nell'interesse   proprio   o   di   terzi,   gli   strumenti  

!  

finanziari  e  le  liquidità  di  pertinenza  dei  clienti;  salvo  consenso  scritto  (solo  per  gli  strumenti  finanziari).  

 

 

Articolo  23  Testo  Unico  della  Finanza    riguarda  i   contratti   ( la  trasparenza  contrattuale).  

!

-­‐Comma  1  !  contratti  relativi  alla  prestazione  dei  servizi  d’investimento  (escluso  il  servizio  di  cui  all’articolo  1,  

comma  5,  lettera   f),  e,  se  previsto,  i  contratti  relativi  alla  prestazione  dei  servizi  accessori  sono  redatti  per  iscritto  

e  un  esemplare  è  consegnato  ai  clienti,  altrimenti  il  contratto  è  nullo.    

Se  le  regole  di  comportamento  non  vengono  rispettate  il  contratto  è  annullabile;  nel  caso  di  contratto  nullo,  il  

cliente  può  decidere  di  farlo  valere.  

-­‐Comma   4   le   disposizioni   di   trasparenza   bancaria   non   si   applicano   ai   servizi   e   attività   d’investimento,   al  

!  

collocamento  di  prodotti  finanziari.  

-­‐Comma   6   nei   giudizi   di   risarcimento   dei   danni   cagionati   al   cliente   nello   svolgimento   dei   servizi  

!  

d’investimento  e  di  quelli  accessori,  spetta  ai  soggetti  abilitati  l'onere  della  prova  di  aver  agito  con  la  specifica  

diligenza  richiesta  (inversione  dell’onore  della  prova).  

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  ALLEGATO  N.  3  AL  REGOLAMENTO  INTERMEDIARI:  

CLIENTI  PROFESSIONALI  PRIVATI  

 

Un   cliente   professionale   è   un   cliente   che   possiede   l’esperienza,   le   conoscenze   e   la   competenza   necessarie   per  

prendere  consapevolmente  le  proprie  decisioni  in  materia  d’investimenti  e  per  valutare  correttamente  i  rischi.    

 

Clienti  professionali  di  diritto:    

1)   soggetti   che   possono   essere   autorizzati   o   regolamentati   per   operare   nei   mercati   finanziari   (italiani   o   esteri):  

banche;   imprese   d’investimento;   altri   istituti   finanziari;   imprese   di   assicurazione;   OICR   e     le   loro   società   di  

gestione;  fondi   pensione   e   società   di   gestione   di   tali   fondi;   negoziatori   per   conto   proprio   di   merci   e   strumenti   derivati  

su  merci;  agenti  di  cambio.  

2)  le   imprese  di  grandi  dimensioni  che  presentano  almeno  due  dei  seguenti  requisiti  dimensionali:    

totale  di  bilancio:  20  000  000  EUR,  fatturato  netto:  40  000  000  EUR,  fondi  propri:  2  000  000  EUR.    

3)   gli  investitori  istituzionali  la  cui  attività  principale  è  investire  in  strumenti  finanziari.    

-­‐   i   soggetti   elencati   possono   richiedere   al   prestatore   del   servizio   un   trattamento   quale   cliente   al   dettaglio   e   gli  

intermediari  possono  convenire  di  fornire  loro  un  livello  più  elevato  di  protezione.    

-­‐   quando   il   cliente   è   un'impresa,   l’intermediario   deve   informarla   prima   di   qualunque   prestazione   di   servizi   che   essa  

viene  considerata  di  diritto  un  cliente  professionale  e  verrà  trattata  come  tale  a  meno  che  l’intermediario  e  il  cliente  

convengano  diversamente.    

-­‐  l’intermediario  deve  inoltre  informare  il  cliente  del  fatto  che  può  richiedere  una  modifica  dei  termini  dell'accordo  per  

ottenere  un  maggior  livello  di  protezione.    

A  tal  fine,  i  clienti  considerati  professionali  di  diritto  concludono  un  accordo  scritto  con  il  prestatore  del  servizio  che  

stabilisca  i  servizi,  le  operazioni  e  i  prodotti  ai  quali  si  applica  il  trattamento  quale  cliente  al  dettaglio.    

 

Clienti  professionali  su  richiesta:   i  clienti  diversi  da  quelli  inclusi  sopra  che  fanno  espressa  richiesta  di  essere  trattati  

come  clienti  professionali.  Devono  comunque  essere  rispettati  i  criteri  e  le  procedure  menzionati  di  seguito.  

Criteri:  

-­‐  non  è  comunque  consentito  presumere  che  tali  clienti  possiedano  conoscenze  ed  esperienze  di  mercato  comparabili  

agli  altri  clienti  professionali.    

-­‐   la   disapplicazione   di   regole   di   condotta   previste   per   la   prestazione   dei   servizi   nei   confronti   dei   clienti   non  

professionali   è   consentita   quando   l’intermediario   possa   ragionevolmente   ritenere   che   il   cliente   sia   in   grado   di  

adottare   consapevolmente   le   proprie   decisioni   in   materia   di   investimenti   e   di   comprendere   i   rischi   che   assume   (il  

possesso   dei   requisiti   di   professionalità   previsti   per   dirigenti   e   amministratori   dei   soggetti   autorizzati   può   essere  

considerato  come  un  riferimento  per  valutare  la  competenza  e  le  conoscenze  del  cliente).    

-­‐  nel  corso  della  predetta  valutazione,  devono  essere  soddisfatti  almeno  due  dei  seguenti  requisiti:    

1)   il  cliente  ha  effettuato  operazioni  di  dimensioni  significative  sul  mercato  in  questione  con  una    frequenza  media  

di  10  operazioni  al  trimestre  nei  quattro  trimestri  precedenti;      

2)   il  suo  valore  del  portafoglio  di  strumenti  finanziari,  inclusi  i  depositi  in  contante,  deve  superare  500.000  EUR;    

3)   il   cliente   lavora   o   ha   lavorato   nel   settore   finanziario   per   almeno   un   anno   in   una   posizione   professionale   che  

presupponga  la  conoscenza  delle  operazioni  o  dei  servizi  previsti.      

-­‐   in   caso   di   persone   giuridiche,   la   valutazione   di   cui   sopra   è   condotta   con   riguardo   alla   persona   autorizzata   ad  

effettuare  operazioni  per  loro  conto  e/o  alla  persona  giuridica  medesima.      

Procedura:  

I)  i  clienti  devono  comunicare  per  iscritto  all’intermediario  che  desiderano  essere  trattati  come  clienti  professionali,  a  

titolo  generale  o  rispetto  ad  un  particolare  servizio  od  operazione  di  investimento  o  tipo  di  operazione  o  di  prodotto;  

 II)   l’intermediario   deve   avvertire   i   clienti,   in   una   comunicazione   scritta   e   chiara,   di   quali   sono   le   protezioni   e   i   diritti   di  

indennizzo  che  potrebbero  perdere;    

 III)   i   clienti   devono   dichiarare   per   iscritto,   in   un   documento   separato   dal   contratto,   di   essere   a   conoscenza   delle  

conseguenze  derivanti  dalla  perdita  di  tali  protezioni.      

Prima  di  decidere  di  accettare  richieste  di  rinuncia  a  protezione,  devono  essere  adottate  tutte  le  misure  ragionevoli  

per  accertarsi  che  il  cliente  che  chiede  di  essere  considerato  cliente  professionale  soddisfi  i  requisiti  indicati.      

Gli  intermediari  devono  adottare  per  iscritto  misure  interne  appropriate  per  classificare  i  clienti.    

Spetta  ai  clienti  professionali  informare  il  prestatore  del  servizio  di  eventuali  cambiamenti  che  potrebbero  influenzare  

la   loro   attuale   classificazione.   Se   tuttavia   l’intermediario   constata   che   il   cliente   non   soddisfa   più   le   condizioni  

necessarie  per  ottenere  il  trattamento  riservato  ai  clienti  professionali,  deve  adottare  provvedimenti  appropriati.      

8.  SERVIZI  E  ATTIVITÀ  DI  INVESTIMENTO:  

LE  SPECIFICITÀ    

 

Articolo  24  Testo  Unico  della  Finanza    riguarda  la   gestione  di  portafogli.  

!

-­‐Comma  1    al  servizio  di  gestione  di  portafogli  si  applicano  le  seguenti  regole:  

!

a)   il  cliente  può  impartire  istruzioni  vincolanti  in  ordine  alle  operazioni  da  compiere;  

b)   il  cliente  può  recedere  in  ogni  momento  dal  contratto;  

c)   la   rappresentanza   per   l'esercizio   dei   diritti   di   voto   inerenti   agli   strumenti   finanziari,   può   essere   conferita  

all'impresa  d’investimento,  alla  banca  o  alla  Sgr  con  procura  da  rilasciarsi  per  iscritto.  

-­‐Comma   2!   sono   nulli   i   patti   contrari   alle   disposizioni   del   presente   articolo;   la   nullità   può   essere   fatta   valere  

solo  dal  cliente.  

 

 

Articolo  25  Testo  Unico  della  Finanza    riguarda   l’attività  di  negoziazione  nei  mercati  regolamentati.  

!

-­‐Comma  1!  le  Sim  e  le  banche  italiane  autorizzate  all'esercizio  dei  servizi  e  attività  di  negoziazione  per  conto  

proprio  e  di  esecuzione  di  ordini  per  conto  dei  clienti  possono  operare  nei   mercati   regolamentati   italiani,  nei  

mercati  comunitari  e  nei   mercati  extracomunitari  riconosciuti  dalla  Consob.    

Le   imprese   d’investimento   comunitarie   ed   extracomunitarie   e   le   banche   comunitarie   ed   extracomunitarie  

autorizzate  all'esercizio  dei  medesimi  servizi  e  attività  possono  operare  nei   mercati  regolamentati  italiani.  

-­‐Comma  2    possono  accedere  ai  mercati  regolamentati  altri  soggetti  alle  seguenti  condizioni:  

!

a)   soddisfano  i  requisiti  di  onorabilità  e  professionalità;  

b)   dispongono  di  un  livello  sufficiente  di  competenza  e  capacità  di  negoziazione;  

c)   dispongono  di  adeguati  dispositivi  organizzativi;  

d)   dispongono  di  risorse  sufficienti  per  il  ruolo  che  devono  svolgere.  

 

 

Articolo   25-­‐bis   Testo   Unico   della   Finanza  !  riguarda  i  prodotti   finanziari   emessi   da   banche   e   da   imprese   di  

assicurazione.  

-­‐Comma  1  !  gli  articoli  21  e  23  si  applicano  alla  sottoscrizione  e  al  collocamento  di  prodotti  finanziari  emessi  

da  banche  e  da  imprese  di  assicurazione.    

-­‐Comma   2   la   Consob   esercita   sui   soggetti   abilitati   e   sulle   imprese   di   assicurazione   i   poteri   di   vigilanza  

!  

regolamentare,  informativa  e  ispettiva.    

-­‐Comma   3   il   collegio   sindacale,   il   consiglio   di   sorveglianza   o   il   comitato   per   il   controllo   sulla   gestione   delle  

!  

imprese   di   assicurazione   informa   senza   indugio   la   Consob   di   tutti   gli   atti   o   i   fatti,   di   cui   venga   a   conoscenza  

nell'esercizio   dei   propri   compiti,   che   possano   costituire   una   violazione   delle   norme   di   cui   al   presente   capo  

ovvero  delle  disposizioni  generali  o  particolari  emanate  dalla  Consob.    

-­‐Comma  4    i  soggetti  incaricati  della  revisione  legale  dei  conti  delle  imprese  di  assicurazione  comunicano  senza  

!

indugio   alla   Consob   gli   atti   o   i   fatti,   rilevati   nello   svolgimento   dell'incarico,   che   possano   costituire   una   grave  

violazione   delle   norme   di   cui   al   presente   capo   ovvero   delle   disposizioni   generali   o   particolari   emanate   dalla  

Consob.    

-­‐Comma  5  !  i  commi  3  e  4  si  applicano  anche  all'organo  che  svolge  funzioni  di  controllo  e  ai  soggetti  incaricati  

della   revisione   legale   dei   conti   presso   le   società   che   controllano   l'impresa   di   assicurazione   o   che   sono   da   queste  

controllate.  

-­‐Comma  6    l'Ivass  e  la  Consob  si  comunicano  reciprocamente  le  ispezioni  da  ciascuna  disposte  sulle  imprese  di  

!

assicurazione.  Ciascun’autorità  può  chiedere  all'altra  di  svolgere  accertamenti  su  aspetti  di  propria  competenza.    

 

 

Articolo  1,  comma  1,punto  w-­‐bis  Testo  Unico  della  Finanza    !  per  "prodotti  finanziari  emessi  da  imprese  di  

assicurazione"  si  intendono  :  le  polizze  vita  (index  linked  !  legate  a  determinati  indici;  unit  linked  !  legate  a  

determinate  quote)  e  le  operazioni  di  capitalizzazione.    

 

 

Articolo  30  Testo  Unico  della  Finanza    riguarda  l’offerta  fuori  sede.  

!

-­‐Comma   1   per   offerta   fuori   sede   s’intendono   la   promozione   e   il   collocamento   (alcuni   sostengano   per  

!  

collocamento  s’intendano  servizi  generali,  non  quindi  inteso  come  termine  tecnico)   presso  il  pubblico:    

a)     di   strumenti   finanziari   in   luogo   diverso   dalla   sede   legale   o   dalle   dipendenze   dell'emittente,   del   proponente  

l'investimento  o  del  soggetto  incaricato  della  promozione  o  del  collocamento;  

b)     di   servizi   e   attività   d’investimento   in   luogo   diverso   dalla   sede   legale   o   dalle   dipendenze   di   chi   presta,  

promuove  o  colloca  il  servizio  o  l’attività.      

-­‐Comma  2    non  costituisce  offerta  fuori  sede:      

!

a)   l'offerta  effettuata  nei  confronti  di  clienti  professionali;    

b)   l'offerta   di   propri   strumenti   finanziari   rivolta   ai   componenti   del   consiglio   di   amministrazione   o   del   consiglio   di  

gestione,   ai   dipendenti,   nonché   ai   collaboratori   non   subordinati   dell'emittente,   della   controllante   o   delle   sue  

controllate,  effettuata  presso  le  rispettive  sedi  o  dipendenze.    

-­‐Comma  3    l'offerta  fuori  sede  di  strumenti  finanziari  può  essere  effettuata:    

!

a)   dai   soggetti  autorizzati  alla  sottoscrizione  e/o  al  collocamento;  

b)   dalle   Sgr,   società  di  gestione  UE,  le   Sicav,  le   Sicaf,  i   GEFIA  UE  e   non  UE,  limitatamente  a  quote/azioni  di  Oicr.    

-­‐Comma   6     l'efficacia   dei   contratti   di   collocamento   di   strumenti   finanziari   o   di   gestione   di   portafogli  

!  

individuali   conclusi   fuori   sede   è   sospesa  per  la  durata  di  sette  giorni  decorrenti  dalla  data  di  sottoscrizione  da  

parte   dell'investitore.   Entro   detto   termine   l'investitore   può   comunicare   il   proprio   recesso   senza   spese   né  

corrispettivo  al  consulente  finanziario;  tale  facoltà  è  indicata  nei  moduli  o  formulari  consegnati  all'investitore.    

Per   i   contratti   sottoscritti   a   decorrere   dal   1°   settembre   2013   la   medesima   disciplina   si   applica   anche   alla  

negoziazione  per  conto  proprio.  

-­‐Comma  7  !  l'omessa  indicazione  della  facoltà  di  recesso  nei  moduli  o  formulari  comporta  la  nullità  dei  relativi  

contratti,  che  può  essere  fatta  valere  solo  dal  cliente.    

-­‐Comma  8    il  comma  6  non  si  applica  alle  offerte  pubbliche  di  vendita  o  di  sottoscrizione  di  azioni  con  diritto  di  

!

voto  o  di  altri  strumenti  finanziari  che  permettano  di  acquisire  o  sottoscrivere  tali  azioni,  purché  le  azioni  o  gli  

strumenti  finanziari  siano  negoziati  in  mercati  regolamentati  italiani  o  di  paesi  dell'Unione  Europea.    

-­‐Comma   9   il   presente   articolo   si   applica   anche   ai   prodotti   finanziari   diversi   dagli   strumenti   finanziari   e   ai  

!  

prodotti  finanziari  emessi  da  imprese  di  assicurazione.    

 

Articolo  31  Testo  Unico  della  Finanza    riguarda  i   consulenti  finanziari  abilitati  all'offerta  fuori  sede.  

!

-­‐Comma   1     gli   intermediari   di   competenza   si   avvalgono   di   consulenti   finanziari   (prima   si   chiamavano  

!  

promotori  finanziari)   abilitati  all'offerta  fuori  sede,  che  sono  equiparati  a  una  succursale  costituita  nel  territorio  

della  Repubblica.    

-­‐Comma   2   è   consulente   finanziario   abilitato   all'offerta   fuori   sede   la   persona   fisica   che   esercita  

!  

professionalmente   l'offerta   fuori   sede   come   dipendente,   agente   o   mandatario.   Tale   attività   è   svolta  

esclusivamente  nell'interesse  di  un  solo  soggetto.    

-­‐Comma   3   il   soggetto   abilitato   che   conferisce   l'incarico   è   responsabile   in   solido   dei   danni   (anche   in   sede  

!  

penale)  arrecati  a  terzi  dal  consulente  finanziario  abilitato  all'offerta  fuori  sede.    

-­‐Comma  4    è  istituito  l’albo  unico  dei  consulenti  finanziari,  articolato  in  sezioni  territoriali.    

!

-­‐Comma   5     il   Ministro   dell’economia   e   delle   finanze,   con   regolamento   adottato   sentita   la   Consob,   determina   i  

!

requisiti  di  onorabilità  e  di  professionalità  per  l'iscrizione  all'albo.    

-­‐Comma  6    la  Consob  determina,  con  regolamento,  i  principi  e  i  criteri  relativi:    

!

a)     alla  formazione  dell'albo  e  alle  relative  forme  di  pubblicità;      

b)     ai   requisiti   di   rappresentatività   delle   associazioni   professionali   dei   consulenti   finanziari   abilitati   all'offerta  

fuori  sede  e  dei  soggetti  abilitati;      

c)     all'iscrizione  all'albo  e  alle  cause  di  sospensione,  di  radiazione  e  di  riammissione;      

d)     alle  cause  d’incompatibilità;      

e)     ai  provvedimenti  cautelari  e  alle  sanzioni;      

g)     alle  regole  di  presentazione  e  di  comportamento  che  i  consulenti  finanziari  devono  osservare  con  la  clientela;    

h)     alle  modalità  di  tenuta  della  documentazione  concernente  l'attività  svolta;      

l)   alle  modalità  di  aggiornamento   professionale  dei  consulenti  finanziari  abilitati  all'offerta  fuori  sede.    

 

-­‐Comma   7   la   Consob può   chiedere   ai   consulenti   finanziari   abilitati   all'offerta   fuori   sede   o   ai   soggetti   che   si  

!  

avvalgono   di   consulenti   finanziari   abilitati   all'offerta   fuori   sede   la   comunicazione   di   dati   e   notizie   e   la  

trasmissione   di   atti   e   documenti   fissando   i   relativi   termini.  Essa  può  inoltre  effettuare   ispezioni   e   richiedere  

l'esibizione  di  documenti  e  il  compimento  degli  atti  ritenuti  necessari.    

Articolo  32  Testo  Unico  della  Finanza     riguarda   la   promozione  e  collocamento  a  distanza  di  servizi  e  attività  

!

d’investimento  e  strumenti  finanziari.  

-­‐Comma   1   per   tecniche   di   comunicazione   a   distanza   s’intendono   le   tecniche   di   contatto   con   la   clientela,  

!  

diverse   dalla   pubblicità,   che   non   comportano   la   presenza   fisica   e   simultanea   del   cliente   e   del   soggetto  

offerente.    

-­‐Comma  2  !  la  Consob,  sentita  la  Banca  d'Italia,  disciplina  con  regolamento  la  promozione  e  il  collocamento  

mediante  tecniche  di  comunicazione  a  distanza  di  servizi  e  attività  d’investimento  e  di  prodotti  finanziari.    

Articolo  79  Regolamento  Intermediari    riguarda  i   soggetti.  

!

-­‐Comma  1  !  le  SIM,  le  imprese  di  investimento  comunitarie  con  succursale  in  Italia,  le  imprese  di  investimento  

extracomunitarie,   le   banche   italiane   e   extracomunitarie,   le   banche   comunitarie   con   succursale   in   Italia   e   la  

società   Poste   Italiane   -­‐Divisione   Servizi   di   Banco   Posta   autorizzata   (autorizzate   allo   svolgimento   di  

sottoscrizione  e  collocamento),  gli  intermediari  finanziari  iscritti  nell'elenco  previsto  dall'articolo  107  del  decreto  

legislativo   1°   settembre   1993   (autorizzati   alla   prestazione   del   medesimo   servizio),   possono   procedere   alla  

promozione   e   al   collocamento   mediante   tecniche   di   comunicazione   a   distanza   di   prodotti   finanziari   nonché   di  

servizi  e  attività  d’investimento  prestati  da  altri  intermediari.    

-­‐Comma   2  !  le  SIM,  le  imprese  d’investimento  comunitarie  con  succursale  in  Italia  e  le  imprese  d’investimento  

extracomunitarie  possono  procedere  alla  promozione  e  al  collocamento  mediante  tecniche  di  comunicazione  a  

distanza  anche  dei  prodotti  e  servizi  di  cui  all'articolo  78,  comma  3.    

 

Articolo  32-­‐bis  Testo  Unico  della  Finanza    riguarda  la   tutela  degli  interessi  collettivi  degli  investitori.  

!

-­‐Comma  1  !  le  associazioni  dei  consumatori  inserite  nell’elenco  di  cui  all’articolo  137  del  decreto  legislativo  6  

settembre   2005,   n.   206,   sono   legittimate   ad   agire   per   la   tutela   degli   interessi   collettivi   degli   investitori,  

connessi  alla  prestazione  di  servizi  e  attività   d’investimento  e  di  servizi  accessori  e  di  gestione  collettiva  del  

risparmio,  nelle  forme  previste  dagli  articoli  139  e  140  del  predetto  decreto  legislativo.    

 

Articolo  32-­‐ter  Testo  Unico  della  Finanza    riguarda  la    risoluzione  stragiudiziale  di  controversie.  

!

-­‐Comma   1   ai   fini   della   risoluzione   stragiudiziale   di   controversie   sorte   fra   investitori   e   soggetti   abilitati   e  

!  

relative   alla   prestazione   di   servizi   e   di   attività   d’investimento   e   di   servizi   accessori   e   di   gestione   collettiva   del  

risparmio,   trovano   applicazione   le   procedure   di   conciliazione   e   arbitrato   definite   ai   sensi   dell’articolo   27   della  

legge   28   dicembre   2005,   n.   262.   Fino   all’istituzione   di   tali   procedure,   si   applica   l’articolo   141   del   decreto  

legislativo  6  settembre  2005,  n.  206.  

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  DISCIPLINA  DELLA  TUTELA  

DELL’INVESTITORE  PER  GLI  FINANZIARI  

 

(conferenza  Prof.ssa  Salerno  20/04/2016)  

 

Ambito  oggettivo     obblighi  informativi  e  regole  di  condotta.  

!

Ragione     asimmetria  informativa.  

!

Ratio   la   vulnerabilità   del   cliente,   aumentando   la   respnsabilità   dell’intermediario   (proporzionata   al  

!ridurre  

suo  potere  nei  confronti  del  cliente).  

 

 

La   prima   direttiva   giunta   a   questo   scopo   è   stata   la   Direttiva   93/22   ISD   che   tende   all’armonizzazione   minima  

delle  regole  di  accesso  al  mercato  mobiliare  attraverso  il   mutuo  riconoscimento  (libertà  di  stabilimento  e  libertà  

di  prestazione  di  servizi)  e  l’home  country  controll.  Individua  la  protezione  del  cliente  come  obbiettivo  insieme  

alla  stabilità  e  alla  funzionalità  del  sistema  e  la  necessità  di   obblighi  informativi.  

 

Questi  obblighi  informativi  sono  stati  specificati  nel  2004  dalla   MIFID  che  si  articola  in  vari  livelli:  

o

1  livello)   Mifid  +  regolamento;  

o  

2 livello)   normativa   di   dettaglio   fatta   dalla   Commisssione   Europea   sotto   controllo   dell’Esma   specifica   gli  

!  

implementive  stardards  e  i  tecnical  standards;  

o

3  livello)   guide  lines.  

Si  hanno  obblighi  diversi  in  base  alla   tipologia  dei  clienti  e  ai   tipi  di  servizi.  

Abbiamo  tre  tipi  di  clientela:  

-­‐  clienti  al  dettaglio    che  necessitano  maggiormente  di  protezioni  e  diritti;    

!

-­‐  clienti  professionali    che  necessitano  di  livelli  inferiori  di  protezione;  

!

-­‐  clienti  qualificati    lasciati  liberi.  

!

In  base  ai  tipi  di  servizi  abbiamo  la  suitability  rule  per  trovare  il  servizio  più  adeguato  al  cliente:  

-­‐   adeguatezza   si   applica   solo   a   gestione   di   portafogli   e   consulenza   know   your   custmer   (esperienza,  

!   !  

situazione   patrimoniale,   obbiettivi   di   investimento);   know   your   merchandaise/product   rule   (rischiosità   e   a  

quale  tipologia  di  cliente  esso  è  stato  destinato  dal  produttore).  

-­‐   appropriatezza!   si   applica   solo   a   strumenti   diversi   da   gestione   di   portafogli   e   consulenza   valuta   solo  

!  

conoscenza  e  esperienza  del  cliente,  senza  imporre  niente  al  cliente.    

-­‐  execution  only!  non  si  richede  nessuna  informazione  al  cliente  in  presenza  di  certe  condizioni.  

 

 

La  crisi  finanziaria  ha  messo  in  evidenza  le  falle  di  questo  sistema  che  è  basato  solo  su  regole  di  trasparenza.  

Nel  2014  viene  emanata  la   Mifid  2  articolata  in  vari  livelli:  

o

1  livello)   Direttiva  2014/65  +   Regolamento  2014/600  (MIFIR);  

o

2  livello)  Poi  l’ESMA  ha  già  dato  informazioni  sulla   normativa  di  dettaglio;  

o

3  livello)   guide  lines    competenza  dello  stuff,  prodotti  complessi…  

!

 

Le  novità  si  trovano  in  materia  di:  

a)   product  regulation    le  norme  riguardo  la  product  regolation  si  articolano  a  loro  volta  in  tre  gruppi:  

!

-­‐   product  governance  e  product  life  cicle    

Vediamo  le  fasi  della  “vita”  di  un  prodotto  finanziario:  

I  fase)  ideazione  del  prodotto:  si  necessita  un  processo  di  di  approvazione  del  prodotto.  Le  autorità  di  vigilanza  

hanno   la   possibilità   di   imporre   sanzioni   alle   iprese   di   investimento   riguardo   a   tale   processo.   Si   ha   quindi   il  

pericolo  che  le  autorità  di  vigilanza  si  inseriscano  in  questo  processo  (dato  che  non  sono  ancora  arrivate  norme  

specifiche).  

II   fase)   distribuzione:   il   distributore   non   può   distribuire   il   prodotto   a   soggetti   diversi   da   quelli   individuati   dal  

produttore.  

III  fase)   fase  post  distribuzione  

 

 

 

-­‐prodotti  complessi  

Sono   gli   strumenti   che   hanno   una   struttura   tale   da   rendere   icomprensibile   per   il   cliente   il   rischio   associato   a   tali  

prodotti.   La   MIFID   2   specifica   (in   un   elenco   aperto)   i   prodotti   non   complessi   poi   toglierà   i   fondi   strutturati   e   i  

depositi  strutturati.  

-­‐product  intervention  

Sono   norme   contenute   nel   MIFIR.   Le   autorità   ora   possono   fare   interventi   ex   post,   ma   anche   ex   ante   sulla  

commercializzazione   di   un   prodotto.   Il   pericolo   è   sempre   quello   di   ampliare   troppo   le   facoltà   delle   autorità   di  

vigilanza.  

 

b)  consulenza  !  si  tratta  intanto  di  consigli  e  raccomandazioni  specifiche  e  personalizzate  ai  clienti  riguardo  a  

investimenti.  Ci  sono  diversi  tipi  di  consulenza  (base,  top…).  La  consulenza  può  portare  dei  problemi  in  caso  di  

conflitti  di  interessi  tra  intermediario  e  cliente  soprattutto  quando  il  consulente  e  il  distributore  coincidono.    

La  MIFID  2  interviene  disciplinando  la   consulenza  su  base  indipendente.    

Non  definisce  questo  tipo  di  servizio,  ma  specifica  due  condizioni  per  la  classifcazione  di  tale  consulenza:  

-­‐   amplia  gamma  di  prodotti    garantire  l’indipendenza  e  l’imparzialità  della  distribuzione  dei  prodotti.  

!

-­‐   divieto  di  inducement  (incentivi)    divieto  di  ricevere  benefici  di  qualsiasi  tipo  dai  produttori.  

!

Il  cliente  viene  informato  in  modo  limpido  e  chiaro  sul  prezzo  della  consulenza.  In  caso  di  incentivi  illegittimi,  il  

consulente  deve  restituirli  subito  al  cliente.  È  consentito  l’uso  di  inducement  a  patto  di  una  chiara  informazione  

al  cliente  su  questi  e  che  tali  incentivi  servano  a  migliorare  la  qualità  il  servizio.  

La  normativa  al  dettaglo  dell’ESMA  individua  un  altro  tipo  di  consulenza:  

consulenza   non   indipendente   anche   se   la   consulenza   è   sempre   indipendente,   per   garantire   l’interesse   del  

!  

cliente.  La  direttiva  ha  tenuto  anche  la  consulenza  non  indipendente  perché,  dato  che  il  servizio  costa  tanto,  ci  

sarebbe  stato  il  rischio  di  “advice  gap”,  di  rinuncia  a  tale  servizio  (essenziale  per  la  tutela  del  cliente)  da  parte  

degli   individui.   In   questo   tipo   di   consulenza   in   realtà   ci   sono   dei   costi,   occcultati   insieme   alle   spese   di  

commissioni  una  volta  scelto  il  tipo  di  investimento.  

 

c)   valutazione  di  adeguatezza  e  appropriatezza  e  gli  obblighi  informativi  alla  clientela  

 

-­‐la  valutazione  del  cliente  in  merito  all’adeguatezza  viene  potenziata  specificando  tra  gli  obblighi  informativi  di  

cui   si   deve   fare   carico   l’intemrediario   quello   in   merito   alla   capacità   del   cliente   di   sopportare   le   perdite  

(attraverso   la   propensione   del   cliente   al   rischio   e   la   sua   tolleranza   emotiva   al   rischio).   La   valutazione   deve  

essere  effettuata  non  solo  prima  dell’acquisto  del  cliente,  ma  anche  dopo  in  modo  periodico.  

-­‐   la   lista   dei   prodotti   non   complessi   è   stata   ridotta,   quindi   più   prodotti   richiedono   la   valutazione   di  

appropriatezza.  

-­‐  è  stato  introdotto  il   cross   selling:  le  due  valutazioni,  quando  si  propone  un  pacchetto  di  prodotti,  si  devono  con  

riferimento  all’intero  pacchetto  (non  solo  in  merito  ai  singoli  prodotti).  

-­‐  bisogna  fare  riferimento  anche  ai  rapporti  che  intercorrono  al  potenziamento  del  cliente.  

 

La   pecca   essenziale   di   questa   disciplina   è   la   mancanza   di   sanzioni  applicabili   agli   intermediari   che   non   rispettano  

tali  regole.  

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  9.  LA  GESTIONE  COLLETTIVA  DEL  RISPARMIO  

 

La   gestione   collettiva   del   risparmio   è   un   fenomeno   molto   complesso   e   multiforme,   negli   Stati   membri   sono  

presenti   diversi   schemi   organizzativi   riferibili   a   quest’attività,   tra   i   quali   i   principali   sono:   fondo   comune  

d’investimento  “ contrattuale”  o  “ societario”,  lo  schema  del  “ trust”  e  quello  della  “ partnership”.    

Tuttavia   il   TUF   menziona,   a   proposito,   unicamente   due   possibili   forme   per   la   gestione   collettiva:   la   forma  

“contrattuale”  (il  fondo  comune  d’investimento)  e  la  forma  “ societaria”  o  “ statutaria”  (Sicav  e  Sicaf).    

Infatti  per  " gestione   collettiva   del   risparmio"  (art.  1,  comma  1,  n)  s’intende  “il   servizio   che   si   realizza   attraverso  

gestione  di  Oicr  e  dei  relativi  rischi”.    

Per   "organismo   di   investimento   collettivo   del   risparmio,   Oicr”   (art.   1,   comma   1,   k)   si   intende   “l'organismo  

istituito  per  la  prestazione  del  servizio  di  gestione  collettiva  del  risparmio,  il  cui  patrimonio  è  raccolto  tra  una  

pluralità  di  investitori  mediante  l'emissione  e  l'offerta  di  quote  o  azioni,  gestito  in  monte  nell'interesse  degli  

investitori  e  in  autonomia  dai  medesimi  nonché  investito  in  strumenti  finanziari,   a  favore  di  soggetti  diversi  da  

consumatori,  in  base  a  una  politica  d’investimento  predeterminata”.    

La  definizione  di  OICR  è  articolata  su  alcuni  elementi  chiave:  

1)  pluralità   di   investitori    !  questo  elemento  lo  distingue  dalla  gestione  individuale  del  risparmio.  Secondo  le  

Linee   Guida   dell’Esma   la   formulazione   ricomprende   qualsiasi   attività   tesa   a   procurare   la   partecipazione  

all’investimento  collettivo  da  parte  di  uno  o  più  investitori.  

2)   gestito   in   monte   nell'interesse   degli   investitori   e   in   autonomia   dai   medesimi   è   una   gestione  

!  

spersonalizzata   e   condotta   in   autonomia   dal   gestore   rispetto   al   singolo   investitore.   Il   gestore   persegue   un  

programma   d’investimento   predefinito   e   standardizzato,   al   quale   l’investitore   partecipa,   ma   che   prescinde   da  

sue  indicazioni  o  istruzioni  specifiche.  

3)   investito   in   strumenti   finanziari   la   politica   d’investimento   deve   presentare   elementi   di   finanziarietà:  

!  

l’organismo  non  ha  uno  scopo  commerciale  o  industriale  generale  e  aggrega  capitale  raccolto  dai  suoi  investitori  

per  investirlo  al  fine  di  generare  un  rendimento  aggregato  per  detti  investitori.  

4)   in   base   a   una   politica   d’investimento   predeterminata   la   politica   d’investimento   è   predefinita,   precede  

!  

l’assunzione  degli  impegni  di  investimento  e  deve  essere  specificata  (stabilendo  uno  o  più  limiti).  

Gli  OICR  possono  essere  classificati  in  base  a  diverse  distinzioni:  

1)   Oicr   aperto   (art.   1,   comma   1,   k-­‐bis):   “l’Oicr   i   cui   partecipanti   hanno   il   diritto   di   chiedere   il   rimborso   delle  

quote   o   azioni   a   valere   sul   patrimonio   dello   stesso,   secondo   le   modalità   e   con   la   frequenza   previste   dal  

regolamento,  dallo  statuto  e  dalla  documentazione  d’offerta  dell’Oicr”.  Se  il  diritto  di  rimborso  è  previsto  in  via  

periodica   o   ricorrente,   il   patrimonio   è   soggetto   a   continue   variazione   (sia   per   le   nuove   sottoscrizioni   sia   per   i  

rimborsi).  

2)   Oicr   chiuso   (art.   1,   comma   1,   k-­‐ter):   “l’Oicr   diverso   da   quello   aperto”.   Gli   investitori   non   hanno   il   diritto   di  

ottenere   la   restituzione   dell’investimento,   ma   il   gestore   può   decidere   di   effettuare   rimborsi   in   via   anticipata.  

Quindi  il  patrimonio  varia    o  per  effetto  di  emissioni  di  quote  o  azioni  o  per  effetto  dei  rimborsi.  

a)   Organismi  d’investimento   collettivo   in   valori   mobiliari  italiani   ed   europei,   OICVM  italiani   ed   europei,  (art.  1,  

comma  1,  m-­‐bis  e  m-­‐ter):  “ OICR  aperti  rientranti  nell’ambito  di  applicazione  della  direttiva  UCTIS  2009/65/CE”.    

È  prevista  una  periodicità  di  rimborso  almeno  quindicinale.  

b)  Oicr  alternativo  italiano,  UE  o  non  UE  (FIA  italiano,  UE  o  non  UE),  (art.  1,  comma  1,  m-­‐quater,  quinquies  e  

sexties):   “il   fondo   comune   d’investimento,   la   Sicav   e   la   Sicaf,   investitori   europei   e   non   europei   rientranti  

nell’ambito  di  applicazione  della  direttiva  2011/61/UE”.  

A)   Oicr   con   forma   contrattuale     fondi   comuni   d’investimento  (art.  1,  comma  1,  j)    l’Oicr   costituito   in   forma  

! !

di  patrimonio  autonomo,  suddiviso  in  quote,   istituito  e  gestito  da  un  gestore;  

B)   Oicr   con   forma   societaria   società   d’investimento   a   capitale   variabile,   Sicav,   (art.   1,   comma   1,   i):   l’Oicr  

!  

aperto   costituito   in   forma   di   società   per   azioni   a   capitale   variabile   (il   capitale   può   variare   senza   variare   lo  

statuto)   con  sede  legale  e  direzione  generale  in  Italia   avente   per   oggetto   esclusivo   l'investimento   collettivo   del  

patrimonio  raccolto  mediante  l'offerta  di  proprie  azioni;     società   d’investimento   a   capitale   fisso,   Sicaf,  (art.  1,  

comma   1,   i   -­‐bis):   l’Oicr   chiuso   costituito   in   forma   di   società   per   azioni   a   capitale   fisso   con   sede   legale   e  

direzione   generale   in   Italia   avente   per   oggetto   esclusivo   l’investimento   collettivo   del   patrimonio   raccolto  

mediante  l’offerta  di  proprie  azioni  e  di  altri  strumenti  finanziari  partecipativi;  

 

 

 

Disciplina  per  gli  Oicr  contrattuali.  

Un  Oicr  contrattuale  è  un  semplice  patrimonio  autonomo,  privo  di  personalità  giuridica.    

Negli   OICR  contrattuali,  le  parti  del  contratto  sono:  la   Sgr,  il   depositario  e  gli   investitori.    

Gli  Oicr  contrattuali  si  dividono  nelle  seguenti  categorie:  

-­‐   OICVM   italiani    fondi  contrattuali  di  tipo  aperto  che  seguono  la  Direttiva  UCTIS  e  investono  il  loro  patrimonio  

!

essenzialmente  in   strumenti   quotati,   strumenti   del   mercato   monetario  e   altri   strumenti   dotati   di   alta   liquidità.  

Hanno  il   divieto   di   vendita   allo   scoperto  e  altri  divieti  volti  ad  assicurare  che  il  patrimonio  del  fondo  si  mantenga  

sufficientemente  liquido  e  per  evitare  i  conflitti  di  interessi.  

-­‐   FIA  italiani  aperti!  fondi  aperti  e  quindi   non  possono  investire  in  strumenti  non  quotati  in  misura  superiore  

al  20%  del  loro  patrimonio.  

-­‐   FIA  italiani  chiusi    fondi  investiti  in   strumenti  non  quotati,   beni  immobili,   crediti.  

!

-­‐   FIA  italiani  immobiliari     (sotto   categoria   dei   precedenti)   fondo   investiti   almeno   per   i   2/3   del   loro   patrimonio  

!

in  investimenti  immobiliari.  

-­‐   FIA  italiani  riservati     FIA  riservati  agli  investitori  professionali:   non   hanno   molti   limiti   imposti   normalmente  

!

agli  altri  FIA  e  il  loro  regolamento  non  è  soggetto  all’approvazione  della  Banca  d’Italia.  

-­‐   OICR   garantiti   OICR   che   garantiscono   la   restituzione   del   capitale   investito   o   il   riconoscimento   di   un  

!  

rendimento  minimo.  

 

 

Articolo  36  Testo  Unico  della  Finanza    riguarda  i   fondi  comuni  d’investimento.  

!

-­‐Comma  1  !  il  fondo  comune  d’investimento  è  gestito   dalla  Sgr   che   lo   ha   istituito  o  dalla  società   subentrata  

nella  gestione.    

-­‐Comma  2    il  rapporto  di  partecipazione  al  fondo  è  disciplinato  dal   regolamento  del  fondo.    

!

-­‐Comma   3   la   Sgr   che   ha   istituito   il   fondo   o   la   società   che   è   subentrata   nella   gestione   agiscono   in   modo  

!  

indipendente  e  nell’interesse  dei  partecipanti  al  fondo.    

-­‐Comma   4   ciascun   fondo   comune   d’investimento   (comparto   di   esso)   costituisce   un   patrimonio   autonomo,  

!  

distinto   da   quello   della   Sgr   e   da   quello   di   ciascun   partecipante,   nonché   da   ogni   altro   soggetto.   Delle   obbligazioni  

contratte  per  conto  del  fondo,  la  Sgr  risponde  esclusivamente  con  il  patrimonio  del  fondo  medesimo.    

Su  tale  patrimonio   non  sono  ammesse  azioni  dei  creditori  della  società  di  gestione  del  risparmio  o  nell'interesse  

della  stessa,  né  quelle  dei  creditori  del  depositario  o  del  sub  depositario  o  nell'interesse  degli  stessi.  Le  azioni  

dei  creditori  dei  singoli  investitori  sono  ammesse  soltanto  sulle  quote  di  partecipazione  dei  medesimi.    

La   società   di   gestione   del   risparmio   non   può   in   alcun   caso   utilizzare,   nell'interesse   proprio   o   di   terzi,   i   beni   di  

pertinenza  dei  fondi  gestiti.    

-­‐Comma   5   le   quote   di   partecipazione   ai   fondi   comuni,   sono   nominative   o   al   portatore,   secondo   quanto  

!  

previsto  nel  regolamento  del  fondo.    

 

 

Articolo  37  Testo  Unico  della  Finanza    riguarda  il   regolamento  del  fondo.  

!

-­‐Comma  1  !  il  regolamento  di  ciascun  fondo  comune  d’investimento  definisce  le  caratteristiche  del  fondo,  ne  

disciplina  il  funzionamento,  indica  il   gestore  e  il   depositario,  definisce  la   ripartizione  dei  compiti  tra  tali  soggetti.    

-­‐Comma  2    il  regolamento  stabilisce  in  particolare:    

!

a)     la   denominazione  e  la   durata  del  fondo;      

b)     le   modalità  di  partecipazione  al  fondo;      

c)     gli  organi  competenti  per  la  scelta  degli  investimenti  e  i  criteri  di  ripartizione  degli  investimenti  medesimi;      

d)     il  tipo  di  beni,  di  strumenti  finanziari  e  di  altri  valori  in  cui  è  possibile  investire  il  patrimonio  del  fondo;      

e)     i  criteri  relativi  alla  determinazione  dei  proventi  e  dei  risultati  della  gestione;  

f)     le  spese  a  carico  del  fondo  e  quelle  a  carico  della  società  di  gestione  del  risparmio;      

g)     la  misura  o  i  criteri  di  determinazione  delle  provvigioni  spettanti  alla  Sgr  e  gli  oneri  a  carico  dei  partecipanti;      

h)     le   modalità  di  pubblicità  del  valore  delle  quote  di  partecipazione;      

i)     se  il  fondo  è  un  fondo  feeder.      

-­‐Comma   3   il   regolamento   dei   fondi   chiusi   è   particolare   perché   in   tali   fondi   non   si   può   entrare   e   uscire  

!  

liberamente.  

 

 

 


ACQUISTATO

20 volte

PAGINE

55

PESO

4.59 MB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE APPUNTO

Ssunto esame Diritto dei Mercati e degli Intermediari Finanziari, docente Ciro Gennaro Corvese, libro consigliato “Il Mercato Mobiliare", di F. Annunziata.
Riassunto SCRITTO A COMPUTER per l'esame di Diritto dei Mercati e degli Intermediari Finanziari, basato su appunti personali, TUF, gli altri documenti visti in classe e studio autonomo del testo consigliato dal docente.
Gli argomenti trattati sono i seguenti: vigilanza (disciplina dei controlli sul mercato finanziario, regime dell'accesso al mercato finanziario, vigilanza sugli intermediari finanziari, collaborazione tra le autorità di vigilanza); attività e soggetti del mercato finanziario (imprese e servizi di investimento; società di gestione del risparmio, società di investimento a capitale variabile); disciplina dei mercati (mercati regolamentati, sistemi multilaterali di negoziazione, internalizzatori sistematici; società di gestione accentrata di strumenti finanziari, dematerializzazione di strumenti finanziari); appello al pubblico risparmio (offerta pubblica di vendita e sottoscrizione di prodotti finanziari, offerta pubblica di acquisto di prodotti finanziari).


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in scienze economiche e bancarie
SSD:
Università: Siena - Unisi
A.A.: 2016-2017

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Giulia.Clabross di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Diritto dei Mercati e degli Intermediari Finanziari e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Siena - Unisi o del prof Corvese Ciro Gennaro.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Corso di laurea in scienze economiche e bancarie

Diritto commerciale - Parte prima
Appunto
Diritto Commerciale - Seconda parte
Appunto
Riassunto esame Diritto commerciale, prof. Corvese, libro consigliato Manuale di diritto commerciale, Campobasso: procedure concorsuali
Appunto
Legislazione e diritto bancario
Appunto