Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

La   CEDU   stabilisce   che   "ogni   accusato   ha   diritto     a   essere   informato,   nel   più   breve  

spazio   di   tempo,   nella   lingua   che   egli   comprende   e   in   maniera   dettagliata,   della  

natura  e  dei  motivi  dell'accusa  a  lui  rivolta".  

Grazie  al  collegamento  di  questa  con   l'art.  143  c.p.p  il  diritto  dell'imputato  ad  essere  immediatamente  e  

dettagliatamente  informato  nella  lingua  da  lui  conosciuta  della  natura  e  dei  motivi  dell'imputazione  

contestatagli  dev'esser  considerato  un  diritto  soggettivo  perfetto,  direttamente  azionabile.    

SENTENZA  15-­‐1982  

   

 Nel  corso  del  giudizio  contro  Naria  Giuliano  è  stato  sollevato  d'ufficio  questione  di  legittimità  costituzionale  

dell'art.  10  del  decreto  legge    625-­‐1979.  

L’imputato    doveva  essere  scarcerato  dopo  4  anni  per  decorrenza  del  termine  massimo  di  custodia  

preventiva,  previsto  dalla  legge  che  vigeva  al  momento  della  cattura  (due  anni  per  la  fase  istruttoria  e  due  

anni  per  la  fase  dibattimentale  di  primo  grado),  se  non  fosse  sopravvenuto  in  corso  di  detenzione  il  decreto  

legge  impugnato  che    prolunga  i  termini  di  durata  massima  della  custodia  preventiva  di  1/3  rispetto  a  quelli  

previsti.  

Secondo  la  "CEDU",  e  chiunque  venga  privato  della  libertà  personale  dev'essere  giudicato  entro  un  termine  

ragionevole.     Per   operare   il   controllo   sulla   ragionevolezza   dei   termini   massimi   di   carcerazione   preventiva  

occorre  previamente  individuare  e  valutare  la  ratio  della  norma  impugnata  :  ciò  consiste  nellele  obiettive  

difficoltà  degli  accertamenti.    

Conseguentemente  l’aumento  dei  limiti  massimi  della  carcerazione  preventiva,  non  possono  considerarsi  

irragionevoli,  risultando  disposti  in  ragione  delle  " obiettive  difficoltà  che  esistono  per  gli  accertamenti  

istruttori  e  dibattimentali"  nei  procedimenti  che  hanno  ad  oggetto  " i  delitti  commessi  per  finalità  di  

terrorismo  e  di  evasione  dell'ordine  democratico".    

Va  poi  osservato  che,  pur  in  regime  di  emergenza,  non  si  giustificherebbe  un  troppo  rilevante  

prolungamento  dei  termini  di  scadenza  della  carcerazione  preventiva,  tale  da  condurre  verso  una  

sostanziale  vanificazione  della  garanzia.    

Il  testo  costituzionale  prevede  l'istituto  della  carcerazione  preventiva  (art.  13,  ultimo  comma)  e  proclama,  

ad  un  tempo,  il  principio  della  presunzione  di  non  colpevolezza  (art.  27,  secondo  comma).    

Tale  apliamento    si  risolverebbe  in  "un  sostanziale  restringimento  della  presunzione"  e  privileggerebbe  una  

presunzione  contraria,  cioè  quella  di  colpevolezza  dell'imputato  in  stato  di  detenzione".    

Tuttavia  non  risulta  indicato  però  alcun   criterio  oggettivo,  in  base  al  quale  possa  stabilirsi  il  limite  massimo  

della  custodia  preventiva,  oltre  il  quale  esso  non  sarebbe  più  ragionevole  e,  quindi,  restringerebbe  la  

presunzione  di  non  colpevolezza,  sicché  risulta  valutazione  meramente  

soggettiva  quella,  secondo  cui  

sarebbe  RAGIONEVOLE  una  durata  di  due  anni,  ma  non  una  di  due  anni  ed  otto  mesi.      

L'applicazione  del  prolungamento  dei  termini  massimi  di  durata  della  detenzione  preventiva  ai  

procedimenti  in  corso  viola  anche  l'art.  3,  primo  comma,  Cost.,  infatti  nel  caso  di  coimputati  nello  stesso  

processo,  mentre  l'uno  può  avere  già  riacquistato  la  libertà  anteriormente  all'entrata  in  vigore  del  decreto  

legge  n.  625  del  1979,  essendo  scaduti  i  due  anni  previsti  dalla  precedente  disciplina  in  materia,  l'altro,  in  

quanto  catturato  successivamente  (  perché  "rimasto  in  un  primo  momento  latitante  o  individuato  nel  corso  

dell'istruzione  per  sopravvenute  acquisizioni  probatorie"),  dovrà  soffrire  il  prolungamento  della  detenzione  

preventiva.  Eppure  si  tratta  di  "situazioni  identiche”  .  La  questione  però  é  inammissibile  per  irrilevanza,  

risultando  che  l'ipotesi  non  si  é  verificata  nei  procedimenti  in  corso  dinanzi  ai  giudici  a  quibus.      

Sent. 27/1975

IL BILANCIAMENTO DI INTERESSI: IL CASO DELL'INTERRUZIONE

VOLONTARIA DI GRAVIDANZA  

 

Nel  corso  del  procedimento  penale  a  carico  di  tale  Minella  Carmosina  è  stata  sollevata  questione    di  

legittimità  costituzionale  dell'art.  546  del  codice  penale  nella  parte  in  cui  punisce  chi  cagiona  l'aborto  anche  

qualora  sia  stata  accertata  la  pericolosità  della  gravidanza  della  madre  ma  senza  che  ricorrano  gli  estremi  

dello  stato  di  necessità  di  cui  all'art.  54  del  codice  penale.    

La   giurisprudenza   ammetteva   il   c.d.   “aborto   terepeutico”   nei   soli   casi   cioè   in   cui   ricorresse   uno   stato   di  

necessità”  (è  la  clausola  dell’art.  54  cod.  pen  per  cui  non  può  essere  punito  chi  commetta  il  fatto  costretto  

dalla  necessità  di  salvare  sé  od  altri  dal   pericolo  attuale  di  un  danno  grave  alla  persone”.    

Ma   questa   non   era   la   situazione   dell’imputata   che   era   affetta   solo   da   una   grave   vorma   di   miopia   ed   era  

preoccupata  di  non  trasmettere  lo  stessa  problema  all’eventuale  figlio  non  chè  di  aggravare  la  proprio  con  

la  gravidanza  (cosa  non  improbabile  appunto).    il  percilo  di  danno  grave  alla  persona  c’era  me  NON  ERA  

ATTUALE  come  prescritto  dall’art  56  cod.  pen.  

La  corte  dichiara  la  disposizione  illegittima  “nella  parte  in  cui  non  prevede  che  la  gravidanza  possa  venire  

interrotta   quando   l’ulteriore   gestazione   implichi   medicalmente   accertato   e   non  

danno   o   pericolo   grave  

altrimenti  evitabile  per  la  salute  della  madre”.  

 

In   questa   sentenza,   anche   se   la   corte   non   parla   espressamente   di   bilanciamento   degli   interessi   è   al  

bilanciamento  che  ricorre  riconoscendo  che  “la  tutela  del  concepito”  ha  un  fondamento  consituzionale  e  lo  

trova  nell’art  31  e  2  cost:  nascere  è  un  diritto  inviolabile  ma  lo  è  anche  il  diritto  alla  salute  della  madre.  Il  

fatto   è   che   non   si   può   nascere   solo   a   metà:   il   fatto   è   che   nel   caso   specifico   o   si   privilegia   un   diritto   o   l’altro  

(non   si   può   procreare   “   a   metà”):   e   allora   la   corte   privilegia   il   diritto   alla   salute   della   madre   infatti   “non  

esiste  equivalenza  fra  il  diritto  non  solo  alla  vita  ma  anche  alla  salute  di  chi  è  già  persona  (come  la  madre)  e  

quello  dell’embrione  che  persona  deve  ancora  diventare.  

La  preferenza  non  è  assoluta  altrimenti  l’altro  interesse  non  sarebbe  “bilanciato”  ma  del  tutto  sacrificato:  

per   salvaguardarne   almeno   un’operatività   minima   la   corte   richiede   che   la   minaccia   per   la   salute   della  

madre  sia  pericolo  “danno”  (non  attuale,  come  invece  richiederebbe  l’art  54  cod.pen)  ma  almeno  fondato  

su  seri  accertamenti  medici  e  che  tutto  il  possibile  sia  fatto  per  salvare  la  vita  al  feto.  

SENTENZA  N.  100  ANNO  1981  

La  Sezione  disciplinare  del  CSM  ha  sollevato  questione  di  legittimità  costituzionale  dell'art.  18  r.d.l.  31  

maggio  1946,  n.  511,  nella  parte  in  cui  sottopone  a  sanzione  disciplinare  il  magistrato  che  tenga,  " in  ufficio  

o  fuori,  condotta  tale  che  lo  renda  immeritevole  della  fiducia  e  della  considerazione  di  cui  deve  godere,  o  

che  comprometta  il  prestigio  dell'Ordine  giudiziario".  

Il  dubbio  di  legittimità  viene  fondato  sul  difetto  di  tipicità  dell'illecito.  È  tuttavia  impossibile    prevedere  tutti  

i  comporta  menti  che  possono  ledere  “ la  fiducia  e  la  considerazione  del  magistrato,  o  che  comprometta  il  

prestigio  dell'Ordine  giudiziario”  .    

Ciò  spiega  la  ragione  per  la  quale,  nelle  leggi  che  nel  passato  hanno  tentato  di  enunciare  ipotesi  tipiche  di  

infrazioni  disciplinari  sia  comunque  stata  posta  anche  una  norma  di  chiusura  generica  diretta  a  sanzionare  

tutti  i  comportamenti  capaci  di  ledere  la   reputazione  del  singolo  magistrato  o  la  dignità  dell'ordine  al  

quale  egli  appartiene:  una  indicazione  tassativa  renderebbe  legittimi  comportamenti  non  previsti  ma  

egualmente  riprovati  dalla  coscienza  sociale.    

 Non  può  ritenersi  che  tale  disposizione  violi  il   principio  di  legalità  perché  esso  "si  attua  non  soltanto  con  la  

rigorosa  e  tassativa  descrizione  di  una  fattispecie  ma,  in  alcune  ipotesi,  anche  con  l'uso  di  espressioni  

sufficienti  per  individuare  con  certezza  il  precetto  e  per  giudicare  se  una  determinata  condotta  l'abbia  o  

meno  violato".    

Per  quanto  concerne  la  dedotta  violazione  dell'art.  21,  primo  comma,  Cost.,  si  osserva  che  il  diritto  di  

libertà  di  manifestazione  del  pensiero  non  può  subire,  per  i  magistrati,  limitazioni  diverse  da  quelle  previste  

per  la  generalità  dei  cittadini  “.  

Deve  però  ammettersi  che  le  funzioni  esercitate  e  la  qualifica  da  essi  rivestita  non  sono  indifferenti  e  prive  

imparziali  e  indipendenti

di  effetto  per  l'ordinamento  costituzionale.    I  magistrati,    debbono  essere    e  ciò  

non  solo  con  specifico  riferimento  al  concreto  esercizio  delle  funzioni  giurisdizionali  ma  anche  come  regola  

deontologica  da  osservarsi  in  ogni  comportamento  al  fine  di  evitare  che  possa  fondatamente  dubitarsi  della  

loro  indipendenza  ed  imparzialità  nell'adempimento  del  loro  compito.    

I  principi  anzidetti  sono  quindi  volti  a  tutelare  anche  la  considerazione  di  cui  il  magistrato  deve  godere  

presso  la  pubblica  opinione;  assicurano  anche  la  fiducia  dei  cittadini  verso  la  funzione  giudiziaria  e  la  

credibilità  di  essa.    

il  diritto  alla  libertà  di  manifestare  del  magistrato  non  viene  compresso    ma  ne  vieta  soltanto  'abuso,  che  

viene  ad  esistenza  ove  risultino  lesi  l’imparzialità  e  l’indipendenza  del  magistrato.    

Deve,  pertanto,  escludersi  anche  la  violazione  dell'art.  21,  comma  primo,  della  Costituzione.    

La  corte  costituzionale  dichiara  non  fondate  le  questioni  di  legittimità  costituzionale  dell'art.  18  r.d.l.  31  

maggio  1946,  n.  511.    

  SENTENZA  N.  109  /1993  

 

La  Provincia  autonoma  di  Trento  ha  sollevato  questione  di  legittimità  costituzionale  nei  confronti  di  

numerose  disposizioni  della  legge  215/1992  (Azioni  positive  per  l'imprenditoria  femminile),  deducendo:    

a)  la  violazione  della   competenza  esclusiva  in  materia  di  artigianato,  di  comunicazioni  e  trasporti  di  

interesse  provinciale,  di  turismo  e  industria  alberghiera,  di  agricoltura  e  foreste  e  di  formazione  

professionale,  ad  essa  costituzionalmente  attribuita  dallo    Statuto  speciale  per  il  Trentino  -­‐  Alto  Adige    

b)  la  violazione  della   competenza  concorrente  in  materia  di  commercio,  di  esercizi  pubblici  e  di  incremento  

della  produzione  industriale,  ad  essa  attribuita  dal  medesimo  Statuto  .  

 Le  disposizioni  impugnate  prevedono  incentivazioni  finanziarie  a  favore  di  imprese  a  prevalente  

partecipazione  femminile  OPPURE  a  favore  di  istituzioni  volte  a  promuovere  l'imprenditorialità  femminile.  

Si  tratta  di  azioni  positive  dirette  a  colmare  o,  comunque,  ad  attenuare  un  evidente  squilibrio  a  sfavore  

delle  donne,  che,  a  causa  di  discriminazioni  accumulatesi  nel  corso  della  storia  passata  che    ha  portato  a  

favorire  le  persone  di  sesso  maschile  nell'occupazione  delle  posizioni  di  imprenditore  o  di  dirigente  

d'azienda.  

Si  è  costituito  il  Presidente  del  Consiglio  dei  ministri,  chiedendo  che  la  questione  sia    dichiarata  non  

fondata.     è  attuativa  del  precetto  di  

L'Avvocatura  generale  dello  Stato  osserva,  innanzitutto,  che  la  legge  impugnata  

cui  all'art.3,  secondo  comma ,  della  Costituzione,  in  quanto  è  diretta  a  rimuovere  che  di  fatto  limitano  

non  solo  formale

l'eguaglianza,  promuovendo  l'instaurazione  di  condizioni  di  parità    fra  uomini  e  donne.    

In  altri  termini,  le  finalità  perseguite  dalle  disposizioni  impugnate  sono  svolgimento  immediato  del  dovere  

fondamentale  -­‐  che  l'art.  3,  secondo  comma,  della  Costituzione  assegna  alla  Repubblica  -­‐  di   "rimuovere  gli  

ostacoli  di  ordine  economico  e  sociale  che,  limitando  di  fatto  la  libertà  e  l'eguaglianza  dei  cittadini,  

impediscono  il  pieno  sviluppo  della  persona  umana  e  l'effettiva  partecipazione  di  tutti  i  lavoratori  

all'organizzazione  politica,  economica  e  sociale  del  Paese”.  

Se    questi  sono  i  fini  della  legge,  risulta  evidente  come  gli  stessi  non  possano  essere  perseguiti  altro  che  

dallo  Stato,  dovendosi  assicurare  uniformità  di  trattamento  su  tutto  il  territorio  nazionale.  Vanno  rigettati  i  

dubbi  di  legittimità  costituzionale  sollevati  nei  confronti  degli  artt.  2,  4  e  8  della  legge  n.  215/1992.  

SENTENZA  N.  163  ANNO  1993  

Una  aspirante  al  posto  di  funzionario  del  Servizio  antincendi  della  Provincia  di  Trento  era  stata  esclusa  dal  

relativo  concorso  a  seguito  dell'accertamento  del  difetto  del  richiesto  requisito  della  statura  minima,  il  

viene  sollevata  questione  di  legittimità  costituzionale  dell'art.  4  della  legge  provinciale  3/1980  nella  parte  in  

cui  prevede,  in  modo  indifferenziato  per  uomini  e  donne,  la  statura  non  inferiore  a  metri  1,65    

Secondo  il  giudice  rimettente,  la  disposizione  impugnata  violerebbe  gli  artt.  3.  

primo  comma,    che  garantiesce  l'eguaglianza  di  tutti  i  cittadini  di  fronte  alla  legge  e  vieta  

• discriminiazioni  basate  sul  sesso;  

 Il  secondo,  che  dispone  di  rimuovere  i  limiti  "di  fatto"  all'eguaglianza  .  

La  previsione  di  tale  requisito  fisico  non  è  contestata  in  sé,  in  quanto,    il  personale  considerato,  pur  se  è  

destinato  a  svolgere  normalmente  funzioni  direttive  o  impiegatizie,  può  tuttavia  essere  adibito,  in  

determinate  circostanze,  anche  a  compiti  operativi  che  per  le  caratteristiche  delle  attività  di  cui  constano,  

esigono  nei  soggetti  chiamati  ad  espletarli  una  certa  prestanza  fisica.  

 Ciò  che  si  contesta,  invece,  è  che  la  previsione  di  una  statura  minima  identica  per  gli  uomini  e  per  le  donne  

costituirebbe  un'irragionevole  sottoposizione  a  un  trattamento  giuridico  uniforme  di  categorie  di  persone  

caratterizzate,  in  base  ai  dati  desumibili  da  una  media  statistica,  da  stature  differenti.  Con  la  conseguenza  

che  le  candidate  al  concorso  pubblico  sarebbero  penalizzate  in  ragione  del  sesso,  dovendo  subire  una  

discriminazione  indiretta.  


ACQUISTATO

18 volte

PAGINE

9

PESO

153.27 KB

AUTORE

Exxodus

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE APPUNTO

Appunti di Diritto costituzionale riguardanti le sentenze di Casonato Carlo, in cui sono presentate le sentenze della Corte costizionale richieste per integrare il programma: 100/1981; 10/1993; 109/1993; 1146/88; 1/1987; 15/1982; 1/1956/ 163/1993; 27/1975; 356/1998; 376/2000; 379/1992; 440/1995; Marbury vs. Madison. Nello specifico gli argomenti trattati sono: la questione di legittimità, l'autorizzazione, uguaglianza uomo donna, l'illegittimità della legge, Decreto di citazione, pronunzie additive, difficoltà degli accertamenti.


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in giurisprudenza
SSD:
Università: Trento - Unitn
A.A.: 2009-2010

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Exxodus di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Diritto costituzionale e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Trento - Unitn o del prof Casonato Carlo.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Diritto costituzionale

Diritto costituzionale - la Giustizia costituzionale
Appunto
Diritto costituzionale - le fonti dello Stato
Appunto
Appunti di diritto costituzionale, prof. Piciocchi (Unitn)
Appunto
Diritto costituzionale - le fonti delle autonomie
Appunto