Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Prof. Salvatore Curreri – Corso di Diritto costituzionale II – I diritti fondamentali

1 I diritti fondamentali della persona

LA CONDIZIONE GIURIDICA DELLO STRANIERO

I cittadini extracomunitari

• Un tempo il legislatore poteva legittimamente trattare in modo

diverso gli stranieri regolarmente soggiornanti rispetto al

cittadino nei diritti loro non costituzionalmente garantiti

nell’interesse generale dello Stato (Corte cost. n. 104/1969)

base a “differenze di fatto e di posizioni giuridiche” (Corte

in

cost. n. 244/1974)

• Esempio: limiti alla libertà di circolazione e di soggiorno

è però incostituzionale la legge regionale nella parte in cui

riserva il diritto alla circolazione gratuita sui mezzi di trasporto

pubblico ai soli invalidi civili di cittadinanza italiana (Corte

cost. sentenza n. 432/2005)

Riproduzione riservata

 20

Prof. Salvatore Curreri – Corso di Diritto costituzionale II – I diritti fondamentali

1 I diritti fondamentali della persona

• Oggi, invece, per la giurisprudenza costituzionale cittadino e

straniero sono eguali

nei diritti di libertà, salvo però “regimi differenziati di

trattamento” la cui causa normativa non sia “palesemente

irrazionale o del tutto arbitraria” (Corte cost. 432/2005)

in modo assoluto nei diritti fondamentali inviolabili perché

“una volta che il diritto a soggiornare non sia in discussione,

non si possono discriminare gli stranieri, stabilendo, nei loro

confronti, particolari limitazioni per il godimento dei diritti

fondamentali della persona, riconosciuti invece al cittadino”

(Corte cost. n. 306/2008)

- diritto a: salute, vita, tutela giurisdizionale; assegno sociale

di sostentamento ad invalidi civili (Corte cost. n. 189/2010)

Riproduzione riservata

 21

Prof. Salvatore Curreri – Corso di Diritto costituzionale II – I diritti fondamentali

1 I diritti fondamentali della persona

Art. 2.1 T.U. Immigrazione

Allo straniero comunque presente alla frontiera o nel territorio dello Stato

sono riconosciuti i diritti fondamentali della persona umana previsti dalle

norme di diritto interno, dalle convenzioni internazionali in vigore e dai

principi di diritto internazionale generalmente riconosciuti

libertà personale (art. 13) - libertà di domicilio (art. 14)

libertà e segretezza della corrispondenza (art. 15)

libertà di religione (art. 19)

libertà di manifestazione del pensiero (art. 21)

tutela giurisdizionale dei diritti e degli interessi legittimi (art. 24)

diritto al giudice naturale (art. 25.1)

diritto alla irretroattività della legge penale (art. 25.2 e 25.3)

diritto alla salute “per cure urgenti ed essenziali” (art. 35.3)

)

prevalente su espulsione (Corte cost. 105 e 252/2001

Riproduzione riservata

 22

Prof. Salvatore Curreri – Corso di Diritto costituzionale II – I diritti fondamentali

1 I diritti fondamentali della persona

Art. 43 T.U. Immigrazione ((divieto di discriminazione per motivi

razziali, etnici, nazionali o religiosi)

Costituisce discriminazione ogni comportamento che,

direttamente o indirettamente, comporti una distinzione,

esclusione, restrizione o preferenza basata sulla razza, il colore,

l'ascendenza o l'origine nazionale o etnica, le convinzioni e le

pratiche religiose, e che abbia lo scopo o l'effetto di distruggere o

di compromettere il riconoscimento, il godimento o l'esercizio, in

condizioni di parità, dei diritti umani e delle libertà fondamentali in

campo politico, economico, sociale e culturale e in ogni altro

settore della vita pubblica Riproduzione riservata

 23

Prof. Salvatore Curreri – Corso di Diritto costituzionale II – I diritti fondamentali

1 I diritti fondamentali della persona

• Illegittimità delle ordinanze sindacali in materia di ordine pubblico

e sicurezza urbana che, in relazione agli stranieri

per associazioni, enti e comitati quando

impongono l’uso dell’italiano

tengono riunioni in luogo pubblico o aperto al pubblico (Tribunale

Brescia 29.1.10)

impongono oneri suppletivi di documentazione (carta di soggiorno)

rispetto agli italiani per l’iscrizione anagrafica (Tribunale Brescia 11

dicembre 2009; Tribunale Bergamo 28.11.09)

per spese dentistiche e oculistiche o da

escludono da contributo

fondo anti-crisi (Tribunale Bergamo 28 .11.09)

impongono per il bonus famiglia la carta di soggiorno o il permesso di

lungo soggiorno anziché quello non inferiore ad un anno previsto per

legge (Tribunale Pavia 6.1.09)

escludono da assegni, borse di studio e premi scolastici (Tribunale di

Brescia 19.1.10) Riproduzione riservata

 24

Prof. Salvatore Curreri – Corso di Diritto costituzionale II – I diritti fondamentali

1 I diritti fondamentali della persona

Il riconoscimento in Costituzione di diritti specifici

Articolo 10.3 Cost.

Lo straniero, al quale sia impedito nel suo paese l’effettivo

effettivo esercizio delle

l’

libertà democratiche garantite dalla Costituzione italiana, ha diritto d’asilo

nel territorio della Repubblica, secondo le condizioni stabilite dalla legge

• DIRITTO DI ASILO in base alle condizioni oggettive del paese di

provenienza

- in assenza di una legge di attuazione, si applicava direttamente

l’art. 10.3 Cost. e non la disciplina sui rifugiati (Cassazione, sez.

unite civile n. 907/1999)

- ora si applica in parte la legge n. 189/2002 (c.d. Bossi – Fini)

- richiesta non blocca l’espulsione (Cass. sentenza 11264/2009)

Riproduzione riservata

 25

Prof. Salvatore Curreri – Corso di Diritto costituzionale II – I diritti fondamentali

1 I diritti fondamentali della persona

• DIRITTO DI RIFUGIO POLITICO in base al fondato timore di

persecuzioni personal

personali per razza, sesso, religione, nazionalità,

opinioni politiche, appartenenza ad un gruppo sociale

oggi regolato dai decreti legislativi nn. 251/2007 e 159/2008

sull’attribuzione della qualifica di rifugiato

onere prova grava sul richiedente, ma il giudice deve

cooperare nell’accertamento dei fatti rilevanti ai fini del

riconoscimento di tale status (Cass. civ. 27310/2008)

permesso di soggiorno per 5 anni

in caso di esito negativo, possibile permesso di soggiorno

per motivi umanitari quando sarebbe pericoloso ritornare nel

paese d’origine (art.5.6 d.lgs. 286/1998)

Riproduzione riservata

 26

Prof. Salvatore Curreri – Corso di Diritto costituzionale II – I diritti fondamentali

1 I diritti fondamentali della persona

• LA PROTEZIONE SUSSIDIARIA (art. 14 ss. d. lgs. n. 251/2007)

alternativa allo status di rifugiato, concessa a chi corre il pericolo

di un danno grave:

- condanna a morte o esecuzione della pena capitale

- tortura o altra forma di pena inumana;

- grave minaccia alla vita per effetto di un conflitto armato

• Effetti

- non si applicano le limitazioni ex D. Lgs. n. 286/1998

- permesso di soggiorno per 3 anni

- diritto al ricongiungimento familiare, con contestuale rilascio ai

parenti del permesso di soggiorno per motivi familiari

- parificazione al cittadino italiano per trattamento sanitario e

scolastico

- previsione di accesso all’edilizia residenziale pubblica

Riproduzione riservata

 27

Prof. Salvatore Curreri – Corso di Diritto costituzionale II – I diritti fondamentali

1 I diritti fondamentali della persona

DIVIETO DI ESTRADIZIONE

Articolo 10.4 Cost.

Non è ammessa l’estradizione dello straniero per reati politici

• Estradizione vietata

per reati puniti all’estero con la pena di morte (Corte cost.

54/1979)

- il caso di Maged Al Molky

tranne nei casi di “delitti di genocidio” (legge cost. 1/1967)

Riproduzione riservata

 28

Prof. Salvatore Curreri – Corso di Diritto costituzionale II – I diritti fondamentali

1 I diritti fondamentali della persona

L’ingresso e il soggiorno dello straniero nel territorio italiano

(TU. Immigrazione: d. lgs. 286/1998, leggi nn. 189/2002 e 94/2009)

Visto d’ingresso

• rilasciato dalle nostre rappresentanze

diplomatiche presso lo Stato di origine

- per lavoro (in base al “decreto flussi”) ma anche per turismo,

ricongiungimento familiare, adozione, cure mediche, tirocinio,

ecc. respingimento alla frontiera (in alto mare), anche

possibile

differito in caso di straniero irregolare (art. 10)

a) fermato nel territorio italiano all’ingresso o subito dopo

b) temporaneamente ammesso per necessità di pubblico

soccorso

- non soggetto a convalida del giudice ordinario ex artt. 16 e

non 13 Cost. Riproduzione riservata

 29

Prof. Salvatore Curreri – Corso di Diritto costituzionale II – I diritti fondamentali

1 I diritti fondamentali della persona

Permesso di soggiorno

• richiesto al Questore entro 8 giorni dall’ingresso

limitato (da 3 mesi a 2 anni) rilasciato

subordinato alla sottoposizione “a rilievi fotodattiloscopici” e

alla conoscenza della lingua italiana

rilasciato

- per lavoro dopo stipula contratto di soggiorno per motivi di

lavoro

- per cure mediche (art. 36 T.U. immigrazione)

- se di lungo periodo, subordinato al superamento del test di

conoscenza della lingua italiana (nuovo art. 9.2 bis)

- indispensabile per accedere ai servizi pubblici

Carta di soggiorno illimitata, richiedibile dopo almeno 5 anni di

regolare soggiorno nel territorio dello Stato (art. 9)

Riproduzione riservata

 30

Prof. Salvatore Curreri – Corso di Diritto costituzionale II – I diritti fondamentali

1 I diritti fondamentali della persona

L’espulsione amministrativa (art. 13)

• Diversa da respingimento (differito) alla frontiera o foglio di via

Ministro dell’Interno

• Disposta dal

per motivi di ordine pubblico, sicurezza dello Stato o lotta al

terrorismo

impugnabile al TAR Lazio senza sospensione cautelare

Prefetto

• Disposta dal in caso di

a) ingresso o soggiorno illegali nel territorio statale

b) ipotesi di misura di prevenzione ante delictum

eseguita dal Questore

sospesa fino a previa necessaria convalida del giudice di

pace entro 48 ore ex art. 13 Cost.

impugnabile dinanzi allo stesso giudice di pace

Riproduzione riservata

 31

Prof. Salvatore Curreri – Corso di Diritto costituzionale II – I diritti fondamentali

1 I diritti fondamentali della persona

• L’espulsione dei cittadini comunitari per gli stessi motivi degli

extracomunitari da parte del Ministro dell’Interno e del Prefetto

(d. lgs. n. 32/2008) Riproduzione riservata

 32

Prof. Salvatore Curreri – Corso di Diritto costituzionale II – I diritti fondamentali

1 I diritti fondamentali della persona

L’espulsione giudiziale

• Disposta dal giudice di pace a titolo di

MISURA DI SICUREZZA post delictum personale non

detentiva (art. 15)

SANZIONE SOSTITUTIVA o ALTERNATIVA (art. 16) alla

a) detenzione per esigenze di deflazione carceraria

b) ammenda da 5 a 10 mila per ingresso e soggiorno illegali

prima illecito amministrativo, ora reato punito di fatto

come prima con l’espulsione dell’irregolare (art. 10 bis)

- costituzionalità del reato di clandestinità (Corte cost. n.

250/2010), non dell’aggravante (n. 249/2010)

espulsione successivamente comunicata al giudice di

pace, che pronuncia sentenza di non luogo a procedere

Riproduzione riservata

 33

Prof. Salvatore Curreri – Corso di Diritto costituzionale II – I diritti fondamentali

1 I diritti fondamentali della persona

Divieto di espulsione amministrativa (art. 19 T.U.)

• In caso di possibile persecuzione per motivi ex art. 3 Cost

verso uno

“In nessun caso può disporsi l'espulsione o il respingimento

Stato in cui lo straniero possa essere oggetto di persecuzione per

motivi di razza, di sesso, di lingua, di cittadinanza, di religione, di

opinioni politiche, di condizioni personali o sociali, ovvero possa

rischiare di essere rinviato verso un altro Stato nel quale non sia

protetto dalla persecuzione”

Due problemi

- il respingimento alla frontiera con immediato trasferimento in

Libia dei clandestini richiedenti il diritto di asilo o di rifugio

politico

- l’espulsione del clandestino omosessuale (Cass. penale n.

2907/2008) Riproduzione riservata

 34

Prof. Salvatore Curreri – Corso di Diritto costituzionale II – I diritti fondamentali

1 I diritti fondamentali della persona

• Divieto di espulsione amministrativa inoltre per:

minori

donne in gravidanza e nei 6 mesi dopo il parto

stranieri in possesso della carta di soggiorno

tutela dello sviluppo psicofisico dei figli minori (art. 31.3)

(Cassazione n. 22216/2006

- ma non del loro diritto all’istruzione (Cassazione 5856/2010)

stranieri conviventi con parenti entro il 2° grado o con coniuge

di nazionalità italiana Riproduzione riservata

 35


PAGINE

37

PESO

132.83 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in giurisprudenza
SSD:
A.A.: 2006-2007

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Novadelia di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Diritto costituzionale e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università La Sapienza - Uniroma1 o del prof Scienze giuridiche Prof.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Diritto costituzionale

La democrazia, Kelsen - Appunti
Appunto
Riassunto esame Diritto Costituzionale, prof. Luciani, libro consigliato Le Forme di Governo
Appunto
Riassunto esame Diritto costituzionale, prof. Modugno, libro consigliato Principi di diritto costituzionale
Appunto
Riassunto esame Diritto Costituzionale, prof. indefinito, libro consigliato Diritto Costituzionale, Martines
Appunto