Che materia stai cercando?

Diritto costituzionale - forme di governo Appunti scolastici Premium

Appunti riguardanti il Diritto costituzionale e in particolare le forme di governo nelle Autonomie locali. Nello specifico gli argomenti trattati sono i seguenti: Art. 5 della Costituzione, gli statuti e le leggi regionali, le norme interne, l'autonomia organizzatoria. Vedi di più

Esame di Diritto costituzionale docente Prof. P. Scienze giuridiche

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Autarchia:

Il termine autarchia ha avuto nelle diverse epoche, varietà di significati dottrinali.

La nozione di autarchia più largamente seguita dalla moderna dottrina è quella che la individua

nella capacità riconosciuta agli enti pubblici (più oltre quali) di amministrare i propri interessi,

svolgendo una attività avente gli stessi caratteri e la stessa natura dell’attività amministrativa dello

Stato.

L’ordinamento giuridico riconosce agli enti autarchici la capacità di agire ponendo in essere atti

aventi la stessa efficacia verso i destinatari e le stesse garanzie verso il potere giudiziario, degli atti

amministrativi statali.

Tra le più rilevanti manifestazioni dell’efficacia degli atti amministrativi è la c.d. esecutorietà che

consiste nella possibilità di portarli ad esecuzione, qualora impongano doveri e restrizioni ai privati,

anche contro la loro volontà e senza che sia necessario l’intervento dell’autorità giudiziaria.

Infatti, la pretesa dello Stato fondata su un procedimento amministrativo, se manca la volontaria

esecuzione da parte del privato, può essere oggetto di esecuzione forzata (occupazione diretta;

esecuzione d’ufficio a spese dell’interessato per un fare fungibile, coercizione diretta

es.scioglimento di riunione illecita ecc). Mentre l’attività fondata su un atto di diritto privato non

può essere attuata senza il consenso del destinatario, se non attraverso appositi procedimenti

giudiziari.

Quali sono gli enti pubblici dotati di autarchia:

Secondo parte della dottrina, per definire se un ente sia o meno autarchico si deve avere riguardo al

normale modo di agire dell’ente stesso. Quindi:

- gli enti territoriali : i quali appunto esplicano gran parte delle proprie funzioni secondo i

modelli dell’attività di pubblica amministrazione, sono sicuramente enti autarchici.

- altri enti fra i quali gli enti pubblici economici che agiscono per il raggiungimento dei fini

loro assegnati secondo gli schemi del diritto privato e solo eccezionalmente si avvalgono di

poteri autarchici, secondo parte della dottrina non sono da considerare enti autarchici.

Elementi qualificanti la nozione costituzionale di autonomia.

Il nucleo che qualifica la nozione di autonomia consta di elementi che ciascun ordinamento che si

ispira al principio autonomistico può diversamente organizzare e modulare, ma non può omettere

pena negare il carattere autonomistico del sistema.

Schematicamente si ricorda:

a) esistenza di un effettivo potere dispositivo circa la determinazione dei contenuti e dei caratteri

della propria autonomia. In particolare:

- la possibilità di individuare la comunità di riferimento attraverso la competenza a

individuare i confini del proprio territorio.

Per le Regioni: la normativa italiana non ha attribuito agli enti territoriali il potere istitutivo

(come invece in Spagna). Il n. di regioni e il territorio di ogni regione sono stati individuati

dalla Cost. (art 116-121).

L’art. 132 invece, prevede: la fusione di regioni esistenti;

la nascita di nuove per scorporo.

Per i Comuni e le Province: Art. 133 Cost. (alla L. Statale compete nascita nuovi Comuni)

D. Lgs. 267/00 riconosce potere dispositivo in ordine a:

accorpamento

fusione

modifica delle circoscrizioni

b) esercizio di una potestà statutaria:

Nella sua accezione più ampia che è quella di cui sono fornite le Regioni implica:

- competenza a determinare autonomamente la propria forma di governo. 3

Alle Regioni compete in seguito all’emanazione della L. Cost. 1/99, e 2/01 (per le regioni speciali)

In una prospettiva ridotta (quale emerge dal D. Lgs. 267/00) compete a Comuni e Province:

- competenza a determinare l’organizzazione degli uffici;

- conferire attuazione ai principi che la L. dello Stato pone in ordine alla forma di governo.

c) partecipazione al procedimento di revisione costituzionale o di approvazione di una nuova

costituzione:

Tale risultato, in genere, si può conseguire:

- tramite la seconda camera cui fanno parte le comunità territoriali che così partecipano

all’iter costituzionale;

- prevedendo procedure speciali e differenziate nel caso in cui si debbano revisionare parti

della Costituzione relative ai rapporti fra lo Stato e le autonomie territoriali.

In Italia non è previsto all’art. 138 Cost. la partecipazione di Regioni o di altri Enti Locali al

procedimento di revisione Cost.

Per quanto concerne invece, la partecipazione delle autonomie locali ai processi decisionali

centrali si sono realizzati progressi. Si ricordano sinteticamente:

- meccanismi ed organi finalizzati a migliorare le relazioni intergovernative (es. Conferenze)

- forme di amministrazione concertata (es patti territoriali, intese di programma ecc.)

- art. 11 L. 3/01: autorizza i regolamenti parlamentari a prevedere che ai lavori della

Commissione parlamentare per le questioni regionali possano partecipare rappresentanti

delle Regioni, Prov. Autonome, e Enti locali. Integrare con il commento all’art. 11sul quale

vd scheda.

d) difesa del nucleo essenziale della propria autonomia anche nei confronti del legislatore:

Le Regioni possono:

- promuovere una questione di legittimità costituzionale contro una legge o un atto avente forza

di legge statale o di altra Regione;

- sollevare un conflitto di attribuzione contro atti non legislativi ritenuti lesivi della propria sfera

di competenza.

I Comuni, le Province: (vd scheda II modulo)

e) assenza di efficaci forme di accesso alla Corte Cost. contro leggi statali/regionali ritenute

lesive della loro autonomia cost. garantita dagli artt. 5 e 114 cost.

f) possono sollevare questione di legittimità costituzionale in quanto parti di un giudizio di

fronte al giudice il quale, se ricorrono le condizioni, trasmette la questione alla Corte Cost.

(con i limiti che l’utilizzo del giudizio incidentale comporta per la difesa delle autonomie

locali).

Per superare questa carenza di difesa ci sono state alcune proposte di riforma costituzionale che non

hanno avuto esito positivo.

e) autonomia finanziaria (da legare all’art. 119 sull’autonomia finanziaria)

Intesa nel senso di capacità che un ente ha di disporre autonomamente delle risorse necessarie per

l’espletamento dei propri compiti istituzionali.

L’autonomia finanziaria appare complementare all’autonomia politica, legislativa e amministrativa

dal momento che la Regione per poter esercitare effettivamente le funzioni e i poteri che

l’ordinamento le riconosce e per poter soddisfare gli interessi della collettività locale rappresentata,

deve avere la disponibilità effettiva delle risorse da destinare.

Il nuovo art 119 Cost. dispone che: “La regioni, i Comuni e le Province hanno autonomia

finanziaria di entrata e di spesa, con la possibilità di stabilire e di applicare tributi ed entrate proprie

attenendosi ai principi di coordinamento della finanza pubblica e del sistema tributario”.

Le entrate regionali risultano costituite da: 4


PAGINE

5

PESO

25.27 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE APPUNTO

Appunti riguardanti il Diritto costituzionale e in particolare le forme di governo nelle Autonomie locali. Nello specifico gli argomenti trattati sono i seguenti: Art. 5 della Costituzione, gli statuti e le leggi regionali, le norme interne, l'autonomia organizzatoria.


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in giurisprudenza
SSD:
A.A.: 2013-2014

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Novadelia di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Diritto costituzionale e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università La Sapienza - Uniroma1 o del prof Scienze giuridiche Prof.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Diritto costituzionale

La democrazia, Kelsen - Appunti
Appunto
Riassunto esame Diritto Costituzionale, prof. Luciani, libro consigliato Le Forme di Governo
Appunto
Riassunto esame Diritto costituzionale, prof. Modugno, libro consigliato Principi di diritto costituzionale
Appunto
Riassunto esame Diritto Costituzionale, prof. indefinito, libro consigliato Diritto Costituzionale, Martines
Appunto