Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Se  l’atto  costitutivo  nulla  l’ingresso  di  nuovi  membri,  implicando  una  modificazione  del  contratto,  esige  il  consenso  di  

tutti  i  consorziati  e  deve  risultare  da  atto  scritto,  sotto  pena  di  nullità.  

A  tale  regola  si  fa  eccezione  l’ipotesi  di  trasferimento  d’azienda.  Infatti  l’art.  2610  c.c.  dice  che  in  caso  di  

trasferimento  dell’azienda  l’acquirente  subentra  automaticamente  nel  contratto  di  consorzio.  Però  gli  altri  

consorziati  possono,  se  sussiste  una  giusta  causa,  deliberare  l’esclusione  dell’acquirente  entro  un  mese  dalla  notizia  

del  trasferimento  (art.  2610,  comma  2°,  c.c.).  

Il  contratto  di  consorzio  si  scioglie  per  una  delle  cause  indicate  dall’art.  2611  c.c.:  fra  cui  il  decorso  del  termine;  il  

conseguimento  dell’oggetto  o  l’impossibilità    di  conseguirlo;  la  volontà  unanime  dei  consorziati;  le  altre  cause  

previste  nel  contratto.  

Inoltre,  il  rapporto  consortile  può  sciogliersi  limitatamente  solo  a  uno  dei  consorziati  (art.  2603,  comma  2°,  n.6,  c.c.).  

E  ciò  può  verificarsi  per  volontà  del  consorziato  stesso,  sempreché  ricorra  una  delle  cause  di  recesso  eventualmente  

stabilite  nel  contratto;  o  per  volontà  degli  altri  consorziati,  se  ricorra  una  delle  cause  di  esclusione  eventualmente  

contemplate  nel  contratto.  

In  questi  casi  la  quota  di  partecipazione  del  consorziato  receduto  o  escluso  <<  si  accresce  proporzionalmente  a  

quella  degli  altri>>  (art.  2609  c.c.).  Però,  questa  regola  si  applica  nei  consorzi  con  attività  esterna  e  non  colpisce  la  

quota  di  partecipazione  al  fondo  consortile,  questa  dovendo  essere  liquidata,  una  volta  verificatasi  il  recesso  o  

l’esclusione,  al  consorzio  uscente.  

Il  comma  1°,  n.3,  dell’art.  2603  dice  che  il  contratto  deve  indicare  <<gli  obblighi  assunti  e  i  contributi  dovuti  di  

consorziati>>.  

Il  c.d.  fondo  consortile  è  richiesto  obbligatoriamente  per  i  solo  consorzi  con  attività  esterna  (art.  2614  c.c.).  Nei  

consorzi  con  attività  interna  i  consorziati  sono  obbligati  a  versare  i  contributi  solo  se  necessari  per  il  conseguimento  

dell’<<oggetto>>  del  consorzio  (  art.2603,  comma  1°,  n.1.  c.c.).  

Che  per  organizzazione  comune  deve  intendersi  la  creazione  di  quegli  organi  deputati  alla  realizzazione  delle  finalità  

del  consorzio,  l’art.2603,  comma  1°,  n.4  ,c.c.  rinvia  alle  determinazioni  contrattuali  per  ciò  che  concerna  <<le  

attribuzioni  e  i  poteri  degli  organi  consortili  e  la  rappresentanza  in  giudizio>>.  

Organo  insopprimibile  è  l’assemblea  dei  consorziati  (art.2606  c.c.).  Accanto  ad  essa  sembra  necessaria  la  presenza  di  

un  organo  di  controllo  (c.d.  organo  direttivo  o  esecutivo).  Secondo  l’art.  2605  c.c.  <<  i  consorziati  devono  consentire  i  

controlli  e  le  ispezioni  da  parte  degli  organi  previsti  dal  contratto>>.  

<<  La  responsabilità  verso  i  consorziati  di  coloro  che  sono  preposti  al  consorzio  è  regolata  dalle  norme  sul  

mandato>>  (art.  2608  c.c.).  

Riguardo  l’assemblea  dei  consorziati,  l’art.  2606  c.c.  stabilisce  che  le  deliberazioni  relative  all’attuazione  dell’oggetto  

del  consorzio  sono  prese  col  voto  favorevole  della  maggioranza  dei  consorziati,  salvo  che  il  contratto  non  no  preveda  

una  diversa  (comma  1°);  e  che,  in  caso  di  mancato  rispetto  delle  maggioranze  previste  dalla  legge  o  dal  contratto,  la  

deliberazione  può  essere  impugnata  entro  il  termine  di  30  giorni  (comma  2°).  

1.1. I  CONSORZI  CON  ATTIVITA’  ESTERNA  

Riguardo  i  consorzi  con  attività  esterna,  elemento  caratterizzante  è  l’istituzione  di  un  ufficio  destinato  a  svolgere  

un’attività  con  i  terzi  (art.  2612,  comma  1°,  c.c.):  attività  che  deve  essere  connessa  all’oggetto  del  consorzio.  

La  disciplina  comprende:  oneri  di  pubblicità,  l’attribuzione  dei  poteri  di  rappresentanza  e  le  regole  in  tema  di  

autonomia  patrimoniale.  

Riguardo  al  primo  aspetto,  il  consorzio  con  attività  esterna  è  sottoposto  ad  un  regime  di  pubblicità  legale.  Infatti  è  

richiesto  che  un  estratto  del  contratto  venga  depositato  dagli  <<  amministratori>>  per  l’iscrizione  presso  l’ufficio  del  

registro  delle  imprese  del  luogo  dove  si  trova  la  sede  dell’ufficio  consortile  entro  30  giorni  dalla  stipulazione.  

Il  potere  di  rappresentanza  spetta  alle  persone  indicate  nel  contratto.  L’art.  2613  c.c.  stabilisce  però  che  i  consorzi  

possono  essere  convenuti  in  giudizio  in  persona  di  coloro  ai  quali  il  contratto  attribuisce  la  presidenza  o  la  direzione  

e  ciò  anche  se  la  rappresentanza  è  attribuita  ad  altri.  

I  consorzi  con  attività  esterna  sono  dotati  di  autonomia  patrimoniale.  Quindi  delle  obbligazioni  assunte  in  nome  (e  

nell’interesse)  del  consorzio  risponde  solo  il  fondo  consortile,  costituito  dai  contributi  dei  consorziati  e  dai  beni  

acquistati  con  questi  contributi  (art.  2614  c.c.).  

Per  le  obbligazioni  assunte  in  nome  del  consorzio  dalle  persone  che  ne  hanno  la  rappresentanza  i  terzi  possono  far  

valere  i  loro  diritti  esclusivamente  sul  fondo  consortile  (art.  2615,  comma  1°,  c.c.).    

Però  per  le  obbligazioni  assunte  dagli  organi  del  consorzio  <<  per  conto  dei  singoli  consorziati>>  rispondono  questi  

ultimi  solidalmente  col  fondo  consortile  (comma  2°).  

L’art.  2615  bis  c.c.  pone  a  carico  di  coloro  cui  è  attribuita  la  direzione  l’obbligo  di  redigere,  entro  2  mesi  dalla  

chiusura  dell’esercizio,  una  <<situazione  professionale>>,  e  quindi  di  depositarla  presso  l’ufficio  del  registro  delle  

imprese.  

Ci  possono  essere  anche  consorzi  irregolari  cioè  <<non  iscritti>>.  

Il  codice  prevede  un  primo  corpo  di  norme  (art.2603-­‐2611)  comune  sia  ai  consorzi  anticoncorrenziali  che  ai  consorzi  

di  cooperazione  interaziendale.   2. LE  SOCIETA’  CONSORTILI  

L’art.  2620  c.c.  estende  i  controlli  dell’autorità  governativa  <<  anche  alle  società  che  si  costituiscono  per  raggiungere  

gli  scopi  indicati  nell’art.  2602>>.  Esso  regolava  2  ipotesi:  quella  <<in  cui  accanto  al  contratto  di  consorzio  viene  

costituita  una  società  come  ufficio  esecutivo  del  consorzio  >>(la  cosiddetta  società-­‐  organo  del  consorzio);  quella  

<<in  cui  il  consorzio  stesso  è  costituito  sotto  forma  di  società>>(la  cosiddetta  società-­‐consorzio).  

Secondo  il  nuovo  art.  2615  ter  <<  le  società  previste  nei  capi  III  e  seguenti  del  titolo  V  possono  assumere  come  

soggetto  sociale  gli  scopi  indicati  nell’art.  2602>>.    

Il  comma  2°  dell’art.  2615  ter,  dispone  che  nelle  società  a  scopo  consortile  <<  l’atto  costitutivo  può  stabilire    l’obbligo  

dei  soci  di  versare  contributi  in  denaro>>.  

3. IL  GRUPPO  EUROPEO  DI  INTERESSE  ECONOMICO  

Il  Gruppo  europeo  di  interesse  economico  (Geie)  è  un  istituto  elaborato  dal  legislatore  comunitario  per  promuovere  

e  agevolare  la  cooperazione  tra  soggetti  appartenenti  a  Stati  membri  diversi.  Il  Regolamento  CEE  del  25  luglio  1985,  

n.2137,  ne  disciplina  i  profili  generali,  consentendo  che  ogni  stato  membro,  nel  rispetto  di  tale  disciplina,  caratterizzi  

diversamente  le  regole  di  funzionamento  del  Gruppo.  Per  quanto  riguarda  l’Italia,  le  norme  di  integrazione  sono  

state  dettate  dal  d.lgs.  23  luglio  1991,  n.240.  

Il  regolamento  da  una  parte,  dice  che  fine  del  Gruppo  è  di  agevolare  o  di  sviluppare  l’attività  economica  dei  suoi  

membri  e,  dall’altra,  esclude  che  il  Gruppo  possa  avere  come  scopo  quello  di  realizzare  profitti  per  se  stesso.  

Il  Geie  svolge  un’attività  economica  collegata  all’attività  economica  dei  suoi  componenti.  Non  è  consentito  al  Geie  di  

esercitare  un  potere  di  direzione  o  di  controllo  delle  attività  dei  suoi  membri  o  delle  attività  di  un’altra  impresa,  né  di  

detenere  quote  o  azioni  di  un’impresa  membro;  di  contare  più  di  500  dipendenti;  di  essere  utilizzato  da  una  società  


PAGINE

6

PESO

82.84 KB

AUTORE

Exxodus

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in economia
SSD:
Università: Catania - Unict
A.A.: 2010-2011

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Exxodus di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Diritto commerciale e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Catania - Unict o del prof Dionigi Scano.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Corso di laurea in economia

Riassunto esame Diritto Regionale, prof. Chiara, libro consigliato Lineamenti di Diritto regionale, Martines
Appunto
Istituzioni di Diritto privato, Roppo - Riassunto esame, prof. Turco
Appunto
Riassunto esame Diritto Regionale, prof. Marino, libro consigliato Lineamenti di Diritto Regionale, Martines, Ruggeri
Appunto
Riassunti Politica comunitaria e sviluppo rurale
Appunto