Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

FORMAZIONE E FORMA DEL CONTRATTO - 29

Il contratto esiste e produce i suoi effetti quando è concluso cioè quando inizia a produrre i

suoi effetti giuridici ma il problema generale è definire in quale tempo e in quale luogo il

contratto si trasforma .

Gli schemi legali per la formazione del contratto possono essere diversi da ordinamento a

ordinamento e in un ordinamento possono modificarsi nel tempo con l’introduzione di

nuove norme ma possono coesistere anche diversi schemi legali per la formazione del

contratto infatti in un sistema giuridico i contratti possono formarsi in tanti modi diversi ,

questo vale anche nel sistema giuridico italiano in cui è presente uno schema base che in

generale regola la formazione di tutti i contratti e svariati schemi particolari ciascuno dei

quali regola la formazione di una determinata classe di contratti .

dichiarazioni contrattuali dipende dalle loro determinate

Il trattamento giuridico delle

caratteristiche in relazione alle quali le dichiarazioni contrattuali si distinguono in

dichiarazioni ricettizie che sono dichiarazioni di volontà dirette a una determinata persona

e per la produzione dei loro effetti basta che la dichiarazione sia emessa ma i loro effetti si

producono se e dal momento in cui la dichiarazione arriva a conoscenza del destinatario

quando giunge al suo indirizzo e in dichiarazioni non ricettizie che sono dichiarazioni non

indirizzate a un destinatario e gli effetti degli atti così formati si producono

indipendentemente dalla conoscenza che altri soggetti abbiano dalla dichiarazione come nel

testamento un atto non recettizio perché produce i suoi effetti dalla morte del testatore e

nella promessa al pubblico che produce i suoi effetti nel momento in cui è resa pubblica .

La proposta e l’accettazione (schema base) sono tipiche dichiarazioni contrattuali le quali

presuppongono che il proponente (una parte) formuli all’oblato (l’altra parte) la proposta del

contratto e per poter creare un accordo contrattuale l’oblato deve fare la relativa accettazione

e il contratto si conclude nel momento in cui chi ha fatto la proposta è a conoscenza

dell’accettazione dell’altra parte , l’accettazione produce i suoi effetti con la conclusione del

contratto nel momento in cui giunge a conoscenza del proponente che è il suo destinatario

quindi avendo dimostrato che l’accettazione è giunta all’indirizzo del preponente il contratto

risulta essere formato .

Il proponente può sostenere che il contratto non si sia formato ma deve dimostrare che non

ostante l’arrivo della accettazione al suo indirizzo è stato nella sua colpa nell’impossibilità

di conoscerlo .

Un'altra possibilità per escludere la formazione del contratto anche se l’accettazione è giunta

al proponente è dimostrare che l’accettazione sia tardiva infatti l’accettazione della proposta

deve giungere nel termine stabilito dal proponente stesso o nel termine necessario in base

alla natura dell’affare o degli usi e il proponente può ritenere efficace una accettazione

tardiva ma deve comunicarla all’accettante .

Il contratto si conclude solo se l’accettazione è conforme alla proposta mentre se è difforme

equivale a una nuova proposta .

Nel contratto formato mediante esecuzione lo schema è quello della proposta + l’inizio

dell’esecuzione e vale per i contratti che richiedono di essere eseguiti senza bisogno di una

preventiva accettazione comunicata al proponente , questo può accadere su richiesta del

proponente stesso o perché così richiede la natura dell’affare o gli usi .

Il contratto formato mediante proposta non rifiutata si applica quando il proponente

propone all’oblato un contratto dal quale nascono obbligazioni solo a carico del proponente

stesso e nessuna obbligazione nasce in capo all’oblato , questo è il caso di chi offre una

fideiussione , un opzione , o una prelazione gratuitamente .

Nel contratto formato mediante proposta non rifiutata la particolarità è che non occorre

l’accettazione e alcun gesto dell’oblato ma il contratto si forma in base alla semplice

proposta se l’oblato non la rifiuta nel termine richiesto dalla natura dell’affare o dagli usi

infatti in questo caso lo schema della conclusione del contratto è quello della proposta + il

mancato rifiuto dell’oblato .

contratti consensuali si formano mediante il consenso (cioè l’accordo) tra le parti come

I

una vendita che si conclude appena è presente l’accordo tra le parti mentre i contratti reali

richiedono la consegna di una cosa che ha la funzione di segnalare la volontà di assumere un

impegno legalmente vincolante come il mutuo , il comodato , il pegno e il deposito .

I contratti aperti sono contratti in cui esiste la possibilità che altre parti entrino

successivamente nel contratto aggiungendosi alle parti che in origine l’hanno formato ma

per poter partecipare a questo contratto occorrono 3 requisiti come 1) le modalità per

l’adesione fissate nel contratto originario .

2) l’adesione giunta all’organo costituito per l’attuazione del contratto .

3) e l’adesione giunta a tutti i contraenti originari .

Il tipico esempio di questi contratti sono i contratti associativi , l’iscrizione a delle

associazioni , l’aderenza a delle cooperative entrando a far parte del contratto con gli

originari fondatori che avevano costituito l’organizzazione .

L’offerta al pubblico è un tipo particolare di proposta che ha la caratteristica di essere

indirizzata non a un determinato destinatario ma a una collettività indeterminata di possibili

destinatari , in questo caso l’offerta al pubblico vale come vera e propria proposta ma a

condizioni che 1) l’offerta contenga gli estremi essenziali del contratto da concludere e 2) il

valore di una vera e propria proposta non sia escluso dalle circostanze o dagli usi .

Tra il momento in cui la proposta e l’accettazione sono formulate e il momento in cui il

contratto arriva a concludersi può passare un periodo più o meno lungo dove può

sopravvenire la morte o l’incapacità di chi ha fatto la proposta o l’accettazione oppure

chi ha fatto la proposta o l’accettazione può pentirsi di questo sottraendosi dal contratto

attraverso la revoca della propria dichiarazione .

Se il proponente o l’accettante muore o diventa legalmente incapace dopo la conclusione del

contratto la proposta o l’accettazione perdono efficacia , il procedimento di formazione del

contratto si interrompe e il contratto non può più formarsi ma questa regola presenta due

eccezioni di cui la prima riguarda il caso della proposta irrevocabile che può sopravvenire


PAGINE

5

PESO

28.36 KB

AUTORE

Moses

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in giurisprudenza (GENOVA, IMPERIA)
SSD:
Università: Genova - Unige
A.A.: 2007-2008

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Moses di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Diritto civile I e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Genova - Unige o del prof Roppo Vincenzo.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Diritto civile i

Diritto civile I - Domande esame
Appunto
Riassunto esame Diritto Cvile I, prof. Roppo, libro consigliato Il Contratto
Appunto
Diritto civile
Appunto
Diritto civile - Esercizi
Esercitazione