Che materia stai cercando?

Diritto civile europeo - appalto Appunti scolastici Premium

Appunti di Diritto civile europeo sull'appalto. Nello specifico gli argomenti trattati sono i seguenti: contratto di appalto e figure affini nel diritto europeo, l'appalto come contratto d' impresa, disciplina italiana e spunti comparatistici, appalto e contratti di durata.

Esame di Diritto Civile Europeo docente Prof. S. Mazzamuto

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

del prezzo complessivo dell'opera. Le variazioni non devono comportare notevoli modificazioni della

natura dell'opera o dei quantitativi nelle singole categorie di lavori previste nel contratto.

Sella appaltatore che vuole modificare il progetto, deve essere autorizzato dal committente e

l'autorizzazione si deve provare per iscritto. In questo caso se il prezzo dell'opera è stato determinato

globalmente l'appaltatore non ha diritto a compenso per le variazioni o per le giunte, salvo diverso

accordo delle parti.

Le variazioni per la migliore esecuzione dell'opera devono essere accordate alle parti altrimenti

spetta al giudice determinare le variazioni da introdurre e le corrispondenti variazioni del prezzo.

Il potere di controllo della regolare esecuzione dei lavori in è accordato al committente il quale se

constata delle irregolarità può fissare un congruo termine entro il quale l'appaltatore si deve

conformare a quanto stabilito nel contratto.

Si ammette che il prezzo pattuito sia soggetto a revisione qualora per effetto di circostanze

imprevedibili si siano verificati aumenti/diminuzione del costo dei materiali o della manodopera tali

da determinare un aumento/diminuzione superiore al decimo del prezzo complessivo convenuto.

Questa norma ha carattere dispositivo: le parti possono derogarvi eliminando il limite di un decimo e

fissando un limite diverso.

Il committente ha diritto di verificare l'opera compiuta (collaudo) prima della consegna. Se non

effettua il collaudo ovvero riceve senza riserve la consegna dell'opera questa si considera accettata.

L'appaltatore è tenuto alla garanzia per difformità e vizi dell'opera. Se vizi sono riconducibili a

carenze del progetto l'appaltatore risponde nei confronti del committente. L'azione di denuncia di vizi

in è soggetta al termine di decadenza di 60 giorni dalla scoperta e al termine di prescrizione biennale

decorrente dalla consegna. La garanzia non è subordinata alla colpa dell'appaltatore in infatti in il

committente può chiedere che difformità e vizi siano eliminati a spese dell'appaltatore in ogni caso.

Se però l'appaltatore e in colpa deve anche risarcire a richiesta del committente i danni. Il

committente può chiedere la risoluzione quando le difformità o vizi in siano tali da rendere l'opera

inadatta alla sua destinazione. Nel caso in cui l'opera sia un immobile l'appaltatore è responsabile

verso il committente ha per un periodo di dieci anni dal compimento dell'opera, qualora l'immobile

presenti evidente pericolo di rovina o gravi difetti.

La denuncia all'appaltatore dei vizi deve avvenire entro un anno dalla scoperta (termini di decadenza)

i diritto del committente risarcimento del danno si prescrive in un anno dalla denuncia.

La responsabilità del costruttore di immobili ha natura extracontrattuale e si configura nel caso di

rovina/minaccia di rovina. Se l'opera presenta difetti che la rendono inidonea all'uso o non

corrisponda al progetto non sia stata eseguita a regola d'arte vale l'articolo 1667.

Il committente può recedere in ogni momento a condizione che tenga indenne l'appaltatore dalle

spese sostenute, dei lavori eseguiti e del mancato guadagno. L'appaltatore può inoltre recedere s'è la

variazione al progetto ha comportato una aumento dell'importo che supera il sesto del prezzo

convenuto, potendo inoltre ottenere una equa indennità. Anche il committente può recedere in, se le

variazioni sono di notevole entità, corrispondendo solo un equo indennizzo.

Se per causa non imputabile a nessuna delle parti

l'esecuzione dell'opera diventi impossibile , il committente deve pagare all'appaltatore la

·

parte dell'opera già compiuta minimi chi in cui risulta a lui utile ed in proporzione del prezzo

pattuito per l'intera opera.

Si verifica il perimento o il deterioramento dell'opera prima della consegna

, appaltatore sopporta le

·

conseguenze dannose di detti eventi se ha fornito la materia. Se invece è stata fornita dal

committente, tali eventi sono a suo carico per quanto riguarda la materia da lui fornita, per il resto

invece è a carico dell'appaltatore..

I reciproci diritti delle parti vengono garantiti mediante lo scambio di fideiussioni: l'appaltatore

consegna al committente una fideiussione di esatto adempimento;

I committente in consegna appaltatore una fideiussione che serve a garantire il pagamento (queste

fidejussioni sono spesso prima richiesta). Può essere prevista una altra fideiussione a carico della

appaltatore, c.d. di garanzia, per il periodo di tempo in cui l'appaltatore è tenuto a garantire la

perfetta esecuzione dell'opera.

Appaltatore, in quanto imprenditore oltre a godere di autonomia gestionale e organizzativa del

lavoro è colui che si accolla il rischio economico un e cioè la possibilità che i costi necessari per

l'esecuzione dell'opera e/o prestazione servizio siano chi ha alti del corrispettivo previsto nel

contratto. L'appalto deve essere inquadrato tra i contratti di fiducia (intuitus personae). Questo

spiega la regola secondo cui il subappalto non deve essere autorizzato dal committente. L'appalto e

un contratto consensuale ad effetti obbligatori il cui corrispettivo è previsto in denaro e. Per questo

motivo non sono appalto i contratti che prevedono la costruzione di una opera o la prestazione

servizi in cambio di una prestazione diversa dal denaro. L'appalto è considerato un contratto

comunicativo e non aleatorio. -->Articolo 1664: revisione del prezzo/e compenso a favore

dell'appaltatore in caso di circostanze imprevedibili o serie difficoltà non previste dalle parti che

rendono particolarmente onerosa o difficoltosa l'esecuzione.

Oggetto del contratto d'appalto: realizzazione di una opera/fornitura di un servizio. L'attività

dell'appaltatore consiste comunque in un fare, che, nella appalto di servizi in, presenta carattere

continuativo o periodico. L'obbligazione della appaltatore è indivisibile anche se norme specifiche

obbliga il committente a versare una parte del corrispettivo in proporzione alla parte dell'opera

compiuta/servizio prestato nell'ipotesi di impossibilità sopravvenuta per causa non imputabile ad

alcuna delle parti e/di risoluzione del contratto per morte dell'appaltatore.

Rapporto della appaltatore con il bene=detenzione (no possesso).

Paragrafo 4. Appalto e contratti di durata.

Tradizionalmente si esclude la riconducibilità della appalto alla categoria dei contratti di durata. È

comunque diffusa la definizione della appalto quale contratto d'esecuzione prolungata. Differenze:

·Contratti di durata-->Possibilità di scomporre l'adempimento in vari momenti, ognuno dei quali

soddisfa l'interesse del creditore in misura proporzionale all'intero rapporto. inoltre la risoluzione non

ha effetto retroattivo a non incide sulle prestazioni eseguite.

Sussistano incertezze circa la possibilità di estendere la regola della irretroattività degli effetti al

contratto di appalto. Perciò bisogna accertare se serve e in quale misura il contratto d'appalto

presenti caratteristiche analoghe a quelli dei contratti di durata.

Contratti di durata uguale contratti cosiddetti ad esecuzione continuata periodica in cui la

continuazione o periodicità e esiste per entrambe le parti ma si realizza in modo da attuare

costantemente e l'equilibrio sinallagmatico tra prestazioni e controprestazioni.

Appalto: contratto di esecuzione prolungata poiché l'interesse del committente viene soddisfatta la

consegna dell'opera e il tempo costituisce una necessità pratica.

La complessità delle opere da realizzare e e la durata pluriennale dell'esecuzione oltre che le norme

impegno economico hanno condotto a 1 spezzettamento delle rispettive prestazioni nell'ambito della

appalto. Questo spezzettamento si attua mediante la previsione diverse fasi di costituzione alle quali

sono collegate conseguenze parziali dell'opera da parte della appaltatore. L'interesse perseguito dal

committente comunque rimane quello di ricevere la consegna dell'opera finita nel termine previsto,

ciononostante appare innegabile in che molte caratteristiche dei moderni contratti d'appalto

coincidano con quelle dei contratti ad esecuzione continuata o periodica. Anche nei contratti di

durata l'interesse è quello di ricevere tutte le consegne previste e quindi l'intera quantità di beni non

che è l'intera controprestazione. Allo stesso tempo l'articolo 1458 comma 1 (norma sui contratti di

durata) asserisce che è anche se viene pronunciata la risoluzione, ciò è comunque stato prestato ed

accettato dalla controparte ha determinato un'utilità e pertanto trovava fondamento la

controprestazione. Spesso un la parte di opere eseguite e accettate in adempimento di un contratto

d'appalto non può essere materialmente restituita, per questo motivo bisogna accertare se debba

essere applicata la norma in esame in, con la conseguenza di non configurare obblighi di restituzione,

oppure la regola di cui all'articolo 1458 comma 1 secondo cui la risoluzione del contratto effetto

retroattivo tra le parti, soluzione che sia accolta produce la nascita di un obbligo di restituzione delle

prestazioni ricevute. Una parte della giurisprudenza recente ha applicato quest'ultima ipotesi nel caso

di risoluzione di contratti d'appalto d'opera. Non è però univoca infatti altre decisioni della


PAGINE

5

PESO

34.63 KB

AUTORE

Sara F

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in giurisprudenza
SSD:
A.A.: 2013-2014

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Sara F di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Diritto Civile Europeo e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Roma Tre - Uniroma3 o del prof Mazzamuto Salvatore.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Diritto civile europeo

Diritto civile europeo - beni di consumo
Appunto
Diritto civile europeo - pacchetto turistico
Appunto
Diritto civile europeo - credito al consumo
Appunto
Diritto civile europeo - subfornitura
Appunto