Che materia stai cercando?

Diritto amministrativo - beni Appunti scolastici Premium

Appunti di Diritto amministrativo sui beni degli Enti pubblici. Nello specifico gli argomenti trattati sono i seguenti: i beni demaniali, beni demaniali necessari (demanio marittimo, idrico e militare), beni del demanio accidentale (strade, autostrade, aerodromi, acquedotti, immobili riconosciuti di interesse storico,... Vedi di più

Esame di Diritto amministrativo docente Prof. F. Pugliese

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

A causa della sancita incommerciabilità dei beni demaniali, sono nulli gli eventuali atti dispositivi

di essi posti in essere dalla p.a.

Va altresì esclusa la espropriabilità dei beni demaniali; e la trasferibilità dei beni del demanio

necessario, i quali sono riservati allo Stato, salvo l’eccezione del demanio regionale. Per gli altri

beni del demanio è invece ipotizzabile il loro passaggio a diverso ente territoriale purché permanga

la loro destinazione pubblica.

Spetta all’amministrazione la tutela dei beni che fanno parte del demanio pubblico.

L’amministrazione dispone di poteri di autotutela (esecutiva): ciò significa che, anziché utilizzare

gli ordinari rimedi giurisdizionali che l’ordinamento prevede a tutela della proprietà, essa può

direttamente procedere a tutelare i propri beni in via amministrativa, irrogando sanzioni ed

esercitando poteri di polizia demaniale.

I beni del demanio naturale acquistano la demanialità per il solo fatto di possedere i requisiti

previsti dalla legge.

I beni artificiali diventano invece demaniali nel momenti in cui rientrino in uno dei tipi fissati dalla

legge e cioè nel momento in cui l’opera sia realizzata (il che implica la sua destinazione pubblica),

purché siano di proprietà dell’ente territoriale.

La cessazione della qualità di bene demaniale deriva oltrechè dalla distruzione del bene, dal fatto

della perdita dei requisiti di bene demaniale e dalla cessazione della destinazione. Vi può poi essere

l’intervento legislativo che sdemanializza alcuni beni (strade ferrate).

BENI DEL PATRIMONIO INDISPONIBILE:

fanno parte del patrimonio indisponibile dello Stato: foreste (demanio forestale dello Stato),

miniere, cave e torbiere quando la disponibilità ne è sottratta al proprietario del fondo; le cose di

interesse storico, archeologico, paletnologico, paleontologico e artistico da chiunque e in qualunque

modo ritrovate nel sottosuolo; i beni costituenti la dotazione della presidenza della Repubblica; le

caserme, gli armamenti, gli aeromobili militari e le navi da guerra. Fanno parte del patrimonio

indisponibile dello Stato o rispettivamente delle province e dei comuni, secondo la loro

appartenenza, gli edifici destinati a sede di pubblici uffici con i loro arredi e gli altri beni destinati al

pubblico servizio. Ai sensi dell’art. 830 c.c. i beni degli enti pubblici non territoriali, destinati a un

pubblico servizio, sono assoggettati alla disciplina dei beni patrimoniali indisponibili. I beni del

patrimonio indisponibile possono appartenere a qualsiasi ente pubblico e comprendono mobili e

immobili. Questi beni non possono essere sottratti alla loro destinazione, se non nei modi stabiliti

dalle leggi che li riguardano. Ma non sono incommerciabili: gli atti di disposizione tuttavia devono

rispettare il vincolo di destinazione. L’atto di trasferimento che non rispetti la disciplina legislativa

non è nullo perché avente ad oggetto una res fuori commercio ma annullabile per violazione dei

modi di legge stabiliti per sottrarli al vincolo di destinazione, anche se è pure sostenibile la tesi della

nullità per contrarietà a norma imperativa.

La giurisprudenza ha esteso al patrimonio indisponibile parte della disciplina dettata per il demanio

(è il caso del potere di autotutela).

PRIVATIZZAZIONE DEI BENI appartenenti ad enti pubblici

(in particolare quelli del patrimonio indisponibile): finalizzata a soddisfare esigenze di carattere

finanziario e di risanamento del debito pubblico, anche se, mentre per i beni del patrimonio

disponibile il criterio base dovrebbe essere costituito dal rapporto spese-ricavi, per gli altri occorre

soprattutto valutare il permanere della funzione pubblica da essi assolta.. più in generale, i beni

pubblici sono sempre più spesso usati non già per soddisfare specifici interessi pubblici, ma per

produrre entrate.

Tre sono le modalità di dismissione del patrimonio dello Stato:

1. il ministero dell’economia e delle finanze è autorizzato a sottoscrivere quote di fondi

immobiliari mediante apporto di beni immobili e diritti reali su beni immobili appartenenti

al patrimonio dello Stato. 2


PAGINE

4

PESO

22.02 KB

AUTORE

Sara F

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE APPUNTO

Appunti di Diritto amministrativo sui beni degli Enti pubblici. Nello specifico gli argomenti trattati sono i seguenti: i beni demaniali, beni demaniali necessari (demanio marittimo, idrico e militare), beni del demanio accidentale (strade, autostrade, aerodromi, acquedotti, immobili riconosciuti di interesse storico, artistico e archeologico, raccolto di musei, pinacoteche, archivi, biblioteche).


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in giurisprudenza
SSD:
A.A.: 2013-2014

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Sara F di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Diritto amministrativo e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Tor Vergata - Uniroma2 o del prof Pugliese Francesco.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Diritto amministrativo

Manuale di diritto amministrativo, Casetta - Schemi
Appunto
Diritto amministrativo - processo (schema)
Appunto
Diritto amministrativo - Domande e risposte
Esercitazione
Diritto amministrativo - organizzazione Enti pubblici
Appunto