Che materia stai cercando?

Didattica della musica Appunti scolastici Premium

Appunti di Didattica della musica basati su appunti personali del publisher presi alle lezioni del prof. Asinari dell’università degli Studi di Padova - Unipd, Facoltà di Scienze della formazione, Corso di laurea in scienze della formazione primaria. Scarica il file in formato PDF!

Esame di Didattica della musica docente Prof. P. Asinari

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

DIDATTICA DELLA MUSICA

DOCUMENTI RELATIVI ALLE INDICAZIONI MINISTERIALI

 Piano d’istruzione (2004 a partire da questo momento si parla di scuola

dell’infanzia)

 Curricolo (2007)

 Piano di lavoro e atto di indirizzo (2009)

 Indicazioni ministeriali (2012)

IL METODO ATTIVO

 È un modello procedurale di apprendimento che implica l’esperienza

sensitiva e motoria (finalizzata allo strumento) del discente

 Il bambino è il centro e il motore stesso della propria evoluzione

 Il bambino non deve essere condizionato dalla logica dell’adulto

 Ogni conoscenza acquisita è fondata sulla stimolazione ricorrente del

sistema sensoriale o muscolare ad opera di azioni o di oggetti che suscitano

l’interesse ludico e stimolano l’atteggiamento partecipativo dell’allievo

 L’allievo si applica attivamente nel processo di apprendimento 1

 L’allievo è spinto a far musica ben prima di impararne la teoria

I CAMPI PRIVILEGIATI DELL’ESPERIENZA MUSICALE

Canto

 Giochi ritmici

 Giochi corporei

 Uso di strumenti semplici

 Uso di oggetti

 I MODELLI STORICI (che applicano il metodo attivo)

ÈMILE JAQUES – DALCROZE (1865 – 1950)

 Insegnante svizzero di conservatorio

 Applica in modo coerente e costante il metodo attivo concentrandosi sul

movimento (l’azione degli arti inferiori condiziona il rapporto con il ritmo 

camminata)

 2 presupposti:

1) Nei primi stadi evolutivi non c’è distinzione fra atto motorio e atto

conoscitivo

2) Il senso ritmico è un senso muscolare da sperimentare attraverso il

movimento

 Il corpo è l’intermediario tra l’evento sonoro e il pensiero

 3 materie di insegnamento:

Ritmica (ascolto)

 Solfeggio (abilità uditive)

 Improvvisazione (elaborare nuove idee compositive)

ZOLTÀN KODÀLY (1882 – 1967)

 Studioso ungherese della musica folklorica

 Esistenza di una lingua musicale, insieme di strutture e modelli culturali

con cui il bambino entra in contatto fin dalla nascita su cui deve poggiare

l’educazione musicale

 L’educazione musicale trova il suo fondamento nel repertorio folklorico

popolare

 L’apprendimento del canto popolare risorge sotto forma di enunciato

musicale

 L’enunciato musicale diventa notazione musicale, entro cui l’allievo

2 decodifica senza sforzo le relazioni sonore (tra note a livello di altezze ad

esempio) si parte da qualcosa di già noto

 Solmisazione: l’allievo, a partire dal canto, associa ad esso le sillabe delle

note senza considerarne l’altezza e la tonalità assoluta D’Arezzo

 Do mobile: l’allievo adotta questo sistema di notazione semplificato

attribuendo alle note una funzione (riferimento al do di partenza)

 L’apprendimento musicale avviene attraverso la lettura cantata delle note

 Chironomia: strategia didattica che rinforza visivamente la lettura e la

memorizzazione dell’altezza relativa delle note (uso delle mani e delle

braccia)

 Educazione ritmica: uso delle onomatopee e della loro trasposizione

mnemonica in formule ritmiche

CARL ORFF (1895 – 1982)

 I bambini devono essere produttori di musica

 I bambini devono scoprire la musica utilizzando e sperimentando

 Musica elementare:

Parlare ritmato (versi, fonemi, sillabe dando un valore sonoro ed

 emotivo)

Cantare ritmato (si fa per imitazione non per Kodàly)

 

Strumentario didattico (si ha un contatto con lo strumento e

 l’improvvisazione il primo strumento di cui disponiamo è la voce):

- Strumento a suono indeterminato (percussivi)

- Strumento a suono determinato (percussivi e melodici)

Danza (come sviluppo motorio conseguente allo sviluppo musicale)

 ALTRI PEDAGOGISTI MINORI

EDGAR WILLEMS (1890 – 1978)

 Occorre sviluppare la musicalità prima di tutto

 Far prendere conoscenza di quanto hanno prodotto ascoltando

 Educare l’orecchio musicale

LAURA BASSI (1883 – 1950)

 Utilizza l’associazione tra parole e disegno/grafica per formare l’orecchio

musicale

 Ritmogramma disegnare una linea come si vuole ascoltando il ritmo di

 3

una musica (ad esempio), anche con colori diversi

MAURICE MARTENOT (1898 – 1980)

 Si concentra sul ritmo musicale

 Importanza della pulsazione regolare (100/110 bpm meglio percepiti dai

bambini), da cui poi emergerà il ritmo

SHINIKI SUZUKI (1898 – 1998)

 Metodo applicato al violino

 Insegnamento di tipo collettivo

 Si arriva all’ascolto e alla pratica (vocale e strumentale) cancellando la

teoria (solo dopo anni la si fa)

 Si mette al centro il maestro ma solo come esempio da imitare (

imitazione)

 Legame con gli altri e con lo strumento


PAGINE

7

PESO

214.10 KB

AUTORE

giulan

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in scienze della formazione primaria
SSD:
Università: Padova - Unipd
A.A.: 2013-2014

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher giulan di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Didattica della musica e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Padova - Unipd o del prof Asinari Pierguido.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Corso di laurea in scienze della formazione primaria

Riassunto per esame di Didattica del Testo e Didattica della Lettura e della Scrittura, Prof. Ferraro e De Rossi, libro consigliato Didattica del testo, Cisotto
Appunto
Fondamenti di musica
Appunto
Storia della musica
Appunto
Appunti delle lezioni di Didattica dell'italiano L2 prof Santipolo
Appunto