Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Dose efficace: Sommatoria su tutti gli organi della dose

equivalente relativa al singolo organo per il suo

fattore di ponderazione tissutale (Wt).

Si misura in Sievert(Sv) o più frequentemente

nella pratica in milliSievert (mSv).

ESPOSIZIONE ALLE RADIAZIONI IONIZZANTI

L’esposizione può essere:

Globale: quando interessa tutto l’organismo, compresi il

• midollo ematopoietico e le gonadi.

Parziale: quando interessa parti dell’organismo (arti, cristallino,

• ecc.)

Nelle radiazioni ionizzanti le particelle cariche svolgono un’azione

lesiva in via primaria.

I raggi X e gamma danno luogo a limitata produzione di ioni primari

che effettuano la maggior parte delle ionizzazioni, agendo così in

via secondaria.

I processi di ionizzazione agiscono sulle strutture biologiche in

modo:

Diretto: lesione alla membrana cellulare, danni ai ribosomi e

• mitocondri, mutazioni genetiche

Indiretto: produzione di radicali liberi che distruggono le

• macromolecole

L’organismo può essere colpito dall’interno o dall’esterno per cui si

distinguono:

Sindrome da irradiazione interna (danni somatici tardivi, danni

• somatici localizzati o danni tardivi di carattere genetico

Sindrome da irradiazione esterna (acuta o cronica).

A sua volta la sindrome da irradiazione esterna si può dividere in: 4

Sindrome acuta da irradiazione globale: esposizione

• accidentale di lavoratori a rischio e si classificano per dosi

medio basse, per dosi elevate e per dosi alte

Sindrome acuta da irradiazione locale: le strutture più sensibili

• sono la pelle e le gonadi

Sindrome cronica da irradiazione globale: riguarda lavoratori

• addetti alla manipolazione di sostanze radioattive

Sindrome cronica da irradiazione locale: frequente in passato

• in radiazioni e ortopedici

ESPOSIZIONE ALLE RADIAZIONI NON IONIZZANTI

Gli effetti si dividono in:

Effetti termici: dovuti all’aumento della temperatura all’interno

• dell’organo, i più colpiti sono il cristallino e il testicolo

Effetti non termici: a carico del sistema emopoietico,

• cardiovascolare, nervoso e vegetativo

Gli effetti biologici possono essere:

Termici acuti e cronici sull’organo bersaglio

1. Non termici acuti e cronici a carico del sistema nervoso

2. Effetti stocastici a lungo termine (carcinoma cellulare e della

3. cute).

IL DANNO BIOLOGICO

Può essere diviso in:

Somatico: può colpire l’individuo sottoposto a radiazioni

• Genetico: interessa il patrimonio cromosomico dell’individuo e

• si manifesta nella sua progenie

I danni somatici possono ancora essere divisi in:

Effetti graduati: per esempio eritema cutaneo, leucopenia,

• opacità del cristallino, ecc., si manifestano in tempi brevi ed

insorgono quando viene superato un livello (soglia) di

esposizione alle radiazioni

Effetti stocastici: per esempio l’insorgenza di neoplasie, non

• presentano soglie al disopra delle quali si manifestano,

possono verificarsi anche a distanza di anni dall’esposizione e 5

la probabilità che si verifichino dipende dalla quantità di

radiazione assorbita dall’individuo

Il decreto legislativo 187/2000 si basa su due principi:

Giustificazione: l’esposizione deve essere giustificata dalla

• necessità

Ottimizzazione: la dose di radiazioni deve essere mantenuta

• il più bassa possibile

MEZZI DI CONTRASTO

Sono delle sostanze usate per aumentare o modificare il contrasto

naturale fra le diverse strutture e tessuti.

La contrasto grafia naturale ha un buon risultato in presenza di aria

o calcio, mentre è limitata sui parenchimi.

Nelle radiografie normali ci sono 5 tipi di densità:

Aria

• Grasso

• Osso

• Fluidi

• Tessuti molli

MDC ARTIFICIALI

Vengono usati quando il contrasto non è sufficiente e sono sostanze

atte a modificare l’assorbimento dei raggi X.

Si dividono in:

MDC negativi: hanno un assorbimento inferiore a quello degli

• organi o apparati in cui vengono introdotti e sono sostanze allo

stato gassoso come aria, ossigeno, anidride carbonica e

vengono usate ad esempio nell’esame a doppio contrasto)

MDC positivi: hanno un assorbimento superiore a quello degli

• organi o apparati in cui vengono introdotti e possono essere

baritati e iodati. A loro volta gli iodati si possono dividere in

liposolubili ed idrosolubili 6


ACQUISTATO

3 volte

PAGINE

8

PESO

24.99 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE APPUNTO

Appunti di Diagnostica per immagini e radioterapia per l'esame del professor Oscar Tamburrini su: l’8 Novembre 1895 nasce la radiologia, grazie a Roentgen che, per
sbaglio, fece la prima radiografia sulla mano della moglie, facendo uscire dei raggi X da una tubo catodico. Per questa scoperta fu insignito del premio Nobel per la Fisica nel 1901. I raggi X impressionano una lastra di bromuro d’argento sulla quale
appare l’immagine in negativo.


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in infermieristica
SSD:
A.A.: 2013-2014

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher wallacekr di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Diagnostica per immagini e radioterapia e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Magna Graecia - Unicz o del prof Tamburrini Oscar.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Corso di laurea in infermieristica

Esame del tirocinio - Secondo anno
Appunto
Esame di tirocinio
Appunto
Malattie dell'apparato locomotore - Medicina fisica e riabilitativa
Appunto
Medicina interna - infermieristica medica
Appunto