Che materia stai cercando?

Deontologia

Appunti di infermieristica basati su appunti personali del publisher presi alle lezioni della prof. Brandi dell’università degli Studi di Firenze - Unifi, facoltà di Medicina e Chirurgia, Corso di laurea in infermieristica. Scarica il file in formato PDF!

Esame di Infermieristica generale docente Prof. A. Brandi

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

3. Le circostanze: in questo ambito rientrano tutti quegli elementi che connotano meglio

la situazione come buona o cattiva.

Prima del 1834, non esistevano concetti che parlavano o trattavano di deontologia, a parte il

giuramento di Ippocrate, che vedeva nell’attività medica una disciplina espletata come un

impegno ad interessarsi nel dolore altrui. La deontologia è “quel settore dell’arte e della

scienza che ha per suo oggetto il fare in ogni occasione ciò che è conveniente”. Il compito

della deontologia consiste, dunque, nella distribuzione degli obblighi derivanti da fonti

diverse, nello stabilire quale debba ottenere la preferenza e quale debba rinunciarvi. Non

riguarda, infatti, la tecnica, ma i comportamenti, che si caratterizzano in quanto rispondenti a:

1. Il principio di correttezza: si riferisce alle doti personali di buona educazioni;

2. Il principio di riservatezza: si riferisce a ciò che riguarda informazioni e dati

strettamente personali del paziente;

3. Il principio di informativa e veridicità: devono essere fornite in modo esaustivo tutte

le informazioni richieste dalla persona assistita;

4. Il principio di colleganza: implica l’impegno a rispettare i colleghi anche in caso di

opinioni contrastanti;

5. Il principio di dignità e decoro professionale: riguarda l’indossare una divisa, che

trasmette un messaggio dal punto di vista professionale, ma allo stesso tempo

rappresenta un vero e proprio decoro nei confronti dei colleghi. La divisa differenzia

ed evidenzia la professione: è necessario, per questo motivo, indossarla con dignità e

decoro.

Il codice deontologico, dunque, rappresenta l’insieme delle norme della condotta

professionale. Manifesta le esigenze etiche di una professione e rappresenta lo strumento

attraverso il quale il professionista si presenta alla società. Il codice deontologico è, infatti,

destinato ai: destinatari della professione, colleghi, altri professionisti, se stessi (come

professionisti).

Nel 1999, la legge 42 ha dato una serie di disposizioni in materia di professioni sanitarie:

“Il campo di attività e di responsabilità delle professioni sanitarie è determinato dai contenuti

dei decreti ministeriali istitutivi dei relativi profili professionali e degli ordinamenti didattici

dei rispettivi corsi di diploma universitario e di formazione post-base nonché degli specifici

codici deontologici”.

La violazione delle norme deontologiche prevede l’intervento da parte del Collegio

Provinciale d’appartenenza, che stabilisce le sanzioni, quali:

1. Avvertimenti (Richiamo verbale)

2. Censura (Richiamo scritto)

3. Sospensione dell’esercizio professionale (da 1 a 6 mesi)

4. Radiazione dall’Albo (prevista in caso di veri e propri reati)

Il codice deontologico non è un codice etico, ma uno strumento indirizzato all’orientamento e

alla realizzazione di comportamenti personali accettati dalla professione, che consente a

qualunque infermiere la possibilità di esprimere il proprio progetto etico in modo

differenziato.

I codici deontologici

Esistono 5 codici deontologici, scritti rispettivamente:

1. Nel 1960 (Primo codice deontologico, che nasce in seguito alla necessità di indicare le

coordinate etiche con le quali operare);

2. Nel 1977;

3. Nel 1996 (Ricerca l’alleanza con l’individuo assistito, un contatto infermiere-

cittadino);

4. Nel 1999;

5. Nel 2009 (quello attuale).

Codice Deontologico del 1960:

E’ il primo codice deontologico mai scritto. Si compone di soli 11 articoli. E’ interessante

notare come utilizzi un linguaggio prescrittivo, orientato a costruire un’immagine di un

infermiere disciplinato.

Nell’articolo 6 si sottolinea il rapporto leale con il medico. Interessante osservare come si

faccia più riferimento al rapporto dell’infermiere col medico, rispetto che al rapporto fra

infermiere e assistito. (Pongono i rapporti con i medici su un piano di “pongono i rapporti

con i medici su un piano di leale collaborazione eseguendo scrupolosamente le prescrizioni

terapeutiche e sostenendo nel malato la fiducia verso il medico e verso ogni altro personale

sanitario” personale sanitario).

Nell’articolo 9, invece, viene sottolineato come gli infermieri debbano onorare la propria

professione: anche qui il paziente è messo in secondo piano; non è necessario onorare il

paziente, ma la professione in sé. Tuttavia, è fondamentale sottolineare come venga, in

quest’articolo, esposto un concetto estremamente moderno: l’infermiere deve aggiornarsi,

riguardo ai metodi, alle malattie, ecc. (hanno il dovere di onorare la propria professione: sia

loro cura aggiornarsi e perfezionarsi continuamente e abbiano un esemplare comportamento

nella vita privata).

Nell’articolo 4 si spiega come gli infermieri non debbano abbandonare il posto di lavoro,

senza che ci sia la certezza della sostituzione.

L’articolo 5 espone come l’infermiere debba osservare il segreto professionale, rispettandolo

in tutto e per tutto. E’, infatti, vietato trasferire le informazioni che l’infermiere ha visto,

inteso o semplicemente intuito. (Essi osservino il segreto professionale in base ad intima

convinzione al di sopra di ogni obbligo giuridico. Il segreto si estende a tutto ciò che i

professionisti siano venuti a conoscere nell’esercizio della professione: non solo quindi a ciò

che gli fu confidato, ma anche a ciò che essi hanno veduto, inteso o semplicemente intuito).

Codice Deontologico del 1977:

E’ il secondo codice deontologico e anche questo è composto da soli 11 articoli.

Nella premessa si dice: l’infermiere svolge una professione al servizio della salute e della

vita (notare, quindi, come qui non si faccia più riferimento al servizio nei confronti del

medico, ma alla responsabilità che l’infermiere ha verso la vita e la salute). E’ chiamato non

solo ad assicurare una qualificata assistenza infermieristica, ma anche a dare risposte

professionali nuove per favorire, con la collaborazione di tutto il personale sanitario, il

progresso della salute nel paese.

Nell’articolo 4: l’infermiere promuove la salute del singolo e della collettività, operando

contemporaneamente per la prevenzione, la cura e la riabilitazione

Nell’articolo 6 viene spiegato come l’infermiere, nella sua autonoma responsabilità, debba

collaborare attivamente con i medici per la tutela dei cittadini, sia nella programmazione sia

nel funzionamento delle strutture. Per esempio, non possiamo considerarci passivi rispetto ai

costi che un’azienda ospedaliera deve mantenere.

Se le risorse vengono utilizzate in modo irresponsabile, risulterà necessariamente impossibile

poter dare a tutti la giusta cura.

Nell’articolo 1 viene esposto come l’infermiere sia al servizio della vita dell’uomo.

Importantissimo, dunque, sottolineare questo concetto, poiché finalmente, l’infermiere non è

più al servizio del medico, ma della vita dell’assistito. (L’infermiere è al servizio della vita

dell’uomo: lo aiuta ad amare la vita, a superare la malattia, a sopportare la sofferenza e

affrontare l’idea della morte).

Nell’articolo 11 viene enunciato come l’infermiere possa affermare e difendere il suo diritto

all’obiezione di coscienza, di fronte alla richiesta di particolari interventi, i cui contenuti etici

risultino contrastanti la sua morale (per esempio, nel caso di eutanasia o di aborto artificiale).

Codice deontologico del 1999 o patto infermiere-cittadino:

Estremamente interessante notare come il codice deontologico del 1996, anche chiamato

patto infermiere-cittadino, sia scritto in prima persona: è l’infermiere stesso a parlare

direttamente all’assistito. Io, infermiere, mi impegno nei tuoi confronti, a:

1. Presentarmi al nostro primo incontro, spiegarti chi sono e cosa posso fare per te;

2. Sapere chi sei, riconoscerti, chiamarti per nome e cognome;

3. Farmi conoscere, attraverso la divisa e il cartellino di riconoscimento;

4. Darti risposte chiare e comprensibili o indirizzarti alle persone e agli organi

competenti;

5. Fornirti informazioni utili o rendere agevole il tuo contatto con l’insieme di servizi

sanitari;

6. Garantirti le migliori condizioni igieniche e ambientali;

7. Favorirti nel mantenere le tue relazioni sociali e familiari;

8. Rispettare il tuo tempo e le tue abitudini;

9. Aiutarti ad affrontare in modo equilibrato e dignitoso la tua giornata, supportandoti

nei gesti quotidiani di mangiare, lavarsi, muoversi, dormire, quando non sei in grado

di farlo da solo;

10. Individuare i tuoi bisogno di assistenza, condividerli con te, proporti le possibili

soluzioni, operare insieme per risolvere i problemi;

11. Insegnarti quali sono i comportamenti più adeguati per ottimizzare il tuo stato di

salute nel rispetto delle tue scelte e stile di vita;

12. Garantirti competenza, abilità e umanità nello svolgimento delle tue prestazioni

assistenziali;

13. Rispettare la tua dignità, la tua insicurezza e garantirti la riservatezza professionale;

14. Ascoltarti con attenzione e disponibilità quando hai bisogno;

15. Starti vicino quando soffri, quando hai paura, quando la medicina e la tecnica non

bastano;

16. Promuovere e partecipare ad iniziative atte a migliorare l’assistenza infermieristica;

17. Segnalare agli organi e figure competenti le situazioni che ti possono causare danni e

disagi.

All’interno delle 17 dichiarazioni del “patto” si possono distinguere 2 categorie tematiche:

1. L’identità. Nelle voci 1 e 3, per esempio, l’infermiere fornisce tutte le indicazioni per

essere identificabile sia sotto il profilo personale (cartellino, divisa ...) sia sotto quello

professionale. Nella 2° voce, invece, si sottolinea l’impegno dell’infermiere a

riconoscere il paziente come identità, come individuo, persona che l’infermiere

intende conoscere e con cui si impegna ad iniziare una proficua relazione.


PAGINE

8

PESO

33.66 KB

AUTORE

engyfro

PUBBLICATO

5 mesi fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in infermieristica (BORGO SAN LORENZO, EMPOLI, FIGLINE VALDARNO, FIRENZE, PISTOIA, PRATO)
SSD:
Università: Firenze - Unifi
A.A.: 2018-2019

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher engyfro di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Infermieristica generale e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Firenze - Unifi o del prof Brandi Angela.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Infermieristica generale

Tesina d'addio
Appunto
Schema modelli funzionali delle teoriche del nursing
Appunto
Infermieristica Generale
Appunto
Infermieristica generale - Appunti
Appunto