Che materia stai cercando?

Comunicazione politica - Die Sprache des Nazionalsozialismus Appunti scolastici Premium

Slide per l'esame di comunicazione politica, professor Claudio Bonvecchio, corso di laurea in scienze della comunicazione. L'argomento trattato è la comunicazione propagandistica nazionalsocialista, l'enfasi e le tecniche utilizzate, il tutto corredato da immagini significative.

Esame di Comunicazione politica docente Prof. C. Bonvecchio

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

“La macchina che fabbrica, organizza e diffonde le

mostruose falsità dei movimenti totalitari viene messa

in moto dal capo. All'asserzione che tutti gli

avvenimenti sono scientificamente prevedibili, in base

alle leggi della natura o dell'economia, l'apparato

aggiunge la funzione dell'uomo che ha monopolizzato

questa facoltà di previsione e la cui principale qualità

è che ha sempre avuto ragione e sempre avrà

ragione. La sua conoscenza del divenire non ha nulla

a che fare con la verità, il suo aver ragione nulla a che

fare con l'esattezza oggettiva delle affermazioni, che

possono essere confutate soltanto dal futuro

successo o insuccesso, e non dai fatti. E poiché le

sue azioni prendono come misura temporale i

millenni, o i secoli, la verifica di quanto egli fa è

sottratta all'esperienza e al giudizio dei

contemporanei" (Arendt p.527)

„Meine Antwort: ich darf noch einmal festellen, dass ich

erstens keinen Krieg geführt habe, dass ich zweitens

seit Jahren meinen Abscheu vor einem Krieg und

"... allerdings auch meinem Abscheu vor einer Kriegshetze

Ausdruck verleihe, und dass ich drittens nicht wüβte,

für welchen Zweck ich überhaupt einen Krieg führen

sollte.

Ich wäre Herrn Roosevelt dankbar, wenn er mir darüber

Aufklärung geben wollte!„

(La mia risposta: posso semplicemente prendere atto del fatto

che 1) non ho condotto alcun guerra 2) che da anni esprimo

la mia ripugnanza per la guerra e l'istigazione alla guerra, e

3) che non so per quale motivo dovrei fare una guerra.

Sarei molto grato al signor Roosevelt, se me lo volesse

spiegare!".

"Ich habe mich daher nun entschlossen, mit Polen in

der gleichen Sprache zu reden, mit der Polen nun

(unterbrochen vom Beifall) ... seit Monaten redet.

Polen hat heute nacht zum ersten Mal auf unserem

eigenen Territorium auch mit bereits regulären

Soldaten geschossen. Seit 5 Uhr 45 wird jetzt

zurückgeschossen! (Beifall) Wer mit Gift kämft, wird mit

Gift bekämft. Wer selbst sich von den Regeln einer

humanen Kriegsführung entfernt, kann von uns nichts

anders erwarten, als das wir den gleichen Schritt tun.

Ich werde diesen Kampf, ganz gleich gegen wen,

solange führen bis die Sicherheit des Reiches und bis

seine Rechte gewährleistet sind!"

• Dissimulazione della sconfitta 

• “Mit unseren Fahnen ist der Sieg” Der Sieg

wird unser sein Endsieg

• Beweglicher Verteidigungskrieg guerra difensiva in

movimento

• Festung Europa, Festung Deutschland, F. Berlin

• Rückzug, Niederlage Rückschlag regresso

• fliehen vom Feinde absetzen

sich allontanarsi dal nemico

• Durchbrüche Einbrüche

 irruzioni

• elastische Front

• Frontabkürzungen, Frontbegradigungen accorciamenti,

riduzioni del fronte

• Schwierigkeiten Engpässe

• "...im übrigen will ich euch, meine Volksgenossen, so, wie in den

langen Jahren des Ringens um die Macht, auch heute auf neue

versichern, dass mein Glaube an die Zukunft unseres Volkes

unerschütterlich ist. Wem die Vorsehung so schwere Prüfungen

auferlegt, den hat sie zu Höchstem berufen. Es ist daher meine

einzige Sorge, mich abzumühen, um das deutsche Volk durch

diese Zeit der Not hindurchzuführen und ihm damit das Tor in jene

Zukunft zu öffnen, an die wir alle glauben, um die wir kämpfen und

arbeiten. Ich kann diesen Apell nicht schlieβen, ohne dem

Herrgott zu danken für die Hilfen, die er Führung und Volk hat

immer wieder finden lassen, sowie für die Kraft, die er uns

gegeben hat stärker zu sein als die Not und Gefahr. Wenn ich ihm

dabei auch danke für meine eigene Rettung, dann nur, weil ich

glücklich bin, mein Leben damit weiter in den Dienst meines

Volkes stellen zu können. In dieser Stunde will ich daher als

Sprecher Groβdeutschlands gegenüber dem Allmächtigen das

feierliche Gelöbnis ablegen, dass wir treu und unerschütterlich

unsere Pflicht auch im neuen Jahr erfüllen werden, des

felsenfesten Glaubens, das die Stunde kommt, in der sich der

Sieg endgültig dem zueigen wird, der seiner am würdigsten ist,

dem Groβdeutschen Reiche" ( Hitler 31.12.1944)

“Se è vero che le masse sono ossessionate dal

desiderio di evadere dalla realtà perchè, senza patria

come sono, non possono più sopportare gli

incomprensibili aspetti accidentali, è altresì vero che la

loro ansia di un mondo fittizio ha qualche attinenza

con quelle capacità della mente umana la cui

coerenza strutturale è superiore al mero accadere.

L'evasione dalla realtà è un verdetto contro il mondo in

cui esse non possono esistere, perché il caso ne è

diventato signore supremo e gli esseri umani hanno

bisogno della continua trasformazione delle condizioni

accidentali e caotiche in una trama umanamente

controllabile e di relativa coerenza" (Arendt p. 486)

• LTI lingua delle sigle:

GESTAPO geheime Staatspolizei

 

HJ Hitlerjugend, DJ deutsches Jungvolk

JM Jungmädelbund

 

BDM Bund deuscher Mädel

DAD deutscher Arbeitsdients

DAF deutsche Arbeitsfront

SS Schutzstaffel, SA Schutzabteilung

 

• Uso di espressioni omnicomprensive

Volk, Gemeinschaft, alle, jeder, wir/uns

• Akkusativierung

• Uso di espressioni tecniche

gleichschalten, aufziehen

• Fremdwörter:

a. Utilizzo di traduzione tedesca approssimativa

Psychologie Seelenkunde,

PattriottismusHeimatliebe

Produktion Erzeugnisschlacht

Aktivierung seelischeMobilmachung

b. Utilizzo arbitrario di parole straniere

Terror, Invasion, Aggressor,

diffamieren, liquidieren

LTI come lingua “totale”

• Partecipazioni familiari:

Volker 21.7.1942. In Deutschlands grö ter Zeit wurde unserem

Ψ β

Thorsten ein Brüderchen geboren. In stolzer Freude Else

Hohmann...Hans-Georg Hohmann,SS-Untersturmführer d. Res.

Dresden, General-Wever-Stra e

β

 

In stolzer Freude In stolzer Trauer formazione analogica

automatica

Er starb für seinen Führer / für seinen geliebten Führer vs

Für das Vaterland fiel unser einziges Kind

Parole forza

• RASSE

L'ideologia nazionale (völkische Weltanschauung)

riconosce l'importanza dell'umanità nella sua

componente originaria razziale. Essa vede nello stato

solo un mezzo per raggiungere lo scopo e ha come

" scopo la conservazione dell'identità razziale degli

esseri umani. Essa non crede quindi assolutamente

all'eguaglianza tra le razze, ma riconosce nella loro

diseguaglianza anche il loro valore maggiore o

minore e questa consapevolezza la fa sentire

obbligata a favorire il trionfo del migliore, del più forte

ad esigere l'assoggettamento del peggiore e del più

debole, così come vuole l'eterna volontà che regna

su questo universo" (Hitler,Mein Kampf ).

" Nella nozione di Rasse, nel suo campo semantico, si

compendia tutta la Weltanschauung nazista. Questa

parola chiave è il fulcro dinamico, il centro di un

immenso sistema nozionale intorno a cui gravitano e da

cui assorbono significato tutti i valori della vita,del Nuovo

ordine. La razza è potenza commessa al popolo

tedesco dal destino, è religione, è arte, è l'unica vita

degna di essere vissuta. Tutto ciò che è èpositivo è

razza, tutto ciò che è negativo è anti-razza. Tutto ciò

che è nobile, sublime,eroico, puro, vero, è nordicità, è

germanesimo. Tutto ciò che è ignobile, plebeo, vile,

impuro, falso è mediterraneità, antigermanesimo."

(Enzi p. 41)

• Blut: il sangue costituisce il valore supremo del

Volk, ne rappresenta la sostanza più intima

• Boden: Terra, suolo, zolla. Territorio come

elemento insostituibile per la protezione dell'etnia.

• Volk : Nel suo significato corrente di "popolo", Volk

è una voce tipicamente germanica, nella quale non

esistono corrispondenze nelle altre lingue del ceppo

indoeuropeo (Grimm)

Per il NS accentuazione del concetto di razza

Volk = deutsches Volk e comprende tutti coloro che

si affidano al Führer restringimento semantico

• Volkhaft: (conforme al popolo) , secondo i fratelli Grimm significa,

appartenente al popolo, avente le sue radici nel popolo, conforme

alla sua essenza.

vs. particolarismo e individualismo di Weimar

• Völkisch:

Il lemma völkisch entra a far parte della lingua tedesca

nel XV sec. come calco dal termine latino popularis. Nel 1811

viene impiegato da Fichte come sinonimo di deutsch (tedesco),

mentre nel 1875 questo termine viene utilizzato dallo studioso

austriaco Pfister come germanizzazione di national

“Mit dem Wort völkisch zielen wir hin auf die gemeinsame

Lebenssubstanz, auf den natürlichen Lebensgrund und

Lebensraum. Völkisch bedeutet eine elementare Tatsache, eine

bluthaftseelische Notwendigkeit, eine räumlich-geschichtliche

Wirklichkeit in einer verbindenden und verpflichtenden

Lebensganzheit “

• Volksfremder:

Il lemma 'Volksfremder' viene utilizzato

per la prima volta nel 1860, da J.C. Bluntschli =

straniero

Nel 1909, il pangermanista Heinrich Claβ accosta il

termine 'volksfremd' all'aggettivo 'rassenfremd' (di

razza diversa).

Nel Terzo Reich, il sostantivo 'Volksfremder' assume

una connotazione totalmente negativa: è l'antonimo di

Deutscher (tedesco)

• volksfremd: Usato come aggettivo o avverbio,

'volksfremd' è il contrario di 'volkhaft' e 'völkisch' e

designa tutto ciò che non è conforme al 'Volk'.

• Arier / arisch

"Was wir heute an menschlicher Kultur, an

Ergebnissen von Kunst, Wissenschaft und Technik

vor uns sehen, ist nahezu ausschlieβlich

schöpferisches Produkt des Ariers ... Würde man die

Menschheit in drei Arten einteilen: in

Kulturbegründer, Kulturträger und Kulturzerstörer,

dann käme als Vertreter der ersten nur der Arier in

Frage"

(Ciò che noi oggi vediamo in relazione alla cultura umana,

ai risultati in campo artistico, scientifico e tecnico è quasi

esclusivamente prodotto creativo degli ariani. Se si

suddividesse l'umanità in tre categorie: fondatori della

cultura, portatori di cultura e distruttori di cultura, allora

solo gli ariani rientrerebbero fra i primi) (Hitler, Mein Kampf)

"Wir alle ahnen, dass in ferner Zukunft Probleme an

den Menschen herantreten können, zu deren

Bewältigung nur die höchste Rasse, gestüzt auf die

Mittel und Möglichkeiten eines ganzen Erdballs,

berufen sein wird„

(Noi tutti prevediamo che in un lontano futuro si

potranno presentare all'umanità problemi, al cui

superamento sarà chiamata unicamente la razza

suprema, sostenuta dai mezzi e dalle possibilità

dell'intero globo terrestre) (Hitler, Mein Kampf)

• Jude/ jüdisch)

• 1)

religioso. Come dichiara il Vecchio Testamento, l'ebreo è sia

l'abitante della Palestina, sia colui che, sebbene sia stato

scacciato da questa terra, conserva il proprio credo. La religione

ebraica è una delle tre religioni principali del mondo; le altre due

sono quella cristiana e quella pagana.

• 2) sociale. L'ebreo viene ricordato soprattutto per le sue cattive

abitudini, prime fra le quali la sporcizia, l'avidità di lucro e

l'esercizio dell'usura. Questi suoi difetti danno adito a detti

popolari quali "er stinkt wie ein Jude" (puzza come un ebreo),

"schmierig wie ein alter Jude" (disonesto come un vecchio ebreo)

e "wuchern, betrügen, borgen wie ein Jude (esercitare l'usura,

imbrogliare, far credito come un ebreo). In senso più generale

viene definito Jude chiunque abbia caratteristiche negative

analoghe a quelle degli ebrei.

• 3)leggendario. Qui ci si riferisce alla figura dell'ewiger Jude (ebreo

errante), dell'ebreo condannato a peregrinare senza sosta per

l'eternità ; figura rivisitata, fra gli altri, da Chamisso e Goethe.

(Grimm (1999) sub vocem Jude)

• Gleichschaltung/ gleichschalten:

da gleich= uguale + schalten =inserire (detto

della corrente)

Nel lessico dell’elettricità = collegamento in

parallelo

• Nel 33 entra in ambito economico-politico

equiparazione,allineamento

pianificazione,

• Diffusione straordinaria nel 33 e 34

• Cade in disuso nel 38 quando termina il

massiccio processo di allineamento


PAGINE

49

PESO

5.88 MB

AUTORE

Menzo

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in scienze della comunicazione
SSD:
A.A.: 2013-2014

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Menzo di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Comunicazione politica e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Insubria Como Varese - Uninsubria o del prof Bonvecchio Claudio.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Comunicazione politica

Lingua del nazismo
Appunto
Comunicazione politica - Apologia dei doveri dell'uomo
Appunto
Riassunto esame Giornalismo e Media, prof. Pierantozzi, libro consigliato I Linguaggi della Radio e della Televisione di Menduni
Appunto
Filosofia delle scienze sociali - gli archetipi dell'inconscio collettivo integrati con appunti prof. Bonvecchio
Appunto