Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

scuola classica, una scienza penalistica liberale.

Parlava anche di tendenza liberale realistica, perché sotto un certo punto di vista, i giuristi si sono

ricompattati in posizioni meno utopistiche, irrealistiche, cercando di far fronte comune in un

momento storico, in cui far fronte comune era necessario. Chi si fosse dimostrato più compatto e

pronto, avrebbe avuto più possibilità di influire sulla formazione del codice penale.

Quindi non è esistita una scuola classica: c’erano giuristi sparsi che si sono ricompattati

perché sono stati criticati.

La scuola positiva invece:

si presenta con caratteri di una vera e propria scuola. Ha un caposcuola in particolare che ha

influenzato il pensiero di tutti. Il nome è Cesare Lombroso. Da 1880 a 1910.

Arriva dal positivismo scientifico questa scuola. La scuola propone un ribaltamento delle strutture

penali esistenti. In più, la scuola positiva avrebbe proposto al giurista un radicale mutamento di

prospettiva: dove la scuola classica poneva la sua attenzione sul reato, quella positiva diceva che il

giurista dovesse concentrare l’ attenzione sull’ autore del reato.

L’ oggetto non è il reato nella scuola positiva ma il suo autore.

“L’ uomo delinquente” (1876) è stato scritto da Lombroso: si analizzavano le componenti

fisiche, psichiche e ambientali. Abbiamo la negazione del principio di imputabilità come

presupposto e fondamento della responsabilità penale. Gli esponenti della scuola positiva

dicevano che nessun comportamento completamente libero è sempre condizionato da un elemento

esterno o interno dell’ individuo. La pericolosità sociale è l’ elemento fondante. Se emerge,

questa è il fondamento della sua responsabilità penale, e sociale. Anche i soggetti non

imputabili possono essere tenuti responsabili se socialmente pericolosi. I positivisti non parlano

di pena, ma parlano di sanzione penale: la sanzione penale non deve essere più commisurata alla

gravità del reato ma al livello di pericolosità sociale dimostrata dal delinquente attraverso il reato.

La sanzione perde il suo carattere di pena e tende a trasformarsi in una misura di sicurezza.

Da una parte è una misura di sicurezza necessariamente di durata indeterminata. Finchè non viene

meno la pericolosità, la sanzione deve essere mantenuta.

Anche la scuola positiva, che è più compatta, si articola presto in due filoni distinti: il filone

antropologico, rappresentato dal pensiero di Lombroso; si caratterizza per il fatto di studiare le

anomalie fisiche e psichiche del soggetto delinquente. Sulla base dell’ analisi di queste

anomalie e della persistenza di queste anomalie, giunge a teorizzare l’ esistenza di una

tendenza innata a delinquere. Questo filone antropologico ha un successo immediato che varca i

confini nazionali, per come si presenta uno era considerato delinquente. Basta analizzare la

morfologia del soggetto per valutare la sua tendenza a delinquere e la sua pericolosità sociale.

Enrico Ferri, esponente sociologico della scuola, scrive un libro su queste cose “I nuovi orizzonti

del diritto e della procedura penale”, che poi diventerà “Sociologia criminale”. Questo nuovo

titolo, più credibile, risente comunque del lombrosismo.

Mario Sbricoli cerca di delineare i tratti della scuola positivo:

1. Nella scelta fra garanzia individuale e difesa sociale, gli esponenti della scuola positiva si

schierano a difesa.

2. Il diritto diventa fenomeno naturale, partendo dalle scienze umane.

E altri:

Il criterio della pena si misura sulla temibilità, pertanto diventa decisiva la classificazione dei

delinquenti. La prevenzione assume un ruolo primario nel campo politico, economico, familiari

(idea dei sostituitivi penali).

Di nuovo nella scuola positiva la politica criminale entra nell’ ambito della riflessione

penalistica. Queste discipline entrano nel bagaglio del penalista.

Da questo punto di vista dell’ apporto scientifico, l’ avvio di questa nuova scuola ha rappresentato

un arricchimento. Il problema è che pur determinando quest’ arricchimento, le idee positivistiche


ACQUISTATO

1 volte

PAGINE

4

PESO

52.00 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in giurisprudenza
SSD:
A.A.: 2016-2017

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Verdefoglia di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Storia del diritto medievale moderno e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Carlo Cattaneo - Liuc o del prof Isotton Roberto.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Storia del diritto medievale moderno

Storia del diritto medievale privato - Appunti
Appunto
La legislazione emergenziale
Appunto
La legislazione emergenziale
Appunto
Prima Parte Diritto Commerciale
Appunto