Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

2) ad attività elettrica parzialemente desincronizzata

aritmia atriale caotica

fibrilloflutter atriale

3) ad attività totalmente desincronizzata

fibrillazione atriale

Tachiaritmie ventricolari.

1) ad attività elettrica sincronizzata

tachicardia ventricolare comune

tachicardia ventricolare bidirezionale

tachicardia ventricolare lenta

tachicardia ventricolare iterativa

2) ad attività parzialemnte desincronizzata

torsione di punta

flutter ventricolare

3) ad attività elettrica totalmente desincronizzata

fibrillazione ventricolare

Eziopatogenesi. In genere le aritmie ipercinetiche originano per fenomeni di rientro di

minuscole porzioni di tessuti, microcircuiti oppure possono essere interessate intere

camere cardiache, come macrocircuiti di rientro. La presenza di numerosi e piccoli circuiti

di rientro esista in attività totalmente desincronizzata, per es. la fibrillazione atriale.

Situazioni che possono scatenare queste aritmie sono l'uso di caffè, il fumo, la tensione

psichica! (state calmi e prendetevi la vita comodamente, ovviamente se possibile!!).

Sintomatologia. Può variare dalla sensazione di palpitazione, come di frullio d'ali nel petto,

alla dispnea ed alla sensazione di nodo alla gola, fino alla costrizione retrosternale

dell'angina, accompagnandosi queste forme a poliuria, cioè emissione di urine pallide,

abbondanti e diluite.

Reperti elettrocardiografici.

Tachiaritmie sopraventricolari.

a) tachicardia sinusale, cioè esaltazione dell'automatismo del NS, con frequenze di 100-

130 b/m; cioè seguenze di P seguite da QRS stretti, talora con BAV di 2° di tipo I; può

dipendere da stress, emozioni, farmaci, febbre, ipossiemia.

b) ritmo idiogiunzionale, si caratterizza per onde P retrograde cioè negative in D2, D3 AVF

e QRS uguali;

c) tachicardia atriale, cioè automatismo abnorme, a livello del miocardio atriale, quindi P

ectopiche e blocco di 2° 2:1, 2:3; si diversifica dal flutter per la frequenza minore delle

onde atriali;

d) tachicardie parossistice

seno-atriale, cioè con fascicolo di rientro tra il nodo del seno ed il miocardio atriale a

frequenze di 100-120 con onde P pressocchè analoghe a quelle sinusali, di breve

durata;

comune, del NAV, a soli complessi QRS, con P celate e frequenza di 140-200 b/m;

tachicardia parossistica da fascicolo accessorio, a freq, 180-250 b/m, a complessi QRS

stretti ed onde P ectopiche;

e) flutter atriale, espressione di macro-rientro che coinvolge gli atri, dunque onde F a

"denti di sega", evidenti come oscillazioni "seghettate" in D2-D3 aVF; compare BAV 2° 1:1

o 2:1

f) fibrillazione atriale, classica aritmia assai frequente nell'anziano; può essere in forma

cronica stabilizzata o parossistica, la perdita della efficace contrazione atriale può

determinare problemi se sussistono condizioni associate di stenosi mitralica, insufficienza

mitralica, ipertrofia del miocardio. Si caratterizza per complessi QRS desincronizzati ed

onde atriali "f" piccole di fibrillazione, con scomparsa delle onde P sinusali e BAV 2°, i

QRS sono stretti, irregolarmente spaziati;

g) fibrillo-flutter, è pressocchè simile alla fibrillazione atriale dalla quale si differenzia per le

onde f più regolari;

h) sindrome di Wolf-Parkinson-White, si caratterizza per la presenza di vie di conduzione

accessorie, rappresentate da fascicoli di tessuto simile al miocardio ordinario o alle fibre di

Purkinje, detti fasci di Kent; all'ecg si avrà una preeccitazione dei ventricoli espressa da un

PQ corto ed un'onda Delta davanti al QRS, con QRS largo ed aberrante.

Tachiaritmie ventricolari (TV).

Si tratta di alterazioni del ritmo che insorgono distalmente alla biforcazione del fascio di

His, per disordine dell'automatismo di conduzione, o per ritmo idioventricolare accelerato o

per circuiti di rientro; possono essere "non sostenute" se il fenomeno dura 15-60 sec, o

"sostenute" per episodi più lunghi; possono insorgere in corso di infarto del miocardio, per

esiti di infarto in corso di aneurisma ventricolare di sinistra, miocarditi ecc. Possiamo avere

TV benigne, la TV lenta o la iterativa e TV maligne, infauste, per esempio la TV comune, il

flutter ventricolare, la Fibrillazione ventricolare, che rappresenta praticamente l'arresto

dell'attività cardiaca.

Reperti elettrocardiografici.

a) TV comune, a prognosi infausta perché si associa a fibrillazione ventricolare. a

frequenza 150-250 b/m;

b) TV iterativa, benigna con episodi non sostenuti, a frequenza inferiore a 150 b/m;

c) TV lenta, o ritmo idioventricolare acceleratoa frequenza di 50-110;

d) torsione di punta, per l'aspetto caratteristico ecg, bizzarro, con apici dei

ventricologrammi a "torsione di punta"come se si invertisse la polarità;

e) tachicardia ventricolare bidirezionale, con complessi a polarità opposta;

f) flutter ventricolare, a ventricologrammi ad oscillazioni ampie e regolari, anche a

frequenza di 250 b/m;

g) fibrillazione ventricolare, a prognosi infausta, che è espressione di disionia, ischemia,

con ecg ad oscillazioni ampie, irregolari, aberranti, quindi instabilità elettrica estrema.


ACQUISTATO

1 volte

PAGINE

8

PESO

31.01 KB

AUTORE

flaviael

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Esame: Cardiologia
Corso di laurea: Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia
SSD:
Università: Messina - Unime
A.A.: 2013-2014

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher flaviael di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Cardiologia e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Messina - Unime o del prof Ferlazzo Benito.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Cardiologia

Cardiologia - protesi valvolari cardiache
Appunto
Cardiologia - circolazione extracorporea
Appunto
Cardiologia - cardiopatie congenite
Appunto
Cardiologia - circolazione extracorporea
Appunto