Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

LA SCUOLA GEOGRAFICA Nuova interpretazione delle relazioni

tra gruppi umani e ambiente letti

FRANCESE attraverso il loro evolversi nella storia

fine XIX secolo - inizio XX secolo

Paul Vidal de la Blache (1845 – 1918)

visione storica =

Introduce nell’analisi geografica una

l’Uomo, in base alle sue esigenze, cultura, capacità

tecnologica … ha la possibilità di intervenire sulla natura e

modificarla

Il complesso delle interazioni fra uomo e natura crea delle

UNITÁ TERRITORIALI o REGIONI

definite ed individuabili

La concezione possibilista ha portato la ricerca geografica a

sviluppare tre fondamentali temi di studio

• REGIONE = entità socio-territoriale (il numero delle regioni varia

a seconda della scala utilizzata per l’analisi)

• PAESAGGIO = l’insieme degli oggetti distintivi e caratterizzanti

un territorio

• GENERE DI VITA = insieme delle modalità materiali con cui i

gruppi umani provvedono alle loro esigenze in stretto rapporto con

l’ambiente geografico A partire dagli anni ’50 del XX secolo, con lo

sviluppo delle scienze statistiche e della

LA NEW GEOGRAPHY tecnologia e la possibilità di poter usufruire di

dati quantitativi relativi ai fenomeni umani, i

geografi abbandonano il metodo descrittivo per

dedicarsi all’analisi quantitativa.

L’analisi geografica si focalizza sulle strutture di funzionamento di un

dato territorio si pone come obiettivo quello di individuare delle leggi

che le regolano attraverso l’utilizzo di regole matematiche.

generali ma anche

Analizza le relazioni fra uomo e ambiente (relazioni verticali)

le = relazioni che intercorrono tra luoghi ed aree

relazioni orizzontali

diverse dovute alle interrelazioni tra diversi gruppi umani

La geografia quantitativa ha prodotto dei modelli interpretativi utili

all’analisi della distribuzione nello spazio di precisi fenomeni come le

attività primarie, industriali e dei servizi, delle merci o delle informazioni,

l’organizzazione politica …

per questo in ambito anglosassone è definita come spatial science

Passaggio dal metodo induttivo della geografia che

ideografica

analizza le peculiarità di un dato territorio

al metodo deduttivo da cui deriva la geografia che tende a

nomotetica,

generalizzare i fenomeni isolando le costanti di un dato territorio e la

sua organizzazione

Nuove geografie si sviluppano a partire

dagli anni ’60 del 1900 a seguito degli

LE GEOGRAFIE RADICALI sconvolgimenti culturali e sociali che

interessano il mondo occidentale

Dissenso con l’impostazione della geografia quantitativa

Necessità di indirizzare la ricerca verso obiettivi sociali

geografia problematiche sociali derivate dagli squilibri

marxista:

economici regionali, Terzo Mondo, sviluppo ineguale (tra i maggiori

esponenti l’inglese David Harvey e il francese Yves Lacoste)

• geografia geografia della analisi dei

comportamentale o percezione:

percorsi che fa l’uomo nello spazio (mental percezione del rischio

map),

ambientale, la percezione del paesaggio

• geografia la conoscenza è possibile solo attraverso

umanistica:

l’esperienza personale (uomo posto al centro dell’analisi dello spazio)

Non presenta una impostazione predominante

GEOGRAFIA UMANA ma è divenuta un contenitore di idee e metodi

MODERNA che adottano approcci diversificati a

di ricerca

seconda della posizione intellettuale del

geografo

Diversità degli studi geografici

• analizzano la varietà costituita dalla presenza sul territorio di diversi

gruppi sociali (uomini e donne, ricchi e poveri, immigrati e locali,

gruppi appartenenti a religioni o etnie diverse …)

• grandi problemi economici che hanno sempre rilevanza territoriale

(multinazionali, competizione dei mercati, differenza nel costo del

lavoro), cause e conseguenze dei conflitti politici …

• analisi dei problemi ecologici derivati dalla crescita demografica,

intensificazione delle attività produttive, industrializzazione

inquinamento, esaurimento delle risorse …


PAGINE

14

PESO

387.73 KB

AUTORE

vipviper

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE APPUNTO

Questo materiale didattico si riferisce al corso di Geografia umana tenuto dalla dottoressa Nadia Carestiato. Tappe della geografia:
- età moderna = produzione delle carte geografiche, descrizione delle terre conquistate;
- età greco-romana = obiettivo di rappresentare la Terra;
- nel XIX secolo nasce la geografia moderna = la Geografia diviene una scienza con metodi e obiettivi specifici (scuola geografica germanica, scuola geografica francese);
- XX secolo: new geography e geografie radicali.


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in lettere
SSD:
Università: Udine - Uniud
A.A.: 2010-2011

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher vipviper di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Geografia umana e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Udine - Uniud o del prof Carestiato Nadia.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Geografia umana

Rapporto uomo-ambiente
Dispensa
Cartografia
Appunto
Insediamento umano e attività produttive
Dispensa
Cartografia nel Medioevo
Appunto