Che materia stai cercando?

Articolazione della spalla

Appunti di anatomia clinica sull'articolazione della spalla che sono basati su appunti personali del publisher presi alle lezioni del prof. Familiari dell’università degli Studi La Sapienza - Uniroma1, facoltà Seconda medicina e chirurgia. Scarica il file in formato PDF!

Esame di Anatomia docente Prof. G. Familiari

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Prima lezione di Bove

SPALLA

L’articolazione scapolo-omerale è formata dalla scapola e dall’omero. La

scapola è un osso triangolare che ha una base verso l’alto e un apice verso il

basso quindi si accompagna alla silhouette del nostro corpo, si localizza nella

parte posteriore a ridosso della gabbia toracica e pertanto la superficie

anteriore è concava, mentre la superficie posteriore è convessa. Quest’osso

triangolare ha delle prominenze ossee e una superficie articolare: la superficie

articolare è quella posta lateralmente, che corrisponde alla superficie

glenoidea, ed è una superficie piatta, lievemente concava (è quindi meglio

definirla piatta) e che ha la forma di pera rovesciata. Questa superficie

glenoidea è la superficie articolare della scapola che si articolerà con una parte

dell’omero che poi descriveremo. Continuando a descrivere la scapola,

abbiamo parlato anche di prominenze ossee. Queste prominenze ossee si

trovano, una nella parte anteriore che è la coracoide, un piccolo osso che viene

in avanti e sporge anteriormente. Ovviamente è una parte circondata da

muscoli quindi non riusciamo a palpare questa prominenza, ma sentiremo solo

la base; posteriormente c’è una spina, un’ala, che va dalla parte mediale alla

parte laterale: questa ala si inserisce proprio perpendicolarmente alla scapola e

viene in avanti verso l’esterno dove ha una espressione che è tipica di quella di

un tetto che è l’acromion. Ripetiamo: c’è questo osso di forma triangolare,

lateralmente ha questa superficie articolare, posteriormente parte una spina

che si allarga e arriva nella parte esterna, che è l’acromion. Questa spina della

scapola divide la scapola posteriormente in due sezioni: una sezione

sottospinata e una sopraspinata. L’acromion è come un tetto come una

pensilina che se vista dall’alto viene in avanti e poi si apre come una tettoia.

Questa tettoia ha un’importanza fondamentale nella clinica e nelle patologie:

questo acromion noi lo vediamo adesso lateralmente ed è piatto rispetto alla

testa dell’omero; in realtà questo profilo dell’acromion ha un’inclinazione che

flat,

caratterizza tre tipologie diverse; infatti l’acromion può essere oppure può

subire due inclinazioni che poi vedremo perchè sono importanti. L’acromion a

sua volta si articola con “quel grissino” della clavicola, che viene in avanti dallo

sterno e si articola con l’acromion. La superficie della spalla è lineare, non ci

sono prominenze e sembra tutto liscio, se palpate non sentite il passaggio dalla

clavicola all’acromion e anche questo è importante. Vedete invece la coracoide

è questa prominenza ossea che viene in avanti: guardate quindi quanto è

complesso dal punto di vista descrittivo questa struttura anatomica che però

ha un’importanza di carattere funzionale. Nell’articolazione scapolo-omerale

c’è un collegamento con l’omero. Ma quale parte dell’omero? Con la testa

dell’omero, 1/3 di questa testa partecipa all’articolazione. Questa testa

dell’omero ha una particolarità rispetto all’asse dell’omero: questo terzo di

sfera è orientato posteriormente, quindi si dice retroverso. Come funzionano

questi due capi ossei? Come fanno una superficie piatta e una superficie sferica

a mantenere una integrità? Noi vediamo che la spalla è solida, non ha un

minimo di instabilità, quindi pensate alla perfezione di quello che vedremo. Un

elemento importante che caratterizza le articolazioni è costituito dalla

cartilagine. La cartilagine è un tessuto che riveste i capi articolari e svolge

un’azione di armonizzazione. Se prendete un osso vedete che è ruvido, è

rugoso anche se è ricoperto da una superficie dura che è la corticale, ma poi

deve essere soffice quindi questa armonia viene data dalla cartilagine che è un


PAGINE

4

PESO

215.00 KB

AUTORE

martiune

PUBBLICATO

8 mesi fa


DETTAGLI
Esame: Anatomia
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in medicina e chirurgia (a ciclo unico)
SSD:
A.A.: 2018-2019

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher martiune di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Anatomia e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università La Sapienza - Uniroma1 o del prof Familiari Giuseppe.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Corso di laurea magistrale in medicina e chirurgia (a ciclo unico)

Psicofarmaci in psichiatria
Dispensa
Disturbi di personalita’ nel  DSM-IV e nel DSM-V
Dispensa
Disturbo ossessivo compulsivo
Dispensa
Depressione
Dispensa