Che materia stai cercando?

Architettura romana

Appunti di archeologia delle province romane sulla marmora romana basati su appunti personali del publisher presi alle lezioni del prof. Slavazzi dell’università degli Studi di Milano - Unimi, facoltà di Lettere e filosofia, Corso di laurea magistrale in archeologia. Scarica il file in formato PDF!

Esame di Archeologia classica romana docente Prof. F. Slavazzi

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

­ odeion di Erode Attico ad Atene,

A volte è usato come sala per le assemblee o come bouleuterion:

­ bouleuterion di Efeso,

­ bouleuterion di Afrodisiade,

­ bouleuterion di Iasos,

­ bouleuterion di Nysa.

Gli anfiteatri: l’anfiteatro, rispetto al teatro, è un edificio di concezione rigorosamente romana

perché era destinato a un tipo di spettacolo romano, quello gladiatorio; si tratta di un edificio

grandioso, impegnativo dal punto di vista costruttivo ed economico ed era quasi sempre collocato al

di fuori della città perché, collocandolo all'interno, esso veniva ad occupare uno spazio troppo

ampio, in più in questo modo non si portava in città una grande massa di gente che comportava un

intralcio alla circolazione. L’origine più antica dell’anfiteatro è campana, infatti se ne trovano a

Pompei, Capua e Pozzuoli, dove troviamo il secondo e il terzo anfiteatro per dimensioni dopo il

Colosseo.

Gli anfiteatri erano luoghi dove si riunivano decine di migliaia di spettatori (il Colosseo ne contava

circa 80.000), e le dimensioni erano proporzionate alle dimensioni della città e del territorio.

Circa la forma si tratta di un'ellisse che permette, da ogni punto all'interno della cavea, una buona

visibilità dello spazio centrale, l’arena; si tratta dunque di un anello ellittico inclinato, a gradinate,

dove risiedevano gli spettatori mentre nell'arena avvenivano gli spettacoli; gli spettatori erano

separati dall'arena, infatti accedevano alle gradinate dall'esterno, invece all'arena si accedeva

dall'interno.

­ i più antichi anfiteatri in Italia:

­ anfiteatro di Pompei (si trova all'interno della città e ha ancora un aspetto

sperimentale: esso è il più antico (80 a.C.) e questa arcaicità è data dal fatto che per

motivi di risparmio la realizzazione si appoggia alle mura, mentre la parte che non

si appoggia alle mura è realizzata con un terrapieno contenuto all'interno di arcate

che tengono insieme la terra. L’accesso avveniva da un'enorme scalinata a due

rampe che portava gli spettatori in cima; vi sono poi i due ingressi laterali che

permettevano l'ingresso ai gladiatori; in genere però l'intera struttura era costruita,

come nel caso del Colosseo);

­ anfiteatro di Sutri,

­ anfiteatro di Alba Fucens, 4

­ l'evoluzione sino alla fine dell'età giulio­claudia: durante i primi decenni dell'età imperiale,

la mancanza di un modello romano cui attingere direttamente determina una situazione che,

sul piano delle forme e dei problemi tecnici, resta molto aperta e continua a produrre

soluzioni per molti versi provvisorie proprio perché sperimentali

­ anfiteatro di Merida,

­ anfiteatro di Saintes,

­ anfiteatro di Verona,

­ il Colosseo e la sua discendenza: a partire dall'età flavia la sperimentazione è fuori corso, o

perlomeno, se in certi siti provinciali si ricorrerà ancora a partiti architettonici non canonici

è per motivi che non dipendono più dalla mancanza di un modello romano, costituito

dall’anfiteatro flavio:

­ anfiteatro di Italica,

­ anfiteatro di Thysdrus,

­ anfiteatro di Pozzuoli,

­ anfiteatro di Nimes,

­ anfiteatro di Arles,

­ gli anfiteatri dell'oriente greco: le province greche e orientali dell'impero furono sottoposte

da parte delle loro popolazioni alle stesse pressioni subite dalle province occidentali a favore

dei giochi cruenti nell'arena; sfortunatamente non sono molti i resti archeologici di cui

possiamo disporre per valutare il fenomeno;

­ gli anfiteatri di tipo gallo romano: un certo numero di monumenti appartengono alla serie

degli edifici misti o ibridi: questa serie riunisce monumenti che hanno la doppia

caratteristica di possedere un'arena il cui asse principale è nettamente distinguibile da quello

minore e una cavea generalmente incompleta.

Circhi e stadi: i circhi sono edifici rigorosamente romani: in oriente c'erano precedenti simili, cioè

gli stadi che erano destinati a gare di tipo ginnico, invece il circo aveva un’unica funzione, cioè vi si

svolgevano le gare dei carri (bighe o quadrighe). Esso è il più grande degli edifici romani con uno

spazio enorme per gli spettacoli che si svolgono su un lato breve e sui due lati lunghi, invece

sull'altro lato breve vi erano dei portici che costituivano le linee di partenza per i carri (carceres).

Il sito più antico riservato all'addestramento dei cavalli da corsa era Roma il Trigarium, stando

almeno alla testimonianza di un glossatore di epoca tarda: questo sito, localizzato nel campo

Marzio, che alla fine dell'età repubblicana aveva assunto la forma di uno spazio erboso

5

quadrangolare e con l'estremità sud orientale a forma di arco di cerchio, a giudicare dal nome era

già in uso durante il periodo etrusco.

La caratteristica dei circhi è quella di essere spesso legati alle residenze imperiali: a Roma il circo

circo massimo

principale è il che in origine era una valle dove al centro scorreva un piccolo

torrente e che si trovava tra il Palatino e l’Aventino; fin dalla più antica età arcaica qui si

svolgevano le gare dei carri; poi venne costruito un edificio in muratura, cosa che di solito avveniva

raramente.

Esso si trova ai piedi del Palatino, il colle che diventerà la residenza imperiale, tanto che la domus

di Domiziano era collegata direttamente con quest'edificio; questa unione tra residenza imperiale e

circo diventerà normale in età tardo antica perché era il principale luogo dove l'imperatore poteva

mostrarsi al maggior numero di sudditi che assistevano al manifestarsi della maestosità

dell'imperatore dalla tribuna imperiale.

Si tratta di un edificio di tradizione antica con una vita molto lunga e che in età tardo antica ebbe

molto successo; le città con i circhi sono molto poche e spesso la struttura non è archelogicamente

identificabile con facilità perché non era necessario che fosse dotata di gradinate fisse, infatti

potevano anche essere lignee, quindi abbiamo solo un edificio lungo e stretto.

circo Flaminio

A Roma l'edificio era legato anche ai trionfi che avvenivano nel che non venne mai

costruito ma che era uno spazio destinato ad essere il luogo di partenza del corteo trionfale che

arrivava fino al Campidoglio; il circo Flaminio era il luogo dove la processione si formava e infatti

sui suoi lati vennero costruiti degli edifici trionfali dagli imperatori con il bottino di guerra; esso

divenne allora una piazza lastricata ai cui lati si trovavano questi edifici.

­ i circhi dell'Italia e delle province occidentali: la vastità dello spazio occupato dai circhi e il

costo della loro sistemazione monumentale, se si volevano offrire gli spettatori strutture

degne degli altri edifici per spettacoli, non possono spiegare da sole la pressoché totale

assenza di tracce di questo tipo di edifici in Italia, e infatti le numerose attestazioni letterarie

o epigrafiche di spettacoli equestri non sono confortate da nessuna testimonianza

archeologica di una qualche consistenza; da ciò si deduce che la maggior parte delle città

della penisola attrezzò gli spazi destinati allo svolgimento delle corse, probabilmente il più

delle volte al di fuori dello spazio urbano, dotandoli solo di strutture occasionali

temporanee.

­ circo di Merida,

­ circo di Tarragona,

­ circo di Leptis Magna, 6

­ ippodromi e i circhi delle province greche e orientali: nelle città greche la tradizione delle

gare equestri era molto antica, ma assumeva forme molto diverse da quelle dei ludi

circenses; gli ippodromi tardo classici o ellenistici di Corinto o di Atene hanno lasciato

pochissime tracce sul terreno e ciò si spiega non soltanto con il fatto che si trattava di

semplici piste di terra battuta, ma anche con il progressivo declino delle manifestazioni

equestri all'interno dei giochi greci; gli sforzi compiuti da Augusto e da Erode per

rivitalizzare queste tradizioni non riuscirono a invertire realmente il corso delle cose.

Bisognerà attendere il II e ancor più il III secolo d.C. per vedere apparire ippodromi

monumentali modellati sulla base dei circhi romani; ma il fenomeno assume forme diverse a

seconda delle province: se la Grecia e le grandi città costiere dell'Asia minore restano

sostanzialmente estranee a ciò, le regioni più orientali, la Siria, la Palestina ed Egitto

conservano un numero piuttosto consistente di monumenti di questo tipo.

stadi

In oriente i circhi erano più rari perché di solito vi erano gli di tradizione classica; anche gli

stadi sono pochi, localizzati nelle città principali:; esso aveva una forma a emiciclo, dove uno dei

lati corti era curvilineo e l'altro, al cui centro si apriva l'ingresso assiale, restava rettilineo.

Anche a Roma c’era uno stadio destinato agli spettacoli ginnici e musicali, lo fece costruire

stadio di Domiziano

Domiziano in una forma lussuosa: lo occupa l'area dell'attuale piazza Navona

e gli edifici che la circondano appoggiano sulle gradinate dello stadio.

Ad Atene c'era lo stadio olimpico antico che venne realizzato da Erode Attico alla metà del II sec

aC per le gare panatenaiche; gli altri stadi principali sono quello di Afrodisia e di Perge.

­ stadio di Delfi,

­ stadio di Afrodisiade.

Biblioteche e auditoria: la biblioteca come luogo di lavoro e di formazione aveva fatto molto presto

la sua comparsa nella Grecia arcaica e classica; le più antiche fondazioni di questo tipo sono

attribuite a Policrate di Samo e a Pisistrato di Atene nel VI secolo a.C.; le celebri biblioteche rivali

di Alessandria e di Pergamo in età ellenistica erano certamente molto più elaborate.

A Roma spetta a Cesare il merito di avere per primo sentito la necessità di aprire una biblioteca

pubblica nell’Urbe, tuttavia la prematura morte del dittatore interruppe l'operazione, visibilmente

ispirata dalla scoperta che Cesare aveva fatto della celebre biblioteca di Alessandria, prima che

questa bruciasse. 7

L’atrium libertatis conteneva una biblioteca doppia, una latina e l'altra greca e conteneva diversi

ritratti di celebri scrittori; doveva essere prevista anche una sala degli archivi che costituiva il

tabularium dei censori. Qui il modello ellenistico resta come è ovvio sempre vivo, ma la prima

biblioteca romana appare immediatamente diversa dai grandi precedenti alessandrini o pergameni:

da un lato non è più un semplice annesso dei luoghi di potere, installata nel cuore amministrativo

della città, non per questo essa è a uso esclusivo di gruppi di persone scelte e pagate dal sovrano;

d'altra parte non è più nemmeno costituita da spazi tecnici riservati, isolati dalle sale di riunione e di

consultazione: al contrario, sembra che essa sia stata pensata come uno spazio da vivere.

­ biblioteca ad Apollinis,

­ biblioteche del Palatino,

­ biblioteca nel portico di Ottavia,

­ biblioteca inserita nel santuario dedicato ad Augusto,

­ biblioteche del templum pacis,

­ biblioteche del foro di Traiano,

­ biblioteca delle terme di Caracalla,

­ biblioteche della Grecia e dell'Asia minore: dopo il proliferare delle biblioteche all'inizio

dell'età ellenistica, la conquista romana sembra aver prosciugato per molto tempo la vena

delle fondazioni culturali sia nella Grecia propria sia nelle province orientali; bisognerà

aspettare l'inizio del II secolo d.C. e quello che è stato definito il rinascimento greco perché

con la fioritura della seconda sofistica ricompaiano gli edifici destinati alla conservazione e

allo sviluppo della cultura scritta. Le forme monumentali adottate da queste nuove

biblioteche sono fortemente influenzate dai monumenti precedenti o contemporanei della

Roma imperiale

­ biblioteca di Adriano ad Atene (riproduce il modello del templum pacis),

­ biblioteca di Celso a Efeso,

­ biblioteca di Nysa,

­ biblioteca di Sagalasso,

­ biblioteche delle province occidentali: in queste regioni le biblioteche sono molto più rare;

soltanto l'Africa romana sembra averne avute, anche se la loro comparsa si registra in una

data piuttosto tarda; è vero che le tradizioni culturali non si prestavano molto questo tipo di

fondazione, ma bisogna anche tener conto delle difficoltà in cui le città dell'occidente

romano si imbatterono più precocemente rispetto al mondo orientale e che di certo non

8

favorirono la realizzazione di nuove strutture, poco o mal corrispondenti ai reali bisogni

della popolazione.

La scarsa diffusione delle biblioteche, in Italia come nelle Gallie o nelle province iberiche, dimostra

che questi edifici non appartenevano alla panoplia urbana di base e che il modello di città romana in

vigore in tale settore dell'impero non ha mai veramente assorbito questo annesso a vocazione

culturale.

­ biblioteca di Timgad,

­ biblioteca di Cartagine,

Auditoria: il significato del termine auditorium è cambiato nel corso del tempo: alla fine del I

secolo e per tutto il II, con auditorium si intende il luogo in cui i retori e i filosofi tengono

conferenze o declamano le proprie opere; successivamente la parola viene applicata alle aule in cui

si amministra la giustizia, sia nella ristretta cerchia dell'imperatore, sia in quella dei governatori

delle province, e finisce con il designare l'assemblea di coloro che ascoltano, divenendo in tal modo

l’equivalente semantico del moderno auditorio. In principio gli auditoria legati alle biblioteche

dovevano essere piuttosto numerosi, a giudicare dall'uso, ampiamente attestato, della declamazione

letteraria nei primi due secoli dell'impero, che costituiva uno dei vari modi di pubblicazione, nel

senso proprio del termine, di un'opera scritta, essendo la moltiplicazione dei manoscritti un'opera

costosa e in ogni caso limitata.

Tuttavia le testimonianze archeologiche sono assai scarse; esistono soltanto due esempi veramente

sicuri:

­ gli auditoria situati ai lati della biblioteca di Adriano ad Atene (si tratta di ambienti

quadrangolari, occupati prevalentemente da una ventina di gradini lievemente curvilinei);

­ l’auditorium di Efeso.

Sedi di corporazioni professionali e religiose: si tratta di una categoria di edifici molto difficile da

circoscrivere, eppure essi sono i simboli di una dimensione fondamentale della vita sociale dalla

fine della Repubblica e dell'età imperiale, il riunirsi in associazioni; soprattutto all'inizio dell'età

imperiale si assiste al fiorire di corporazioni di ogni genere, che si spiega in parte con il declino

degli antichi quadri di riferimento, tribù o fratrie, ma soprattutto con il desiderio, condiviso da molte

categorie di cittadini, di riunirsi in comunità solidali per far meglio fronte ai capricci del destino e

per sfuggire al crescente isolamento degli individui davanti al potere.

Le più antiche scholae identificabili sono state considerate dalla letteratura archeologica come

palestre, e cioè, se ci si attiene alla tradizione ellenistica, come piccoli ginnasi, riservati in modo

9

particolare alle esercitazioni dei giovani; ma distinzione tra palestra e ginnasio non era più percepita

alla fine della Repubblica; è a Pompei che si ritrovano gli incunaboli di tale genere di edificio.

­ schola di Velia,

­ schola di Traiano a Ostia;

­ sede degli Augustales a Ostia,

­ collegia e scholae delle province occidentali: nelle regioni occidentali dell'intero edificio

dello stesso tipo dovevano essere piuttosto numerosi, specialmente durante il II e III secolo

d.C., periodo in cui la ricchezza delle città galliche, spagnole e africane produsse

indubbiamente, insieme la fioritura dei collegia professionali, la proliferazione di fondazioni

collettive paragonabili a quelle dell'Italia contemporanea; tuttavia le scholae effettivamente

identificate sono poche: la ragione principale risiede certamente nella scarsa familiarità degli

scavatori con questa realtà sociale e con la sua traduzione architettonica.

I monumenti dell'acqua

Terme pubbliche: le terme sono edifici fondamentali nella vita romana perchè fanno parte della

vita di un romano; andare alle terme non significava solo andare in un luogo dove ci si poteva

lavare, ma era anche un luogo dove ci si poteva dare appuntamento o fare esercizi fisici, farsi

massaggiare, dedicarsi ad attività erotiche di vario genere, ascoltare le lezioni dei filosofi.

Dunque parte della giornata di un romano trascorreva alle terme che costituiscono un complesso

polifunzionale dedicato allo svago e alla cura del corpo; allora il raggio di funzioni delle terme, da

luogo dove ci si poteva lavare, diventerà sempre più ampio nel corso dei secoli e il modello

compiuto di terme è quello dell'età imperiale, quando le terme saranno costituite da un enorme

complesso monumentale.

Questa evoluzione si ha però nel corso di alcuni secoli: le terme derivano dai bagni greci che

facevano parte del ginnasio, cioè un edificio in cui si svolgevano esercizi ginnici e un centro

educativo, ma i bagni greci erano molto semplici.

Nel mondo romano il trasferimento arriva grazie l'influenza delle colonie della Magna Grecia da cui

i romani assorbono l'uso dei bagni che in Campania hanno una loro prima evoluzione; l’esempio più

antico di bagni è a Pompei, uno dei luoghi dove sono avvenute delle trasformazioni fondamentali

per capire l'arrivo di certe forme monumentali a Roma.

­ i bagni di età ellenistica in Sicilia (bagni ellenistici di Megara Hyblea),

­ i primi bagni in Campania (terme stabiane di Pompei) 10

Gli edifici termali hanno un'origine antica e i più antichi sono quelli di Pompei; qui vi possiamo

leggere una serie di trasformazioni dal II sec a.C. fino alla forma più compiuta del I sec d.C.,

quando troviamo degli esempi simili a quelli di Roma e quindi possiamo renderci conto delle

trasformazioni.

La caratteristica principale delle terme è di tipo tecnico rispetto ai bagni greci dove tutto era molto

più semplice; i romani infatti applicano alla fine del I sec d.C. la loro tecnologia a questi edifici,

adottando un sistema di riscaldamento avanzatissimo, cioè il passaggio di aria calda da certi

ambienti che ne riscaldano altri senza interferire con questi: da dei fuochi si otteneva aria calda che

circolava nei muri per riscaldare gli ambienti e l’acqua delle piscine.

Gli ambienti termali erano disposti secondo una certa frequenza per cui c'era un ambiente caldo, il

calidarium, a cui erano connessi i sudatoria, degli ambienti caldissimi per la sauna e i bagni turchi;

poi c'era il tepidarium, un ambiente di passaggio per accedere alla zona fredda, il frigidarium.

Le terme erano frequentate da tutti i cittadini perché l'accesso era a pagamento, ma avveniva

attraverso il pagamento della moneta più piccola che circolava a Roma, quindi era un pagamento

simbolico; l'uso delle terme era quindi accessibile a tutti i cittadini che qui si ritrovavano, infatti

erano anche un luogo di aggregazione sociale.

Nelle fasi più antiche maschi e femmine non potevano accedere contemporaneamente all'edificio,

ma la differenziazione era data da giorni e ore differenti per ognuno; in seguito il problema venne

risolto creando percorsi doppi, ma a partire da una certa epoca questa separazione cadde e il

pubblico si mescolò. Le terme erano il luogo dove anche si andava a svolgere attività culturali,

infatti nelle terme imperiali troviamo anche delle biblioteche, delle sale da conferenza e di musica;

un ambiente sempre presente in tutte le terme era la latrina, di solito molto grande che poteva

contenere anche 40 persone. terme stabiane

L’esempio più antico è quello delle di Pompei, in cui gli ambienti dedicati ai bagni

hanno raggiunto la forma definitiva; l'edificio era caratterizzato dagli ambienti per i bagni, dalla

latrina, da sale di spogliatoio e da un grande cortile porticato che funzionava da palestra dove si

facevano esercizi ginnici.

­ i balnea in Italia alla fine dell'età repubblicana: a Roma l'edificio più antico è quello

realizzato da Agrippa (fine I a.C.), nel campo Marzio e questo modello

l'architettonico arriva in città nella sua forma più completa; delle terme di Agrippa

abbiamo poche tracce, sappiamo che si trovavano nella zona del Pantheon e

sappiamo che vennero ricostruite dopo l'incendio dell’80 d.C. che comportò la

distruzione di gran parte degli edifici di questa zona; è comunque l’edificio che da la

11


PAGINE

19

PESO

95.50 KB

PUBBLICATO

9 mesi fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in archeologia
SSD:
Università: Milano - Unimi
A.A.: 2018-2019

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher veroavalon84 di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Archeologia classica romana e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Milano - Unimi o del prof Slavazzi Fabrizio.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Corso di laurea magistrale in archeologia

Regiones augustee, topografia antica, laurea magistrale
Appunto
Topografia antica: le regiones augustee
Appunto
Riassunto egittologia,  III modulo
Appunto
Riassunto esame archeologia e storia dell'arte romana, prof. Slavazzi, libro consigliato Arte romana, Zancher
Appunto